Stefano Carobbi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stefano Carobbi
Serie A 1986-87 - Fiorentina vs Juventus - Stefano Carobbi e Massimo Mauro.jpg
Carobbi (in primo piano) in azione alla Fiorentina nel 1986, inseguito dallo juventino Mauro.
Nazionalità Italia Italia
Altezza 178[1] cm
Peso 71[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Squadra Colligiana
Ritirato 1995 - giocatore
Carriera
Giovanili
19??-19?? Fiorentina
Squadre di club1
1982-1989 Fiorentina 122 (3)
1989-1991 Milan 11 (0)
1991-1993 Fiorentina 57 (1)
1993-1994 Lecce 11 (0)
1994-1995 Fiorentina 0 (0)
1994-1995 Poggibonsi 17 (0)
Nazionale
1984-1989 Italia Italia U-21 7 (1)
1988 Italia Italia Olimpica 3 (0)
Carriera da allenatore
1997-2002 non conosciuta Pistoia Nord Giovanissimi
2002-2005 Fiorentina Mini pulcini
2005-2006 Fiorentina Pulcini
2006-2007 Fiorentina Esordienti prov.
2007-2012 Fiorentina Giovanissimi
2012-2014 FiesoleCaldine
2014- Colligiana
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Stefano Carobbi (Pistoia, 16 gennaio 1964) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore, tecnico della Colligiana.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

In Serie A ha vestito le maglie di Fiorentina, Milan e Lecce per un totale di 202 partite (e 3 reti) in massima serie.

Vanta 7 presenze e un gol con la Nazionale Under-21.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Ha allenato numerose formazioni giovanili della Fiorentina.

Dal 2012 al 2014 ha seduto sulla panchina del FiesoleCaldine, squadra di Serie D. Dall'estate del 2014 guida la Colligiana, nel campionato di Serie D.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Milan: 1989, 1990
Milan: 1989, 1990
Milan: 1989-1990

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 4 (1987-1988), Panini, 28 maggio 2012, p. 35.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]