Roberto Galia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Roberto Galia
Roberto Galia - UC Sampdoria 1985-86.jpg
Galia alla Sampdoria nel 1985
Nazionalità Italia Italia
Altezza 175 cm
Peso 70 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore, centrocampista)
Ritirato 1997 - giocatore
Carriera
Giovanili
1980 Como
Squadre di club1
1980-1983 Como 56 (6)
1983-1986 Sampdoria 71 (2)
1986-1988 Verona 57 (7)
1988-1994 Juventus 157 (5)
1994-1995 Ascoli 6 (0)
1995-1997 Como 81 (1)
Nazionale
1982-1984 Italia Italia U-21 12 (0)
1992 Italia Italia 3 (0)
Carriera da allenatore
2001-2004 Como Vice
2004 Como
2004-2006 Chiasso
2007 Pro Vercelli
2007-2008 Turate
2010 600px HEX-1372AC White.svg Atletico Erba
2015-2016 Como Primavera
2016- Como Berretti
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Roberto Galia (Trapani, 16 marzo 1963) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore o centrocampista.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Ha iniziato a giocare come terzino, passando in seguito al ruolo più avanzato di mediano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Roberto Galia, giovane terzino cresciuto nel settore giovanile della società lombarda esordisce in Serie A il 10 maggio 1981 in Como-Napoli 0-1. Il 24 maggio dello stesso anno, proprio all'ultima giornata, un suo gol contro il Bologna determina il 2-1 finale che regala la salvezza ai lariani. L'anno successivo le sue 21 presenze non riescono a salvare i biancoblu dalla retrocessione. La stagione 1982-83 vede un Como imbottito da giovani di talento costruiti in casa sfiorare la promozione (mitica una vittoria con relativa lezione di calcio al Milan con gol di Massimo Palanca, poi vincitore del campionato), promozione che sfugge agli spareggi contro il Catania e la Cremonese.

Passato alla Sampdoria, è schierato titolare per tre stagioni. Passa poi all'Hellas Verona allenata da Osvaldo Bagnoli, che mise Galia davanti alla difesa.[senza fonte]

Galia in azione alla Juventus nella stagione 1990-1991

Nell'estate 1988 passa alla Juventus, con cui gioca per sei stagioni, durante le quali conquista una Coppa Italia nel 1990, segnando il gol decisivo nella finale di ritorno contro il Milan, e due Coppe UEFA di cui una sempre nel 1990, contro la Fiorentina, partita in cui segnerà un'altra decisiva rete nella finale di andata. Trentunenne passa all'Ascoli, con cui rimane solo fino a novembre 1994, e poi chiude con un triennio al Como, con cui retrocede dalla Serie B alla Serie C1.

In totale Galia conta oltre 300 presenze in A (con 15 reti), 65 presenze e 6 gol in B e 54 gare in Serie C1.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Ha giocato 12 gare con l'Under-21 (esordio il 6 ottobre 1982 nell'1-1 contro l'Austria), nonché 12 gare con la nazionale olimpica nel biennio 1986-88 (guidata da Dino Zoff nelle fasi di qualificazione, e da Francesco Rocca al torneo olimpico di Seul 1988), segnando il gol della vittoria in Italia-Portogallo 1-0 durante le fasi di qualificazione.

In nazionale A, Galia ha modo di vestire la maglia azzurra solo nell'estate 1992, in occasione della U.S. Cup: il commissario tecnico Arrigo Sacchi lo schiera in tre occasioni, il 31 maggio (Italia-Portogallo 0-0, subentrato a Luca Fusi), il 4 giugno (Italia-Irlanda 2-0, titolare) e il 6 giugno (Stati Uniti-Italia 1-1, sostituito da Fusi).

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Roberto Galia ha iniziato ad allenare come vice di Loris Dominissini al Como nel 2001-02. Conquistata la massima serie, torna in B dopo la retrocessione del 2002-03 e addirittura dirige la squadra nelle ultime otto partite del 2003-04, quando la squadra ritorna in Serie C1. Nel 2004 viene contattato dal Chiasso, nella serie B elvetica. Da fine febbraio a giugno 2007 ha allenato la Pro Vercelli in serie C2 girone A, sfiorando i play-out. Il 6 dicembre dello stesso anno comincia la sua avventura sulla panchina del Turate, squadra di serie D, al posto del dimissionario Domenico Zilio.

È stato responsabile tecnico della Juventus Soccer School di Cogliate[1]. Da maggio 2012 torna al Como per occuparsi del rilancio del settore giovanile, partecipa alla riunione per il settore di base del 30 maggio 2012 a Grandate proponendo una collaborazione attiva alle 72 società presenti in sala[2].

Nel Luglio 2015 assume l'incarico di allenatore della formazione Primavera del Como, in coppia con Andrea Ardito.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
31-5-1992 New Haven Italia Italia 0 – 0 Portogallo Portogallo U.S. Cup - Ingresso al 77’ 77’
4-6-1992 Boston Italia Italia 2 – 0 Irlanda Irlanda U.S. Cup -
7-6-1992 Chicago Stati Uniti Stati Uniti 1 – 1 Italia Italia U.S. Cup - Uscita al 65’ 65’
Totale Presenze 3 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Sampdoria: 1984-1985
Juventus: 1989-1990
Como: 1996-1997
Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]
Juventus: 1989-1990, 1992-1993

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (PDF) Equipe Lombardia 2009[collegamento interrotto]
  2. ^ Settore giovanile - Quante grane, su laprovinciadicomo.it. URL consultato il 22 marzo 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]