Dario Donà

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dario Donà
Dario Donà - AC Hellas Verona 1984-85.jpg
Donà in azione al Verona nella stagione 1984-1985
Nazionalità Italia Italia
Altezza 180 cm
Peso 75 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirato 1998
Carriera
Squadre di club1
????-???? non conosciuta Selvana ? (?)
1979-1980 Treviso 31 (0)
1980-1981 Varese 16 (0)
1981 Milan 0 (0)
1981-1983 L.R. Vicenza 55 (6)
1983-1984 Bologna 34 (5)
1984-1985 Verona 12 (0)
1985-1986 Catanzaro 23 (0)
1986-1987 Reggiana 21 (1)
1987-1990 Ancona 71 (2)
1990-???? Giorgione ? (?)
????-???? Miranese ? (?)
Nazionale
1981 Italia Italia U-20 2 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Dario Donà (Cismon del Grappa, 17 settembre 1961) è un ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Donà con la maglia del Milan nel 1981

Donà ha iniziato a giocare nel Selvana per poi passare al Treviso e successivamente al Varese in Serie B. Nel 1981 è stato acquistato dal Milan, con cui però ha disputato solo 2 partite in Coppa Italia prima di essere ceduto a ottobre al L.R. Vicenza, in Serie C1, complice anche una fuga del giocatore di 10 giorni per incontrare la fidanzata,[1] cosa che fece infuriare l'allenatore Radice.[2]

Dopo due stagioni a Vicenza, nel 1983 si è trasferito al Bologna, con cui ha guadagnato la promozione in Serie B. Successivamente è passato al Verona, vincendo lo scudetto in una stagione nella quale è sceso in campo in campionato per 12 volte di cui solo 2 da titolare contro Inter e Milan.[2]

Successivamente ha giocato con il Catanzaro in Serie B, la Reggiana in Serie C1 e per tre stagioni con l'Ancona, guadagnando un'altra promozione in Serie B nel 1987-1988, prima di ritornare in Veneto e chiudere la carriera nei dilettanti a 37 anni.[2]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Donà con la Nazionale italiana Under-20 ha partecipato ai Mondiali di categoria nel 1981, durante i quali ha disputato da titolare la seconda e partendo dalla panchina la terza partita del girone eliminatorio, chiuso all'ultimo posto con conseguente eliminazione dalla competizione.

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver conseguito il patentino di allenatore ha allenato per alcuni anni in squadre dilettantistiche. In seguito ha deciso di lasciare il calcio iniziando una propria attività nel settore dei trasporti.[2]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

L.R. Vicenza: 1981-1982
Verona: 1984-1985
Ancona: 1987-1988 (girone A)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dario Donà, veronacampione.it. URL consultato il 12 novembre 2009.
  2. ^ a b c d Roberto Perrone, «Ero un mediocre, ho pensato al dopo», Corriere della Sera, 16-02-200. URL consultato il 12 novembre 2009 (archiviato dall'url originale il pre 1/1/2016).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]