Paolo Benedetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paolo Benedetti
Paolo Benedetti.png
Benedetti alla Pistoiese nel 1980-1981
Nazionalità Italia Italia
Altezza 177[1] cm
Peso 76[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirato 1997
Carriera
Giovanili
197?-1978 Lucchese
Squadre di club1
1978-1980 Lucchese 51 (6)
1980-1981 Pistoiese 25 (4)
1981-1982 Napoli 27 (0)
1982-1985 Genoa 77 (5)
1985-1988 Avellino 75 (11)
1988-1993 Lecce 152 (12)
1996-1997 Pisa 7 (0)
Nazionale
1980-1982 Italia Italia U-21 8 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 31 dicembre 2008

Paolo Benedetti (Pisa, 1º aprile 1961) è un ex calciatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sposato, padre di un bambino, vive a Pisa. Nella città toscana ha aperto un centro estetico, cui si dedica insieme alla moglie[2].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Nella sua carriera Benedetti ha agito sia da centrocampista di spinta, abile nel palleggio quanto nell'interdizione, sia da libero, interpretando il ruolo in modo moderno ed intelligente. Abile nei colpi di testa e nei tiri dalla distanza, il suo pezzo forte era la rovesciata[3]. A parte la positiva stagione d'esordio nella Pistoiese, ha vissuto nel Lecce le sue annate migliori, a chiusura di una lunga militanza in Serie A.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Seppur nativo di Pisa, comincia la carriera nelle giovanili della Lucchese. Con la squadra toscana gioca due campionati di Serie C tra il 1978 e il 1980. Nella stagione 1980-81 debutta in serie A con la Pistoiese e alla fine totalizza 25 presenze e 4 gol, fra cui la prima storica rete dei toscani in massima serie (in Pistoiese-Udinese 1-1 del 21 settembre 1980), segnalandosi come mediano concreto ed efficace, tra i giovani più interessanti del campionato.

Seguono una stagione al Napoli e tre al Genoa, l'ultima delle quali disputata in Serie B.

Nell'estate 1985 passa all'Avellino, in Serie A. In tre anni di massima serie, l'ultimo concluso con la retrocessione, con i biancoverdi Benedetti colleziona 75 presenze e 11 gol.

Per la stagione 1988-89 passa al Lecce, dove rimane fino al termine della stagione 1992-93. Con i salentini disputa tre campionati di Serie A (88 presenze e 10 gol) e due di Serie B (63 presenze e 2 reti), diventando uno dei giocatori chiave della squadra.

Dopo qualche anno di inattività, termina definitivamente la carriera in Serie C2 nel Pisa, la squadra della sua città da poco risorta[4].

Ha totalizzato complessivamente 263 presenze e 28 reti in Serie A.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Avellino: 1986

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 4 (1987-1988), Panini, 28 maggio 2012, p. 27.
  2. ^ Vincenzo Paliotto - Sotto due Bandiere: Paolo Benedetti L'Altrocalcio, 12-04-2012.
  3. ^ Marco Sappino, Dizionario del Calcio Italiano, Baldini&Castoldi, dicembre 2000.
  4. ^ Massimo Berutto - Chiudere in nerazzurro un privilegio per pochi Il Tirreno, 19-07-2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]