Associazione Calcio Milan 1950-1951

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Associazione Calcio Milan.

Associazione Calcio Milan
Milan-1950.jpg
Stagione 1950-1951
AllenatoreUngheria Lajos Czeizler
All. in secondaItalia Giuseppe Santagostino
PresidenteItalia Umberto Trabattoni
Direttore tecnicoItalia Antonio Busini
Serie A1º posto
Coppa LatinaVincitore
Maggiori presenzeCampionato: Bonomi, Silvestri, Tognon (40)
Totale: Bonomi, Silvestri, Tognon (38)
Miglior marcatoreCampionato: Nordahl (34)
Totale: Nordahl (38)
StadioSan Siro

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti l'Associazione Calcio Milan nelle competizioni ufficiali della stagione 1950-1951.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 1950-1951 il Milan conquista il titolo di campione d'Italia (dal 1925 chiamato anche scudetto) dopo 44 anni[1] dall'ultima affermazione.[2] È il primo titolo conquistato dai rossoneri da quando, nella stagione 1929-1930 è stato introdotto il girone unico.[3] Tra i protagonisti di questo successo c'è il trio svedese Gre-No-Li formatosi nella stagione precedente. Il resto della formazione-tipo campione d'Italia, capitanata da Andrea Bonomi, è composta da Lorenzo Buffon, Arturo Silvestri (prelevato in estate dal Modena), Carlo Annovazzi, Omero Tognon, Benigno De Grandi, Renzo Burini e Mario Renosto. L'allenatore è Lajos Czeizler affiancato dal direttore tecnico Antonio Busini.[2]

Sulla sinistra Andrea Bonomi, al Milan dal 1942 al 1952

L'inizio del torneo è caratterizzato da 6 vittorie consecutive. I rossoneri passano subito in testa ma vengono insidiati da Juventus e Inter (quest'ultima vincitrice del derby di andata) che più volte li agganciano e sorpassarono.[3] Il 26 novembre il Milan perde in casa contro il Bologna e l'Inter, espugnando Firenze, si porta a più tre, lanciandosi verso il titolo di campione d'inverno che arriva puntuale il 14 gennaio 1951. Quando i nerazzurri incappano però in tre pareggi e una sconfitta nelle prime giornate del girone di ritorno, il Milan ne approfitta e supera i rivali, aumentando i punti di vantaggio sul secondo posto a 3, con la vittoria per 9-0 sul Palermo (successo casalingo con punteggio più largo nella storia del club).[3] Va così in fuga, anche grazie all'affermazione nel derby di ritorno e mantiene una regolarità che gli permette di aumentare, a poche giornate dal termine, il vantaggio a 5 punti.[3] Al penultimo turno il Milan, a +3 sull'Inter, subisce una sconfitta contro la Lazio ma i nerazzurri non ne approfittano facendosi battere dal Torino.[2] Il torneo viene vinto dai rossoneri che perdono anche l'ultima ininfluente partita con la Roma chiudendo a +1 sui cugini con 107 gol fatti, 34 dei quali portano la firma di Gunnar Nordahl che conquista il titolo di capocannoniere per il secondo anno consecutivo.[2]

Nel giugno 1951 il club mette in bacheca anche la Coppa Latina,[2] la più importante competizione calcistica europea dell'epoca. Il torneo si svolge a Milano e vede di fronte i campioni d'Italia, di Portogallo, di Spagna e il Lilla che sostituisce i campioni di Francia del Nizza impegnati in un altro torneo. Nelle semifinali i Diavoli si impongono 4-1 sull'Atlético Madrid grazie alla tripletta di Renosto e un gol di Nordahl. In finale il Lille viene sconfitto 5-0 grazie a un tripletta di Nordahl e due gol firmati Burini e Annovazzi.[4] È il primo trofeo internazionale conquistato dai rossoneri.

Maglie[modifica | modifica wikitesto]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Area direttiva

Area tecnica

Area sanitaria

  • Massaggiatori: Domenico Magnani, Guglielmo Zanella

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
Italia P Lorenzo Buffon
Italia P Giovanni Rossetti
Italia D Carlo Belloni
Italia D Andrea Bonomi (capitano)
Italia D Mario Foglia
Italia D Arturo Silvestri
Italia C Carlo Annovazzi (vice capitano)
Italia C Luciano Carnier
Italia C Benigno De Grandi
N. Ruolo Giocatore
Svezia C Nils Liedholm
Italia C Omero Tognon
Italia A Renzo Burini
Svezia A Gunnar Gren
Svezia A Gunnar Nordahl
Italia A Mario Renosto
Italia A Aurelio Santagostino
Italia A Albano Vicariotto

Calciomercato[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
D Luciano Carnier Portogruarese -
C Giovanni Mangini Spezia -
A Mario Renosto Venezia -
D Arturo Silvestri Modena -
A Albano Vicariotto Vicenza -
Cessioni
R. Nome a Modalità
C Luigi Angelini Reggiana -
D Pietro Bettoli Messina -
A Adelchi Brach Messina -
A Enrico Candiani Pro Patria -
A Fabio Frugali Spezia -
P Efrem Milanese Venezia -
A Giuseppe Rinaldi Udinese -
D Fulvio Zonch Messina -

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Serie A 1950-1951.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Milano
10 settembre 1950, ore ?
1ª giornata
Milan6 – 2
referto
UdineseSan Siro (40 000 spett.)
Arbitro:  Cartei (Firenze)

Genova
17 settembre 1950, ore ?
2ª giornata
Sampdoria1 – 2
referto
MilanMarassi (33 000 spett.)
Arbitro:  Bellè (Venezia)

Milano
24 settembre 1950, ore ?
3ª giornata
Milan9 – 2
referto
NovaraSan Siro (30 000 spett.)
Arbitro:  Gemini (Roma)

Napoli
1º ottobre 1950, ore ?
4ª giornata
Napoli3 – 5
referto
MilanStadio della Liberazione (32 000 spett.)
Arbitro:  Agnolin (Bassano del Grappa)

Palermo
8 ottobre 1950, ore ?
5ª giornata
Palermo0 – 2
referto
MilanStadio La Favorita (35 000 spett.)
Arbitro:  Galeati (Bologna)

Milano
15 ottobre 1950, ore ?
6ª giornata
Milan2 – 0
referto
LuccheseSan Siro (35 000 spett.)
Arbitro:  Bernardi (Savona)

Torino
22 ottobre 1950, ore ?
7ª giornata
Juventus1 – 1
referto
MilanStadio Comunale (79 810 spett.)
Arbitro:  Bellè (Venezia)

Milano
29 ottobre 1950, ore ?
8ª giornata
Milan4 – 0
referto
GenoaSan Siro (40 000 spett.)
Arbitro:  Agnolin (Bassano del Grappa)

Como
5 novembre 1950, ore ?
9ª giornata
Como2 – 2
referto
MilanStadio Giuseppe Sinigaglia (27 500 spett.)
Arbitro:  Massai (Pisa)

Milano
12 novembre 1950, ore ?
10ª giornata
Milan2 – 3
referto
InterSan Siro (54 000 spett.)
Arbitro:  Galeati (Bologna)

Padova
19 novembre 1950, ore ?
11ª giornata
Padova1 – 2
referto
MilanStadio Appiani (18 000 spett.)
Arbitro:  Orlandini (Roma)

Milano
26 novembre 1950, ore ?
12ª giornata
Milan1 – 2
referto
BolognaSan Siro (35 000 spett.)
Arbitro:  Gemini (Roma)

Trieste
3 dicembre 1950, ore ?
13ª giornata
Triestina3 – 4
referto
MilanComunale (12 000 spett.)
Arbitro:  Galeati (Bologna)

Milano
10 dicembre 1950, ore ?
14ª giornata
Milan3 – 0
referto
TorinoSan Siro (35 000 spett.)
Arbitro:  Agnolin (Bassano del Grappa)

Milano
17 dicembre 1950, ore ?
15ª giornata
Milan2 – 0
referto
Pro PatriaSan Siro (20 000 spett.)
Arbitro:  Tassini (Verona)

Bergamo
24 dicembre 1950, ore ?
16ª giornata
Atalanta4 – 7
referto
MilanStadio Comunale (7 500 spett.)
Arbitro:  Bellè (Venezia)

Milano
31 dicembre 1950, ore ?
17ª giornata
Milan1 – 0
referto
FiorentinaSan Siro (25 000 spett.)
Arbitro:  Longagnani (Modena)

Roma
7 gennaio 1951, ore ?
18ª giornata
Lazio1 – 1
referto
MilanNazionale (33 000 spett.)
Arbitro:  Galeati (Bologna)

Milano
14 gennaio 1951, ore ?
19ª giornata
Milan2 – 0
referto
RomaSan Siro (25 000 spett.)
Arbitro:  Cartei (Firenze)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Udine
21 gennaio 1951, ore ?
20ª giornata
Udinese0 – 0
referto
MilanMoretti (15 000 spett.)
Arbitro:  Massai (Pisa)

Milano
28 gennaio 1951, ore ?
21ª giornata
Milan2 – 0
referto
SampdoriaSan Siro (17 000 spett.)
Arbitro:  Gemini (Roma)

Novara
4 febbraio 1951, ore ?
22ª giornata
Novara1 – 3
referto
MilanComunale (15 000 spett.)
Arbitro:  Dattilo (Roma)

Milano
11 febbraio 1951, ore ?
23ª giornata
Milan2 – 1
referto
NapoliSan Siro (35 000 spett.)
Arbitro:  Tassini (Verona)

Milano
18 febbraio 1951, ore ?
24ª giornata
Milan9 – 0
referto
PalermoSan Siro (34 000 spett.)
Arbitro:  Agnolin (Bassano del Grappa)

Lucca
25 febbraio 1951, ore ?
25ª giornata
Lucchese1 – 5
referto
MilanStadio Porta Elisa (15 000 spett.)
Arbitro:  Bellè (Venezia)

Milano
4 marzo 1951, ore ?
26ª giornata
Milan2 – 0
referto
JuventusSan Siro (52 000 spett.)
Arbitro:  Dattilo (Roma)

Genova
11 marzo 1951, ore ?
27ª giornata
Genoa0 – 3
referto
MilanMarassi (18 000 spett.)
Arbitro:  Galeati (Bologna)

Milano
18 marzo 1951, ore ?
28ª giornata
Milan7 – 2
referto
ComoSan Siro (18 000 spett.)
Arbitro:  Longagnani (Modena)

Milano
25 marzo 1951, ore ?
29ª giornata
Inter0 – 1
referto
MilanSan Siro (45 000 spett.)
Arbitro:  Galeati (Bologna)

Milano
1º aprile 1951, ore ?
30ª giornata
Milan3 – 1
referto
PadovaSan Siro (25 000 spett.)
Arbitro:  Gemini (Roma)

Bologna
15 aprile 1951, ore ?
31ª giornata
Bologna0 – 0
referto
MilanStadio Renato Dall'Ara (30 000 spett.)
Arbitro:  Bellè (Venezia)

Milano
22 aprile 1951, ore ?
32ª giornata
Milan2 – 0
referto
TriestinaSan Siro (18 000 spett.)
Arbitro:  Massai (Pisa)

Torino
29 aprile 1951, ore ?
33ª giornata
Torino0 – 4
referto
MilanStadio Filadelfia (20 000 spett.)
Arbitro:  Galeati (Bologna)

Busto Arsizio
13 maggio 1951, ore ?
35ª giornata
Pro Patria0 – 0
referto
MilanStadio Carlo Speroni (14 000 spett.)
Arbitro:  Bernardi (Bologna)

Milano
20 maggio 1951, ore ?
35ª giornata
Milan3 – 3
referto
AtalantaSan Siro (20 000 spett.)
Arbitro:  Silvano (Torino)

Firenze
27 maggio 1951, ore ?
36ª giornata
Fiorentina1 – 1
referto
MilanComunale (35 000 spett.)
Arbitro:  Longagnani (Modena)

Milano
10 giugno 1951, ore ?
37ª giornata
Milan1 – 2
referto
LazioSan Siro (38 000 spett.)
Arbitro:  Agnolin (Bassano del Grappa)

Roma
17 giugno 1951, ore ?
38ª giornata
Roma2 – 1
referto
MilanStadio Nazionale (35 000 spett.)
Arbitro:  Longagnani (Modena)

Coppa Latina[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa Latina 1951.

Semifinale[modifica | modifica wikitesto]

Milano
20 giugno 1951, ore ?
Milan4 – 1
referto
Atlético MadridSan Siro (10 000 spett.)
Arbitro: Francia Boes

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Milano
24 giugno 1951, ore ?
Milan5 – 0
referto
LillaSan Siro (10 000 spett.)
Arbitro: Svizzera Schaerz

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Competizione Punti In casa In trasferta Totale DR
G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs
Scudetto.svg Serie A 60 19 15 1 3 63 18 19 11 7 1 44 21 38 26 8 4 107 39 +68
Blason Union européenne.svg Coppa Latina vincitore 2 2 0 0 9 1 - - - - - - 2 2 0 0 9 1 +8
Totale - 21 17 1 3 72 19 19 11 7 1 44 21 40 28 8 4 116 40 +76

Statistiche dei giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore Serie A Coppa Latina Totale
Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni
Annovazzi, C. C. Annovazzi 3717??21??3918??
Belloni, C.A. C.A. Belloni 10??0000100+0+
Bonomi, A. A. Bonomi 380??20??400??
Buffon, L. L. Buffon 37-37??2-1??39-38??
Burini, R. R. Burini 3512??21??3713??
Carnier, L. L. Carnier 10??0000100+0+
De Grandi, B. B. De Grandi 303??20??323??
Foglia, M. M. Foglia 140??00001400+0+
Gren, G. G. Gren 369??20??389??
Liedholm, N. N. Liedholm 3113??20??3313??
Nordahl, G. G. Nordahl 3734??24??3938??
Renosto, M. M. Renosto 285??13??298??
Rossetti, G. G. Rossetti 1-2??00001-20+0+
Santagostino, A. A. Santagostino 149??00001490+0+
Silvestri, A. A. Silvestri 382??20??402??
Tognon, O. O. Tognon 380??20??400??
Vicariotto, A. A. Vicariotto 20??10??30??

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I campionati nazionali effettivi senza vittorie furono trentasei, per via della mancata partecipazione del 1908 e le interruzioni belliche (1915-1919 e 1943-1945). Se si considerano invece i trofei di guerra, i rossoneri non vincevano dal 1918 (Coppa Mauro) ovvero da 33 anni.
  2. ^ a b c d e Panini, p. 220.
  3. ^ a b c d Almanacco illustrato del calcio.
  4. ^ Panini, p. 225.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Almanacco illustrato del Milan, 2ª ed., Panini, marzo 2005.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]