Luigi Gemini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Luigi Gemini
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Federazione Italia Italia
Sezione Roma
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
1941-1943
1943-1944
1945-1946
1946-1953
Serie B
Camp.di guerra
Div.Nazionale
Serie A e B
Arbitro
Arbitro
Arbitro
Arbitro
Premi
Anno Premio
1952 Premio Giovanni Mauro

Luigi Gemini (Roma, 29 novembre 1907 – ...) è stato un arbitro di calcio italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Prese la tessera di arbitro nel 1933.[1]

Iscritto al "Gruppo Arbitri di Roma", Luigi Gemini ha arbitrato in Serie A per sette stagioni nel primo dopoguerra. Ha esordito nel campionato di guerra 1943-1944 arbitrando la partita del 2 aprile 1944 MATER-Lazio (2-4).[2]

Ha diretto 122 partite di Serie A ed un centinaio in Serie B. L'ultima sua gara diretta in Serie A è stata Sampdoria-Palermo (4-1) del 31 maggio 1953.[3]

Nella stagione 1951-1952 ha ricevuto il Premio Giovanni Mauro, un riconoscimento prestigioso assegnato al miglior arbitro nazionale di ogni stagione calcistica.<br/ Nella stagione 1962-1963 è stato direttore generale del Pescara.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rinaldo Barlassina, Agendina del calcio 1940-1941, Milano - Via Galilei, La Gazzetta dello Sport, 1941, p. 140, dati anagrafici completi nel paragrafo "Serie A-B-C - Gli arbitri a disposizione del C.I.T.A.", Conservato presso la Biblioteca Comunale Centrale "Sormani" e Biblioteca Nazionale Braidense, entrambe di Milano.
  • Almanacco illustrato del calcio 1954, Milano, Rizzoli Editore, 1953, p. 141.
  • Carlo Fontanelli, Daniele Cacozza, Scudetto a Spezia - Partite e protagonisti del campionato di guerra 1943-44, Fornacette (PI), Mariposa Editrice S.r.l., gennaio 1998, p. 108.