Luigi Gemini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luigi Gemini
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Federazione Italia Italia
Sezione Roma
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
1941-1943
1943-1944
1945-1946
1946-1953
Serie B
Camp.di guerra
Div.Nazionale
Serie A e B
Arbitro
Arbitro
Arbitro
Arbitro
Premi
Anno Premio
1952 Premio Giovanni Mauro

Luigi Gemini (Roma, 29 novembre 1907 – ...) è stato un arbitro di calcio italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Prese la tessera di arbitro nel 1933.[1]

Iscritto al "Gruppo Arbitri di Roma", Luigi Gemini ha arbitrato in Serie A per sette stagioni nel primo dopoguerra. Ha esordito nel campionato di guerra 1943-1944 arbitrando la partita del 2 aprile 1944 MATER-Lazio (2-4).[2]

Ha diretto 122 partite di Serie A ed un centinaio in Serie B. L'ultima sua gara diretta in Serie A è stata Sampdoria-Palermo (4-1) del 31 maggio 1953.[3]

Nella stagione 1951-1952 ha ricevuto il Premio Giovanni Mauro, un riconoscimento prestigioso assegnato al miglior arbitro nazionale di ogni stagione calcistica.<br/ Nella stagione 1962-1963 è stato direttore generale del Pescara.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rinaldo Barlassina, Agendina del calcio 1940-1941, Milano - Via Galilei, La Gazzetta dello Sport, 1941, p. 140, dati anagrafici completi nel paragrafo "Serie A-B-C - Gli arbitri a disposizione del C.I.T.A.", Conservato presso la Biblioteca Comunale Centrale "Sormani" e Biblioteca Nazionale Braidense, entrambe di Milano.
  • Almanacco illustrato del calcio 1954, Milano, Rizzoli Editore, 1953, p. 141.
  • Carlo Fontanelli, Daniele Cacozza, Scudetto a Spezia - Partite e protagonisti del campionato di guerra 1943-44, Fornacette (PI), Mariposa Editrice S.r.l., gennaio 1998, p. 108.