Carlo Scarpato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo Scarpato
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1954 - giocatore
1975 - allenatore
Carriera
Squadre di club1
1937-1941 Liguria 5 (0)
1941-1943 Spezia 47 (4)
1943-1944 VV.FF. Spezia 12 (0)
1945-1946 Biellese 18 (1)
1946-1948 Spezia 71 (11)
1948-1953 Lucchese 160 (8)
1953-1954 Palermo 6 (0)
1954-1955 Spezia 25 (0)
Carriera da allenatore
1954 Palermo
1957-1958 Spezia
1959-1961 Entella
1961-1963 Pordenone [1][2]
1966-1967 Milan Primavera
1971-1972 Milan Primavera
1971-1972 Milan Primavera
1975 Milan
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Carlo Scarpato detto Carletto[3] (Genova, 28 dicembre 1918La Spezia, 11 gennaio 1989[4]) è stato un calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Esordì in Serie A con la maglia del Liguria il 17 aprile 1938 in Juventus-Liguria (0-1)

Giocò in massima serie anche con le maglie di Lucchese e Palermo (nella stagione 1953-1954, 6 presenze).

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Sedé sulla panchina dell'Entella nel 1959-1960, guidando la squadra alla promozione in Serie C, venendo poi esonerato nel corso della stagione successiva. In seguito allenò la formazione Primavera del Milan nelle stagioni 1966-1967, 1967-1968 e 1971-1972. Vanta anche una panchina in Serie A, in occasione dell'incontro Milan - Sampdoria del 12 ottobre 1975, quando sostituì Giovanni Trapattoni.[3]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

VV.FF. Spezia: 1943-1944

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Entella: 1959-1960

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Almanacco illustrato del Calcio, Rizzoli edizioni, 1963, p. 194.
  2. ^ Almanacco illustrato del Calcio, Carcano edizioni, 1964, p. 184.
  3. ^ a b Carlo Scarpato
  4. ^ sportflash, La Stampa - Archivio, 12 gennaio 1989, p. 29 (sulla pagina compare 23). URL consultato il 7 febbraio 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Dario Marchetti (a cura di), Carlo Scarpato, su Enciclopediadelcalcio.it, 2011.