Stefano Rossini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stefano Rossini
Stefano Rossini Parma.jpg
Nazionalità Italia Italia
Altezza 181 cm
Peso 75 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Squadra Pavia
Ritirato 2012 - giocatore
Carriera
Giovanili
Inter
Squadre di club1
1987-1989 Parma 28 (0)
1989-1990 Inter 14 (0)
1990 Fiorentina 0 (0)
1990-1991 Parma 7 (0)
1991-1992 Udinese 31 (0)
1992-1993 Inter 3 (0)
1993-1994 Udinese 18 (0)
1994-1996 Piacenza 60 (0)
1996-1997 Atalanta 25 (0)
1997-1998 Lecce 25 (0)
1998-2001 Genoa 77 (2)
2001-2002 Ternana 24 (1)
2002-2003 Genoa 34 (0)
2003-2004 Como 27 (0)
2004-2006 Cremonese 35 (0)
2006-2007 Reggiana 18 (0)[1]
2008 Pizzighettone 3 (0)
2008-2009 Fidenza 25 (0)
2009-2010 SBC Oltrepò 18 (0)
2010-2011 Blu.png LibertaSpes ? (?)
2011-2012 non conosciuta Fiore Calcio ? (?)
Nazionale
1988-1992 Italia Italia U-21 30 (2)
1992 Italia Italia Olimpica 5 (0)
Carriera da allenatore
2010-2011 Blu.png LibertaSpes Giovanili
2013 Bianco e Viola (Strisce).png Royale Fiore
2014-2016 Pavia Giovanili
2016- Pavia
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Oro 1992
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 16 marzo 2016

Stefano Rossini (Viadana, 2 febbraio 1971) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore, attuale tecnico del Pavia.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Terzino di fascia sinistra[2], poteva adattarsi a giocare anche come stopper[3] o difensore centrale[4].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli esordi[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nel vivaio dell'Inter[5], passa ancora giovane al Parma dove esordisce tra i professionisti in Serie B, giocando due stagioni[6][7]. Rientra quindi ai nerazzurri, con cui debutta in Serie A disputando 14 partite nel campionato 1989-1990, nel quale è chiamato a sostituire l'infortunato Andreas Brehme[2].

Gli anni della Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1990 inizia la stagione con la Fiorentina[8], ma prima di poter disputare almeno un incontro torna in Emilia, dove rimane fino al termine della stagione. Nel 1991 è in prestito all'Udinese, come contropartita per l'acquisto di Angelo Orlando[9]: in Friuli disputa la sua prima stagione da titolare collezionando 31 presenze. Rientra quindi all'Inter, dove non trova spazio, e nel 1993 ritorna definitivamente a Udine[10], dove vive una retrocessione in Serie B. Si riscatta nella stagione successiva, quando passa al Piacenza[3] vincendo il campionato cadetto e ottenendo la prima salvezza degli emiliani nella massima serie, sempre da titolare.

Nel 1996 approda all'Atalanta[11], sempre in Serie A, dove rimane fino al novembre 1997 quando si trasferisce al Lecce[12].

In Serie B[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1998 inizia la sua più lunga esperienza continuativa con un club: si tratta del Genoa dove rimane per tre stagioni prima di svincolarsi e approdare per un anno alla Ternana[13]. Nel 2002 torna a vestire la maglia rosso-blu per un'altra stagione, in cambio di Andrea Sussi[14].

Nel 2003 passa al Como, retrocesso in Serie B[15]: i lariani retrocedono di nuovo e al termine della stagione rimane senza squadra.

Le ultime stagioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre 2004 si accorda con la Cremonese[16] dove gioca per una stagione e mezza conquistando la promozione in Serie B. Nel novembre 2006 passa alla Reggiana[4] ma al termine della stagione è nuovamente senza contratto.

Nel gennaio 2008 sigla un contratto con il Pizzighettone con cui conclude la sua carriera da professionista. La stagione successiva si unisce al Fidenza[5] che disputa il campionato di Eccellenza dell'Emilia-Romagna. Nella stagione 2009-2010 ha giocato per l'S.B.C. Oltrepò, in Serie D; svincolato, si accasa alla LibertasSpes, squadra piacentina che milita nel campionato di Promozione, con il doppio incarico di giocatore e allenatore delle giovanili[17]. Nella stagione 2011-2012 si trasferisce al Fiore, altra squadra piacentina del campionato di Promozione[18].

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Con la maglia della nazionale Under-21 vanta due partecipazioni agli europei di categoria, del 1990 e quelli vittoriosi del 1992. Ha inoltre fatto parte della spedizione ai Giochi Olimpici del 1992[19].

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Prime esperienze[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno 2013 viene nominato allenatore del Royale Fiore, formazione piacentina partecipante al campionato di Eccellenza Emilia-Romagna 2013-2014[20]; viene esonerato nell'ottobre successivo, dopo cinque sconfitte nelle prime sei partite di campionato[21].

A Pavia: dalle giovanili alla prima squadra[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate 2015 passa alla guida della formazione Berretti del Pavia.

Il 13 dicembre seguente subentra ad interim sulla panchina della prima squadra dopo l'esonero di Michele Marcolini[22]. Rimane in carica una sola partita, ma non sfigurando: porta infatti a casa una vittoria per 0-2 nello scontro diretto sul campo del Pordenone, lasciando il posto il 20 dicembre al nuovo tecnico Fabio Brini, tornando a guidare la formazione Berretti. Tuttavia esattamente 3 mesi dopo, il 13 marzo 2016, dopo la sconfitta per 0-3 sul campo del Padova viene richiamato a sedere sulla panchina della prima squadra lombarda, andando a sostituire lo stesso Brini, stavolta con un contratto fino al termine della stagione, con l'obiettivo di portare la squadra a giocarsi la promozione in Serie B tramite i play-off, in quel momento distanti 5 punti e con il terzo posto occupato dal Pordenone, con i lombardi in quinta posizione.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Piacenza: 1994-1995
Cremonese: 2004-2005

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

1992

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 20 (0) se si considerano i play-off.
  2. ^ a b Top 20 - La maledizione della fascia sinistra Canaleinter.com
  3. ^ a b Rosa 1994-1995 Storiapiacenza1919.it
  4. ^ a b «Il segreto è che mi diverto ancora», La Gazzetta di Reggio, 2 novembre 2006, pag.33
  5. ^ a b Rossini, la pensione può attendere, L'Informazione, 28 luglio 2008, pag.22 [collegamento interrotto]
  6. ^ Stagione 1987-1988 Storiadelparmacalcio.com
  7. ^ Stagione 1988-1989 Storiadelparmacalcio.com
  8. ^ E la concorrenza è in ritardo, La Repubblica, 26 maggio 1990, pag.27
  9. ^ Manovre malriuscite, La Repubblica, 15 giugno 1991, pag.37
  10. ^ Dell'Anno, Inter e Udinese hanno finito di litigare, La Repubblica, 1º agosto 1993, pag.23
  11. ^ Bierhoff, l'oggetto di troppi desideri, Il Corriere della Sera, 8 luglio 1996, pag.35
  12. ^ Vierchowod, rissa con i tifosi, La Repubblica, 2 novembre 1997, pag.41
  13. ^ Genoa, si sblocca il mercato partono Rossini e Zanoncelli, La Repubblica, 6 luglio 2001
  14. ^ Via Sussi, c'è un Rossini in più. Spagnolo di lusso con il Chievo, La Repubblica, 9 agosto 2002
  15. ^ Genoa, c'è Cudini in più firma anche baby Chaib, La Repubblica, 12 agosto 2003
  16. ^ Rossini e Campolonghi grigiorossi, La Provincia, 21 dicembre 2004, pag.41
  17. ^ Rossini (ex Piace) sceglie la Libertaspes, Libertà, 31 agosto 2010, pag.50
  18. ^ Fiore 2011-2012 Emiliaromagnasport.it
  19. ^ I nazionali Storiapiacenza1919.it
  20. ^ Eccellenza - Royale Fiore: panchina a Stefano Rossini Sportpiacenza.it
  21. ^ Royale Fiore: Rossini esonerato, panchina a Rizzo-Montanari Sportopiacenza.it
  22. ^ MICHELE MARCOLINI SOLLEVATO DALL’INCARICO Acpavia.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]