Stefano Rossini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stefano Rossini
Stefano Rossini Parma.jpg
Nazionalità Italia Italia
Altezza 181 cm
Peso 75 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 2012 - giocatore
Carriera
Giovanili
Inter
Squadre di club1
1987-1989 Parma 28 (0)
1989-1990 Inter 14 (0)
1990 Fiorentina 0 (0)
1990-1991 Parma 7 (0)
1991-1992 Udinese 31 (0)
1992-1993 Inter 3 (0)
1993-1994 Udinese 18 (0)
1994-1996 Piacenza Piacenza 60 (0)
1996-1997 Atalanta Atalanta 25 (0)
1997-1998 Lecce Lecce 25 (0)
1998-2001 Genoa 77 (2)
2001-2002 Ternana Ternana 24 (1)
2002-2003 Genoa 34 (0)
2003-2004 Como Como 27 (0)
2004-2006 Cremonese Cremonese 35 (0)
2006-2007 Reggiana Reggiana 18 (0)[1]
2008 Pizzighettone Pizzighettone 3 (0)
2008-2009 Fidenza Fidenza 25 (0)
2009-2010 SBC Oltrepo SBC Oltrepò 18 (0)
2010-2011 Blu.png LibertaSpes  ? (?)
2011-2012 Flag of None.svg Fiore Calcio  ? (?)
Nazionale
1988-1992
1992
Italia Italia U-21
Italia Italia Olimpica
30 (2)
5 (0)
Carriera da allenatore
2010-2011 Blu.png LibertaSpes Giovanili
2013 Bianco e Viola (Strisce).png Royale Fiore
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Oro 1992
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 6 ottobre 2013

Stefano Rossini (Viadana, 2 febbraio 1971) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Terzino di fascia sinistra[2], poteva adattarsi a giocare anche come stopper[3] o difensore centrale[4].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli esordi[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nel vivaio dell'Inter[5], passa ancora giovane al Parma dove esordisce tra i professionisti in Serie B, giocando due stagioni[6][7]. Rientra quindi ai nerazzurri, con cui debutta in Serie A disputando 14 partite nel campionato 1989-1990, nel quale è chiamato a sostituire l'infortunato Andreas Brehme[2].

Gli anni della Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1990 inizia la stagione con la Fiorentina[8], ma prima di poter disputare almeno un incontro torna in Emilia, dove rimane fino al termine della stagione. Nel 1991 è in prestito all'Udinese, come contropartita per l'acquisto di Angelo Orlando[9]: in Friuli disputa la sua prima stagione da titolare collezionando 31 presenze. Rientra quindi all'Inter, dove non trova spazio, e nel 1993 ritorna definitivamente a Udine[10], dove vive una retrocessione in Serie B. Si riscatta nella stagione successiva, quando passa al Piacenza[3] vincendo il campionato cadetto e ottenendo la prima salvezza degli emiliani nella massima serie, sempre da titolare.

Nel 1996 approda all'Atalanta[11], sempre in Serie A, dove rimane fino al novembre 1997 quando si trasferisce al Lecce[12].

In Serie B[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1998 inizia la sua più lunga esperienza continuativa con un club: si tratta del Genoa dove rimane per tre stagioni prima di svincolarsi e approdare per un anno alla Ternana[13]. Nel 2002 torna a vestire la maglia rosso-blu per un'altra stagione, in cambio di Andrea Sussi[14].

Nel 2003 passa al Como, retrocesso in Serie B[15]: i lariani retrocedono di nuovo e al termine della stagione rimane senza squadra.

Le ultime stagioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre 2004 si accorda con la Cremonese[16] dove gioca per una stagione e mezza conquistando la promozione in Serie B. Nel novembre 2006 passa alla Reggiana[4] ma al termine della stagione è nuovamente senza contratto.

Nel gennaio 2008 sigla un contratto con il Pizzighettone con cui conclude la sua carriera da professionista. La stagione successiva si unisce al Fidenza[5] che disputa il campionato di Eccellenza dell'Emilia-Romagna. Nella stagione 2009-2010 ha giocato per l'S.B.C. Oltrepò, in Serie D; svincolato, si accasa alla LibertasSpes, squadra piacentina che milita nel campionato di Promozione, con il doppio incarico di giocatore e allenatore delle giovanili[17]. Nella stagione 2011-2012 si trasferisce al Fiore, altra squadra piacentina del campionato di Promozione[18].

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Con la maglia della nazionale Under-21 vanta due partecipazioni agli europei di categoria, del 1990 e quelli vittoriosi del 1992. Ha inoltre fatto parte della spedizione ai Giochi Olimpici del 1992[19].

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno 2013 viene nominato allenatore del Royale Fiore, formazione piacentina partecipante al campionato di Eccellenza Emilia-Romagna 2013-2014[20]; viene esonerato nell'ottobre successivo, dopo cinque sconfitte nelle prime sei partite di campionato[21].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Piacenza: 1994-1995
Cremonese: 2004-2005

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

1992

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]