Sporting Clube de Braga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
SC Braga
Calcio Football pictogram.svg
Detentore della Coppa di Portogallo
Sporting Clube Braga.png
Arsenalistas
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali Rosso e Bianco.svg Rosso e bianco
Simboli Torre
Dati societari
Città Braga
Nazione Portogallo Portogallo
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Portugal.svg FPF
Campionato Primeira Liga
Fondazione 1921
Presidente Portogallo Antonio Salvador
Allenatore Portogallo José Peseiro
Stadio Estádio Municipal de Braga
(30.154 posti)
Sito web www.scbraga.pt
Palmarès
UEFA - Intertoto.svg
Trofei nazionali 2 Coppa di Portogallo
1 Coppa di Lega Portoghese
Trofei internazionali 1 Coppe Intertoto
Si invita a seguire il modello di voce

Lo Sporting Clube de Braga, meglio noto come Sporting Braga o semplicemente SC Braga, è una società polisportiva portoghese con sede nella città di Braga. Fondata nel 1921, è nota per la sua sezione calcistica.

I giocatori della squadra di calcio vengono soprannominati Arsenalistas poiché negli anni trenta l'allenatore portoghese Jose Szabo, di ritorno da una partita cui aveva assistito ad Highbury, convinse la società a cambiare i colori della maglia dal verde al bianco-rosso. Gioca le partite casalinghe nello Stádio comunale di Braga, completato nel 2003 per ospitare alcune partite degli Europei del 2004.

Più recentemente il Braga si è affermato come una delle migliori squadre lusitane alle spalle del trio storico Porto- Benfica- Sporting Lisbona.

Nella stagione 2007-2008 si è piazzata al 7º posto in Superliga. Ha partecipato, dunque, alla Coppa Intertoto 2008 ed ha vinto battendo il Sivasspor in una delle finali. Nei turni preliminari di Coppa UEFA ha eliminato i bosniaci dello Zrinjski Mostar e, agevolmente, l'Artmedia Bratislava, qualificandosi per la fase a gironi. Nel proprio raggruppamento ha raggiunto i sedicesimi di finale, piazzandosi terzo alle spalle di Wolfsburg e Milan. Battuto lo Standard Liegi (3-0 in casa e 1-1 in Belgio), è rimasta l'unica delle squadre arrivate in UEFA grazie all'Intertoto e si è aggiudicata, come da regolamento, l'ultima edizione del trofeo. Nel turno successivo il Braga è stato eliminato dal Paris Saint-Germain. Con questo successo è stato il quarto club portoghese, dopo Benfica, Sporting Lisbona e Porto, a vincere un trofeo europeo.

Nella stagione 2009-2010 giunge seconda in classifica, a cinque punti dal Benfica campione, qualificandosi per la prima volta ai preliminari di Champions League e riuscendo ad arrivare alla fase a gironi, dove termina al terzo posto. Nel corso della stagione 2010-2011, come terzi classificati del proprio girone di Champions League, sono stati ammessi ai sedicesimi di Europa League, riuscendo nell'impresa straordinaria di qualificarsi per la finale eliminando - tra le altre - negli ottavi il Liverpool e in semifinale i connazionali molto più titolati del Benfica. Il 18 maggio si arrende, nella finale unica all'Aviva Stadium di Dublino, contro un'altra lusitana, il Porto, perdendo per 1-0. Il 22 maggio 2016 vince la sua seconda Taça de Portugal battendo ai rigori i rivali del Porto per 4-2.

Il club è quotato all'Euronext Lisbon (Euronext: SCB).

Rosa 2016-2017[modifica | modifica wikitesto]

Rosa aggiornata al 31 agosto 2016

N. Ruolo Giocatore
3 Serbia D Lazar Rosić
4 Francia C Vincent Sasso
6 Portogallo D André Pinto
7 Portogallo A Wilson Eduardo
8 Montenegro C Marko Bakić
10 Argentina C Tomás Martínez
14 Colombia A Erik Moreno
15 Brasile D Baiano
16 Brasile D Djavan
17 Norvegia D Stian Ringstad
19 Serbia A Nikola Stojiljković
20 Egitto A Hassan
21 Portogallo C Ricardo Horta
22 Uruguay C Luis Aguiar
N. Ruolo Giocatore
23 Portogallo A Pedro Santos
24 Portogallo D Ricardo Ferreira
25 Portogallo C Josuè
28 Portogallo P Marafona
30 Brasile A Alan
35 Montenegro C Nikola Vukčević
63 Brasile C Mauro
76 Portogallo P Tiago Sá
85 Nigeria C Chidi Osuchukwu
87 Brasile D Marcelo Goiano
92 Brasile P Matheus
Spagna C Joan Román
Uruguay D Emiliano Velázquez
Portogallo A Rui Fonte

Giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le voci sui singoli soggetti sono elencate nella Categoria:Calciatori dello S.C. Braga

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Trofei nazionali[modifica | modifica wikitesto]

1965-1966, 2015-2016
2012-2013

Trofei internazionali[modifica | modifica wikitesto]

2008

Altri Trofei[modifica | modifica wikitesto]

1976-1977
1947, 1964

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

secondo posto: 2009-2010
secondo posto: 19761977, 19811982, 19971998, 2014-2015
secondo posto: 1982, 1998, 2016
secondo posto: 2010-2011

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Record[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 17 dicembre del 1995 e il 12 gennaio del 1997 lo Sporting Braga non ha mai perso le partite di campionato giocate in casa. Questo record è stato infranto a causa della sconfitta subita contro il Vitória Guimarães per 0-2. Lo Sporting Braga ha mantenuto lunghi periodi di imbattibilità anche tra il 25 marzo del 2000 e il 4 maggio del 2001 (serie interrotta contro l'União Desportiva de Leiria 3-5) e tra il 15 agosto 2009 e il 23 ottobre 2010 (serie interrotta contro il Vitória Setúbal 2-1).[1]

Statistiche coppe europee[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Competizione Turno Squadra Casa Trasferta Somma
1966–67 Coppa delle Coppe R1 Grecia AEK Atene 3–2 1–0 4–2
R2 Ungheria Raba ETO Győr 2–0 0–3 2–3
1978–79 Coppa UEFA R1 Malta Hibernians 5–0 2–3 7–3
R2 Inghilterra West Bromwich Albion 0–2 0–1 0–3
1982–83 Coppa delle Coppe Pre Galles Swansea City 1–0 0–3 1–3
1984–85 Coppa UEFA R1 Inghilterra Tottenham Hotspur 0–3 0–6 0–9
1997–98 Coppa UEFA R1 Paesi Bassi Vitesse 2–0 1–2 3–2
R2 Georgia Dinamo Tbilisi 4–0 1–0 5–0
R3 Germania Schalke 04 0–0 0–2 0–2
1998–99 Coppa delle Coppe R1 Lettonia Liepājas Metalurgs 4–0 0–0 4–0
R2 Russia Lokomotiv Mosca 1–0 1–3 2–3
2004–05 Coppa UEFA R1 Scozia Hearts 2–2 1–3 3–5
2005–06 Coppa UEFA R1 Serbia Stella Rossa 1–1 0–0 1–1 (a)
2006–07 Coppa UEFA R1 Italia Chievo Verona 2–0 1–2 (sup.) 3–2
GS Paesi Bassi AZ Alkmaar 0–3
Rep. Ceca Slovan Liberec 4–0
Spagna Sevilla 0–2
Svizzera Grasshopper 2–0
L32 Italia Parma 1–0 1–0 2–0
L16 Inghilterra Tottenham Hotspur 2–3 2–3 4–6
2007–08 Coppa UEFA R1 Svezia Hammarby 4–0 1–2 5–2
GS Inghilterra Bolton Wanderers 1–1
Germania Bayern Monaco 1–1
Grecia Aris Salonicco 1–1
Serbia Stella Rossa 2–0
L32 Germania Werder Brema 0–1 0–3 0–4
2008–09 Coppa Intertoto R3 Turchia Sivasspor 3–0 2–0 1–4
2008–09 Coppa UEFA Q2 Bosnia ed Erzegovina Zrinjski Mostar 1–0 2–0 3–0
R1 Slovacchia Artmedia 4–0 2–0 6–0
GS Inghilterra Portsmouth 3–0
Italia AC Milan 0–1
Germania Wolfsburg 2–3
Paesi Bassi Heerenveen 1–2
L32 Belgio Standard Liège 3–0 1–1 4–1
L16 Francia Paris Saint-Germain 0–1 0–0 0–1
2009–10 UEFA Europa League Q3 Svezia Elfsborg 1–2 0–2 1–4
2010–11 UEFA Champions League Q3 Scozia Celtic 3–0 1–2 4–2
PO Spagna Sevilla 1–0 4–3 5–3
GS Inghilterra Arsenal 2–0 0–6
Ucraina Shakhtar Donetsk 0–3 0–2
Serbia Partizan 2–0 0–1
2010–11 UEFA Europa League L32 Polonia Lech Poznań 2–0 0–1 2–1
L16 Inghilterra Liverpool 1–0 0–0 1–0
QF Ucraina Dynamo Kyiv 0–0 1–1 1–1 (a)
SF Portogallo Benfica 1–0 1–2 2–2 (a)
Finale Portogallo FC Porto 0–1
2011–12 UEFA Europa League PO Svizzera Young Boys 0–0 2–2 2–2 (a)
GS Belgio Club Brugge 1–2 1–1
Inghilterra Birmingham City 1–0 3–1
Slovenia Maribor 5–1 1–1
L32 Turchia Beşiktaş 0–2 1–0 1–2
2012–13 UEFA Champions League PO Italia Udinese 1–1 1–1 (5–4 pen) 1–1 (5–4)
GS Romania CFR Cluj 0–2 1–3
Turchia Galatasaray 1–2 2–0
Inghilterra Manchester United 1–3 2–3
2013–14 UEFA Europa League PO Romania Pandurii Târgu Jiu 0–2 (sup.) 1–0 1–2
2015–16 UEFA Europa League GS Francia Marseille 3-2 0–1
Rep. Ceca Slovan Liberec 2-1 1–0
Paesi Bassi Groningen 1–0 0–0

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sporting Braga, Soccerway.com. URL consultato il 23 febbraio 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN126060310
Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio