Daniele Bonera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Daniele Bonera
Daniele Bonera.jpg
Bonera con la maglia del Milan nel 2010
Nazionalità Italia Italia
Altezza 183 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Squadra Milan
Ritirato 2019 - giocatore
Carriera
Giovanili
1994-1999 Brescia
Squadre di club1
1999-2002Brescia60 (0)
2002-2006Parma114 (1)[1]
2006-2015Milan152 (0)
2015-2019Villarreal42 (0)
Nazionale
2000 Italia Italia U-205 (0)
2001-2004 Italia Italia U-2129 (0)
2004 Italia Italia olimpica5 (0)
2001-2008 Italia Italia16 (0)
Carriera da allenatore
2019-MilanColl. tecnico
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Bronzo Svizzera 2002
Oro Germania 2004
Olympic flag.svg Giochi olimpici
Bronzo Atene 2004
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 07 aprile 2019

Daniele Bonera (Brescia, 31 maggio 1981) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, collaboratore tecnico del Milan.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Poteva ricoprire il ruolo di difensore centrale e all'occorrenza di terzino su entrambe le fasce.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Brescia[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nel settore giovanile del Brescia, ha esordito in prima squadra nella stagione 1999-2000 ottenendo 5 presenze in Serie B. Ha fatto il suo esordio in Serie A il 1º ottobre 2000 al Friuli contro l'Udinese (4-2 per i bianconeri).[3][4] Con i lombardi ha debuttato inoltre nelle competizioni UEFA per club il 25 luglio 2001 contro i cechi del Chmel Blšany, in una gara valida per la Coppa Intertoto 2001 (vittoria per 2-1).[5]

Parma[modifica | modifica wikitesto]

Dopo due stagioni, nel 2002 è passato al Parma, squadra nella quale ha disputato 4 stagioni. Con i ducali ha realizzato il suo unico gol in carriera il 26 gennaio 2003 proprio contro la sua ex squadra, il Brescia.[6]

Milan[modifica | modifica wikitesto]

Daniele Bonera, in maglia bianca, contrasta Roberto Muzzi

Nel 2006, a 25 anni, è stato acquistato dal Milan, la squadra per cui aveva sempre tifato sin da quando era piccolo[7], con cui ha siglato un accordo quadriennale fino al 30 giugno 2010.[8] Sceglie di indossare la maglia numero 25.[7]

Con il Milan ha esordito nel ruolo di terzino destro in Champions League il 17 ottobre 2006 contro l'Anderlecht, partita nella quale, però, ha rimediato un cartellino rosso per doppia ammonizione dopo 47 minuti di gioco.[9] Non appena sistemata dal Milan la corsia destra del reparto arretrato, Bonera è stato schierato nel suo ruolo naturale di difensore centrale con buoni risultati. Nella stagione successiva è stato impiegato sia come centrale che, all'occorrenza, come terzino destro.

Nella stagione 2008-2009 ha giocato poche partite per infortunio;[10] il 5 giugno 2009 ha rinnovato il contratto con i rossoneri fino al 2013.[11] Il 7 maggio 2011, dopo una nuova stagione segnata da numerosi infortuni,[12][13][14] ha vinto il suo primo scudetto con i rossoneri a due giornate dal termine del campionato grazie allo 0-0 contro la Roma.[15]

Il 6 agosto 2011 ha vinto la Supercoppa italiana con il Milan battendo l'Inter a Pechino per 2-1, gara nella quale tuttavia Bonera, presente in panchina, non è sceso in campo.[16] Il 26 gennaio 2012, in occasione della partita di Coppa Italia contro la Lazio, ha indossato per la prima volta la fascia di capitano del Milan dopo l'uscita dal campo nel secondo tempo di Clarence Seedorf, che aveva iniziato la gara come capitano.[17]. In questo campionato gioca il maggior numero di partite da titolare (visti gli infortuni dei compagni di squadra Thiago Silva e Nesta). Il 22 maggio 2013 ha rinnovato il suo contratto con i rossoneri, in scadenza a fine stagione, fino al 30 giugno 2015.

Il 27 luglio seguente, durante uno scontro di gioco in occasione della partita amichevole contro il Valencia, ha riportato una frattura composta della rotula del ginocchio destro, che lo obbligherà a stare lontano dai campi da gioco per 70-90 giorni, salvo complicazioni.[18]

Il 30 giugno 2015 giunge alla fine, dopo 9 anni, la sua esperienza al Milan, essendo scaduto il suo contratto. In tutto ha messo insieme 201 presenze con i rossoneri.

Villarreal e ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º settembre seguente all'età di 34 anni viene ingaggiato dalla squadra spagnola del Villarreal per la stagione 2015-2016[19] a costo zero.[20] Debutta il 17 settembre in Europa League in trasferta contro il Rapid Vienna (2-1), il debutto in Liga avviene il 25 ottobre contro il Las Palmas (0-0).

È il calciatore più vecchio ad aver vestito la maglia del sottomarino giallo.[21]

Nel frattempo il 27 settembre 2018 ottiene la qualifica UEFA A che abilita all'allenamento di tutte le formazioni giovanili e delle prime squadre fino alla Serie C, e alla posizione di allenatore in seconda in Serie B e Serie A.[22]

In tre anni mette insieme 58 presenze tra campionato, Coppa del Re, Europa League e Champions e si ritira alla fine della stagione 2018/2019 all'età di 38 anni.

Il 9 luglio entra a far parte dello staff di Marco Giampaolo al Milan.[23]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Bonera ha militato nelle nazionali giovanili, collezionando 5 presenze con l'Italia Under-20 nel 2000, 29 con l'Under-21 tra il 2001 e il 2004 e 5 con la nazionale olimpica ad Atene 2004.

Ha fatto il suo esordio in Nazionale maggiore chiamato da Giovanni Trapattoni il 5 settembre 2001, a 20 anni, nella partita amichevole Italia-Marocco (1-0).[4] Per un periodo si è quindi diviso tra la Nazionale maggiore e l'Under-21, conquistando con quest'ultima l'Europeo Under-21 del 2004. Nel 2006 è stato inserito da Marcello Lippi nella lista dei pre-convocati per i Mondiali 2006, come una delle 4 riserve.[24] È stato infine escluso per ultimo dalla lista definitiva dei 23 convocati.[10] Dopo il suo arrivo al Milan, a partire dal 2006, è rimasto nel gruppo allargato della Nazionale con i tecnici Donadoni e Lippi, ma è stato convocato a intervalli irregolari anche a causa di numerosi problemi fisici.[10]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 07 aprile 2019.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1999-2000 Italia Brescia B 5 0 CI 0 0 - - - - - - 5 0
2000-2001 A 26 0 CI 4 0 - - - - - - 30 0
2001-2002 A 29 0 CI 4 0 Int 4 0 - - - 37 0
Totale Brescia 60 0 8 0 4 0 - - 72 0
2002-2003 Italia Parma A 32 1 CI 2 0 CU 4 0 - - - 38 1
2003-2004 A 24 0 CI 0 0 CU 5 0 - - - 29 0
2004-2005 A 35+1[25] 0 CI 1 0 CU 10 0 - - - 47 0
2005-2006 A 23 0 CI 2 0 - - - - - - 25 0
Totale Parma 114+1 1+0 5 0 19 0 - - 139 1
2006-2007 Italia Milan A 25 0 CI 5 0 UCL 6 0 - - - 36 0
2007-2008 A 21 0 CI 1 0 UCL 6 0 SU+Cmc 0+1 0 29 0
2008-2009 A 18 0 CI 0 0 CU 4 0 - - - 22 0
2009-2010 A 7 0 CI 2 0 UCL 2 0 - - - 11 0
2010-2011 A 16 0 CI 1 0 UCL 3 0 - - - 20 0
2011-2012 A 20 0 CI 3 0 UCL 6 0 SI 0 0 29 0
2012-2013 A 13 0 CI 0 0 UCL 4 0 - - - 17 0
2013-2014 A 16 0 CI 0 0 UCL 4 0 - - - 20 0
2014-2015 A 16 0 CI 1 0 - - - - - - 17 0
Totale Milan 152 0 13 0 35 0 1 0 201 0
2015-2016 Spagna Villarreal PD 14 0 CR 0 0 UEL 2 0 - - - 16 0
2016-2017 PD 6 0 CR 1 0 UCL+UEL 0+3 0 - - - 10 0
2017-2018 PD 15 0 CR 1 0 UEL 5 0 - - - 21 0
2018-2019 PD 5 0 CR 3 0 UEL 3 0 - - - 11 0
Totale Villarreal 40 0 5 0 13 0 0 0 58 0
Totale carriera 368+1 1 31 0 68 0 1 0 470 1

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
5-9-2001 Piacenza Italia Italia 1 – 0 Marocco Marocco Amichevole -
17-4-2002 Milano Italia Italia 1 – 1 Uruguay Uruguay Amichevole -
3-6-2003 Campobasso Italia Italia 2 – 0 Irlanda del Nord Irlanda del Nord Amichevole -
4-9-2004 Palermo Italia Italia 2 – 1 Norvegia Norvegia Qual. Mondiali 2006 -
8-9-2004 Chișinău Moldavia Moldavia 0 – 1 Italia Italia Qual. Mondiali 2006 -
9-10-2004 Celje Slovenia Slovenia 1 – 0 Italia Italia Qual. Mondiali 2006 -
9-2-2005 Cagliari Italia Italia 2 – 0 Russia Russia Amichevole -
26-3-2005 Milano Italia Italia 2 – 0 Scozia Scozia Qual. Mondiali 2006 -
4-6-2005 Oslo Norvegia Norvegia 0 – 0 Italia Italia Qual. Mondiali 2006 -
12-10-2005 Lecce Italia Italia 2 – 1 Moldavia Moldavia Qual. Mondiali 2006 -
31-5-2006 Ginevra Svizzera Svizzera 1 – 1 Italia Italia Amichevole -
17-10-2007 Siena Italia Italia 2 – 0 Sudafrica Sudafrica Amichevole -
21-11-2007 Modena Italia Italia 3 – 1 Fær Øer Fær Øer Qual. Euro 2008 -
20-8-2008 Nizza Italia Italia 2 – 2 Austria Austria Amichevole -
15-10-2008 Lecce Italia Italia 2 – 1 Montenegro Montenegro Qual. Mondiali 2010 -
19-11-2008 Atene Grecia Grecia 1 – 1 Italia Italia Amichevole -
Totale Presenze 16 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Milan: 2010-2011
Milan: 2011

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Milan: 2006-2007
Milan: 2007
Milan: 2007

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Germania 2004
Atene 2004

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 27 settembre 2004. Di iniziativa del Presidente della Repubblica Italiana.[26]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 115 (1) se si comprende lo spareggio-salvezza Bologna-Parma (0-2, 18 giugno 2005)
  2. ^ (DEENIT) Daniele Bonera, su Transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG.
  3. ^ Daniele Bonera, Sky Sport. URL consultato il 23 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2010).
  4. ^ a b Daniele Bonera, Rai Sport. URL consultato il 23 ottobre 2010.
  5. ^ Daniele Bonera, uefa.com. URL consultato il 23 ottobre 2010.
  6. ^ Bonera - Dettaglio stagione 2002-2003, legaseriea.it. URL consultato il 23 ottobre 2010.
  7. ^ a b Bonera: "Milan, il massimo", La Gazzetta dello Sport, 29 luglio 2006. URL consultato il 23 ottobre 2010.
  8. ^ Il Milan acquista Bonera dal Parma, TGcom24, 28 luglio 2006. URL consultato il 16 marzo 2015.
  9. ^ Anderlecht 0 - 1 Milan[collegamento interrotto], uefa.com, 17 ottobre 2006. URL consultato il 23 ottobre 2010.
  10. ^ a b c Sergio Zanca, Prandelli pensa a un'ItalBrescia: non solo Pirlo e Balotelli in corsa, bresciaoggi.it, 28 giugno 2010. URL consultato il 23 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 3 agosto 2010).
  11. ^ Al Milan per vincere ancora, acmilan.com, 8 giugno 2009. URL consultato il 23 ottobre 2010.
  12. ^ Milan, si fermano Oddo e Bonera, uefa.com, 31 ottobre 2010. URL consultato l'8 maggio 2011.
  13. ^ La Lazio frena il Milan: Ibra, doppio palo, illude San Siro, Sky Sport, 1º febbraio 2011. URL consultato l'8 maggio 2011.
  14. ^ Bonera, ennesimo guaio[collegamento interrotto], Virgilio Sport, 29 marzo 2011. URL consultato l'8 maggio 2011.
  15. ^ Gaetano De Stefano, Milan campione d'Italia. A Roma basta lo 0-0, La Gazzetta dello Sport, 7 maggio 2011. URL consultato l'8 maggio 2011.
  16. ^ Gaetano De Stefano, Ibra-Boateng: Inter a terra. Festa Milan in Supercoppa, La Gazzetta dello Sport, 6 agosto 2011. URL consultato il 6 agosto 2011.
  17. ^ Pietro Mazzara, Prima fascia da capitano per Bonera, milannews.it, 27 gennaio 2012. URL consultato il 27 gennaio 2012.
  18. ^ A.C. Milan comunicato ufficiale, acmilan.com, 28 luglio 2013. URL consultato il 28 luglio 2013.
  19. ^ Ufficiale, Bonera va al Villarreal
  20. ^ [1]
  21. ^ Villarreal, Bonera è il calciatore più vecchio ad aver giocato per il club - TUTTOmercatoWEB.com. URL consultato il 21 settembre 2018.
  22. ^ Nuovi allenatori abilitati: ci sono Pirlo, Gilardino e Batistuta
  23. ^ Ufficiale: Milan, lo staff di Giampaolo: c'è Bonera, sarà collaboratore, tuttomercatoweb.com, 9 luglio 2019.
  24. ^ Gaetano De Stefano, Mondiali, Buffon c'è, bresciaoggi.it, 28 giugno 2010. URL consultato il 23 ottobre 2010.
  25. ^ Spareggio salvezza.
  26. ^ Bonera Sig. Daniele - Cavaliere Ordine al Merito della Repubblica Italiana, quirinale.it. URL consultato il 9 gennaio 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]