Christian Panucci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Christian Panucci
Christian Panucci 2012.jpg
Panucci assistente della Nazionale russa nel 2012
Nazionalità Italia Italia
Altezza 184 cm
Peso 76 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 22 agosto 2010 - giocatore
Carriera
Giovanili
1989-1990 Veloce Savona
1990-1991 Genoa
Squadre di club1
1991-1993 Genoa 31 (3)
1993-1997 Milan 89 (9)
1997-1999 Real Madrid 73 (3)
1999-2000 Inter 26 (1)
2000-2001 Chelsea 8 (0)
2001 Monaco 14 (3)
2001-2009 Roma 229 (20)
2009-2010 Parma 19 (1)
Nazionale
1992-1996 Italia Italia U-21 19 (4)
1993 Italia Italia U-23 3 (0)
1994-2008 Italia Italia 57 (4)
Carriera da allenatore
2012-2014 Russia Russia Assistente
2015 Livorno
2016 Livorno
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Oro Francia 1994
Oro Spagna 1996
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 27 gennaio 2016

Christian Panucci (Savona, 12 aprile 1973) è un dirigente sportivo, ex calciatore e allenatore di calcio italiano.

Dopo aver giocato nelle giovanili di Veloce Savona e Genoa, esordisce in Serie A con la maglia del Grifone. Passa poi al Milan di Fabio Capello, dove a metà degli anni 1990 vince due scudetti, due Supercoppe italiane, una Champions League e una Supercoppa UEFA. Si trasferisce quindi all'estero: dapprima al Real Madrid, dove alla fine del decennio conquista una Supercoppa di Spagna, la sua seconda Champions League e una Coppa Intercontinentale, poi (salvo un breve intermezzo nell'Inter) al Chelsea, nelle cui file solleva una Supercoppa d'Inghilterra, e infine al Monaco. All'inizio degli anni 2000 fa il suo secondo ritorno in patria accasandosi alla Roma; nel corso di otto stagioni diviene un giocatore-simbolo dei giallorossi,[1] disputando nella capitale più di 300 partite e segnando 31 gol, partencipando alle vittorie di due Coppe Italia e della sua terza Supercoppa d'Italia. Chiude infine la carriera nel Parma, dopo aver totalizzato più di 650 presenze nel calcio professionistico.

Panucci inizia ad essere convocato dalla Nazionale Under-21 nel 1992, conquistando poi gli Europei di categoria per due volte di fila nel 1994 e nel 1996, in entrambe le occasioni giocando la finale da titolare. Dopo aver militato anche nell'Under-23, nel 1994 debutta anche nella Nazionale maggiore, partecipa agli incontri di qualificazione per Euro 1996, il Mondiale 1998 e l'Europer 2000 senza tuttavia essere convocato per le fasi finali dei succitati tornei. Torna a giocare per l'Italia nel 2002, venendo convocato sia per la fase finale dei Mondiali di Corea e Giappone sia per quella di Euro 2004. Dopo un'ulteriore pausa, torna in azzurro prendendo parte all'Europeo 2008 prima di uscire definitivamente dal giro della Nazionale.

Nel 2015 intraprende la carriera di allenatore.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Ha giocato la maggior parte della carriera come terzino destro, potendo anche essere schierato all'occorrenza come difensore centrale.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Veloce, Genoa[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver militato nella scuola calcio della Veloce[2] (SV), nel 1990[2] venne ingaggiato dal Genoa, che lo inserì in Primavera. Nella stagione 1991-1992 esordì in Serie A, il 24 maggio 1992 all'ultima giornata in Napoli-Genoa 1-0 subentrando al 28' a Mario Bortolazzi. Nella stagione successiva segna al 17' il suo 1° gol in serie A il 18 ottobre 1992 in Foggia-Genoa 2-2. Ottenne nei 2 anni al Genoa 31 presenze, 3 gol.

Milan[modifica | modifica wikitesto]
Panucci al Milan nel 1995, esultante assieme ai compagni di squadra sul campo di Padova.

Il 18 giugno 1993 a vent'anni passa al Milan per 9,5 miliardi di lire e metà cartellino di Roberto Lorenzini (valutato 2 miliardi di lire).[3][4] Si affermò quasi subito terzino destro titolare. Al Milan di Fabio Capello trascorse 3 anni, vincendo 6 trofei: 1ª stagione (1993-1994) scudetto e Champions League, 2ª stagione Supercoppa italiana e Supercoppa europea, 1995-1996 un altro scudetto. Se ne va a metà stagione 1996-1997 per contrasti con Arrigo Sacchi[5].

Real Madrid, Inter, Chelsea, Monaco[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 gennaio 1997 passa al Real Madrid per 8 miliardi di lire.[6] È stato il primo calciatore italiano a vestire la maglia dei galattici. Il primo anno vinse subito la Liga con il suo ex-allenatore rossonero Fabio Capello. La seconda stagione vinse la Supercoppa Spagnola, la Champions League e arrivando quarto posto al campionato e agli ottavi di finale nella Coppa del Re. La terza stagione inizia subito con la sconfitta della Supercoppa UEFA contro il Chelsea, ma si rifanno vincendo la Coppa Intercontinentale contro il Vasco da Gama. Alla fine arrivano secondo posto in campionato e agli ottavi di finale nella Champions League e nella Coppa del Re.

Il 1º luglio 1999 si trasferì all'Inter guidata da Marcello Lippi per 18 miliardi di lire,[7] che arrivò 4ª in campionato e perse la finale di Coppa Italia. In campionato, durante la partita contro il Bari, l'allenatore chiese a Panucci di svestirsi della tuta per entrare in campo, ma a causa di un'incomprensione ciò non accadde e questo fece sì che il rapporto fra i due peggiorò.[8] A inizio stagione Panucci dichiarò di sentirsi «orgoglioso di lavorare con lui».

Il 10 agosto 2000 passa in prestito annuale al Chelsea.[9][10] Vincendo dopo due giorni la Supercoppa d'Inghilterra. L'8 gennaio 2001 dopo solo 8 presenze con la maglia dei blues passa al Monaco in prestito con diritto di riscatto fissato a 14 miliardi di lire.[11] Il 6 luglio viene riscattato per 13 miliardi di lire, ma dopo appena 5 presenza e poco prima della chiusura del mercato estivo ritorna in Italia.[12][13]

Roma[modifica | modifica wikitesto]
Panucci (al centro) alla Roma nel 2008, tra Totti e Riise, durante la trasferta di Champions League sul campo del Chelsea

L'11 settembre viene acquistato dalla Roma in prestito oneroso di 3 miliardi di lire con obbligo di riscatto a 18 milioni di euro.[14][15][16] Nella prima stagione diventa un giocatore inamovibile infatti risulta il calciatore con più presenze insieme a Vincent Candela nella rosa giallorossa in campionato. Il 1º giugno 2002 viene riscattato per circa 10 milioni di euro.[17][18][19][20] Nella stagione 2006-2007 segnò 5 gol e vinse la Coppa Italia al termine della doppia finale con l'Inter: all'andata, vinta dalla Roma 6-2, segnò la doppietta.[21]

La stagione 2007-2008, iniziata con la vittoria della Supercoppa italiana, vide Panucci perdere progressivamente il ruolo di terzino titolare in favore del nuovo acquisto Cicinho, venendo impiegato quasi solo difensore centrale di riserva e segnò in totale 6 gol (5 in campionato, uno in Champions League), e con la squadra arrivò 2º in campionato e vinse di nuovo la Coppa Italia.

Nella 1ª parte di stagione 2008-2009 segna 2 gol in campionato (a Reggina e Atalanta), 2 gol in Champions League (a Cluj e Chelsea). Il 25 gennaio, prima di Napoli-Roma, appreso il fatto di non partire titolare rifiuta di sedersi in panchina e va a in tribuna.[22] Nelle ore successive la gara annuncia di voler lasciare la Roma non sentendosi rispettato dall'allenatore, escludendo accordi con altri club.[23] Nel mercato invernale 2009 sfuma il trasferimento in altre squadre e resta alla Roma, che nel frattempo lo ha escluso dalla squadra e dalla lista Champions.[24] La settimana successiva Panucci in un comunicato ufficiale chiede pubbliche scuse a tifosi e società,[25] venendo reintegrato in rosa. Alla terz'ultima gara di campionato realizza il suo ultimo gol con la maglia giallorossa al Catania, gara finita 4-3 per la Roma. Il 30 giugno, finito il contratto con la Roma, è svincolato.

Parma[modifica | modifica wikitesto]
Panucci nel 2009 al Parma, impegnato nella trasferta di Udine.

Il 30 luglio 2009 si accorda al Parma in Serie A.[26] Esordisce il 23 agosto 2009 alla 1ª di campionato Udinese-Parma. Segna il 1º e unico gol in maglia crociata nel derby al Bologna, gara finita 2-1 per il Parma.

Il 23 febbraio 2010 a quasi 37 anni, dopo circa 6 mesi e 19 gare al Parma, rescinde il contratto per motivi strettamente personali.[27]

Il 22 agosto seguente annuncia il ritiro dal calcio in diretta telefonica con lo studio di Sky Sport 24.[28]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Ha esordito in Nazionale col ct Arrigo Sacchi, il 7 settembre 1994, a 21 anni, in Slovenia-Italia (1-1). Prese parte a 3 gare di qualificazione all'Europeo 1996, 2 per i Mondiali 1998, 8 per l'Europeo 2000, non venendo selezionato per partecipare alle fasi finali.

Durante la gestione di Giovanni Trapattoni, dal 2002, diventò titolare giocando 20 gare nel biennio 2002-2004, partecipando a Mondiale 2002 e Europeo 2004.

L'esperienza azzurra si interruppe nel 2004, a 31 anni, con l'arrivo sulla panchina della Nazionale di Marcello Lippi, che non lo prese mai in considerazione nel corso del suo biennio culminato con la vittoria del Mondiale 2006. Panucci non ha mai nascosto lo scarso feeling con Lippi, indicando nei pessimi rapporti intercorsi in passato col tecnico ai tempi della loro militanza nell'Inter il vero motivo della sua esclusione,[29] senza mai ottenere un chiarimento dal selezionatore azzurro.

Dopo tre anni d'esclusione dalla Nazionale, il 2 settembre 2007 fu convocato dal ct azzurro (e suo ex compagno di squadra con Milan e Nazionale) Roberto Donadoni per la doppia sfida con Francia e Ucraina valida per le qualificazioni a Euro 2008, e il 12 settembre a Kiev tornò a vestire la maglia della Nazionale a 34 anni, titolare nella partita con l'Ucraina. Il 17 novembre 2007, grazie a un suo gol di testa nei minuti finali della gara giocata a Glasgow con la Scozia, la Nazionale si qualificò all'Europeo 2008 di Austria e Svizzera.[30]

Convocato all'Europeo 2008, giocò difensore centrale titolare e il 13 giugno 2008 mise a segno il gol del pari in Italia-Romania (1-1). Questo gol, segnato a 35 anni, 2 mesi e un giorno lo consacra come il più "anziano" marcatore della storia della Nazionale.[31] La sua ultima gara è quella disputata ai quarti di finale con la Spagna, persa dall'Italia 4-2 ai rigori.

Allenatore e dirigente[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 marzo 2012 entra nella dirigenza del Palermo di Maurizio Zamparini come responsabile dell'area tecnica.[32] Il 24 aprile successivo si dimette «a causa di un'incomprensione dovuta a dichiarazioni del presidente Maurizio Zamparini» dovuta a un fraintendimento che voleva Giorgio Perinetti futuro direttore sportivo rosanero.[33]

Il 25 luglio 2012 entra da vice nello staff della Nazionale russa guidata da Fabio Capello.[34] L'11 novembre 2014 lascia l'incarico a causa dei mancati pagamenti di stipendio della federcalcio russa allo staff tecnico, insieme al preparatore atletico Massimo Neri.[35]

Il 17 marzo 2015 diventa allenatore del Livorno, chiamando da vice Stefano Eranio.[36] Il 4 giugno, nonostante abbia fallito l'accesso ai play-off di Serie B, è confermato per un'altra stagione.[37] Il 25 novembre all'indomani della sconfitta interna col Bari viene esonerato e sostituito da Bortolo Mutti.[38] Il 27 gennaio 2016 viene richiamato con la squadra in zona playout per poi essere esonerato nuovamente il 21 marzo 2016 e sostituito da Franco Colomba[39]

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 agosto 2010 entra nello staff dell'emittente televisiva Sky Italia come opinionista per Sky Sport.[40] Nel 2011 partecipa come ballerino al programma di Rai 1 Ballando con le stelle, piazzandosi al quinto posto finale.[41] Il 22 agosto 2014 passa come opinionista a Fox Sports.[42]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 14 febbraio 2010.

Stagione Squadra Campionato Coppa Italia Coppe europee Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1991-1992 Italia Genoa A 1 0 CI 0 0 CU - - - - - 1 0
1992-1993 A 30 3 CI 0 0 - - - - - - 44 4
Totale Genoa 31 3 0 0 - - - - 31 3
1993-1994 Italia Milan A 19 2 CI 3 0 UCL 7 1 SI+SU+CInt 0+2+1 0 32 3
1994-1995 A 28 2 CI 4 0 UCL 10 2 SI+SU+CInt 0+1+1 0 44 4
1995-1996 A 29 5 CI 2 0 CU 7 0 - - - 38 5
1996-gen. 1997 A 13 0 CI 1 0 UCL 6 0 SI 0 0 20 0
Totale Milan 89 9 10 0 30 3 5 0 134 12
gen.-giu. 1997 Spagna Real Madrid PD 19 2 CR 2 0 - - - - - - 21 2
1997-1998 PD 23 1 CR 2 0 UCL 8 1 SS 1 0 34 2
1998-1999 PD 31 0 CR 2 0 UCL 9 1 SU+CInt 1+1 0 44 1
Totale Real Madrid 73 3 6 0 17 2 3 0 99 5
1999-2000 Italia Inter A 26 1 CI 5 0 - - - - - - 31 1
2000-gen. 2001 Inghilterra Chelsea PL 8 0 FACup+CdL 0 0 CU 2 1 CS 0 0 10 1
gen.-giu. 2001 Francia Monaco D1 9 3 CF+CdL 1+4 0 UCL - - SF - - 14 3
ago. 2001 D1 5 0 CF+CdL - - - - - - - - 5 0
Totale Monaco 14 3 5 0 - - - - 19 3
sett. 2001-2002 Italia Roma A 31 1 CI 4 2 UCL 4 1 - - - 39 3
2002-2003 A 29 1 CI 6 0 UCL 11 0 - - - 46 1
2003-2004 A 24 2 CI 2 0 CU 3 0 - - - 29 2
2004-2005 A 26 0 CI 4 0 UCL 3 0 - - - 33 0
2005-2006 A 36 3 CI 6 0 CU 9 2 - - - 51 5
2006-2007 A 34 5 CI 6 2 UCL 9 1 SI 1 0 50 8
2007-2008 A 27 5 CI 5 0 UCL 6 1 SI 1 0 39 6
2008-2009 A 22 3 CI 1 0 UCL 5 2 SI 0 0 28 5
Totale Roma 229 20 34 4 50 7 2 0 316 31
2009-feb. 2010 Italia Parma A 19 1 CI 1 0 - - - - - - 20 1
Totale carriera 489 40 61 4 99 13 10 0 659 57

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Italia Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
07/09/1994 Maribor Slovenia Slovenia 1 – 1 Italia Italia Qual. Euro 1996 -
08/10/1994 Tallinn Estonia Estonia 0 – 2 Italia Italia Qual. Euro 1996 1
16/11/1994 Palermo Italia Italia 1 – 2 Croazia Croazia Qual. Euro 1996 -
09/10/1996 Perugia Italia Italia 1 – 0 Georgia Georgia Qual. Mondiali 1998 -
30/04/1997 Napoli Italia Italia 3 – 0 Polonia Polonia Qual. Mondiali 1998 -
08/06/1997 Lione Italia Italia 3 – 3 Brasile Brasile Torneo di Francia -
11/06/1997 Parigi Italia Italia 2 – 2 Francia Francia Torneo di Francia -
05/09/1998 Liverpool Galles Galles 0 – 2 Italia Italia Qual. Euro 2000 -
10/10/1998 Udine Italia Italia 2 – 0 Svizzera Svizzera Qual. Euro 2000 -
18/11/1998 Salerno Italia Italia 2 – 2 Spagna Spagna Amichevole -
16/12/1998 Roma Italia Italia 6 – 2 World Stars World Stars Amichevole -
10/02/1999 Pisa Italia Italia 0 – 0 Norvegia Norvegia Amichevole -
27/03/1999 Copenaghen Danimarca Danimarca 1 – 2 Italia Italia Qual. Euro 2000 -
31/03/1999 Ancona Italia Italia 1 – 1 Bielorussia Bielorussia Qual. Euro 2000 -
28/04/1999 Zagabria Croazia Croazia 0 – 0 Italia Italia Amichevole -
05/06/1999 Bologna Italia Italia 4 – 0 Galles Galles Qual. Euro 2000 -
09/06/1999 Losanna Svizzera Svizzera 0 – 0 Italia Italia Qual. Euro 2000 -
08/09/1999 Napoli Italia Italia 2 – 3 Danimarca Danimarca Qual. Euro 2000 -
09/10/1999 Minsk Bielorussia Bielorussia 0 – 0 Italia Italia Qual. Euro 2000 -
13/11/1999 Lecce Italia Italia 1 – 3 Belgio Belgio Amichevole -
23/02/2000 Palermo Italia Italia 1 – 0 Svezia Svezia Amichevole -
27/03/2002 Leeds Inghilterra Inghilterra 1 – 2 Italia Italia Amichevole -
17/04/2002 Milano Italia Italia 1 – 1 Uruguay Uruguay Amichevole 1
18/05/2002 Praga Rep. Ceca Rep. Ceca 1 – 0 Italia Italia Amichevole -
03/06/2002 Sapporo Italia Italia 2 – 0 Ecuador Ecuador Mondiali 2002 - 1º turno -
08/06/2002 Kashima Italia Italia 1 – 2 Croazia Croazia Mondiali 2002 - 1º Turno -
13/06/2002 Ōita Italia Italia 1 – 1 Messico Messico Mondiali 2002 - 1º turno -
18/06/2002 Daejeon Italia Italia 1 – 2 gg Corea del Sud Corea del Sud Mondiali 2002 - Ottavi -
21/08/2002 Trieste Italia Italia 0 – 1 Slovenia Slovenia Amichevole -
07/09/2002 Baku Azerbaigian Azerbaigian 0 – 2 Italia Italia Qual. Euro 2004 -
12/10/2002 Napoli Italia Italia 1 – 1 Serbia e Montenegro Serbia e Montenegro Qual. Euro 2004 -
16/10/2002 Cardiff Galles Galles 2 – 1 Italia Italia Qual. Euro 2004 -
12/02/2003 Genova Italia Italia 1 – 0 Portogallo Portogallo Amichevole -
29/03/2003 Palermo Italia Italia 2 – 0 Finlandia Finlandia Qual. Euro 2004 -
30/04/2003 Ginevra Svizzera Svizzera 1 – 2 Italia Italia Amichevole -
11/06/2003 Helsinki Finlandia Finlandia 0 – 2 Italia Italia Qual. Euro 2004 -
20/08/2003 Stoccarda Germania Germania 0 – 1 Italia Italia Amichevole -
06/09/2003 Milano Italia Italia 4 – 0 Galles Galles Qual. Euro 2004 -
10/09/2003 Belgrado Serbia e Montenegro Serbia e Montenegro 1 – 1 Italia Italia Qual. Euro 2004 -
12/11/2003 Varsavia Polonia Polonia 3 – 1 Italia Italia Amichevole -
16/11/2003 Ancona Italia Italia 1 – 0 Romania Romania Amichevole -
18/02/2004 Palermo Italia Italia 2 – 2 Rep. Ceca Rep. Ceca Amichevole -
31/03/2004 Braga Portogallo Portogallo 1 – 2 Italia Italia Amichevole -
28/04/2004 Genova Italia Italia 1 – 1 Spagna Spagna Amichevole -
30/05/2004 Tunisi Tunisia Tunisia 0 – 4 Italia Italia Amichevole -
14/06/2004 Guimarães Danimarca Danimarca 0 – 0 Italia Italia Euro 2004 - 1º turno -
18/06/2004 Oporto Italia Italia 1 – 1 Svezia Svezia Euro 2004 - 1º turno -
22/06/2004 Guimarães Italia Italia 2 – 1 Bulgaria Bulgaria Euro 2004 - 1º turno -
12/09/2007 Kiev Ucraina Ucraina 1 – 2 Italia Italia Qual. Euro 2008 -
13/10/2007 Genova Italia Italia 2 – 0 Georgia Georgia Qual. Euro 2008 -
17/11/2007 Glasgow Scozia Scozia 1 – 2 Italia Italia Qual. Euro 2008 1
26/03/2008 Elche Spagna Spagna 1 – 0 Italia Italia Amichevole -
30/05/2008 Firenze Italia Italia 3 – 1 Belgio Belgio Amichevole -
09/06/2008 Berna Paesi Bassi Paesi Bassi 3 – 0 Italia Italia Euro 2008 - 1º turno -
13/06/2008 Zurigo Italia Italia 1 – 1 Romania Romania Euro 2008 - 1º turno 1
17/06/2008 Zurigo Francia Francia 0 – 2 Italia Italia Euro 2008 - 1º turno -
22/06/2008 Vienna Spagna Spagna 0 – 0 dts
(4-2 dcr)
Italia Italia Euro 2008 - Quarti -
Totale Presenze (32º posto) 57 Reti 4

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 21 novembre 2015.

Stagione Squadra Piazzamento Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P
2014-2015 Italia Livorno subentrato, 9° B 11 2 6 3 CI - - - - - - - - - - - - - - 11 2 6 3
2015-2016 esonerato, subentrato B 14 6 3 5 CI 2 1 0 1 - - - - - - - - - - 16 7 3 6
Totale carriera 25 8 9 8 2 1 0 1 - - - - - - - - 27 9 9 9

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Milan: 1993, 1994
Roma: 2007
Milan: 1993-1994, 1995-1996
Real Madrid: 1996-1997
Real Madrid: 1997
Chelsea: 2000
Roma: 2006-2007, 2007-2008
Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]
Milan: 1993-1994
Real Madrid: 1997-1998
Milan: 1994
Real Madrid: 1998

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1994

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mattia Chiusano, Panucci: 'Ora siamo più forti', in la Repubblica, 27 novembre 2007.
  2. ^ a b Profilo su Rai.it
  3. ^ Panucci al Milan, affare fatto la Roma su Balbo, repubblica.it, 18 giugno 1993.
  4. ^ Fonseca alle stelle il Milan si ritira, repubblica.it, 19 giugno 1993.
  5. ^ Panucci: "Sacchi sta distruggendo il Milan", in Corriere della Sera, 4 febbraio 1997, p. 36. URL consultato il 14 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il ).
  6. ^ Fuori uno, Panucci subito al Real, repubblica.it, 9 gennaio 1997.
  7. ^ Riecco Panucci, rai.it, 1º luglio 1999.
  8. ^ L'Inter a nervi tesi fa infuriare Lippi, in Corriere della Sera, 30 aprile 2000, p. 41. (archiviato dall'url originale il ).
  9. ^ Panucci va al Chelsea Zola, niente Napoli, repubblica.it, 10 agosto 2000.
  10. ^ Panucci accetta il prestito al Chelsea, inter.it, 10 agosto 2000.
  11. ^ Ufficiale: Panucci va in Francia al Monaco, inter.it, 8 gennaio 2001.
  12. ^ Toldo e la Spagna: ora è possibile, gazzetta.it, 9 maggio 2001.
  13. ^ Parma non solo Nakata, gazzetta.it, 6 luglio 2001.
  14. ^ La Roma ha preso Panucci, tuttomercatoweb.com, 11 settembre 2001.
  15. ^ Calcio: Christian Panucci alla roma, accordo fatto, agi.it, 12 settembre 2001.
  16. ^ La Roma ha presentato Panucci: avrà il numero 14, tuttomercatoweb.com, 13 settembre 2001.
  17. ^ Panucci: entro il 30 aprile la Roma lo riscatterà, tuttomercatoweb.com, 21 febbraio 2002.
  18. ^ Roma: riscattato Panucci, tuttomercatoweb.com, 28 maggio 2002.
  19. ^ Roma ha riscattato Panucci Brighi rimane alla Juventus, iltirreno.it, 1º giugno 2002.
  20. ^ Calcio: firmato contratto, Panucci alla roma per 5 anni, agi.it, 4 luglio 2002.
  21. ^ Roma spettacolo, l'Inter travolta Finisce 6-2 la finale di andata, La Repubblica.
  22. ^ Festa rovinata in casa Roma: Panucci non accetta la panchina e va a sedersi in tribuna, Goal.com.
  23. ^ Tra voci e illazioni, arriva la conferma di Panucci, il diretto interessato: "Vado via dalla Roma, non mi sento rispettato", Goal.com.
  24. ^ La lista Champions è l'elenco dei giocatori che possono essere schierati in campo nelle competizioni internazionali.
  25. ^ Panucci chiede scusa alla Roma News-roma.com
  26. ^ Colpo Parma: preso Panucci Bojinov: "Il mio posto è qui", gazzetta.it, 30 luglio 2009.
  27. ^ Parma-Panucci, rescissione consensuale del contratto Repubblica.it
  28. ^ Panucci, annunciato l'addio al calcio giocato, tuttomercatoweb.com, 22 agosto 2010.
  29. ^ Azzurri, Panucci contro Lippi: "Non mi chiama solo per antipatia", in Repubblica.it, 29 marzo 2006.
  30. ^ Vittoria in Scozia, Italia qualificata Lastampa.it
  31. ^ La rivincita del romanista dimenticato «Mio figlio adesso sa perché ero fuori», su ilgiornale.it sport, 19 novembre 2007. URL consultato il 5 marzo 2015.
  32. ^ Panucci: "Un'avventura esaltante" Gazzetta.it
  33. ^ Dimissioni di Panucci Palermocalcio.it
  34. ^ Russia, con Capello anche Tancredi e Panucci Corrieredellosport.it
  35. ^ Caos Russia, Panucci "abbandona" Capello Sportstadio.it
  36. ^ Livorno, panchina a Panucci. Sostituisce Gelain, sky.it, 17 marzo 2015.
  37. ^ UFFICIALE: Livorno, Panucci confermato per la prossima stagione, tuttomercatoweb.com, 4 giugno 2015.
  38. ^ Ufficiale: Livorno, esonerato Panucci. Arriva Bortolo Mutti, tuttomercatoweb.com, 25 novembre 2015.
  39. ^ Livorno via Mutti torna Panucci, gazzetta.it, 27 gennaio 2016.
  40. ^ Telecamere negli spogliatoi e Panucci, le novità di Sky, repubblica.it, 24 agosto 2010.
  41. ^ Ballando con le Stelle 2011 - Gedeon Burkhard sesto, Christian Panucci quinto Tvblog.it
  42. ^ Paolo Di Canio e Christian Panucci nuovi talent Fox Sports, digital-sat.it, 22 agosto 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]