Lorenzo Maggioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lorenzo Maggioni
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Federazione Italia Italia
Sezione Lecco
Altezza 187 cm
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
2010-2014
2014-2018
2018-
Serie D
Lega Pro
Serie B
Arbitro
Arbitro
Arbitro

Lorenzo Maggioni (Merate, 12 marzo 1984) è un arbitro di calcio italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Appartiene alla sezione di Lecco dell'Associazione Italiana Arbitri.

Inizia la sua carriera nella stagione 2002-2003. Dopo la trafila nelle serie minori, nella stagione 2009-2010 approda alla CAI (Commissione Arbitri Interregionale) e in quella successiva in CAN D (Commissione Arbitri Nazionale di Serie D) dove rimane 4 anni. Nell'estate 2014 viene promosso nell'organico arbitrale della CAN PRO dall'allora designatore Carlo Pacifici.

L'esordio in Lega Pro avviene il 15 agosto 2014 nella gara di Coppa Italia tra Pordenone e Real Vicenza ed in campionato il 7 settembre 2014 nella gara Pro Piacenza-Forlì (3-0). L'ultima direzione in Serie C risale alla Semifinale Playoff di ritorno tra Catania e Siena del 10 giugno 2018, vinta dal club toscano ai tiri di rigore. Dopo 4 anni in Serie C e 68 direzioni ufficiali in terza serie, il 30 giugno 2018 viene promosso[1] in CAN B dal designatore Antonio Giannoccaro.

L'esordio assoluto nel Campionato Cadetto avviene il 2 settembre 2018 allo stadio Adriatico nella partita Pescara-Livorno (2-1) dopo aver già diretto il 5 agosto 2018 Cremonese-Pisa in Tim Cup.

Al suo primo anno e dopo 11 direzioni ufficiali in Serie B, il 4 aprile 2019 esordisce in Serie A nella gara tra Sassuolo e Chievo (4-0) valevole per l'11ª giornata di ritorno[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Beniamino Valeriano, L'arbitro Lorenzo Maggioni della Sezione AIA di Lecco è promosso in serie B, in Merate Online, 1º luglio 2018.
  2. ^ La Provincia di Lecco, Uno storico debutto in serie A Maggioni arbitra a Sassuolo, in La Provincia di Lecco (Lecco), 3 aprile 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]