Gonzalo Barreto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gonzalo Barreto Mastropierro
Nazionalità Uruguay Uruguay
Altezza 174 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Sportivo Luqueño
Carriera
Giovanili
1997-2009Danubio
2010-2013Lazio
Squadre di club1
2009Danubio1 (0)
2010-2014Lazio0 (0)
2015-2017Danubio45 (10)
2017-2018Univ. de Concepción20 (1)
2018-Sportivo Luqueño21 (4)
Nazionale
2007Uruguay Uruguay U-156 (2)
2009Uruguay Uruguay U-179 (4)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 26 agosto 2018

Gonzalo Barreto Mastropierro (Treinta y Tres, 22 gennaio 1992) è un calciatore uruguaiano, attaccante dello Sportivo Luqueño.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 luglio 2010 perde la madre, poiché viene uccisa con diverse coltellate dal suo convivente, un camionista di 51 anni che frequentava da poco tempo.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Danubio[modifica | modifica wikitesto]

Cresce a livello calcistico nel club uruguaiano del Danubio dove nel 2009, all'età di 17 anni, ottiene il suo esordio professionistico; scende in campo il 23 agosto in occasione della trasferta vinta, per 1-2, contro il Tacuarembó andando a sostituire il compagno di squadra Hamilton Ricard al minuto 78.[2]

Lazio[modifica | modifica wikitesto]

Il 4 settembre 2009 firma un contratto quinquennale con la società italiana della Lazio che sborsa una cifra vicina agli 1,8 milioni di euro per averlo.[3] Il contratto firmato dal giocatore viene poi depositato al compimento del suo 18º compleanno e ciò gli permette di vestire ufficialmente la maglia della sua nuova squadra.[4] Per la sua giovane età viene aggregato inizialmente con la squadra Primavera della società.

Nella stagione 2012-2013, dopo essersi rifiutato di passare in prestito alla Salernitana, militante in Lega Pro Seconda Divisione, la società romana decide di mettere fuori rosa l'attaccante fino alla conclusione del contratto ossia il 1º luglio 2014.[5]

Il ritorno al Danubio e il prestito all'Univ. Concepción[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essere rimasto fermo per più di una stagione, il 16 gennaio 2015 torna in patria per firmare con il Danubio, il club che nel 2009 lo aveva lanciato nel calcio professionistico. Il suo "secondo esordio" con la maglia del Danubio arriva il 15 febbraio successivo in occasione della trasferta vinta, per 0-1, contro il Racing subentrando a Bruno Fornaroli.[6] Tre giorni più tardi gioca anche la sua prima partita in Coppa Libertadores dove mette a segno la marcatura finale della partita, contro i brasiliani del Corinthians, che viene però persa per 1-2.[7] Il 22 marzo 2015 arriva anche il gol in campionato aprendo le marcature della partita vinta, per 2-1, contro il Nacional.[8] Conclude la stagione con un bottino di 12 presenze e 3 reti.

Il 1º novembre 2015, in occasione della vittoria casalinga, per 4-0, contro il Liverpool mette a segno la sua prima doppietta da professionista mettendo a segno le prime due marcature della partita.

Il 31 gennaio 2017 passa, a titolo temporaneo, ai cileni dell'Univ. de Concepción.[9] L'esordio arriva il 7 marzo successivo in occasione del pareggio esterno, per 1-1, contro l'O'Higgins. Il 14 maggio 2017 invece arriva la prima marcatura con indosso la nuova maglia in occasione della trasferta vinta, per 0-3, contro l'Audax Italiano.

Sportivo Luqueño[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 gennaio 2018 passa, a titolo gratuito, ai paraguaiani dello Sportivo Luqueño. L'esordio arriva il 3 febbraio successivo in occasione del pareggio interno, per 2-2, contro il Libertad. Il 13 maggio mette a segno la sua prima rete con la maglia dei paraguaiani in occasione della trasferta vinta, per 0-2, contro il Nacional.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 26 agosto 2018.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
ago. 2009 Uruguay Danubio PD 1 0 - - - CL 0 0 - - - 1 0
gen.-giu. 2010 Italia Lazio A 0 0 CI 0 0 UEL 0 0 SI 0 0 0 0
2010-2011 A 0 0 CI 0 0 - - - - - - 0 0
2011-2012 A 0 0 CI 0 0 UEL 0 0 - - - 0 0
2012-2013 A 0 0 CI 0 0 UEL 0 0 - - - 0 0
2013-2014 A 0 0 CI 0 0 UEL 0 0 SI 0 0 0 0
Totale Lazio - - - - - - - - - -
gen.-giu. 2015 Uruguay Danubio PD 10 2 - - - CS+CL 0+2 0+1 - - - 12 3
2015-2016 PD 28 7 - - - CS 0 0 - - - 28 7
2016 PD 7 1 - - - - - - - - - 7 1
Totale Danubio 46 10 - - 2 1 - - 48 11
gen.-giu. 2017 Cile Univ. de Concepción PD 11 1 CC 0 0 CS 0 0 - - - 11 1
2017 PD 9 0 CC 0 0 - - - - - - 9 0
Totale Univ. Concepción 20 1 - - - - - - 20 1
2018 Paraguay Sportivo Luqueño PD 21 4 - - - CS 1 0 - - - 22 4
Totale carriera 87 15 - - 3 1 - - 90 16

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Lazio: 2012-2013

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dramma per il laziale Barreto! La mamma è stata assassinata, gazzetta.it, 21 luglio 2010. URL consultato il 28 giugno 2015.
  2. ^ Tacuarembó vs. Danubio, soccerway.com, 23 agosto 2009. URL consultato il 28 giugno 2015.
  3. ^ Barreto: visite mediche effettuate, tornerà a novembre, lalaziosiamonoi.com, 4 settembre 2009. URL consultato il 28 giugno 2015.
  4. ^ Depositati in Lega i contratti di Barreto e Golasa, lalaziosiamonoi.com, 1º febbraio 2010. URL consultato il 28 giugno 2015.
  5. ^ ESCLUSIVA – Gonzalo Barreto si racconta: ”Alla Lazio non ho mai avuto un’opportunità. Il Danubio? Decisione di cuore. Su Cataldi…”, laziopress.it, 2 giugno 2015. URL consultato il 28 giugno 2015.
  6. ^ Racing vs. Danubio, soccerway.com, 15 febbraio 2015. URL consultato il 28 giugno 2015.
  7. ^ Danubio vs. Corinthians, soccerway.com, 18 febbraio 2015. URL consultato il 28 giugno 2015.
  8. ^ Danubio vs. Nacional, soccerway.com, 22 marzo 2015. URL consultato il 28 giugno 2015.
  9. ^ Gonzalo Barreto, a un paso del Campanil, latercera.com, 19 gennaio 2017. URL consultato il 12 febbraio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]