Società Podistica Lazio 1914-1915

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Società Sportiva Lazio.

Società Podistica Lazio
Lazio 1914-15.jpg
Una formazione della Lazio 1914-15.
Stagione 1914-1915
AllenatoreItalia Guido Baccani
PresidenteItalia Fortunato Ballerini
Prima Categoria1º posto nel girone di semifinale [1]
StadioStadio della Rondinella

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti la Società Podistica Lazio nella stagione 1914-1915.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

La Lazio nella stagione 1914-1915 partecipò al campionato di Prima Categoria. Si classificò al secondo posto del Girone Laziale del torneo Centro-meridionale, con 15 punti dietro al Roman. Entrambe le squadre romane si qualificarono al Girone Finale dell'Italia centrale, a cui approdarono anche le due squadre prime classificate del Girone Toscano: il Pisa e il Lucca. La Lazio, quando venne sospeso il campionato a causa dello scoppio della Prima guerra mondiale, aveva già ottenuto il primo posto nel girone finale e si era laureata Campione dell'Italia centrale, con conseguente accesso alla finale centro-meridionale. Tale incontro, tuttavia, non si disputò a causa del mancato completamento del torneo dell'Italia Meridionale tra Internazionale Napoli e Naples (uniche iscritte), la vincente delle quali avrebbe dovuto affrontare proprio le Aquile. I risultati delle partite del 16 e del 23 maggio (Internazionale-Naples 3-0 e Naples-Internazionale 4-1), ripetute dopo l'annullamento dei precedenti match per alcune irregolarità di tesseramento, avrebbero determinato la necessità di uno spareggio laddove ufficialmente omologate. Tale omologazione risulta alquanto dubbia, ma lo spareggio non si sarebbe comunque disputato poiché il campionato venne sospeso in seguito all'entrata dell'Italia nella prima guerra mondiale.[2]

Il Genoa, all'epoca dei fatti al primo posto del girone settentrionale ma con una gara ancora da disputare, fu quindi decretato Campione d'Italia con una delibera emanata dopo la Grande Guerra (a tutt'oggi irreperibile), senza tener conto dell'analoga situazione della Lazio nel torneo del Centro-sud. In virtù di ciò, l'avvocato romano Gian Luca Mignogna, in rappresentanza della tifoseria laziale, ha presentato nel 2016 una petizione e alcuni dossier alla FIGC per richiedere l'assegnazione del titolo 1914-1915 ex aequo a Lazio e Genoa, sull'assunto che di fatto i capitolini furono Campioni dell'Italia Centro-meridionale ed unici qualificati alla finalissima nazionale.[3]

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
Italia P Remo Forlivesi
Italia P Gino Rossini
Italia P Clemente Serventi
Italia D Renato Amici
Italia D Mario Levi II
Italia D Carlo Maranghi
Italia D Giovanni Terrile
Italia D Attilio Zoppi II
Italia C De Gubertinis
Italia C Vincenzo Di Napoli I
Italia C Leonardo Luigi Di Napoli II
Italia C Gino Donati
Italia C Augusto Faccani
Italia C Fioranti II [4]
N. Ruolo Giocatore
Italia C Tizzoni
Italia C Angelo Zucchi II
Italia A Camillo Bona
Italia A Alfredo Cella I
Italia A Marcello Consiglio
Italia A Amedeo Coraggio
Italia A Corrado Corelli I
Italia A Giuseppe Fioranti I (capitano)
Italia A Furia
Italia A Renato Grasselli
Italia A Mario Raffo
Italia A Fernando Saraceni I
Italia A Luigi Riccardi [4]
Italia A Ezio Zoppi I [4]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Campionato di Prima Categoria[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Prima Categoria 1914-1915.

Girone Laziale[modifica | modifica wikitesto]

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]
Roma
1º novembre 1914
1ª giornata
Lazio3 – 2Audace RomaCampo della Rondinella
Arbitro:  Bellucci (Roma)

Roma
8 novembre 1914
2ª giornata
Pro Roma1 – 8LazioCampo della Piramide
Arbitro:  Volpi (Roma)

Roma
15 novembre 1914
3ª giornata
Lazio5 – 0Juventus RomaCampo della Rondinella
Arbitro:  Terzolo (Milano)

Roma
22 novembre 1914
4ª giornata
Lazio2 – 5RomanCampo della Rondinella
Arbitro:  Valvassori (Torino)

Roma
29 novembre 1914
5ª giornata
Fortitudo0 – 4LazioCampo dell’Olmo
Arbitro:  Volpi (Roma)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]
Roma
13 dicembre 1914
7ª giornata
Lazio5 – 2Pro RomaCampo della Rondinella
Arbitro:  Volpi (Roma)

Roma
20 dicembre 1914
8ª giornata
Juventus Roma1 – 1LazioStadio Nazionale
Arbitro:  Armano (Torino)

Roma
3 gennaio 1915
9ª giornata
Roman0 – 4LazioCampo due Pini
Arbitro:  Scamoni (Torino)

Roma
28 febbraio 1914
6ª giornata
Audace Roma3 – 0LazioCampo della Rondinella
Arbitro:  Nicola (Roma)

Roma
21 marzo 1915
10ª giornata
Lazio7 – 0FortitudoCampo due Pini
Arbitro:  Bellucci (Roma)

Semifinali Italia Centrale[modifica | modifica wikitesto]

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]
Pisa
11 aprile 1915
1ª giornata
Pisa4 – 0LazioCampo dell'Abetone
Arbitro:  Luciani (Livorno)

Roma
18 aprile 1915
2ª giornata
Lazio2 – 1RomanCampo della Rondinella
Arbitro:  Scamoni (Torino)

Lucca
25 aprile 1915
3ª giornata
Lucca1 – 2LazioCampo di Sant'Anna
Arbitro:  Meani (Livorno)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]
Roma
2 maggio 1915
4ª giornata
Lazio4 – 2PisaCampo della Rondinella
Arbitro:  Bellucci (Roma)

Roma
9 maggio 1915
5ª giornata
Roman1 – 5LazioCampo due Pini
Arbitro:  Bellucci (Roma)

Roma
23 maggio 1915
6ª giornata
Lazio2 – 0
A tavolino[5]
Lucca

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ al momento della sospensione del torneo
  2. ^ Cfr. i relativi articoli pubblicati su La Gazzetta dello Sport e Il Mattino del 17 maggio 1915, nonché su Il Mattino e il Corriere di Napoli del 24/25 maggio 1915.
  3. ^ Lazio Campione d'Italia 1915: dopo un secolo, l'albo d'oro può cambiare, in La Gazzetta dello Sport, 20 luglio 2016.
  4. ^ a b c Giovani aggregati dalla squadra Riserve
  5. ^ per rinuncia.