Jonathan de Guzmán

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jonathan de Guzmán
Jonathan de Guzman 001.jpg
Nome Jonathan Alexander de Guzmán
Nazionalità Paesi Bassi Paesi Bassi Giamaica Giamaica Canada Canada
Altezza 173 cm
Peso 70 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Squadra Carpi
Carriera
Giovanili
1999-2005 Feyenoord
Squadre di club1
2005-2010 Feyenoord 109 (23)
2010-2011 Maiorca 34 (6)
2011-2012 Villarreal 19 (0)
2012-2014 Swansea City 71 (9)
2014-2016 Napoli 23 (3)
2016- Carpi 5 (1)
Nazionale
2008 Paesi Bassi Paesi Bassi U-21 11 (6)
2008 Paesi Bassi Paesi Bassi olimpica 4 (0)
2013- Paesi Bassi Paesi Bassi 14 (0)
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Bronzo Brasile 2014
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 1° maggio 2016

Jonathan Alexander de Guzmán (Toronto, 13 settembre 1987) è un calciatore canadese naturalizzato olandese, centrocampista del Carpi, in prestito dal Napoli, e della Nazionale olandese.

Nato da madre giamaicana e padre filippino,[1] è il fratello minore di Julián de Guzmán, stella della Nazionale canadese.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

È un giocatore versatile e tatticamente duttile, destro naturale, che può giocare come centrocampista centrale, trequartista o esterno offensivo ed è in grado di disimpegnarsi anche in compiti difensivi. Dotato di ottima tecnica, abilità a impostare il gioco e di buone capacità di inserimento senza palla, è anche un tiratore di calci piazzati.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Jonathan de Guzmán inizia la sua carriera in Canada con il North Scarborough SC. Per migliorare, de Guzmán si allena sei volte a settimana e gioca per tre squadre diverse, tra cui la squadra del fratello maggiore. Quando il fratello lascia il Canada per andare in Francia nel settore giovanile dell'Olympique Marsiglia, anche Jonathan decide di venire in Europa, così all'età di 12 anni, due anni dopo che suo fratello era andato in Francia, entra nel settore giovanile del Feyenoord[3].

Feyenoord (2005-2010)[modifica | modifica wikitesto]

La crescita (2005-2006)[modifica | modifica wikitesto]

A de Guzmán non viene permesso di giocare per la prima squadra del Feyenoord fino al compimento dei diciotto anni. Il 15 settembre 2005, tre giorni dopo il suo diciottesimo compleanno, fa parte della prima squadra per la prima volta nella partita di Coppa UEFA contro il Rapid Bucarest finita 1-1, nella quale non scende in campo[4]. Tre giorni dopo, il 18 settembre de Guzmán fa il suo debutto ufficiale in Eredivisie, entrando in campo al posto di Hossam Ghaly al minuto 87 nella partita casalinga contro l'SC Heerenveen[5]. Il 30 settembre segna il suo primo gol nella vittoria in casa del Willem II[6]. Dopo il suo debutto de Guzmán diventa in breve tempo un titolare. L'11 dicembre 2005 riceve molti elogi dall'ex giocatore del Barcellona Philip Cocu dopo la vittoria per 1-0 contro il PSV Eindhoven[7]. Termina la stagione 2005-06 con 4 gol in 29 partite. Il 29 dicembre 2005 firma un contratto che lo lega al Feyenoord fino all'estate del 2010, quando il precedente scadeva nel 2008[8].

Le prime difficoltà (2006-2008)[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio della stagione 2006-2007 il Feyenoord vende alcuni dei suoi giocatori di punta come Dirk Kuyt al Liverpool e Salomon Kalou al Chelsea, riponendo grandi aspettative per de Guzmán, che sembra pronto per fare il prossimo passo nel suo sviluppo[9]. Il Feyenoord termina il campionato al settimo posto, e il giocatore finisce la stagione con un cartellino rosso nella partita contro il FC Groningen nei play-off[10]. Per la prima volta da sedici anni il Feyenoord rimane fuori dalle competizioni europee. A fine stagione de Guzmán riconosce che c'era troppa pressione su di lui: «avevo solo 19 anni, non potevo dire a tutti cosa fare. La stagione è stata davvero deludente. Non sono migliorato come giocatore di calcio, ma sono cresciuto mentalmente a causa di tutti i problemi avuti. Personalmente la stagione è stata davvero molto dura»[9].

Jonathan de Guzmán dopo il primo allenamento del Feyenoord nella stagione 2007–2008

Nella stagione 2007-2008 la pressione su de Guzmán si dissolve, tuttavia non è troppo felice della sua nuova posizione all'interno della squadra. Il nuovo allenatore Bert van Marwijk lo posiziona a destra in un 4-2-3-1[11]. A fine stagione totalizza 9 gol in 33 partite.

Infortuni (2008-2010)[modifica | modifica wikitesto]

La stagione 2008-09 è disastrosa per de Guzmán. Infatti il giocatore aveva un accordo personale con il Manchester City, tuttavia il Feyenoord si è opposto a questo trasferimento:

« "Ero veramente sicuro di lasciare Rotterdam, ma ciò non è accaduto a causa del Feyenoord, avevo già detto di si e pensavo che il prezzo del trasferimento fosse giusto (10.000.000 €), ma i club non hanno raggiunto un accordo e poco più tardi il City ha raggiunto un accordo con un altro giocatore, Shaun Wright-Phillips[12]." »

Rimasto al Feyenoord, riceve un cartellino rosso alla prima giornata, il 31 agosto 2008, per una gomitata in una partita contro l'Heracles Almelo, con conseguente squalifica per quattro giornate[13]. Poco tempo dopo de Guzmán comincia a manifestare vari problemi fisici. I problemi cominciano all'inguine, alle cosce e al ginocchio e si aggravano fino a costringerlo ad un intervento al menisco nel gennaio 2009[14]. L'operazione tiene fuori il giocatore fino alla fine della stagione, terminata con sole due partite giocate.

Fa il suo ritorno in campo in un'amichevole pre-campionato contro lo Sporting Lisbona, segnando il gol del momentaneo pareggio[15]. A causa del suo contratto in scadenza il Feyenoord si dichiara pronto a cederlo. Tuttavia il nuovo allenatore del Feyenoord Mario Been lo convince a rimanere. Infatti egli dichiara che de Guzmán è un giocatore importante per la squadra e di essere disposto a farlo giocare nella sua posizione preferita da playmaker centrale[12]. Nonostante gli interessamenti di Chelsea[16] e Valencia[17] de Guzmán rimane al Feyenoord. Dopo un promettente inizio di stagione con tre gol in nove partite il 3 ottobre 2009 è costretto ad uscire dal campo al minuto 46 della partita vinta per 3-0 contro l'RKC Waalwijk. La prognosi è di uno strappo della cartilagine del ginocchio destro, il giocatore viene operato e sta fuori per oltre due mesi[18]. Fa il suo ritorno dopo la pausa invernale, ma dopo aver giocato quattro partite, si infortunia di nuovo, stavolta al ginocchio sinistro[19], e torna in campo solo nell'ultima partita stagionale, la finale di KNVB beker contro l'Ajax persa per 1-4 il 6 maggio 2010. Poco dopo lascia il club a parametro zero: «Per me personalmente è bello essere in forma e essere riuscito a giocare un tempo della finale, ma il risultato è stato molto deludente ed è stato molto triste lasciare in questo modo il club[20]

Maiorca e Villarreal[modifica | modifica wikitesto]

Molte squadre tra cui Espanyol e Villarreal si sono interessate a de Guzmán, tuttavia il giocatore sembrava sul punto di accettare l'offerta del Newcastle neopromosso in Premier League[21]. Invece il 27 luglio de Guzmán firma un triennale con il Maiorca, citando la fiducia riposta in lui dal proprietario del club Lorenzo Serra Ferrer e dell'allenatore Michael Laudrup e nonostante l'esclusione dall'Europa League 2010-11 a causa di problemi finanziari[22]. Il 29 agosto 2010 fa il suo esordio in Liga nel pareggio per 0-0 contro il Real Madrid e tre settimane dopo realizza il suo primo gol nella vittoria casalinga per 2-0 contro l'Osasuna.

Il 31 agosto 2011 viene ufficializzato il suo trasferimento al Villarreal per 8,5 milioni di euro.[23] Il 14 settembre 2011 fa il suo esordio in Champions League nella partita persa per 2-0 contro il Bayern Monaco e, sempre contro i tedeschi, il 22 novembre 2011 mette a segno la sua prima rete in Champions League nella partita di ritorno persa 3-1 nella penultima giornata della fase a gironi della competizione.

Swansea[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 giugno 2012 viene ufficializzato il suo trasferimento allo Swansea City in prestito, in cui ritroverà il suo ex allenatore Michael Laudrup. Fa il suo debutto nella vittoria per 5-0 contro il Queens Park Rangers e segna il suo primo gol nella vittoria ad Anfield contro il Liverpool nella Football League Cup. La prima rete in campionato arriva il 17 novembre contro il Newcastle. Il 24 febbraio realizza una doppietta nella vittoria per 5-0 contro il Bradford City nella finale di Football League Cup 2012-2013 vincendo così il trofeo per la prima volta nella storia del club. A fine stagione il suo gol contro lo Stoke City realizzato il 19 gennaio viene premiato come il più bello della stagione per la sua squadra.[24] Il 29 giugno 2013 ha accettato di tornare in prestito alla squadra gallese[25] e il 19 settembre realizza il suo primo gol (con un calcio di punizione dai 27 metri) in Europa League nella vittoria per 3-0 contro il Valencia nella fase a gironi della competizione. Conclude l'esperienza inglese con 15 gol in 93 presenze totali.

Napoli e il prestito al Carpi[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 agosto 2014 passa a titolo definitivo al Napoli[26] per sei milioni di euro, firmando un contratto quadriennale da due milioni di euro a stagione.[27]

Non potendo essere schierato nel preliminare di Champions League, esordisce il 31 agosto seguente alla prima di campionato sul campo del Genoa, nella quale subentra a Marek Hamšík e realizza al 95' il gol del definitivo 2-1 per il Napoli.[28] Il 6 novembre 2014, segna una tripletta nella vittoria per 3-0 al San Paolo contro gli svizzeri dello Young Boys, valevole per la fase a gruppi dell'Europa League. Il 22 dicembre vince il suo primo trofeo con la maglia azzurra, la Supercoppa Italiana ai danni della Juventus. Nella prima stagione italiana colleziona 36 presenze e 7 reti tra campionato e coppe.

Nella stagione seguente, fuori dai piani tecnici del nuovo tecnico Maurizio Sarri, non colleziona alcuna presenza in prima squadra. Nel mercato invernale, il 28 gennaio, passa in prestito al Carpi.[29] All'esordio con la maglia del Carpi segna la sua prima rete su rigore il 13 marzo nel big match salvezza contro il Frosinone[30]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Jonathan de Guzmán durante un allenamento con la Nazionale U-21 olandese

Jonathan de Guzmán si rende disponibile per la Nazionale olandese nel febbraio del 2008 immediatamente dopo aver ricevuto la cittadinanza, per la quale aveva fatto richiesta l'anno precedente. Il fratello Julián gioca per la Nazionale canadese.

Il 26 marzo 2008 debutta con la Nazionale Under-21 olandese in una partita contro l'Estonia, valida per le qualificazioni al campionato europeo U-21, nella quale realizza due gol e fornisce un assist. Con la Nazionale olimpica olandese partecipa anche alle Olimpiadi del 2008[31], dove colleziona quattro presenze con l'Olanda che viene eliminata nei quarti di finale dai futuri campioni dell'Argentina.

Con le modifiche al regolamento FIFA per quanto riguarda le Nazionali[32] de Guzmán torna convocabile per la Nazionale canadese, così come per le Nazionali dei paesi dei suoi genitori (la Giamaica e le Filippine), avendo giocato solo per le nazionali giovanili olandesi.

Accetta comunque la convocazione della Nazionale maggiore olandese e il 6 febbraio 2013 esordisce nell'amichevole contro l'Italia. Il 31 maggio 2014 viene incluso da Louis van Gaal nei 23 convocati per il Mondiale 2014 in Brasile. Gioca tre partite, tutte da titolare, compresa la vittoriosa finale per il 3º posto contro i padroni di casa del Brasile.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 1° maggio 2016

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2005-2006 Paesi Bassi Feyenoord ED 29 4 CO 3 0 CU 1 0 - - - 33 4
2006-2007 ED 32 7 CO 2 0 CU 6 1 - - - 40 8
2007-2008 ED 33 9 CO 6 2 - - - - - - 39 11
2008-2009 ED 2 0 CO 0 0 CU 1 0 - - - 3 0
2009-2010 ED 13 3 CO 2 0 - - - - - - 15 3
Totale Feyenoord 109 23 13 2 8 1 130 26
2010-2011 Spagna Mallorca PD 33 5 CR 3 1 - - - - - - 36 6
ago. 2011 PD 1 1 CR 0 0 - - - - - - 1 1
Totale Mallorca 34 6 3 1 - - - - 37 7
ago. 2011-2012 Spagna Villarreal PD 19 0 CR 1 0 UCL 6 1 - - - 26 1
2012-2013 Galles Swansea City PL 37 5 FACup+CdL 2+6 0+3 - - - - - - 45 8
2013-2014 PL 34 4 FACup+CdL 2+1 1+0 UEL 11 2 - - - 48 7
Totale Swansea 71 9 11 4 11 2 - - 93 15
2014-2015 Italia Napoli A 23 3 CI 4 0 UCL+UEL 0+8 4 SI 1 0 36 7
2015-gen. 2016 A 0 0 CI 0 0 UEL 0 0 - - - 0 0
Totale Napoli 23 3 4 0 8 4 1 0 36 7
gen.-giu. 2016 Italia Carpi A 5 1 CI 0 0 - - - - - - 5 1
Totale carriera 261 42 30 7 33 8 1 0 325 57

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Paesi Bassi Paesi Bassi
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
6-2-2013 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 1 Italia Italia Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
22-3-2013 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 3 – 0 Estonia Estonia Qual. Mondiali 2014 - Uscita al 86’ 86’
26-3-2013 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 4 – 0 Romania Romania Qual. Mondiali 2014 - Uscita al 74’ 74’
7-6-2013 Giacarta Indonesia Indonesia 0 – 3 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
11-6-2013 Pechino Cina Cina 0 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
6-9-2013 Tallinn Estonia Estonia 2 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 2014 - Ingresso al 75’ 75’
16-11-2013 Genk Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 2 Giappone Giappone Amichevole - Ingresso al 78’ 78’
19-11-2013 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 2 Colombia Colombia Amichevole - Ingresso al 80’ 80’
17-5-2014 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 1 Ecuador Ecuador Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
31-5-2014 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 0 Ghana Ghana Amichevole -
13-6-2014 Salvador Spagna Spagna 1 – 5 Paesi Bassi Paesi Bassi Mondiali 2014 - Primo turno - Uscita al 62’ 62’
18-6-2014 Porto Alegre Australia Australia 2 – 3 Paesi Bassi Paesi Bassi Mondiali 2014 - Primo turno - Uscita al 78’ 78’
12-7-2014 Brasilia Brasile Brasile 0 – 3 Paesi Bassi Paesi Bassi Mondiali 2014 - Finale 3º posto -
Totale Presenze 13 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Feyenoord: 2007-2008
Swansea: 2012-2013
Napoli: 2014

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Notable Filipino Canadians, Notablefilipinos.com. URL consultato il 15 giugno 2009.
  2. ^ Duttilità e velocità: ecco De Guzman, il centrocampista nel mirino del Napoli…, gianlucadimarzio.com, 17 agosto 2014.
  3. ^ Jonathan De Guzman, in Kameraadjes. URL consultato il 4 ottobre 2009.
  4. ^ Feyenoord – Rapid Boekarest 1–1, in Feyenoord.nl, 15 settembre 2005. URL consultato il 4 ottobre 2009.
  5. ^ Feyenoord – Heerenveen 5–1, in Feyenoord.nl, 18 settembre 2005. URL consultato il 4 ottobre 2009.
  6. ^ Willem II – Feyenoord 1–3, su Feyenoord.nl, 30 settembre 2005. URL consultato il 4 ottobre 2009.
  7. ^ De Guzman catches the eye, in Sky Sports, 12 dicembre 2005. URL consultato il 5 ottobre 2009.
  8. ^ Jonathan de Guzman langer bij Feyenoord, su Feyenoord.nl, 29 dicembre 2005. URL consultato il 4 ottobre 2009.
  9. ^ a b De Guzman: "Voetballend heb ik een jaar stilgestaan", su FCUpdate.nl, 9 luglio 2007. URL consultato il 5 ottobre 2009.
  10. ^ Tiental Feyenoorders houdt schade beperkt, su Feyenoord.nl, 10 maggio 2007. URL consultato il 5 ottobre 2009.
  11. ^ De Guzman aast, net als Feyenoord, op eerherstel, in BN De Stem, 29 luglio 2009. URL consultato il 6 ottobre 2009.
  12. ^ a b De Guzman: Er zat agressie in mijn lijf, in AD, 17 luglio 2009. URL consultato il 6 ottobre 2009.
  13. ^ Valse competitiestart in Almelo: 3–1, su Feyenoord.nl, 31 agosto 2009. URL consultato il 6 ottobre 2009.
  14. ^ De Guzman begin januari onder het mes, su Feyenoord.nl, 26 dicembre 2008. URL consultato il 6 ottobre 2009.
  15. ^ Gedreven Feyenoord verslaat topclub Sporting, su Feyenoord.nl, 18 luglio 2009. URL consultato il 6 ottobre 2009.
  16. ^ Telegraph staff, Chelsea target Jonathan de Guzman, in The Daily Telegraph (London), 27 agosto 2009. URL consultato il 6 ottobre 2009.
  17. ^ Feyenoord's Jonathan De Guzman On Valencia Radar, su Goal.com, 25 agosto 2009. URL consultato il 6 ottobre 2009.
  18. ^ Tegenvaller voor Jonathan de Guzman, su Feyenoord.nl, 8 ottobre 2009. URL consultato il 29 maggio 2010.
  19. ^ Tegenslag voor De Guzman, su Feyenoord.nl, 9 marzo 2010. URL consultato il 29 maggio 2010.
  20. ^ Gemengde gevoelens voor vertrekkende De Guzman, su Feyenoord.nl, 7 maggio 2010. URL consultato il 29 maggio 2010.
  21. ^ Toon to make Jon de new man, in The Sun (England), 8 luglio 2010. URL consultato il 28 luglio 2010.
  22. ^ De Guzman makes Mallorca move, in Sky Sports, 27 luglio 2010. URL consultato il 28 luglio 2010.
  23. ^ Official: Villarreal sign Jonathan de Guzman from Mallorca, in Goal.com (USA), 31 agosto 2011. URL consultato il 31 agosto 2011.
  24. ^ Magic Michu steals the show
  25. ^ De Guzman is back
  26. ^ De Guzman al Napoli, sscnapoli.it, 20 agosto 2014.
  27. ^ I nuovi stranieri della Serie A: Jonathan de Guzmán (Napoli), SpazioCalcio.it, 20 agosto 2014.
  28. ^ Genoa-Napoli 1-2: sblocca Callejon, pareggia Pinilla, De Guzman decide, gazzetta.it, 31 agosto 2014.
  29. ^ Mercato: De Guzman è biancorosso, su carpifc.com, 28 gennaio 2016.
  30. ^ http://www.sportmediaset.mediaset.it/calcio/carpi/serie-a-il-carpi-batte-2-1-il-frosinone-decide-de-guzman-su-rigore_1091783-201602a.shtml.
  31. ^ De Guzman dazzles on debut, su UEFA.com, 26 marzo 2008. URL consultato il 6 ottobre 2009.
  32. ^ International Football - FIFA lift age limit on nation switching, in Euro Sport, 3 giugno 2009. URL consultato il 5 ottobre 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]