Kennedy Bakırcıoğlu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kennedy Bakırcıoğlu
Kennedy Bakircioglu, 2013-04-14.JPG
Nazionalità Svezia Svezia
Altezza 181 cm
Peso 77 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista, attaccante
Squadra Hammarby
Carriera
Giovanili
Assyriska
Squadre di club1
1996-1998 Assyriska 34 (10)
1999-2003 Hammarby 127 (38)
2003-2005 Īraklīs 25 (4)
2005-2007 Twente 66 (23)
2007-2010 Ajax 35 (6)[1]
2010-2012 Racing Santander 39 (6)
2012- Hammarby 109 (39)
Nazionale
1999-2001 Svezia Svezia U-21 14 (1)
2001-2008 Svezia Svezia 15 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 1º gennaio 2017

Kennedy Bakırcıoğlu (Södertälje, 2 novembre 1980) è un calciatore svedese, centrocampista dell'Hammarby.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È nato in Svezia da una famiglia di origine assira[2] originaria di Midyat, in Turchia.

Suo padre Benjamin, soprannominato "Muller", fuggì in Svezia a 17 anni prima di essere chiamato a svolgere il servizio militare. Egli ha giocato nell'Assyriska dal 1976 al 1992, imponendosi come il miglior marcatore nella storia del club.[3]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Kennedy ha iniziato la carriera ripercorrendo le orme del padre, debuttando nella prima squadra dell'Assyriska nel 1996, quando era ancora 15enne. L'esordio assoluto in prima squadra è stato contro l'Åtvidaberg in Coppa di Svezia.[4] È rimasto all'Assyriska fino al termine della stagione 1998.

Nel gennaio del 1999 è stato chiamato dal Manchester United per giocare una partita con la squadra riserve: nonostante la larga vittoria contro le riserve dell'Aston Villa, Bakırcıoğlu non ha impressionato Alex Ferguson al punto tale da ottenere un contratto.[5]

All'età di 18 anni è quindi rientrato in Svezia per iniziare a giocare nell'Hammarby, squadra di cui diventerà un giocatore chiave dentro e fuori dal campo. Nel 2001, anno del primo storico titolo nazionale vinto dai biancoverdi, ha contribuito con 8 gol e 7 assist in 26 partite giocate.

Trascorsi cinque anni all'Hammarby, nel gennaio 2004 si è unito alla squadra greca dell'Iraklis. L'esperienza greca tuttavia non si è rivelata una delle migliori, vista la difficoltà di ritagliarsi uno spazio.

Nell'estate del 2005 è stato ingaggiato dagli olandesi del Twente, diventando titolare già dopo poche giornate. Particolarmente prolifica è stata la stagione 2006-2007, quando sotto la guida del tecnico Fred Rutten ha realizzato 15 gol che hanno aiutato il Twente a raggiungere il quarto posto in classifica e la qualificazione alle coppe europee.

Il 15 maggio 2007 è stato ufficializzato il suo trasferimento all'Ajax a partire dal successivo 1º luglio. All'esordio in campionato con la maglia dei lancieri, Bakırcıoğlu è andato subito a segno nella straripante vittoria esterna per 8-1 sul campo del De Graafschap.[6] Chiude la stagione con 3 reti in 18 presenze. L'anno seguente sulla panchina del club siede un nuovo allenatore, il tre volte Pallone d'oro Marco van Basten, che lo relega in panchina o in tribuna in gran parte dei casi.[7] Nonostante ciò, un gol di Bakırcıoğlu all'Artemio Franchi contro la Fiorentina (quello dello 0-1 nella sfida di andata) si è rivelato cruciale per la qualificazione agli ottavi di finale della Coppa UEFA 2008-2009.[8] Il suo minutaggio è rimasto pressoché simile anche l'anno successivo sotto la guida di Martin Jol.

Una volta lasciato l'Ajax nel giugno 2010, nel mese successivo ha firmato con gli spagnoli del Racing Santander.[9] Ad eccezione di due incontri, è partito titolare in tutte le partite de La Liga 2010-2011, con la formazione cantabrica che è riuscita a ottenere la salvezza. Tre dei suoi sei gol segnati sono arrivati nell'ultimo mese di campionato, rispettivamente contro Maiorca, Atlético Madrid e Athletic Club di Bilbao. Durante la stagione 2011-2012 ha collezionato solo 7 presenze in campionato a causa di un infortunio al tendine di Achille,[10] mentre la squadra nel frattempo si dirigeva verso la retrocessione.

Con il Racing Santander relegato in Segunda División, nell'agosto del 2012 Bakırcıoğlu ha colto l'occasione per iniziare una nuova parentesi all'Hammarby, suo vecchio club svedese che da due anni e mezzo era anch'esso relegato nella rispettiva seconda serie nazionale.[11] La squadra ha fallito l'obiettivo della promozione sia nel 2012 che nel 2013, anno in cui gli è stata affidata la fascia di capitano[12] e in cui ha segnato l'ultimo gol nella storia del Söderstadion, la storica casa dell'Hammarby destinata ad essere demolita nei mesi a seguire.[13] In occasione della Superettan 2014 è stato lui a trascinare i biancoverdi al primo posto in classifica grazie anche alle 17 reti segnate, bottino che gli ha permesso di laurearsi capocannoniere del torneo.[14] Nel dicembre 2014 ha prolungato il contratto con i biancoverdi fino al termine della stagione 2016.[15] Successivamente ha prolungato per un'ulteriore stagione.[16]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

stag. club serie pres. gol
1996 Assyriska Superettan 1 0
1997 Assyriska Superettan 8 1
1998 Assyriska Superettan 25 9
1999 Hammarby Allsvenskan 25 2
2000 Hammarby Allsvenskan 26 5
2001 Hammarby Allsvenskan 26 8
2002 Hammarby Allsvenskan 25 11
2003 Hammarby Allsvenskan 25 12
gen.-giu. 2004 Īraklīs Super League greca 7 2
2004-2005 Īraklīs Super League greca 17 2
2005-2006 Twente Eredivisie 32 8
2006-2007 Twente Eredivisie 34 15
2007-2008 Ajax Eredivisie 18 3
2008-2009 Ajax Eredivisie 8 1
2009-2010 Ajax Eredivisie 9 2
2010-2011 Racing Santander Primera División 32 6
2011-2012 Racing Santander Primera División 7 0
ago.-dic. 2012 Hammarby Superettan 9 5
2013 Hammarby Superettan 23 7
2014 Hammarby Superettan 28 17
2015 Hammarby Allsvenskan 22 4
2016 Hammarby Allsvenskan 27 6
Totale carriera 434 126

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Hammarby: 2001
Ajax: 2007
Ajax: 2009-2010

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 38 (6) se si comprendono le presenze nei play-off.
  2. ^ (NL) Zweedse Assyriër in Twente (JPG), i171.photobucket.com, 09-03-2007.
  3. ^ (SV) Assyriska FF 40 år med Benjamin "Muller" Bakircioglu, assyriska.se, 23-05-2014.
  4. ^ (SV) Kennedy om karriären och framtiden, lt.se, 18-12-2015.
  5. ^ (EN) Kennedy Bakircioglu: If Manchester United or Barcelona need a No.10 they only have to call, goal.com, 10-08-2012.
  6. ^ (EN) De Graafschap 1 FT 8 Ajax Amsterdam, espnfc.com, 19-08-2007.
  7. ^ (NL) Bakirçioglu ziet geen toekomst meer bij Ajax, goal.com, 31-10-2008.
  8. ^ Viola, tanta generosità ma vince Van Basten: 0-1, gazzetta.it, 19-02-2009.
  9. ^ (ES) El internacional sueco Kennedy Bakircioglü, tercer fichaje del Racing 2010/11, realracingclub.es, 05-07-2010. (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2016).
  10. ^ (ES) Kennedy pone fin a los rumores sobre su lesión, marca.com, 20-10-2011.
  11. ^ (SV) ”Den som inte spelat här vet inte vad det innebär”, aftonbladet.se, 28-08-2012.
  12. ^ (SV) Han blir lagkapten i Hammarby, aftonbladet.se, 29-03-2013.
  13. ^ (SV) Kennedy sista målskytten på Söderstadion, aftonbladet.se, 23-06-2013.
  14. ^ (SV) Statistik/ligor, svenskfotboll.se.
  15. ^ (SV) Officiellt: Kennedy Bakircioglu förlänger med Hammarby, fotbolltransfers.com, 11-12-2014.
  16. ^ (SV) Avslöjar: Kennedy förlänger med Bajen, fotbolltransfers.com, 02-12-2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]