Mário Rui

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Mário Rui
Nazionalità Bandiera del Portogallo Portogallo
Altezza 168 cm
Peso 72 kg
Calcio
Ruolo Difensore
Squadra Napoli
Carriera
Giovanili
2001-2008Sporting Lisbona
2008-2009Valencia
2009-2010Benfica
Squadre di club1
2010-2011Fátima25 (1)
2011-2012Gubbio31 (2)
2012-2013Spezia23 (0)
2013-2016Empoli96 (0)
2016-2017Roma5 (0)
2017-Napoli167 (3)
Nazionale
2007-2008Bandiera del Portogallo Portogallo U-175 (0)
2008-2010Bandiera del Portogallo Portogallo U-1917 (0)
2010-2011Bandiera del Portogallo Portogallo U-2017 (1)
2011-2012Bandiera del Portogallo Portogallo U-213 (0)
2018-Bandiera del Portogallo Portogallo12 (0)
 Campionato mondiale Under-20
Argento Colombia 2011
 UEFA Nations League
Oro Portogallo 2019
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 5 febbraio 2024

Mário Rui Silva Duarte (Sines, 27 maggio 1991) è un calciatore portoghese, difensore del Napoli, di cui è vice-capitano, e della nazionale portoghese, con la quale ha vinto la UEFA Nations League 2018-2019.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Soprannominato Il Maestro dai tifosi del Napoli,[1] è un terzino sinistro, impiegabile anche come esterno di centrocampo e abile nel servire assist ai compagni di squadra.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli esordi al Fatima e il Parma con i prestiti in Serie B[modifica | modifica wikitesto]

Debutta tra i professionisti con i portoghesi del Fátima nel 2010, dopo aver giocato nelle selezioni giovanili di club blasonati come lo Sporting Lisbona, il Valencia e il Benfica.

Nell'estate 2011 viene ingaggiato dal Parma, che poco dopo lo cede in prestito al Gubbio, con cui debutta in Serie B il 10 settembre successivo, nella sconfitta per 1-3 contro la Reggina. Segna il suo primo gol con la maglia rossoblu proprio nella sfida di ritorno contro i calabresi, e conclude la stagione con 31 presenze e 2 reti.

Dopo aver fatto ritorno in Emilia, il 28 giugno 2012 viene ceduto in prestito allo Spezia, squadra neopromossa in Serie B.[3]

L'affermazione all'Empoli[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate 2013 l'Empoli lo acquista con la formula della compartecipazione.[4] L'estate successiva, alla risoluzione della compartecipazione, il Parma non si presenta alle buste, consentendo l'acquisto dell'intero cartellino del calciatore da parte della squadra toscana.[5]

Fa il suo esordio in Serie A il 31 agosto 2014, nella gara esterna contro l'Udinese, subentrando al posto di Elseid Hysaj al 21' del secondo tempo.[6]

Complessivamente con la maglia dell'Empoli colleziona 101 presenze in tre stagioni.

Il trasferimento alla Roma[modifica | modifica wikitesto]

L'8 luglio 2016 si trasferisce alla Roma con la formula del prestito oneroso da 3 milioni di euro più 1,5 di bonus e l'obbligo di riscatto al termine della stagione da 6 milioni.[7] Il 30 luglio seguente, durante un allenamento a Boston, si lesiona il legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro. Esordisce in maglia giallorossa il 19 gennaio 2017, nel match degli ottavi di Coppa Italia vinto per 4-0 contro la Sampdoria. Nonostante a fine stagione raccolga soltanto 9 presenze complessive, sia a causa dell'infortunio che per l'ottimo rendimento del collega di reparto Emerson Palmieri, viene comunque riscattato dalla società giallorossa.[8]

Napoli[modifica | modifica wikitesto]

Il successivo 13 luglio si trasferisce al Napoli in prestito con obbligo di riscatto,[9] ritrovando così Maurizio Sarri, già suo allenatore ai tempi dell'Empoli.[10] Esordisce in maglia azzurra il 1º ottobre seguente, nella vittoria per 3-0 sul Cagliari, subentrando all'85' a Faouzi Ghoulam. Fa il suo esordio in Champions League il 21 novembre, alla quinta giornata della fase a gironi, subentrando a Piotr Zieliński e contribuendo alla vittoria per 3-0 del Napoli sugli ucraini dello Šachtar.[11][12] Segna il suo primo gol in Serie A il 10 febbraio 2018, nella vittoria per 4-1 contro la Lazio.[13] Si ripete il 26 dello stesso mese, segnando su punizione il gol del definitivo 5-0 al 91º minuto in casa del Cagliari.[14][15] A fine stagione viene riscattato dal club campano.[16]

Rimane con gli azzurri anche nelle stagioni successive, nonostante la partenza di Sarri e svariati avvicendamenti in panchina, che vedono approdare alla guida della squadra Carlo Ancelotti, Gennaro Gattuso (con il quale, al netto della vittoria di una Coppa Italia, nascono alcune tensioni)[17][18] e infine Luciano Spalletti, già suo allenatore ai tempi della Roma. Il 4 maggio 2023, in virtù del pareggio per 1-1 del Napoli contro l'Udinese, si aggiudica il primo scudetto della sua carriera, distinguendosi per l'alto numero di assist vincenti nel corso della stagione.[19][20][21]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Compie tutta la trafila delle nazionali giovanili del Portogallo, giocando per l'Under-17, l'Under-19, l'Under-20 (con cui partecipa al Mondiale Under-20 2011, disputando 5 partite e segnando un gol) e l'Under-21.

Il 19 agosto 2017 viene convocato per la prima volta in nazionale maggiore in vista delle gare di qualificazione al Mondiale 2018 contro Fær Øer e Ungheria, in programma rispettivamente il 31 agosto e il 3 settembre.[22] Debutta, però, il 26 marzo 2018, nell'amichevole persa per 3-0 contro i Paesi Bassi.[23] Grazie alle sue ottime prestazioni con il Napoli viene poi incluso nella lista dei 23 convocati per il Mondiale in Russia.[24][25]

Nel giugno del 2019 rientra tra i convocati per la fase finale della Nations League 2018-2019,[26] conclusasi con il successo in finale dei lusitani ai danni dell'Olanda (1-0).[27]

Nell'ottobre del 2022 viene inserito dal CT Fernando Santos tra i pre-convocati per i Mondiali in Qatar,[28] salvo essere poi escluso dalla lista definitiva.[29]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 5 febbraio 2024.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2010-2011 Bandiera del Portogallo Fátima SL 25 1 CP+CdL 1+4 0 - - - - - - 30 1
2011-2012 Bandiera dell'Italia Gubbio B 31 2 CI 1 0 - - - - - - 32 2
2012-2013 Bandiera dell'Italia Spezia B 23 0 CI 1 0 - - - - - - 24 0
2013-2014 Bandiera dell'Italia Empoli B 26 0 CI 1 0 - - - - - - 27 0
2014-2015 A 34 0 CI 3 0 - - - - - - 37 0
2015-2016 A 36 0 CI 1 0 - - - - - - 37 0
Totale Empoli 96 0 5 0 - - - - 101 0
2016-2017 Bandiera dell'Italia Roma A 5 0 CI 2 0 UCL+UEL 0+2 0 - - - 9 0
2017-2018 Bandiera dell'Italia Napoli A 25 2 CI 1 0 UCL+UEL 2+2 0 - - - 30 2
2018-2019 A 20 1 CI 1 0 UCL+UEL 6+4 0+0 - - - 31 1
2019-2020 A 24 0 CI 4 0 UCL 7 0 - - - 35 0
2020-2021 A 27 0 CI 2 0 UEL 6 0 SI 1 0 36 0
2021-2022 A 34 0 CI 0 0 UEL 5 0 - - - 39 0
2022-2023 A 22 0 CI 0 0 UCL 6 0 - - - 28 0
2023-2024 A 15 0 CI 1 0 UCL 3 0 SI 2 0 21 0
Totale Napoli 167 3 9 0 41 0 3 0 220 3
Totale carriera 347 6 23 0 43 0 3 0 416 6

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Portogallo
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
26-3-2018 Ginevra Portogallo Bandiera del Portogallo 0 – 3 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
28-5-2018 Braga Portogallo Bandiera del Portogallo 2 – 2 Bandiera della Tunisia Tunisia Amichevole - Ingresso al 50’ 50’
2-6-2018 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 0 – 0 Bandiera del Portogallo Portogallo Amichevole - Ingresso al 90’ 90’
7-6-2018 Lisbona Portogallo Bandiera del Portogallo 3 – 0 Bandiera dell'Algeria Algeria Amichevole - Ingresso al 57’ 57’
6-9-2018 Lisbona Portogallo Bandiera del Portogallo 1 – 1 Bandiera della Croazia Croazia Amichevole -
10-9-2018 Lisbona Portogallo Bandiera del Portogallo 1 – 0 Bandiera dell'Italia Italia UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno -
11-10-2018 Chorzów Polonia Bandiera della Polonia 2 – 3 Bandiera del Portogallo Portogallo UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno -
17-11-2018 Milano Italia Bandiera dell'Italia 0 – 0 Bandiera del Portogallo Portogallo UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno - Ammonizione al 35’ 35’
14-11-2019 Faro Portogallo Bandiera del Portogallo 6 – 0 Bandiera della Lituania Lituania Qual. Euro 2020 -
11-11-2020 Lisbona Portogallo Bandiera del Portogallo 7 – 0 Bandiera di Andorra Andorra Amichevole -
17-11-2020 Spalato Croazia Bandiera della Croazia 2 – 3 Bandiera del Portogallo Portogallo UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno - Uscita al 71’ 71’
24-9-2022 Praga Rep. Ceca Bandiera della Rep. Ceca 0 – 4 Bandiera del Portogallo Portogallo UEFA Nations League 2022-2023 - 1º turno -
Totale Presenze 12 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Napoli: 2019-2020
Napoli: 2022-2023

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Portogallo: 2018-2019

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mario Rui, la rivincita del maestro: un mancino col sogno Mondiale, 19 ottobre 2022. URL consultato il 27 marzo 2023.
  2. ^ Francesco Schirru, Mario Rui si è trasformato in assistman: record con Spalletti, su Goal.com, 8 gennaio 2023. URL consultato il 28 gennaio 2023.
  3. ^ Mercato: a sinistra ecco il portoghese Mario Rui Duarte Acspezia.com, 28 giugno 2012.
  4. ^ Mercato Azzurro | Fatta per Mario Rui !, su pianetaempoli.it. URL consultato il 26 ottobre 2022 (archiviato dall'url originale il 4 settembre 2014).
  5. ^ Anche Mario Rui diventa azzurro a titolo definitivo. L’Empoli lo ha riscattato dal Parma che non si è presentato alle buste., su empolichannel.it.
  6. ^ Udinese-Empoli, il tabellino: doppietta Di Natale, su gazzetta.it, 9 novembre 2014. URL consultato il 10 novembre 2014.
  7. ^ L’AS Roma perfeziona l’ingaggio di Mario Rui, su asroma.com. URL consultato l'8 luglio 2016.
  8. ^ La Roma, cantiere difesa mancano 4 pezzi Rui verso Napoli, su roma.repubblica.it, 24 giugno 2017. URL consultato il 3 luglio 2017.
  9. ^ Il Napoli ufficializza Mario Rui, su sscnapoli.it, 13 luglio 2017.
  10. ^ Calciomercato Napoli, Mario Rui: «Molto contento di ritrovare Sarri», 10 luglio 2017. URL consultato il 6 settembre 2023.
  11. ^ Cambio look per Mario Rui prima del debutto in Champions League [FOTO], 23 novembre 2017. URL consultato il 10 febbraio 2018.
  12. ^ Napoli-Shakhtar 3-0, il tabellino, in La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 10 febbraio 2018.
  13. ^ Napoli-Lazio 4-1: il terzo gol è di Mario Rui, su corrieredellosport.it. URL consultato il 10 febbraio 2018.
  14. ^ Cagliari-Napoli 0-5: in gol Callejon, Mertens, Hamsik, Insigne e Mario Rui, in La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 26 febbraio 2018.
  15. ^ Cagliari-Napoli, 0-5 il finale. Pokerissimo azzurro, in gol anche Mario Rui - TUTTOmercatoWEB.com. URL consultato il 26 febbraio 2018.
  16. ^ Mario Rui, riscatto obbligatorio: ora è del Napoli a titolo definitivo, 1º marzo 2018. URL consultato il 6 settembre 2023.
  17. ^ Napoli, scoppia un altro caso: Gattuso caccia Mario Rui!, su corrieredellosport.it, 5 marzo 2021. URL consultato il 5 maggio 2023.
  18. ^ Mario Rui si rilancia con Spalletti: «Lui e Gattuso erano incompatibili», 7 ottobre 2021. URL consultato il 6 settembre 2023.
  19. ^ Brividi per il gol di Lovric, poi Osimhen mette le cose a posto. E scatta la festa, su gazzetta.it, 4 maggio 2023. URL consultato il 7 maggio 2023.
  20. ^ Da Meret a Simeone, chi sono i 27 eroi di Spalletti: i numeri e le storie, su gazzetta.it, 4 maggio 2023. URL consultato il 5 maggio 2023.
  21. ^ Mario Rui, la risposta del "Maestro" alle critiche, su rainews.it, 4 maggio 2023. URL consultato il 5 maggio 2023.
  22. ^ Sorpresa Mario Rui, convocato dal Portogallo. Dieci azzurri in nazionale, ilmattino.it, 19 agosto 2017.
  23. ^ Redazione NapoliSoccer.NET, Mario Rui: "Il debutto in nazionale è la realizzazione di un sogno", in NapoliSoccer.NET, 27 marzo 2018. URL consultato il 27 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2018).
  24. ^ Sorpresa Mario Rui, convocato dal Portogallo. Dieci azzurri in nazionale. URL consultato il 29 maggio 2018.
  25. ^ Portogallo, esclusi Cancelo e Nani. Convocati Mario Rui e André Silva. URL consultato il 29 maggio 2018.
  26. ^ Nove azzurri in nazionale: Mario Rui si gioca la Nations League con il Portogallo, 23 maggio 2019. URL consultato il 3 settembre 2023.
  27. ^ Il Portogallo vince la Nations League: Olanda battuta 1-0, 9 giugno 2019. URL consultato il 3 settembre 2023.
  28. ^ (PT) Seleção: os 55 pré-convocados de Fernando Santos para o Mundial, su Federação Portuguesa de Futbol, 23 ottobre 2022. URL consultato il 1º novembre 2022.
  29. ^ MONDIALI 2022 - PORTOGALLO, I CONVOCATI DI FERNANDO SANTOS PER IL MONDIALE: SÌ A LEÃO E RUI PATRICIO, NO A MARIO RUI, 10 novembre 2022. URL consultato il 6 settembre 2023.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]