Amadou Diawara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Amadou Diawara
Nazionalità Guinea Guinea
Altezza 183[1] cm
Peso 76[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Squadra Roma
Carriera
Giovanili
2013-2014non conosciuta Virtus Cesena
Squadre di club1
2014-2015San Marino15 (0)
2015-2016Bologna34 (0)
2016-2019Napoli49 (1)
2019-Roma31 (1)
Nazionale
2018-Guinea Guinea11 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 21 febbraio 2021

Amadou Diawara (Conakry, 17 luglio 1997) è un calciatore guineano, centrocampista della Roma e della nazionale guineana.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Classico mediano, ispiratosi a Yaya Touré[2][3], trova la sua posizione ideale davanti alla difesa in un centrocampo disposto a 4-2-3-1 o in un 4-3-3. Molto abile nello spezzare le trame del gioco avversario e nel far ripartire l'azione, si è da subito contraddistinto per la grande tranquillità con cui approccia le partite e per la grande lucidità di pensiero nell'interpretare le azioni[4][5][6]. Preciso nei passaggi[6], cerca con frequenza la verticalizzazione[6].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

San Marino[modifica | modifica wikitesto]

Nato in Guinea, all'età di 10 anni si iscrive a una scuola calcio. Dopo qualche anno viene notato dallo scout Roberto Visani, che lo porta in Italia. Qui viene inizialmente tesserato per la società dilettantistica Virtus Cesena e nel 2014, a 17 anni, dopo un paio di provini viene ingaggiato dal San Marino[7], militante in Lega Pro, dove colleziona 15 presenze. Ha esordito tra i professionisti l'8 febbraio 2015 in occasione di Santarcangelo-San Marino.

Bologna[modifica | modifica wikitesto]

Il 23 giugno 2015 si trasferisce a titolo definitivo al Bologna[8] per 500.000 Euro,[9] con il quale esordisce alla prima partita ufficiale della stagione, in Coppa Italia, nella sconfitta per 1-0 contro il Pavia. Il debutto in Serie A avviene una settimana più tardi, il 22 agosto 2015, quando subentra all'infortunato Lorenzo Crisetig nella partita in trasferta contro la Lazio, persa dai rossoblù con il punteggio di 2-1. Inizialmente aggregatosi alla Primavera, le sue ottime prestazioni convincono prima Delio Rossi e poi Roberto Donadoni a inserirlo titolare.[9] Conclude la sua prima stagione in Serie A con 34 presenze. Poco dopo la fine del campionato e l'aver partecipato, insieme alla squadra, al pre-ritiro a Castiadas, in Sardegna, si rende protagonista di un piccolo caso mediatico, non essendosi infatti presentato al raduno prima della partenza per Castelrotto, sede del ritiro dei rossoblù, senza fornire spiegazione alcuna e nascondendo dove si trovasse, rifiutando quindi la partecipazione al ritiro stesso per spingere il club alla cessione[10][11][12].

Napoli[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 agosto 2016 viene acquistato dal Napoli a titolo definitivo[13][14]. Il 19 ottobre 2016 esordisce con la maglia azzurra nella sfida di Champions League contro il Beşiktaş, subentrando a Jorginho nel secondo tempo[15]. Il 23 ottobre 2016 esordisce da titolare con la maglia del Napoli nella sfida di Serie A contro il Crotone[16]. Chiude la sua prima stagione in azzurro con 28 presenze, di cui 18 in campionato, 6 in UEFA Champions League e 4 in Coppa Italia.

Il 17 ottobre 2017 trova la sua prima rete in carriera su calcio di rigore nella partita di Champions League persa contro il Manchester City per 2-1[17][18]. L'8 aprile 2018 sigla il suo primo gol in Serie A, al minuto 93, portando alla vittoria i partenopei per 2-1 contro il Chievo[19].

A Napoli non ha trovato molto spazio nei 3 anni di militanza, e nell'ultima stagione ha subito un infortunio in marzo contro l'Udinese che gli ha fatto concludere anzitempo la stagione[20][21].

Roma[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º luglio 2019 viene acquistato a titolo definitivo dalla Roma per 21 milioni di euro e con un contratto quinquennale.[22][23] Debutta con i capitolini il 1º settembre seguente, subentrando a Florenzi nel derby contro la Lazio[24]. Il 19 settembre successivo, debutta in giallorosso in Europa League, contro l'Başakşehir[25]. Dopo avere avuto un infortunio a inizio stagione, da ottobre diviene titolare nel centrocampo della squadra[6]. Trova la sua prima rete con i capitolini il 29 luglio 2020, nella gara di campionato contro il Torino: oltre alla vittoria dei giallorossi, la sua rete sancisce anche la qualificazione della Roma alla prossima edizione dell'Europa League.[26]

L'anno successivo la Roma perde la prima partita di campionato contro il Verona a tavolino perché lui era in campo, ma era stato inserito erratamente nella lista degli Under-22 dalla dirigenza romanista.[27][28]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce con la nazionale guineana il 12 ottobre 2018 a Conakry contro il Ruanda, subentrando nel secondo tempo della partita vinta per 2-0 e valida per le qualificazioni alla Coppa d'Africa 2019[29]. Viene poi convocato per la competizione continentale[30], in cui gioca tutte e 4 le partite della squadra eliminata agli ottavi dall'Algeria, futura vincitrice del torneo[31].

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 25 febbraio 2021.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe europee Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2014-2015 San Marino San Marino LP 15 0 CI-LP 0 0 - - - - - - 15 0
2015-2016 Italia Bologna A 34 0 CI 1 0 - - - - - - 35 0
2016-2017 Italia Napoli A 18 0 CI 4 0 UCL 6 0 - - - 28 0
2017-2018 A 18 1 CI 1 0 UCL+UEL 6+2 1+0 - - - 27 2
2018-2019 A 13 0 CI 2 0 UCL+UEL 0+4 0+0 - - - 19 0
Totale Napoli 49 1 7 0 18 1 - - 74 2
2019-2020 Italia Roma A 22 1 CI 2 0 UEL 6 0 - - - 30 1
2020-2021 A 9 0 CI 0 0 UEL 5 0 - - - 14 0
Totale Roma 31 1 2 0 11 0 - - 44 1
Totale carriera 129 2 10 0 29 1 0 0 168 3

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Guinea
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
12-10-2018 Conakry Guinea Guinea 2 – 0 Ruanda Ruanda Qual. Coppa d'Africa 2019 - Uscita al 65’ 65’
16-10-2018 Kigali Ruanda Ruanda 1 – 1 Guinea Guinea Qual. Coppa d'Africa 2019 -
18-11-2018 Conakry Guinea Guinea 1 – 1 Costa d'Avorio Costa d'Avorio Qual. Coppa d'Africa 2019 -
7-6-2019 Marrakech Guinea Guinea 0 – 1 Gambia Gambia Amichevole -
11-6-2019 Marrakech Guinea Guinea 0 – 1 Benin Benin Amichevole - Uscita al 87’ 87’
16-6-2019 Alessandria d'Egitto Egitto Egitto 3 – 1 Guinea Guinea Amichevole - Ammonizione al 87’ 87’
22-6-2019 Alessandria d'Egitto Guinea Guinea 2 – 2 Madagascar Madagascar Coppa d'Africa 2019 - 1º turno -
26-6-2019 Alessandria d'Egitto Nigeria Nigeria 1 – 0 Guinea Guinea Coppa d'Africa 2019 - 1º turno -
30-6-2019 Il Cairo Burundi Burundi 0 – 2 Guinea Guinea Coppa d'Africa 2019 - 1º turno -
7-7-2019 Il Cairo Algeria Algeria 3 – 0 Guinea Guinea Coppa d'Africa 2019 - Ottavi di finale -
10-10-2020 São João da Venda Capo Verde Capo Verde 1 – 2 Guinea Guinea Amichevole -
Totale Presenze 11 Reti 0

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Prima Squadra - SSC Napoli - Amadou Diawara, su SSCNapoli.it. URL consultato il 23 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 28 agosto 2016).
  2. ^ Marco Bonciani, Serie A, Bologna- Diawara:sogno di diventare come Yaya Toure', su calciogazzetta.it. URL consultato il 23 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 1º febbraio 2016).
  3. ^ Roma, ecco Diawara: "Mi ispiro a Yaya Touré", su corrieredellosport.it, 21 luglio 2019. URL consultato il 23 gennaio 2020.
  4. ^ Paolo Camedda, Profilo - Amadou Diawara, muscoli e talento per il Bologna di Donadoni, su goal.com, 26 dicembre 2015. URL consultato il 23 gennaio 2020.
  5. ^ Fabrizio Romano, Juve, 10 milioni per Diawara, su calciomercato.com. URL consultato il 23 gennaio 2020.
  6. ^ a b c d Alessandro Angeloni, Roma, Diawara quell’ex “scarto” che fa felice Fonseca, su ilmessaggero.it, 23 dicembre 2019. URL consultato il 23 gennaio 2020.
  7. ^ Ale Zanini, Mondo Primavera - Alla scoperta di Amadou Diawara, il nuovo Yaya Tourè, su 1000CuoriRossoblu.it, 3 giugno 2015. URL consultato il 23 gennaio 2020.
  8. ^ Diawara al Bologna, su bolognafc.it. URL consultato il 23 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2015).
  9. ^ a b Bologna, Donadoni vola coi golden boy. Onda verde Diawara, Masina e Donsah, su gazzetta.it, 9 novembre 2015. URL consultato il 22 gennaio 2020.
  10. ^ Luca Baccolini, Caos a Casteldebole: Bologna va in ritiro, ma Diawara non si presenta, su Bologna.Repubblica.it, 10 luglio 2016. URL consultato il 22 gennaio 2020.
  11. ^ Marcello Giordano, Bologna, Diawara non si presenta al ritiro, su IlRestoDelCarlino.it, 10 luglio 2016. URL consultato il 22 gennaio 2020.
  12. ^ Luigi Polce, Diawara rompe col Bologna: non si presenta in ritiro. Bigon: "Il ragazzo ha commesso un errore, così ci rimette lui", su Gazzetta.it, 10 luglio 2016. URL consultato il 22 gennaio 2020.
  13. ^ Diawara al Napoli, su bolognafc.it, 26 agosto 2016. URL consultato il 23 gennaio 2020.
  14. ^ Calcio, Diawara è del Napoli: al Bologna 15 milioni di euro, su bologna.repubblica.it, 26 agosto 2016. URL consultato il 23 gennaio 2020.
  15. ^ Napoli-Besiktas. Diawara felice dell'esordio «Sono giovane e mi metto a disposizione», su ilmattino.it, 19 ottobre 2016. URL consultato il 23 gennaio 2020.
  16. ^ Gianluca Monti, Napoli, Diawara: "Un'emozione l'esordio al San Paolo. Possiamo arrivare lontano", su Gazzetta.it, 25 ottobre 2016. URL consultato il 23 gennaio 2020.
  17. ^ Manchester City-Napoli 2-1, Guardiola batte Sarri: gol di Sterling e Gabriel Jesus. Diawara non basta, su Sport.Sky.it, 17 ottobre 2017. URL consultato il 23 gennaio 2020.
  18. ^ Diawara, è il primo goal in carriera: "Ho chiesto a Mertens se potevo tirare...", su goal.com, 17 ottobre 2017. URL consultato il 23 gennaio 2020.
  19. ^ Gianluca Monti, Napoli-Chievo 2-1, Milik e Diawara firmano la rimonta, su gazzetta.it, 8 aprile 2018. URL consultato il 23 gennaio 2020.
  20. ^ Mimmo Malfitano, Talento e tanta fisicità. Napoli punta Almendra. In partenza Diawara, in La Gazzetta dello Sport, 9 maggio 2019, p. 25.
  21. ^ GAZZETTA. Il Napoli punta Almendra del Boca Juniors. Diawara in partenza, su napolipiu.com, 9 maggio 2019. URL consultato il 23 gennaio 2020.
  22. ^ Napoli, ceduto Diawara alla Roma, su sscnapoli.it, 1º luglio 2019. URL consultato il 23 dicembre 2019.
  23. ^ L’AS Roma perfeziona l’ingaggio di Amadou Diawara, su asroma.com, 1º luglio 2019. URL consultato il 1º luglio 2019.
  24. ^ Calendario e Risultati | Stagione 2019-20 | 2ª Giornata | Lega Serie A, su legaseriea.it, 1º settembre 2019. URL consultato il 1º settembre 2019.
  25. ^ Roma Basaksehir 4-0, gol e highlights: esordio ok per i giallorossi, su sport.sky.it, 19 settembre 2019. URL consultato il 19 settembre 2019.
  26. ^ La Roma batte il Torino 3-2 ed è in Europa League, su ilmessaggero.it. URL consultato il 29 luglio 2020.
  27. ^ Serie A TIM | Giudice Sportivo: Hellas Verona-Roma, su hellasverona.it. URL consultato il 29 settembre 2020.
  28. ^ Verona-Roma, la decisione del giudice sportivo, su sport.sky.it. URL consultato il 29 settembre 2020.
  29. ^ Saverio Pestuggia, Diawara lascia Napoli, il Milan ci pensa (la scheda), su tuttitalenti.com, 18 giugno 2019. URL consultato il 23 gennaio 2020.
  30. ^ (EN) Luke McBride, Guinea name their final squad for AFCON, su kingfut.com, 13 giugno 2019. URL consultato il 23 gennaio 2020.
  31. ^ Ounas protagonista, batte Diawara: segna e trascina l'Algeria ai quarti, su ilmattino.it, 8 luglio 2019. URL consultato il 23 gennaio 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]