Franck Ribéry

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Franck Ribéry
Ribéry al Bayern Monaco nel 2019
Nazionalità Bandiera della Francia Francia
Altezza 170 cm
Peso 72 kg
Calcio
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Squadra Salernitana (Coll. tecnico)
Termine carriera 21 ottobre 2022 - giocatore
Carriera
Giovanili
1996-1999Lilla
1999-2001Boulogne
Squadre di club1
2000-2002Boulogne28 (6)
2002-2003Olympique Alès19 (1)
2003-2004Brest35 (3)
2004-2005Metz20 (2)
2005Galatasaray14 (0)
2005-2007Olympique Marsiglia60 (12)
2007-2019Bayern Monaco273 (86)
2019-2021Fiorentina50 (7)
2021-2022Salernitana24 (0)
Nazionale
2004-2006Bandiera della Francia Francia U-2113 (2)
2006-2014Bandiera della Francia Francia81 (16)
Carriera da allenatore
2022-SalernitanaColl. tecnico
Palmarès
 Mondiali di calcio
Argento Germania 2006
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 21 ottobre 2022

Franck Henry Pierre Ribéry (Boulogne-sur-Mer, 7 aprile 1983) è un allenatore di calcio ed ex calciatore francese, di ruolo attaccante, collaboratore tecnico della Salernitana.

Considerato tra le ali sinistre più forti della storia,[1][2] ha legato la sua carriera principalmente al Bayern Monaco, dove ha giocato per dodici stagioni vincendo ben nove campionati tedeschi. Al termine della stagione 2012-2013, che lo ha visto conquistare da protagonista un prestigioso treble (Bundesliga, Champions League e DFB Pokal), è stato nominato UEFA Best Player in Europe, davanti a Lionel Messi e Cristiano Ronaldo, e miglior giocatore dell'anno ai Globe Soccer Awards.

Conta 81 presenze e 16 gol con la nazionale francese, con cui si è laureato vice-campione del mondo al mondiale del 2006. Con i Bleus ha preso parte a due campionati del mondo (2006 e 2010) e a due campionati d'Europa (2008 e 2012).

A livello individuale, tra gli altri riconoscimenti, è stato nominato tre volte Calciatore francese dell'anno (2007, 2008, 2013) e una volta Calciatore tedesco dell'anno (2008).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

All'età di due anni fu vittima di un incidente d'auto insieme ai genitori; la violenza dell'impatto fu tale da sbalzarlo fuori dall'abitacolo. L’incidente gli ha lasciato vistose cicatrici sul viso. È soprannominato Scarface, appellativo nato durante il suo periodo in Turchia, quando i tifosi del Galatasaray prepararono per lui la locandina del film Scarface sostituendolo al protagonista Al Pacino.[3]

Si è convertito alla fede islamica, adottando il nome di Bilal Yusuf Mohammed, dopo il matrimonio con Wahiba Belhami,[4] da cui ha avuto 5 figli: Hiziya, Shahinez, Keltoum Chérifa, Seif el Islam e Mohammed.[5][6]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010 è finito sotto inchiesta per aver avuto rapporti sessuali con una escort minorenne, Zahia Dehar.[7] Quattro anni dopo è stato assolto dal tribunale di Parigi per assenze di prove sufficienti a dimostrare che Ribéry fosse a conoscenza della minore età della ragazza all'epoca dei rapporti.[8]

Sponsorizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

Ha partecipato a numerosi spot della Nike, di cui è testimonial[quando?].[9][10]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Ribéry era nato come ala dalle grandi doti tecniche, ma poteva giocare anche da trequartista. Possedeva abilità nel dribbling e nel creare gioco,[1] ed era anche un proficuo uomo assist.[1] Era concreto anche in fase di realizzazione sapendo calciare con entrambi i piedi.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi, Metz e Galatasaray[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver mosso i primi passi nel Boulogne, con il quale esordisce da professionista, nel 2002 si trasferisce all'Olympique Alès. Nella stagione successiva passa al Brest, prima di essere ingaggiato nel 2004 dal Metz, che lo fa debuttare in Ligue 1.

L'esperienza al Metz dura pochi mesi; già nel gennaio 2005, Ribéry si trasferisce al Galatasaray.

Olympique Marsiglia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate 2005 ritorna in patria firmando un contratto con l'Olympique Marsiglia. Le prestazioni offerte a Marsiglia gli valgono la convocazione nella nazionale francese presente al campionato del mondo 2006, conclusosi per i Blues con una sconfitta in finale contro la nazionale italiana (4-6 dopo i calci di rigore).

Bayern Monaco[modifica | modifica wikitesto]
2007-2013[modifica | modifica wikitesto]
Ribéry in maglia bavarese nel 2009

Il 6 giugno 2007 diventa un giocatore del Bayern Monaco, che lo acquista per 30 milioni di euro.[11] Ribéry sceglie di indossare la maglia numero 7, appartenuta a Mehmet Scholl nella stagione precedente.[12] Ha fatto il suo debutto stagionale il 21 luglio 2007 nel primo turno di Coppa di Lega, segnando una doppietta e realizzando un assist nella vittoria del Bayern per 4-1 contro il Werder Brema.[13] Il debutto in campionato risale al 18 agosto 2007: il francese segna su calcio di rigore il suo primo gol in Bundesliga, nella gara vinta dal Bayern per 4-0 contro il Werder.[14] In Coppa di Germania realizza due gol e fornisce quattro assist in cinque partite. In finale effettua l'assist per il gol di Luca Toni che apre le marcature dell'incontro, terminato con la vittoria del Bayern per 2-1 contro il Borussia Dortmund.[15] In totale Ribéry disputa 46 partite e segna 16 gol stagionali, contribuendo al successo del Bayern in campionato e in Coppa di Germania. Alla fine della stagione è eletto calciatore dell'anno in Germania e, per la seconda volta consecutiva, calciatore francese dell'anno.[16][17]

Dopo essersi ripreso dall'infortunio rimediato nella fase a gironi del campionato europeo, nel settembre 2008 Ribéry torna in campo contro il Norimberga in Coppa di Germania.[18] La stagione è difficile per il Bayern, che non riesce a bissare il successo in campionato, mentre in UEFA Champions League i tedeschi sono eliminati ai quarti di finale dai futuri campioni del Barcellona. Dopo una sonora sconfitta nella gara di andata (5-1), a Monaco il Bayern pareggia 1-1 proprio grazie a un gol del francese.[19] Il calciatore conclude la stagione con 36 presenze totali, 14 gol e 19 assist. Nell'annata seguente, tormentato da infortuni, torna in campo solo all'inizio del 2010, e pochi mesi più tardi risulta decisivo nei quarti di finale di Champions League contro il Manchester United.[20] Espulso in semifinale contro il Lione[21], salta per squalifica la finale di Madrid, in cui la sua squadra è battuta per 2-0 dall'Inter;[22][23] aggiunge comunque al suo palmarès uno scudetto e una coppa nazionale.

Ribéry durante la finale della UEFA Champions League 2011-2012 persa contro il Chelsea

Il 21 settembre 2010 Ribéry si infortuna alla caviglia e torna in campo solo due mesi dopo.[24][25] Si infortuna nuovamente il 15 gennaio 2011 a causa di un placcaggio da parte del centrocampista brasiliano Josué.[26] Nel finale di stagione riguadagna una maglia da titolare e gioca con grande intensità, trascinando la propria squadra a cinque vittorie consecutive in Bundesliga.[27] All'inizio della stagione 2011-2012 si procura un infortunio alla caviglia durante una partita di pre-campionato.[28] Ritornato in campo dopo sole poche settimane, il centrocampista francese fornisce un grande contributo alla squadra,[29] che perderà ai tiri di rigore la finale di UEFA Champions League contro il Chelsea e si classificherà seconda in campionato. Ben diverso è l'esito dell'annata seguente, in cui il Bayern trionfa in campionato,[30] nella Coppa di Germania[31] e, dopo dodici anni, in Champions League.[32] Dopo averlo mancato nel 2010, per Ribéry è il primo treble in carriera, a cui contribuisce con 43 presenze e 11 gol totali. Alla fine della stagione è nominato Miglior calciatore UEFA in Europa, superando la concorrenza di Lionel Messi e Cristiano Ronaldo.

2013-2019[modifica | modifica wikitesto]

La stagione 2013-2014 si apre con la vittoria, il 30 agosto 2013, della Supercoppa europea, ottenuta sconfiggendo ai rigori in finale la compagine londinese del Chelsea, dopo che i tempi supplementari si erano conclusi sul 2-2.[33] Nel corso dell'annata la squadra bavarese conquista altri tre titoli, la Coppa del mondo per club,[34] la Bundesliga[35] e la Coppa di Germania.[36] Il 21 dicembre viene proclamato miglior giocatore della Coppa del Mondo per club vinta, per la prima volta nella sua storia, dal Bayern Monaco che ha battuto il Raja Casablanca 2-0 in finale.[37][38] Il 13 gennaio 2014 si classifica terzo nella lista del Pallone d'oro, dietro Cristiano Ronaldo e Lionel Messi.[39]

Ribéry durante un allenamento coi Roten nel 2016

Realizza la sua 100° rete con i bavaresi il dicembre 2014 contro il Bayer Leverkusen,[40] nel giorno della sua 287° partita ufficiale con il Bayern.[41] Le stagioni successive sono segnate da qualche infortunio,[42][43] come quello alla caviglia che lo tiene lontano dai campi di calcio da marzo a novembre 2015.[44] Il 5 dicembre 2015, nella sconfitta per 3-1 contro il Borussia Mönchengladbach, arriva a 300 partite in tutte le competizioni con i bavaresi.[45] Raggiunge le 200 presenze in Bundesliga il 19 marzo 2016, nella vittoria per 1-0 contro il Colonia.[46] Il 27 novembre 2016 estende il suo contratto con Bayern Monaco di un altro anno fino al giugno 2018.[47] Il 5 agosto 2017 conquista la Supercoppa di Germania con il Bayer che ha trionfato contro il Borussia Dortmund ai rigori per 5-4.[48] Entra nella storia del club bavarese quando, nella gara vinta 3-1 contro l'Hannover 96 il 2 dicembre 2017, raggiunge il maggior numero di presenze in Bundesliga con la maglia del Bayern Monaco da parte di un non tedesco con 235 presenze, superando Hasan Salihamidžić fermo a 234 presenze.[49]

Il 5 maggio 2019 annuncia che la stagione 2018-2019 sarà l'ultima con la maglia del club bavarese.[50] Il 25 maggio 2019 Ribéry vince la sua sesta Coppa di Germania grazie alla vittoria sul Lipsia per 3-0 nella finale, durante la quale è subentrato all'87º minuto, entrando nella storia della competizione per numero di partecipazioni alla finale di Coppa di Germania.[51] Termina così la sua carriera al Bayern con un record di 24 titoli di club in 12 anni (di cui nove campionati tedeschi vinti, record condiviso con Philipp Lahm) durante i quali ha collezionato complessivamente 425 presenze e 124 reti.[52]

Fiorentina[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 agosto 2019, dopo essere rimasto svincolato,[53] firma per la Fiorentina.[54] Esordisce in Serie A il 24 agosto, nella sconfitta casalinga contro il Napoli (3-4),[55] e realizza il primo gol alla quarta giornata nel pareggio per 2-2 contro l'Atalanta.[56] Le positive prestazioni gli valgono il premio di “giocatore del mese” di settembre.[57] Il 30 novembre, nella partita Fiorentina-Lecce (0-1), a seguito di un contrasto con Tachtsidīs, subisce una lesione al legamento collaterale mediale della caviglia destra, che lo costringe a operarsi e a restare lontano dai campi da gioco fino a giugno 2020, complice anche lo stop del campionato per la pandemia di COVID-19.[58][59] Chiude l'anno collezionando solo 21 presenze e 3 reti.

Nella stagione successiva realizza il primo gol stagionale nel pareggio contro il Torino del 29 gennaio 2021 (1-1). Realizza poi un'altra rete nella sconfitta casalinga contro il Milan del 21 marzo successivo (2-3), dopo aver saltato quasi interamente il mese di febbraio per un problema muscolare. Termina l'annata con 30 presenze e 2 reti in tutte le competizioni. A fine stagione, alla scadenza del contratto, lascia la squadra viola.[60]

Salernitana[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 settembre 2021 firma con la Salernitana, neopromossa in Serie A, un contratto annuale con rinnovo automatico al verificarsi di determinate condizioni sportive, venendo presentato lo stesso giorno allo stadio Arechi insieme al resto della squadra.[61] Sei giorni dopo fa il suo esordio con la squadra campana, subentrando al 67' a Norbert Gyömber nella partita in casa del Torino.[62] Viene nominato capitano dei granata e sebbene la sua stagione sia funestata da diversi infortuni, colleziona 23 presenze, conquistando con i compagni una insperata salvezza.

Il 21 ottobre 2022, dopo appena 2 presenze stagionali, visto il susseguirsi di vari problemi fisici, annuncia la risoluzione del contratto con il club campano ed il conseguente ritiro dal calcio giocato.[63][64]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Ribéry con la maglia della nazionale francese nel 2008

Prima di entrare nel giro della nazionale maggiore, Franck ha giocato nella nazionale francese Under-21, realizzando 2 gol in 13 presenze.[65]

Raymond Domenech lo convoca per la prima volta in nazionale maggiore in occasione dell'amichevole pre-mondiale contro il Messico; Ribéry debutta con la nazionale transalpina nella stessa partita, vinta 1-0 dai francesi, subentrando al 74' al posto di David Trezeguet.[66] È convocato da Domenech per il campionato del mondo del 2006, dove disputa tutte le partite dei francesi. Il 27 giugno, nella gara degli ottavi di finale contro la Spagna, Ribéry segna alle Furie Rosse il suo primo gol con la maglia della nazionale francese.[67] Il 9 luglio scende in campo da titolare nella finale persa ai calci di rigore contro l'Italia.[68]

Al campionato d'Europa 2008 la Francia disattende le aspettative, classificandosi ultima nel proprio raggruppamento. Ribéry gioca tutte e tre le partite, ma nell'ultima contro l'Italia, quella decisiva per la qualificazione ai quarti di finale, si infortuna ai legamenti della caviglia sinistra ed esce dal campo dopo soli otto minuti di gioco.[69]

Al campionato del mondo del 2010, il secondo per Ribéry, la Francia esce clamorosamente al primo turno. Ribéry gioca tutte e tre le partite della fase a gironi, senza offrire prestazioni convincenti.[70] Durante la manifestazione Ribéry litiga con Yoann Gourcuff, che avrebbe criticato l'atteggiamento apatico del compagno nella partita inaugurale contro il Messico.[71] Il 22 giugno contro il Sudafrica realizza l'assist per il gol di Florent Malouda, l'unico dei transalpini nella competizione mondiale.[72]

Ribéry coi Bleus al campionato d'Europa 2012

Dopo aver preso parte alle qualificazioni al campionato d'Europa 2012, il 29 maggio 2012 Ribéry è convocato dal C.T. Laurent Blanc per disputare il torneo continente. Il giocatore disputa tutte e quattro le partite della nazionale transalpina, che conclude la manifestazione ai quarti di finale contro i futuri campioni della Spagna.[73]

Il 10 settembre 2013 segna la sua prima doppietta con la maglia della Francia, in un match di qualificazione al campionato del mondo 2014 contro la Bielorussia.

Il 2 giugno 2014 il C.T. Didier Deschamps lo inserisce nella lista dei 23 giocatori selezionati per il campionato del mondo 2014. Tuttavia, a causa del riacutizzarsi di un problema alla schiena, Ribéry è costretto a rinunciare alla convocazione.[74] Il 13 agosto 2014 annuncia il proprio ritiro dalla nazionale per ragioni puramente personali.[75]

Chiude la propria esperienza in nazionale con 81 presenze e 16 gol, dopo aver giocato da titolare due campionati del mondo e due campionati d'Europa ed essendo andato in gol nel corso del campionato mondiale del 2006. Nella sua lunga carriera in nazionale non ha mai subito un'espulsione.

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Nello stesso giorno in cui annuncia il proprio ritiro da calciatore, annuncia l'ingresso come collaboratore tecnico all'interno dello staff di Davide Nicola, sempre alla Salernitana,[63] restando anche con l’arrivo di Paulo Sousa nel febbraio del 2023. Il 6 ottobre 2023 ottiene ufficialmente il patentino di allenatore UEFA B.[76]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2000-2001 Bandiera della Francia Boulogne CFA 9 1 CF 0 0 - - - - - - 9 1
2001-2002 CN 24 5 CF 1 0 - - - - - - 25 5
Totale Boulogne 33 6 1 0 - - - - 34 6
2002-2003 Bandiera della Francia O. Alès CN 19 1 CF 0 0 - - - - - - 19 1
2003-2004 Bandiera della Francia Brest CN 35 3 CF 2 1 - - - - - - 37 4
2004-gen. 2005 Bandiera della Francia Metz L1 20 2 CF+CdL 0+1 0+0 - - - - - - 21 2
gen.-giu. 2005 Bandiera della Turchia Galatasaray SL 14 0 CT 3 1 - - - - - - 17 1
2005-2006 Bandiera della Francia O. Marsiglia L1 35 6 CF+CdL 6+0 3+0 Int+CU 5+7 2+1 - - - 53 12
2006-2007 L1 25 5 CF+CdL 5+2 1+0 Int+CU 0+4 0+0 - - - 36 6
Totale O. Marsiglia 60 11 13 4 16 3 - - 89 18
2007-2008 Bandiera della Germania Bayern Monaco BL 28 11 CG+CdL 5+2 2+3 CU 11 3 - - - 46 19
2008-2009 BL 25 9 CG 3 1 UCL 8 4 - - - 36 14
2009-2010 BL 19 4 CG 4 2 UCL 7 1 - - - 30 7
2010-2011 BL 25 7 CG 3 2 UCL 4 2 - - - 32 11
2011-2012 BL 32 12 CG 4 2 UCL 14 3 - - - 50 17
2012-2013 BL 27 10 CG 3 0 UCL 12 1 SG 1 0 43 11
2013-2014 BL 22 10 CG 4 1 UCL 10 3 SG+SU+Cmc 0+1+2 0+1+1 39 16
2014-2015 BL 15 5 CG 2 1 UCL 6 3 SG 0 0 23 9
2015-2016 BL 13 2 CG 2 0 UCL 7 0 SG 0 0 22 2
2016-2017 BL 22 5 CG 3 0 UCL 6 0 SG 1 0 32 5
2017-2018 BL 20 5 CG 5 1 UCL 8 0 SG 1 0 34 6
2018-2019 BL 25 6 CG 5 0 UCL 7 1 SG 1 0 38 7
Totale Bayern Monaco 273 86 45 15 100 21 7 2 425 124
2019-2020 Bandiera dell'Italia Fiorentina A 21 5 CI 0 0 - - - - - - 21 5
2020-2021 A 29 2 CI 1 0 - - - - - - 30 2
Totale Fiorentina 50 7 1 0 - - - - 51 7
2021-2022 Bandiera dell'Italia Salernitana A 23 0 CI 0 0 - - - - - - 23 0
ago.-ott. 2022 A 1 0 CI 1 0 - - - - - - 2 0
Totale Salernitana 24 0 1 0 - - - - 25 0
Totale carriera 528 116 68 21 116 24 7 2 718 163

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Francia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
27-5-2006 Saint-Denis Francia Bandiera della Francia 1 – 0 Bandiera del Messico Messico Amichevole - Ingresso al 75’ 75’
31-5-2006 Lens Francia Bandiera della Francia 2 – 0 Bandiera della Danimarca Danimarca Amichevole - Ingresso al 66’ 66’
7-6-2006 Saint-Étienne Francia Bandiera della Francia 3 – 1 Bandiera della Cina Cina Amichevole - Ingresso al 75’ 75’
13-6-2006 Stoccarda Francia Bandiera della Francia 0 – 0 Bandiera della Svizzera Svizzera Mondiali 2006 - 1º turno - Uscita al 70’ 70’
18-6-2006 Lipsia Francia Bandiera della Francia 1 – 1 Bandiera della Corea del Sud Corea del Sud Mondiali 2006 - 1º turno - Ingresso al 60’ 60’
23-6-2006 Colonia Togo Bandiera del Togo 0 – 2 Bandiera della Francia Francia Mondiali 2006 - 1º turno - Uscita al 77’ 77’
27-6-2006 Hannover Spagna Bandiera della Spagna 1 – 3 Bandiera della Francia Francia Mondiali 2006 - Ottavi di finale 1 Ammonizione al 88’ 88’
1-7-2006 Francoforte sul Meno Brasile Bandiera del Brasile 0 – 1 Bandiera della Francia Francia Mondiali 2006 - Quarti di finale - Uscita al 77’ 77’
5-7-2006 Monaco di Baviera Portogallo Bandiera del Portogallo 0 – 1 Bandiera della Francia Francia Mondiali 2006 - Semifinale - Uscita al 72’ 72’
9-7-2006 Berlino Italia Bandiera dell'Italia 1 – 1 dts
(5 – 3 dtr)
Bandiera della Francia Francia Mondiali 2006 - Finale - Uscita al 100’ 100’
16-8-2006 Sarajevo Bosnia ed Erzegovina Bandiera della Bosnia ed Erzegovina 1 – 2 Bandiera della Francia Francia Amichevole - Uscita al 69’ 69’
2-9-2006 Tbilisi Georgia Bandiera della Georgia 0 – 3 Bandiera della Francia Francia Qual. Euro 2008 - Uscita al 69’ 69’
6-9-2006 Saint-Denis Francia Bandiera della Francia 3 – 1 Bandiera dell'Italia Italia Qual. Euro 2008 - Uscita al 88’ 88’
7-10-2006 Glasgow Scozia Bandiera della Scozia 1 – 0 Bandiera della Francia Francia Qual. Euro 2008 - Uscita al 74’ 74’
11-10-2006 Sochaux Francia Bandiera della Francia 5 – 0 Bandiera delle Fær Øer Fær Øer Qual. Euro 2008 -
7-2-2007 Saint-Denis Francia Bandiera della Francia 0 – 1 Bandiera dell'Argentina Argentina Amichevole -
2-6-2007 Saint-Denis Francia Bandiera della Francia 2 – 0 Bandiera dell'Ucraina Ucraina Qual. Euro 2008 1
6-6-2007 Auxerre Francia Bandiera della Francia 1 – 0 Bandiera della Georgia Georgia Qual. Euro 2008 - Uscita al 90+5’ 90+5’
22-8-2007 Trnava Slovacchia Bandiera della Slovacchia 0 – 1 Bandiera della Francia Francia Amichevole - Uscita al 72’ 72’
8-9-2007 Milano Italia Bandiera dell'Italia 0 – 0 Bandiera della Francia Francia Qual. Euro 2008 - Uscita al 86’ 86’
12-9-2007 Parigi Francia Bandiera della Francia 0 – 1 Bandiera della Scozia Scozia Qual. Euro 2008 -
13-10-2007 Tórshavn Fær Øer Bandiera delle Fær Øer 0 – 6 Bandiera della Francia Francia Qual. Euro 2008 - Uscita al 64’ 64’
17-10-2007 Nantes Francia Bandiera della Francia 2 – 0 Bandiera della Lituania Lituania Qual. Euro 2008 -
21-11-2007 Kiev Ucraina Bandiera dell'Ucraina 2 – 2 Bandiera della Francia Francia Qual. Euro 2008 - Uscita al 89’ 89’
26-3-2008 Saint-Denis Francia Bandiera della Francia 1 – 0 Bandiera dell'Inghilterra Inghilterra Amichevole 1 Ammonizione al 38’ 38’
31-5-2008 Tolosa Francia Bandiera della Francia 0 – 0 Bandiera del Paraguay Paraguay Amichevole - Uscita al 46’ 46’
3-6-2008 Saint-Denis Francia Bandiera della Francia 1 – 0 Bandiera della Colombia Colombia Amichevole 1 Uscita al 75’ 75’
9-6-2008 Zurigo Romania Bandiera della Romania 0 – 0 Bandiera della Francia Francia Euro 2008 - 1º turno -
13-6-2008 Berna Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 4 – 1 Bandiera della Francia Francia Euro 2008 - 1º turno -
17-6-2008 Zurigo Francia Bandiera della Francia 0 – 2 Bandiera dell'Italia Italia Euro 2008 - 1º turno - Uscita al 10’ 10’
11-10-2008 Costanza Romania Bandiera della Romania 2 – 2 Bandiera della Francia Francia Qual. Mondiali 2010 1 Uscita al 90+1’ 90+1’
14-10-2008 Saint-Denis Francia Bandiera della Francia 3 – 1 Bandiera della Tunisia Tunisia Amichevole - Uscita al 46’ 46’
19-11-2008 Saint-Denis Francia Bandiera della Francia 0 – 0 Bandiera dell'Uruguay Uruguay Amichevole - Uscita al 58’ 58’
11-2-2009 Marsiglia Francia Bandiera della Francia 0 – 2 Bandiera dell'Argentina Argentina Amichevole -
28-3-2009 Kaunas Lituania Bandiera della Lituania 0 – 1 Bandiera della Francia Francia Qual. Mondiali 2010 1
1-4-2009 Saint-Denis Francia Bandiera della Francia 1 – 0 Bandiera della Lituania Lituania Qual. Mondiali 2010 1
2-6-2009 Saint-Étienne Francia Bandiera della Francia 0 – 1 Bandiera della Nigeria Nigeria Amichevole - Uscita al 70’ 70’
5-6-2009 Lione Francia Bandiera della Francia 1 – 0 Bandiera della Turchia Turchia Amichevole - Ingresso al 59’ 59’
12-8-2009 Tórshavn Fær Øer Bandiera delle Fær Øer 0 – 1 Bandiera della Francia Francia Qual. Mondiali 2010 - Ingresso al 65’ 65’
5-9-2009 Saint-Denis Francia Bandiera della Francia 1 – 1 Bandiera della Romania Romania Qual. Mondiali 2010 - Ingresso al 57’ 57’
9-9-2009 Belgrado Serbia Bandiera della Serbia 1 – 1 Bandiera della Francia Francia Qual. Mondiali 2010 - Ingresso al 77’ 77’
3-3-2010 Saint-Denis Francia Bandiera della Francia 0 – 2 Bandiera della Spagna Spagna Amichevole - Uscita al 74’ 74’
26-5-2010 Lens Francia Bandiera della Francia 2 – 1 Bandiera della Costa Rica Costa Rica Amichevole - Uscita al 84’ 84’
30-5-2010 Radès Tunisia Bandiera della Tunisia 1 – 1 Bandiera della Francia Francia Amichevole - Uscita al 46’ 46’
4-6-2010 Saint-Pierre Francia Bandiera della Francia 0 – 1 Bandiera della Cina Cina Amichevole - Uscita al 62’ 62’
11-6-2010 Città del Capo Uruguay Bandiera dell'Uruguay 0 – 0 Bandiera della Francia Francia Mondiali 2010 - 1º turno - Ammonizione al 19’ 19’
17-6-2010 Polokwane Francia Bandiera della Francia 0 – 2 Bandiera del Messico Messico Mondiali 2010 - 1º turno -
22-6-2010 Bloemfontein Francia Bandiera della Francia 1 – 2 Bandiera del Sudafrica Sudafrica Mondiali 2010 - 1º Turno -
25-3-2011 Lussemburgo Lussemburgo Bandiera del Lussemburgo 0 – 2 Bandiera della Francia Francia Qual. Euro 2012 -
29-3-2011 Parigi Francia Bandiera della Francia 0 – 0 Bandiera della Croazia Croazia Amichevole - Ingresso al 59’ 59’
3-6-2011 Minsk Bielorussia Bandiera della Bielorussia 1 – 1 Bandiera della Francia Francia Qual. Euro 2012 -
6-6-2011 Donec'k Ucraina Bandiera dell'Ucraina 1 – 4 Bandiera della Francia Francia Amichevole - Ingresso al 64’ 64’
2-9-2011 Tirana Albania Bandiera dell'Albania 1 – 2 Bandiera della Francia Francia Qual. Euro 2012 -
6-9-2011 Bucarest Romania Bandiera della Romania 0 – 0 Bandiera della Francia Francia Qual. Euro 2012 -
11-11-2011 Saint-Denis Francia Bandiera della Francia 1 – 0 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Amichevole - Uscita al 64’ 64’
15-11-2011 Saint-Denis Francia Bandiera della Francia 0 – 0 Bandiera del Belgio Belgio Amichevole - Uscita al 72’ 72’
29-2-2012 Brema Germania Bandiera della Germania 1 – 2 Bandiera della Francia Francia Amichevole - Uscita al 46’ 46’
27-5-2012 Valenciennes Francia Bandiera della Francia 3 – 2 Bandiera dell'Islanda Islanda Amichevole 1 Ingresso al 75’ 75’
31-5-2012 Reims Francia Bandiera della Francia 2 – 0 Bandiera della Serbia Serbia Amichevole 1 Uscita al 61’ 61’
5-6-2012 Le Mans Francia Bandiera della Francia 4 – 0 Bandiera dell'Estonia Estonia Amichevole 1 Uscita al 64’ 64’
11-6-2012 Donec'k Francia Bandiera della Francia 1 – 1 Bandiera dell'Inghilterra Inghilterra Euro 2012 - 1º turno -
15-6-2012 Donec'k Ucraina Bandiera dell'Ucraina 0 – 2 Bandiera della Francia Francia Euro 2012 - 1º turno -
19-6-2012 Kiev Svezia Bandiera della Svezia 2 – 0 Bandiera della Francia Francia Euro 2012 - 1º turno -
23-6-2012 Donec'k Spagna Bandiera della Spagna 2 – 0 Bandiera della Francia Francia Euro 2012 - Quarti di finale -
15-8-2012 Le Havre Francia Bandiera della Francia 0 – 0 Bandiera dell'Uruguay Uruguay Amichevole -
7-9-2012 Helsinki Finlandia Bandiera della Finlandia 0 – 1 Bandiera della Francia Francia Qual. Mondiali 2014 - Uscita al 89’ 89’
11-9-2012 Saint-Denis Francia Bandiera della Francia 3 – 1 Bandiera della Bielorussia Bielorussia Qual. Mondiali 2014 1 Uscita al 90’ 90’
12-10-2012 Saint-Denis Francia Bandiera della Francia 0 – 1 Bandiera del Giappone Giappone Amichevole - Ingresso al 68’ 68’
16-10-2012 Madrid Spagna Bandiera della Spagna 1 – 1 Bandiera della Francia Francia Qual. Mondiali 2014 -
14-11-2012 Parma Italia Bandiera dell'Italia 1 – 2 Bandiera della Francia Francia Amichevole - Uscita al 64’ 64’
6-2-2013 Saint-Denis Francia Bandiera della Francia 1 – 2 Bandiera della Germania Germania Amichevole -
22-3-2013 Saint-Denis Francia Bandiera della Francia 3 – 1 Bandiera della Georgia Georgia Qual. Mondiali 2014 1 Uscita al 78’ 78’
26-3-2013 Saint-Denis Francia Bandiera della Francia 0 – 1 Bandiera della Spagna Spagna Qual. Mondiali 2014 -
14-8-2013 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 0 – 0 Bandiera della Francia Francia Amichevole -
6-9-2013 Tbilisi Georgia Bandiera della Georgia 0 – 0 Bandiera della Francia Francia Qual. Mondiali 2014 -
10-9-2013 Homel' Bielorussia Bandiera della Bielorussia 2 – 4 Bandiera della Francia Francia Qual. Mondiali 2014 2 Uscita al 80’ 80’
11-10-2013 Parigi Francia Bandiera della Francia 6 – 0 Bandiera dell'Australia Australia Amichevole 1 Uscita al 63’ 63’
15-10-2013 Saint-Denis Francia Bandiera della Francia 3 – 0 Bandiera della Finlandia Finlandia Qual. Mondiali 2014 1
15-11-2013 Kiev Ucraina Bandiera dell'Ucraina 2 – 0 Bandiera della Francia Francia Qual. Mondiali 2014 -
19-11-2013 Saint-Denis Francia Bandiera della Francia 3 – 0 Bandiera dell'Ucraina Ucraina Qual. Mondiali 2014 -
5-3-2014 Saint-Denis Francia Bandiera della Francia 2 – 0 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole - Ingresso al 63’ 63’
Totale Presenze 81 Reti 16

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Galatasaray: 2004-2005
Bayern Monaco: 2007
Bayern Monaco: 2007-2008, 2009-2010, 2012-2013, 2013-2014, 2014-2015, 2015-2016, 2016-2017, 2017-2018, 2018-2019
Bayern Monaco: 2007-2008, 2009-2010, 2012-2013, 2013-2014, 2015-2016, 2018-2019
Bayern Monaco: 2010, 2012, 2016, 2017, 2018

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Olympique Marsiglia: 2005
Bayern Monaco: 2012-2013
Bayern Monaco: 2013
Bayern Monaco: 2013

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

Ribéry premiato come miglior giocatore dell'anno ai Globe Soccer Awards del 2013.
Miglior giovane della Ligue 1: 2006
Squadra ideale della Ligue 1: 2006
Gol più bello: 2006
2007, 2008, 2013
2008
2007
2007-2008
2008, 2013
2012-2013
2013
2013
2013
2013

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Franck Ribéry, in Uefa.com. URL consultato il 27 settembre 2012.
  2. ^ A Ferrari in the Bayern shirt, Bundesliga.de, 27 novembre 2007. URL consultato il 14 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 25 aprile 2010).
  3. ^ Stelle Mondiali: “Scarface” Ribery, genio di Francia, su mondiali-di-calcio-2014.com.
  4. ^ Euro 2008 WAGs, BBC Sport, 31 maggio 2008, p. p.9. URL consultato il 1º giugno 2008.
  5. ^ Van Buyten back, new dad Ribéry in France, su fcbayern.t-home.de, fcbayern.de, 10 gennaio 2008. URL consultato l'11 gennaio 2008.
  6. ^ Convert to Islam changes French mindset: Rebel Ribéry strides from sink estate to brink of greatness, Independent, 10 giugno 2008-06-10. URL consultato il 1º giugno 2008.
  7. ^ Scandalo squillo minorenni Ribery sotto inchiesta, su la Repubblica, 20 luglio 2010.
  8. ^ Ribery e Benzema assolti per il caso della baby escort Zahia, su Sky Sport, 30 gennaio 2014.
  9. ^ CALCIO. Ribery nel nuovo spot Nike, su La Gazzetta dello Sport, 28 agosto 2009. URL consultato il 25 gennaio 2023.
  10. ^ Ribery “da paura”: fa il manichino per la Nike e terrorizza i passanti, in Youmedia, Fanpage.it, 30 maggio 2013. URL consultato il 25 gennaio 2023.
  11. ^ (EN) German giants recruit Ribéry, in Sky Sports, 7 giugno 2006. URL consultato il 17 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 9 giugno 2007).
  12. ^ (EN) FCB unveil star signings Ribéry and Toni, in FCBayern.com, 7 giugno 2006. URL consultato il 17 marzo 2015.
  13. ^ (DE) SV Werder Bremen – FC Bayern München Match Report, in Fussballdaten, 21 luglio 2007. URL consultato il 17 marzo 2015.
  14. ^ (DE) Bayern zauberte weiter, in Fussballdaten, 18 agosto 2007. URL consultato il 17 marzo 2015.
  15. ^ (DE) Keine Sensation, in Fussballdaten, 19 aprile 2008. URL consultato il 17 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 12 marzo 2010).
  16. ^ (EN) Ribéry named Footballer of the Year, in fcbayern.de, 8 giugno 2008. URL consultato il 17 marzo 2015.
  17. ^ (FR) Ribéry, joueur français de l'année, in France Football, 7 dicembre 2008. URL consultato il 17 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2008).
  18. ^ (DE) FC Bayern München – 1. FC Nürnberg Match Report, in Fussballdaten, 24 settembre 2008. URL consultato il 17 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2015).
  19. ^ (EN) Champions League: Bayern Munich v Barcelona – as it happened, The Guardian, 14 aprile 2009. URL consultato il 17 marzo 2015.
  20. ^ (EN) Last-gasp Olić earns Bayern victory, in UEFA.com, 30 marzo 2010. URL consultato il 17 marzo 2015.
  21. ^ (EN) Robben tips balance Bayern's way, in UEFA, 20 aprile 2010. URL consultato il 17 marzo 2015.
  22. ^ (EN) Franck Ribery to miss final as CAS reject appeal, in ESPN, 17 maggio 2010. URL consultato il 17 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 23 ottobre 2012).
  23. ^ (EN) Milito ends Inter's long wait, in UEFA, 22 maggio 2010. URL consultato il 17 marzo 2015.
  24. ^ (DE) Bayern gewann das Spiel, verlor aber Ribery, su fussballdaten.de, Fussballdaten, 21 settembre 2010. URL consultato il 17 marzo 2015.
  25. ^ (DE) Eine vorhersehbare Geschichte, in Fussballdaten, 14 novembre 2010. URL consultato il 17 marzo 2015.
  26. ^ (FR) Josue présente ses excuses à Ribéry, in RTBF, 2 febbraio 2011. URL consultato il 17 marzo 2015.
  27. ^ (DE) Abschied von van Gaal nach dem FCB-Schlafwagenspiel, in Fussballdaten, 11 aprile 2011. URL consultato il 17 marzo 2015.
  28. ^ (EN) Bundesliga – Ribery in Bayern injury scare, in Yahoo!, 24 luglio 2011. URL consultato il 17 marzo 2015.
  29. ^ (EN) Bayern back on top as Inter's slump continues, in Daily Mail, 6 dicembre 2011. URL consultato il 17 marzo 2015.
  30. ^ Bayern campione di Germania con 6 turni d'anticipo: è il trionfo numero 23, su gazzetta.it, 6 aprile 2013. URL consultato il 13 marzo 2015.
  31. ^ Bayern nella storia: tripletta. Vince anche la Coppa di Germania, su gazzetta.it, 1º giugno 2013. URL consultato il 13 marzo 2015.
  32. ^ Borussia-Bayern 1-2, festa con Robben sul filo di lana, su gazzetta.it, 25 maggio 2013. URL consultato il 13 marzo 2015.
  33. ^ Bayern vince la Supercoppa, Chelsea ko, su gazzetta.it, 30 agosto 2013. URL consultato il 21 giugno 2014.
  34. ^ Mondiale per club: trionfa il Bayern. Raja Casablanca battuto 2-0, su gazzetta.it, 21 dicembre 2013. URL consultato il 28 giugno 2014.
  35. ^ Festa Bayern Monaco: 24º titolo con 7 giornate d'anticipo, su gazzetta.it, 25 marzo 2014. URL consultato il 21 giugno 2014.
  36. ^ Bayern Monaco vince Coppa di Germania, su gazzetta.it, 17 maggio 2014. URL consultato il 21 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 20 luglio 2014).
  37. ^ Bayern Munich 2-0 Raja Casablanca - BBC Sport, in BBC Sport. URL consultato il 6 giugno 2018.
  38. ^ German glory and high-flying hosts, su fifa.com, FIFA. URL consultato il 6 giugno 2018 (archiviato dall'url originale il 19 maggio 2018).
  39. ^ Ballon d'Or: Cristiano Ronaldo beats Lionel Messi and Ribery, in BBC Sport, 13 gennaio 2014. URL consultato il 13 gennaio 2014.
  40. ^ (DE) Maik Rosner, Erstaunlicher Ecke-Tor-Sieg, in Süddeutsche Zeitung, 6 dicembre 2014. URL consultato il 6 dicembre 2014.
  41. ^ Bayern Mun 1 0 Bayer Levkn, in BBC Sports, 6 dicembre 2014. URL consultato l'8 dicembre 2014.
  42. ^ Ribéry suffers thigh injury, su fcbayern.com, FC Bayern Munich. URL consultato il 24 agosto 2018.
  43. ^ 'The machine' is back, su fcbayern.com, FC Bayern Munich. URL consultato il 24 agosto 2018.
  44. ^ Ribery: It's a bit of a pain, su fcbayern.com, FC Bayern Munich. URL consultato il 23 agosto 2018.
  45. ^ Comeback, goal, milestone, su fcbayern.com, FC Bayern Munich. URL consultato il 23 agosto 2018.
  46. ^ Lewy's record, Ribéry's milestone, su fcbayern.com, FC Bayern Munich. URL consultato il 23 agosto 2018.
  47. ^ Bayern Munich: Franck Ribery signs a one-year extension to his contract, in BBC Sport, 27 novembre 2016. URL consultato il 27 novembre 2016.
  48. ^ (DE) DFL-Supercup, 2017, Final, su dfb.de, German Football Association. URL consultato il 24 agosto 2018.
  49. ^ Ribery's outright record, a first for Vidal, su fcbayern.com, FC Bayern Munich. URL consultato il 24 agosto 2018.
  50. ^ Ribéry era to end this summer after 12 years, su fcbayern.com, FC Bayern Munich, 5 maggio 2019. URL consultato il 5 maggio 2019.
  51. ^ Robert Lewandowski hits brace as Bayern Munich beat RB Leipzig in DFB Cup final to seal the double, su bundesliga.com. URL consultato il 26 maggio 2019.
  52. ^ Record for Ribéry and Lewandowski, su fcbayern.com. URL consultato il 26 maggio 2019.
  53. ^ Fiorentina-Ribery: è fatta! Due anni di contratto, su gazzetta.it, 20 agosto 2019.
  54. ^ Ribery-Fiorentina, ufficiale il colpo di calciomercato: domani presentazione al Franchi, su sport.sky.it, 21 agosto 2019.
  55. ^ Matteo Dovellini, Idee, grinta e gol, in la Repubblica, 25 agosto 2019, p. 8.
  56. ^ Alla Fiorentina non basta il primo acuto di Ribery: l’Atalanta rimonta e finisce 2-2, su calcio.fanpage.it, 22 settembre 2019. URL consultato il 22 settembre 2019.
  57. ^ La Lega di A incorona Ribery: è lui il primo vincitore del premio “giocatore del mese”, su ilmessaggero.it, 5 ottobre 2019.
  58. ^ Ribery, ecco il report medico: lesione di primo/secondo grado al legamento della caviglia. Il ritorno…, su violanews.com. URL consultato il 1º luglio 2021.
  59. ^ Quando torna Ribéry dall'infortunio? I tempi di recupero, su goal.com, 18 giugno 2020. URL consultato il 1º luglio 2021.
  60. ^ La Fiorentina saluta Ribery. Dalla presentazione stile Hollywood al silenzio. Tutti gli scenari di Franck, su gazzetta.it, 30 giugno 2021.
  61. ^ Franck Ribery è un giocatore della Salernitana, su ussalernitana1919.it, 6 settembre 2021.
  62. ^ Gianluca Di Marzio, Salernitana, l'esordio di Franck Ribery ai raggi X, su Gianluca Di Marzio. URL consultato il 31 dicembre 2023.
  63. ^ a b Risoluzione contrattuale per Franck Ribery, su ussalernitana1919.it, 21 ottobre 2022. URL consultato il 22 ottobre 2022.
  64. ^ Fabrizio Salvio, Ribery dà l'addio: "Smettere fa male. Io fra i cinque top del mondo? Beh, sì", su La Gazzetta dello Sport, 22 ottobre 2022. URL consultato il 22 ottobre 2022.
  65. ^ (FR) Franck RIBERY, in French Football Federation. URL consultato il 9 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2012).
  66. ^ (EN) Ribéry stats and timeline, in footballdatabase.com. URL consultato il 9 gennaio 2015.
  67. ^ (EN) Spain 1–3 France, in British Broadcasting Company, 27 giugno 2006. URL consultato il 9 gennaio 2015.
  68. ^ Livia Taglioli, Finale: Italia-Francia ai rigori, su gazzetta.it, Gazzetta dello Sport, 9 luglio 2006. URL consultato il 9 gennaio 2015.
  69. ^ L'Italia si sveglia e vola ai quarti, su it.uefa.com, uefa.com, 17 giugno 2008. URL consultato il 9 gennaio 2015.
  70. ^ (FR) Fontaine tacle Ribéry et Anelka, su lequipe.fr, L'Équipe, 13 giugno 2010. URL consultato il 9 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 9 luglio 2010).
  71. ^ (EN) Resentment over Gourcuff treatment behind implosion, su irishtimes.com, The Irish Times, 23 giugno 2010. URL consultato il 9 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2012).
  72. ^ Stefano Cantalupi, Francia a casa senza gloria Il Sudafrica vince ma è fuori, su gazzetta.it, Gazzetta dello Sport, 22 giugno 2010. URL consultato il 9 gennaio 2015.
  73. ^ Stefano Cantalupi, Spagna, ci pensa Xabi Alonso Francia spenta ed eliminata, su gazzetta.it, Gazzetta dello Sport, 23 giugno 2012. URL consultato il 9 gennaio 2015.
  74. ^ (EN) World Cup 2014: France's Franck Ribery out injured, BBC Sport, 6 giugno 2014. URL consultato il 9 gennaio 2015.
  75. ^ (EN) Franck Ribéry retires from France duty, ESPN.com, 13 agosto 2014. URL consultato il 9 gennaio 2015.
  76. ^ FIGC, FRANK RIBERY OTTIENE IL PATENTINO DI ALLENATORE UEFA B, su Sportmediaset.it. URL consultato il 31 dicembre 2023.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN102521232 · ISNI (EN0000 0000 7305 684X · LCCN (ENn2013007875 · GND (DE139659145 · BNF (FRcb16174126j (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n2013007875