Willy Sagnol

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Willy Sagnol
Willy Sagnol, April 2006.jpg
Nazionalità Francia Francia
Altezza 182 cm
Peso 81 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 22 gennaio 2009 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1995-1997Saint-Étienne76 (6)
1997-2000Monaco91 (9)
2000-2009Bayern Monaco184 (7)
Nazionale
1997Francia Francia U-20? (?)
2000-2008 Francia Francia 56 (0)
Carriera da allenatore
2013Francia Francia U-20Interim
2013-2014Francia Francia U-21
2014-2016Bordeaux
2017Bayern MonacoVice
2017Bayern MonacoInterim
Palmarès
Transparent.png Confederations Cup
Oro Corea del Sud-Giappone 2001
Oro Francia 2003
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Argento Germania 2006
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 6 ottobre 2017

Willy Sagnol (Saint-Étienne, 18 marzo 1977) è un allenatore di calcio ed ex calciatore francese, di ruolo difensore.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Ha cominciato la carriera professionistica nella squadra della sua città, il Saint-Étienne, trascorrendovi due stagioni. Nell'estate 1997 si trasferì al Monaco, vincendo il campionato francese nella stagione 1999-2000 e due Supercoppe nazionali.

Poco dopo, nell'estate 2000, venne acquistato dal Bayern Monaco per 6,3 milioni di euro.[1] Durante l'esperienza al Bayern si è affermato come uno dei migliori terzini destri al mondo,[1] conquistando cinque campionati tedeschi (2000-2001, 2002-2003, 2004-2005, 2005-2006 e 2007-2008), quattro Coppe di Germania, due Coppe di Lega, la Champions League 2000-2001 e la Coppa Intercontinentale 2001. Nel gennaio 2006 ha prolungato di altri quattro anni, fino al 2010, il contratto con il club bavarese.[1]

Tra l'aprile 2007 e il luglio 2008 è stato vittima di tre infortuni, prima un problema alle cartilagini del ginocchio sinistro, poi, a gennaio 2008, un'ernia del disco, infine una lesione al tendine di Achille per la quale è stato operato[2] e che l'ha costretto ad annunciare il suo ritiro dal calcio giocato il 22 gennaio 2009.[3]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Ha esordito con la maglia della nazionale francese nel 2000. Nel 2002 ha fatto parte dei 23 convocati per il campionato del mondo in Corea del Sud e Giappone, ma non è mai sceso in campo. Due anni dopo, al campionato d'Europa 2004, ha disputato tre incontri, due da subentrato e uno da titolare.

Nel campionato del mondo 2006 ha giocato da terzino titolare tutte e sette gare dei Bleus, compresa la finale di Berlino persa contro l'Italia. Ha tirato in quell'occasione uno dei rigori, mettendolo a segno. Al campionato d'Europa 2008 ha totalizzato due presenze e la sua squadra è uscita dopo la fase a gironi.

Sempre con la divisa della Francia ha vinto la Confederations Cup nel 2001 e nel 2003.

Direttore e Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 gennaio 2010 diventa membro del consiglio dirigenziale del Saint-Étienne come membro comitato direttivo. Il 18 maggio si dimette dall’incarico.[4]

Il 21 marzo 2011 entra nell’organigramma del Bayern Monaco come osservatore.[5] Il 6 ottobre la federazione francese lo nomina direttore tecnico delle nazionali giovanili.[6]

Nel maggio 2013 viene nominato tecnico ad interim dell’Under-20 francese per il Torneo di Tolone in sostituzione di Pierre Mankowski impegnato per il Mondiale della stessa categoria. Esordisce nella vittoria per 4-1 contro gli Stati Uniti. Si piazza secondo nel proprio girone e partecipa alla finale per il 3º e 4º posto dove batte per 2-1 il Portogallo. Il 10 giugno chiude la sua avventura dopo aver totalizzato 3 vittorie, 1 pareggio e 1 sconfitta. Dopo due giorni viene nominato tecnico dell’Under-21 francese, con il compito di qualificarsi per l’Europeo.[7] Il 30 luglio viene anche nominato presidente della commissione federale.[8] Esordisce con un pareggio per 0-0 nell’amichevole con la Germania. Il 5 settembre ottiene il primo successo battendo per 5-0 il Kazakistan, partita valevole per la qualificazione all’Europeo. Il 23 maggio 2014 dopo otto partite (6 vittorie e 2 pareggi) lascia la guida dei Les Bleuets e diventa l'allenatore del Bordeaux, firmando un contratto di tre stagioni.[9] Il primo anno viene eliminato ai sedicesimi di finale della Coppa di Francia dal Paris Saint-German, nella Coppa di lega francese viene eliminato ai ottavi di finale dal Lilla e ha condotto la squadra al sesto posto in campionato. Il secondo anno viene eliminato in semifinale della Coppa di lega francese dal Lilla e nella Coppa di Francia ai quarti di finale dal Nantes. Il 14 marzo 2016 è stato sollevato dall'incarico con la squadra al 14º posto, a +5 sulla zona retrocessione.[10]

Il 9 giugno 2017 ritorna al Bayern Monaco come vice di Carlo Ancelotti, firmando un biennale in sostituzione di Paul Clement passato nei mesi scorsi alla guida del Swansea.[11] Il 28 settembre dopo l'esonero di Ancelotti diventa allenatore ad interim.[12][13] La domenica seguente esordisce sulla panchina della squadra bavarese con un pareggio per 2 a 2 contro l'Hertha Berlino. Il 6 ottobre lascia la guida del club al nuovo allenatore Jupp Heynckes.[14]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 1º ottobre 2017.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale Vittorie % Piazzamento
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
2014-2015 Francia Bordeaux L1 38 17 12 9 CF+CdL 2+2 1+1 0+1 1+0 42 19 13 10 45,24
2015-mar.2016 L1 30 9 11 10 CF+CdL 3+3 2+2 0+0 1+1 UEL 10 3 4 3 46 16 15 15 34,78 Esonerato
Totale Bordeaux 68 26 23 19 10 6 1 3 10 3 4 3 88 35 28 25 39,77
set.2017- Germania Bayern Monaco BL 1 0 1 0 CG 0 0 0 0 UCL 0 0 0 0 - - - - 1 0 1 0 &&0,00 interim
Totale carriera 69 26 24 19 10 6 1 3 10 3 4 3 89 35 29 25 39,33

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Monaco: 1997
Monaco: 1999-2000
Bayern Monaco: 2000-2001, 2002-2003, 2004-2005, 2005-2006, 2007-2008
Bayern Monaco: 2002-2003, 2004-2005, 2005-2006, 2007-2008
Bayern Monaco: 2000, 2004, 2007

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Bayern Monaco: 2000-2001
Bayern Monaco: 2001

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

2001, 2003

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c La scelta di vita di Sagnol, it.uefa.com, 17 gennaio 2006. URL consultato il 30 novembre 2008.
  2. ^ Lungo stop per Sagnol, it.uefa.com, 5 agosto 2008. URL consultato il 30 novembre 2008.
  3. ^ (DE) Sagnol beendet Karriere mit sofortiger Wirkung, transfermarkt.de, 22 gennaio 2009. URL consultato il 22 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il 23 gennaio 2009).
  4. ^ Saint-Etienne : Sagnol démissionne du Conseil de surveillance, leparisien.fr, 18 mai 2010.
  5. ^ Bayern : Sagnol au recrutement ?, maxifoot.fr, 21 mars 2011.
  6. ^ Desailly et Sagnol intègrent la FFF, lefigaro.fr, 6 octobre 2011.
  7. ^ Sagnol avec les Espoirs, football.fr, 13 juin 2013.
  8. ^ Sagnol président de la commission Fédérle, fff.fr, 30 juillet 2013.
  9. ^ UFFICIALE: Sagnol nuovo tecnico del Bordeaux - TMW
  10. ^ Ufficiale: Bordeaux, esonerato Sagnol. Ramé il nuovo allenatore, tuttomercatoweb.com, 14 marzo 2016.
  11. ^ Ufficiale: Bayern Monaco, l'ex Sagnol entra nello staff di Ancelotti, tuttomercatoweb.com, 9 giugno 2017.
  12. ^ FC Bayern trennt sich von Carlo Ancelotti
  13. ^ Ufficiale: Bayern, esonerato Ancelotti. Sagnol nuovo allenatore, tuttomercatoweb.com, 28 settembre 2017.
  14. ^ Ufficiale: Bayern Monaco, Heynckes è il nuovo allenatore, tuttomercatoweb.com, 6 ottobre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN69133198 · ISNI (EN0000 0000 0133 5137 · BNF (FRcb140558694 (data)