Marc-André ter Stegen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Marc-André ter Stegen
Real Valladolid - FC Barcelona, 2018-08-25 (79) (cropped).jpg
Ter Stegen con il Barcellona nel 2018
Nazionalità Germania Germania
Altezza 187 cm
Peso 82 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Portiere
Squadra Barcellona
Carriera
Giovanili
1996-2010Borussia M'gladbach
Squadre di club1
2009-2011Borussia M'gladbach II18 (-23)
2010-2014Borussia M'gladbach108 (-117)[1]
2014-Barcellona183 (-169)
Nazionale
2007-2008Germania Germania U-167 (-?)
2008-2009Germania Germania U-1719 (-15)
2009-2010Germania Germania U-184 (-1)
2010-2012Germania Germania U-199 (-3)
2012-2015Germania Germania U-2114 (-14)
2012-Germania Germania25 (-27)
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-17
Oro Germania 2009
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Bronzo Rep. Ceca 2015
Transparent.png Confederations Cup
Oro Russia 2017
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 29 agosto 2021

Marc-André ter Stegen (Mönchengladbach, 30 aprile 1992) è un calciatore tedesco, portiere del Barcellona e della nazionale tedesca.

Nel 2012 è stato inserito nella lista dei migliori calciatori nati dopo il 1991 stilata da Don Balón.[2]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Considerato uno dei portieri migliori del mondo,[3][4] dispone di ottimi riflessi[4] ed è molto abile nelle uscite[5] e nel coprire lo specchio della porta ai giocatori avversari.[5] Ter Stegen è molto bravo nei passaggi per via della sua ottima visione di gioco con cui inizia l'azione dalle retrovie (tanto de essere definito uno sweeper-keeper o libero aggiunto),[3][6][7][8] oltre che nel posizionamento.[8] In più è dotato anche di ottimo atletismo[4][5] ed è bravo a parare i rigori.[9]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Borussia Mönchengladbach[modifica | modifica wikitesto]

Ter Stegen con la maglia del Borussia Mönchengladbach nel 2011

Marc-André ter Stegen incominciò la sua carriera nelle giovanili del Borussia Mönchengladbach nel 1996 all'età di 4 anni. Ha attraversato l'intero settore giovanile fino al 2009, quando firma il suo primo contratto da professionista.[10] Durante il 2010 fa il suo esordio, da professionista, con la maglia della seconda squadra del Borussia Mönchengladbach, in occasione della vittoria, in trasferta per 3-2, contro il Wormatia Worms.[11] Conclude la stagione 2009-2010 totalizzando 3 presenze dove subisce 4 reti.

La stagione successiva diventa il titolare della seconda squadra del Borussia Mönchengladbach e le sue prestazioni gli permettono di guadagnare la convocazione in prima squadra. Il 10 aprile 2011 l'allenatore del Gladbach Lucien Favre lo fece esordire in Bundesliga nel derby contro il Colonia, partita vinta per 5-1.[12] Ha poi ottenuto la riconferma per le restanti sei partite di campionato più i due spareggi salvezza contro il Bochum. Il positivo finale di stagione gli ha consegnato una maglia da titolare anche per la stagione successiva.

Nella stagione 2011-2012 viene nominato come portiere titolare della prima squadra; il giovane portiere, per ricambiare la fiducia offerta dall'allenatore, mostra tutte le sue sorprendenti capacità che permettono al club di piazzarsi al 4º posto in campionato e di conquistare così la qualificazione in Champions League. Il 21 agosto 2012 fa il suo esordio, in Champions League, in occasione della partita di andata dei preliminari contro la Dinamo Kiev; la partita viene però persa per 3-1, che sommato con il risultato della partita di ritorno, 2-1 per i tedeschi, non permette al Borussia Mönchengladbach di qualificarsi per la fase a gironi ma di giocare in quella stagione in Europa League.[13] Il 20 settembre 2012 scende in campo, per la prima volta in una partita di Europa League, contro l'AEL Limassol, partita che viene pareggiata per 0-0.[14]

Barcellona[modifica | modifica wikitesto]

Ter Stegen durante un riscaldamento con il Barcellona nel 2014

Il 19 maggio 2014 viene ufficializzato il suo acquisto da parte del Barcellona, per sostituire il partente Víctor Valdés.[15] L'acquisto si è concluso per circa 15 milioni di euro, mentre ha destato scalpore l'importanza della clausola rescissoria, quantificata in 80 milioni di euro.[16] Esordisce il 17 settembre 2014, in occasione della partita, della fase a gironi di Champions League, vinta per 1-0 contro l'APOEL. Il 17 maggio 2015 vince il campionato spagnolo. Il 30 maggio successivo, giocando da titolare, vince la sua prima Coppa del Re, grazie alla vittoria dei blaugrana sull'Athletic Bilbao, sconfitto 3-1 in finale. Il 6 giugno 2015, scendendo in campo da titolare, vince anche la Champions League grazie alla vittoria, per 3-1, sugli italiani della Juventus.[17] Conclude la stagione conquistando il famoso Triplete e ottenendo personalmente un bottino di 21 presenze e 16 reti subite tra Champions League e Coppa di Spagna non giocando però alcuna partita di campionato.

L'11 agosto 2015, disputando la partita da titolare, vince la Supercoppa UEFA contro il Siviglia, per 5-4.[18] Il 17 agosto successivo, dopo aver perso l'andata per 4-0, la sua squadra perde la Supercoppa di Spagna contro l'Athletic Bilbao. Il 12 settembre 2015 disputa la sua prima partita nel campionato spagnolo in occasione della trasferta vinta, per 1-2, contro l'Atlético Madrid. Il 20 dicembre successivo vince la sua prima Coppa del mondo per club visto che la sua squadra si impone, per 3-0, sugli argentini del River Plate.

Il 16 settembre 2015 nello scontro contro la Roma prese un gol clamoroso da centrocampo da Alessandro Florenzi diventando quell'anno l'anello debole del Barcellona.

Dalla stagione 2016-2017, dopo la partenza di Claudio Bravo, diviene il portiere titolare. Termina la stagione con 46 partite giocate e 47 gol subiti, vincendo la Coppa del Rey e venendo eliminato in Champions League dalla Juventus.

La stagione seguente, 2017-2018, disputa 48 partite subendo 39 gol, vincendo la Liga e la Coppa del Rey, ma viene nuovamente eliminato in Champions League, questa volta ad opera della Roma, che riuscì clamorosamente a ribaltare il risultato complessivo (il Barcellona vinse 4-1 all'andata, ma i giallorossi riuscirono a trionfare per 3-0 al ritorno).

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Giovanile[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009 viene convocato dalla Nazionale Under-17 di calcio della Germania per partecipare al Campionato europeo di calcio Under-17. Esordisce, in tale competizione, il 6 maggio nella vittoria, per 3-1, contro la Turchia.[19] Il 12 maggio seguente la Germania si qualifica, come testa di serie, per la semifinale dove affronta l'Italia.[20] Il 15 maggio disputa anche la semifinale che viene vinta per 2-0 ai danni dell'Italia e passa in finale.[21]. Tre giorni dopo vince la competizione ai danni dell'Olanda, la partita viene vinta per 2-1 ai tempi supplementari.[22]

Grazie alla vittoria del Campionato europeo, la Germania si qualifica anche al Campionato mondiale di calcio Under-17 2009 in Nigeria e anche in questa occasione il giovane portiere tedesco viene convocato. Esordisce, nel Mondiale U-17, il 24 ottobre nel pareggio per 3-3 contro i padroni di casa della Nigeria.[23] Il 30 ottobre si piazza al terzo posto nel girone e riesce a superare il turno. Negli ottavi di finale, la Germania pesca la Svizzera, la partita viene vinta proprio dai Rossocrociati per 4-3 nei tempi supplementari.[24]

Il 29 febbraio 2012 esordisce con la maglia della Germania Under-21, scende in campo, in occasione delle qualificazioni per il Campionato europeo di calcio Under-21, nella vittoria per 1-0 contro la Grecia.[25]

Il 26 maggio 2015 viene inserito nella lista provvisoria di 28 giocatori che parteciperanno al Campionato europeo di calcio Under-21 2015 che si terrà in Repubblica Ceca.[26] Il 7 giugno successivo viene selezionato nella lista definitiva dei 23 che partiranno per la spedizione europea.[27] La prima partita la disputa 17 giugno, in occasione della prima partita, della fase a gironi, pareggiata, per 1-1, contro i pari età della Serbia.[28] Il 23 giugno lui e la sua squadra superano la fase a gironi come seconda classificata, dietro la Danimarca.[29] Il 27 giugno successivo perde la semifinale, contro il Portogallo, per 5-0.

Maggiore[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 maggio 2012 esordisce da titolare con la maglia della Nazionale maggiore in occasione dell'amichevole persa per 5-3 contro la Svizzera.[30][31] Viene convocato per gli Europei 2016 in Francia e l'anno seguente per la Confederations Cup in Russia, in cui vincerà il trofeo in finale contro il Cile e verrà anche eletto miglior giocatore della finale.[32] Dopo avere giocato parte delle qualificazioni ai Mondiali di Russia 2018 da titolare per via dell'infortunio accorso a Manuel Neuer,[33] viene convocato per la manifestazione iridata, dove tuttavia non scende mai in campo in quanto è stato il secondo di Neuer.[34]

Nel settembre 2019 ha poi avuto uno scontro con lo stesso Neuer, per il fatto che non fosse lui il titolare della selezione tedesca.[35]

Il 17 maggio 2021 non viene convocato per l'europeo a causa di un'operazione al ginocchio.[36][37]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 15 settembre 2021.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totali
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2009-2010 Germania Borussia M'gladbach II RL 3 -4 - - - - - - - - - 3 -4
2010-2011 RL 15 -19 - - - - - - - - - 15 -19
Totale Borussia M'gladbach II 18 -23 - - - - - - 18 -23
2010-2011 Germania Borussia M'gladbach BL 6+2[38] -3+-1[38] CG 0 0 - - - - - - 8 -4
2011-2012 BL 34 -24 CG 5 -2 - - - - - - 39 -26
2012-2013 BL 34 -47 CG 2 -1 UCL+UEL 2+7 -4+-11 - - - 45 -63
2013-2014 BL 34 -43 CG 1 0 - - - - - - 35 -43
Totale Borussia M'gladbach 108+2[38] -117+-1[38] 8 -3 9 -15 - - 127 -136
2014-2015 Spagna Barcellona PD 0 0 CR 8 -5 UCL 13 -11 - - - 21 -16
2015-2016 PD 7 -7 CR 7 -4 UCL 10 -8 SS+SU+Cmc 1+1+0 -4 + -4 + 0 26 -27
2016-2017 PD 36 -33 CR 1 -2 UCL 9 -12 SS 0 0 46 -47
2017-2018 PD 37 -28 CR 0 0 UCL 9 -6 SS 2 -5 48 -39
2018-2019 PD 35 -32 CR 2 -1 UCL 11 -9 SS 1 -1 49 -43
2019-2020 PD 36 -36 CR 2 -1 UCL 8 -13 SS - - 46 -50
2020-2021 PD 31 -32 CR 4 -5 UCL 5 -9 SS 2 -4 42 -50
2021-2022 PD 1 -1 CR 0 0 UCL 1 -3 SS 0 0 2 -4
Totale Barcellona 183 -169 24 -18 66 -72 7 -18 280 -276
Totale carriera 309+2 -309+-1 32 -21 75 -86 7 -18 426 -435

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Germania
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
26-5-2012 Basilea Svizzera Svizzera 5 – 3 Germania Germania Amichevole -5
15-8-2012 Francoforte sul Meno Germania Germania 1 – 3 Argentina Argentina Amichevole -3 Ingresso al 32’ 32’
2-6-2013 Washington Stati Uniti Stati Uniti 4 – 3 Germania Germania Amichevole -4
13-5-2014 Amburgo Germania Germania 0 – 0 Polonia Polonia Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
29-3-2016 Monaco di Baviera Germania Germania 4 – 1 Italia Italia Amichevole -1
29-5-2016 Augusta Germania Germania 1 – 3 Slovacchia Slovacchia Amichevole -1 Ingresso al 46’ 46’
31-8-2016 Mönchengladbach Germania Germania 2 – 0 Finlandia Finlandia Amichevole - Uscita al 46’ 46’
11-11-2016 Serravalle San Marino San Marino 0 – 8 Germania Germania Qual. Mondiali 2018 -
22-3-2017 Dortmund Germania Germania 1 – 0 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
10-6-2017 Norimberga Germania Germania 7 – 0 San Marino San Marino Qual. Mondiali 2018 -
22-6-2017 Kazan' Germania Germania 1 – 1 Cile Cile Conf. Cup 2017 - 1º turno -1
25-6-2017 Soči Germania Germania 3 – 1 Camerun Camerun Conf. Cup 2017 - 1º turno -1
29-6-2017 Soči Germania Germania 4 – 1 Messico Messico Conf. Cup 2017 - Semifinale -1
2-7-2017 San Pietroburgo Cile Cile 0 – 1 Germania Germania Conf. Cup 2017 - Finale -
1-9-2017 Praga Rep. Ceca Rep. Ceca 1 – 2 Germania Germania Qual. Mondiali 2018 -1
4-9-2017 Stoccarda Germania Germania 6 – 0 Norvegia Norvegia Qual. Mondiali 2018 -
5-10-2017 Belfast Irlanda del Nord Irlanda del Nord 1 – 3 Germania Germania Qual. Mondiali 2018 -1
10-11-2017 Londra Inghilterra Inghilterra 0 – 0 Germania Germania Amichevole -
23-3-2018 Düsseldorf Germania Germania 1 – 1 Spagna Spagna Amichevole -1
8-6-2018 Leverkusen Germania Germania 2 – 1 Arabia Saudita Arabia Saudita Amichevole -1 Ingresso al 46’ 46’
9-9-2018 Sinsheim Germania Germania 2 – 1 Perù Perù Amichevole -1
20-3-2019 Wolfsburg Germania Germania 1 – 1 Serbia Serbia Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
9-10-2019 Dortmund Germania Germania 2 – 2 Argentina Argentina Amichevole -2
19-11-2019 Francoforte sul Meno Germania Germania 6 – 1 Irlanda del Nord Irlanda del Nord Qual. Euro 2020 -1
31-3-2021 Duisburg Germania Germania 1 – 2 Macedonia del Nord Macedonia del Nord Qual. Mondiali 2022 -2
Totale Presenze 25 Reti -27

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 110 (-118) se si comprende la Relegation 1.Bundesliga.
  2. ^ 101 prospetti per il futuro. Ecco la lista di Don Balon, su tuttomercatoweb.com. URL consultato il 13 novembre 2012.
  3. ^ a b (EN) Ed McCambridge, Ranked! The 10 best goalkeepers in the world, su fourfourtwo.com, 10 aprile 2020. URL consultato il 24 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 21 aprile 2021).
  4. ^ a b c (EN) Safe Hands: Why Marc-Andre ter Stegen Should be Considered One of the World's Greatest Goalkeepers, su 90min.com, 4 novembre 2018. URL consultato il 24 maggio 2020.
  5. ^ a b c La mostruosa prestazione di ter Stegen contro il Borussia Dortmund, su Rivista Undici, 18 settembre 2019. URL consultato il 24 maggio 2020.
  6. ^ Dizionario tattico: lo Sweeper-Keeper, su ultimouomo.com, 16 dicembre 2016. URL consultato il 24 maggio 2020.
  7. ^ Ter Stegen ormai è il libero del Barcellona, su ultimouomo.com, 22 giugno 2020. URL consultato il 30 giugno 2020.
  8. ^ a b (EN) A meeting of goalkeepers: Sadurní and Ter Stegen, su fcbarcelona.com. URL consultato il 24 maggio 2020.
  9. ^ (EN) Ter Stegen enters Barca's history books with Valencia's penalty save, su tribuna.com. URL consultato il 24 maggio 2020.
  10. ^ Marc-André ter Stegen erhält Profivertrag rp-online.de
  11. ^ Wormatia Worms 2 - 3 M'gladbach II transfermarkt.com
  12. ^ Bor. M'gladbach 5 - 1 1.FC Colonia transfermarkt.com
  13. ^ Bor. M'gladbach 1 - 3 Dynamo Kiev transfermarkt.com
  14. ^ AEL Limassol 0 - 0 Bor. M'gladbach transfermarkt.com
  15. ^ Ter Stegen arrives, Pinto leaves fcbarcelona.com
  16. ^ Barcellona, presentato ter Stegen: nel contratto, maxi clausola rescissoria tuttocalcioestero.it
  17. ^ Tris Barcellona, la Juve deve inchinarsi uefa.com
  18. ^ Pedro fa impazzire il Barça uefa.com
  19. ^ Germany recover to make flying start Archiviato il 5 gennaio 2013 in Archive.is. uefa.com
  20. ^ Netherlands through despite Germany defeat Archiviato il 5 gennaio 2013 in Archive.is. uefa.com
  21. ^ Germany leave it late to reach Under-17 final Archiviato il 7 luglio 2012 in Archive.is. uefa.com
  22. ^ Germany secure maiden U17 crown Archiviato il 22 ottobre 2010 in Internet Archive. uefa.com
  23. ^ Nigeria 3 - 3 Germany fifa.com
  24. ^ Switzerland 4 - 3 Germany fifa.com
  25. ^ Germania U21 1 - 0 Grecia U21 transfermarkt.com
  26. ^ Thorup har EM-truppen klar dbu.dk
  27. ^ Hrubesch beruft endgultigen kader fur em in tschechien dfb.de
  28. ^ Germany U21 vs. Serbia U21 soccerway.com
  29. ^ Germania in semifinale, delusione ceca uefa.com
  30. ^ Ter Stegen: "Un sogno che si avvera", su vavel.com. URL consultato il 4 maggio 2014.
  31. ^ Ter Stegen: dalla Bundes il nuovo Buffon, su iltalentocheverra.it. URL consultato il 4 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 5 maggio 2014).
  32. ^ (DE) LÖW STREICHT BELLARABI, BRANDT, REUS UND RUDY, su dfb.de. URL consultato il 31 maggio 2016.
  33. ^ (EN) Ter Stegen can replace Neuer for World Cup- Kahn, su Vanguard News, 7 novembre 2017. URL consultato il 24 maggio 2020.
  34. ^ Neuer c'è, e Ter Stegen? "Vado in panca deluso...", su gazzetta.it. URL consultato il 24 maggio 2020.
  35. ^ Neuer-ter Stegen, esplode la rivalità. Hoeness duro: “Una barzelletta, il titolare è Manuel”, su gazzetta.it. URL consultato il 24 maggio 2020.
  36. ^ (DE) Nationaltorwart Marc-André ter Stegen fällt für die EM aus, su dw.com. URL consultato il 19 maggio 2021.
  37. ^ (DE) DFB-Team: Thomas Müller und Mats Hummels im EM-Kader, su dw.com. URL consultato il 19 maggio 2021.
  38. ^ a b c d Relegation 1.Bundesliga

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]