I liga 2007-2008

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
I liga 2007-2008
Orange Ekstraklasa 2007-2008
Competizione I liga
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 82ª
Organizzatore PZPN
Date dal 27 luglio 2007
al 10 maggio 2008
Luogo Polonia Polonia
Partecipanti 16
Formula girone all'italiana
Risultati
Vincitore Wisła Cracovia
(11º titolo)
Retrocessioni Zagłębie Lubin
Korona Kielce
Widzew Łódź
Zagłębie Sosnowiec
Statistiche
Miglior marcatore Polonia Paweł Brożek (23)
Incontri disputati 240
Gol segnati 577 (2,4 per incontro)
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2006-2007 2008-2009 Right arrow.svg

La I liga 2007-2008, nota anche come Orange Ekstraklasa 2007-2008 per ragioni di sponsorizzazione, fu l'82ª edizione della massima serie del campionato polacco di calcio, la 74ª edizione nel formato di campionato. La stagione iniziò il 27 luglio 2007 e si concluse il 10 maggio 2008. Il Wisła Cracovia vinse il campionato per l'undicesima volta nella sua storia. Capocannoniere del torneo fu Paweł Brożek, attaccante del Wisła Cracovia, con 28 reti realizzate.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Novità[modifica | modifica wikitesto]

Dalla I liga 2006-2007 vennero retrocessi in II liga il Wisła Płock e il Pogoń Stettino. Inoltre, per il loro coinvolgimento nello scandalo corruzione scoppiato nel calcio polacco, l'Arka Gdynia venne retrocesso in II liga, mentre il Górnik Łęczna venne retrocesso in III liga[1]. Di conseguenza, dalla II liga 2006-2007 vennero promosse le prime quattro classificate: il Ruch Chorzów, lo Jagiellonia, il Polonia Bytom e lo Zagłębie Sosnowiec.

Formula[modifica | modifica wikitesto]

Le sedici squadre partecipanti si affrontavano in un girone all'italiana con partite di andata e ritorno, per un totale di 30 giornate. La squadra prima classificata era campione di Polonia e si qualificava per il secondo turno preliminare della UEFA Champions League 2008-2009, mentre la squadra classificata al secondo posto si qualificava per il primo turno della Coppa UEFA 2008-2009, assieme alla vincitrice della Coppa di Polonia. Un ulteriore posto venne assegnato per la partecipazione alla Coppa Intertoto 2008. Le ultime due classificate venivano retrocesse direttamente in I liga.

Avvenimenti[modifica | modifica wikitesto]

Per il loro coinvolgimento nello scandalo corruzione scoppiato nel calcio polacco, il Widzew Łódź venne retrocesso in I liga indipendentemente dal piazzamento finale[2], mentre lo Zagłębie Sosnowiec venne retrocesso di una categoria, quindi, essendosi classificato all'ultimo posto, venne retrocesso direttamente in II liga[3]. A campionato concluso vennero retrocessi d'ufficio in I liga anche lo Zagłębie Lubin e il Korona Kielce[4][5]

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Club Città Stadio Stagione precedente
Dyskobolia Grodzisk Wielkopolski Stadion Dyskobolii Grodzisk Wielkopolski 5º posto in I liga
GKS Bełchatów Bełchatów Stadion GKS Bełchatów 2º posto in I liga
Górnik Zabrze Zabrze Stadion im. Ernesta Pohla 14º posto in I liga
Jagiellonia Białystok Stadion Miejski 2º posto in II liga
Korona Kielce Kielce Stadion Miejski 7º posto in I liga
KS Cracovia Cracovia Stadion Cracovii 4º posto in I liga
Lech Poznań Poznań Stadion Miejski 6º posto in I liga
Legia Varsavia Varsavia Stadio dell'esercito polacco 3º posto in I liga
ŁKS Łódź Stadion Miejski 9º posto in I liga
Odra Wodzisław Śląski Stadio MOSiR 10º posto in I liga
Polonia Bytom Bytom Stadion Edwarda Szymkowiaka 3º posto in II liga
Ruch Chorzów Chorzów Stadion Ruchu Chorzów 1º posto in II liga
Widzew Łódź Łódź Stadion im. Ludwika Sobolewskiego 12º posto in I liga
Wisła Cracovia Cracovia Stadion Miejski 8º posto in I liga
Zagłębie Lubin Lubin Dialog Arena Campione di Polonia
Zagłębie Sosnowiec Sosnowiec Stadion Ludowy 4º posto in II liga

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Wisła Cracovia 77 30 24 5 1 68 18 +50
2. Legia Varsavia[6] 63 30 20 3 7 48 17 +31
3. Dyskobolia 60 30 18 6 6 52 24 +28
4. Lech Poznań 57 30 17 6 7 55 32 +23
US Department of Justice Scales Of Justice.svg 5. Zagłębie Lubin 52 30 15 7 8 43 30 +13
US Department of Justice Scales Of Justice.svg 6. Korona Kielce 51 30 15 6 9 38 32 +6
7. KS Cracovia 39 30 11 6 13 30 32 -2
8. Górnik Zabrze 39 30 11 6 13 34 39 -5
9. GKS Bełchatów 38 30 9 11 10 26 32 -6
10. Ruch Chorzów 34 30 8 10 12 35 41 -6
11. ŁKS 30 30 7 9 14 25 31 -6
12. Odra 29 30 8 5 17 28 47 -19
13. Polonia Bytom 28 30 7 7 16 22 45 -23
14. Jagiellonia 27 30 7 6 17 27 57 -30
US Department of Justice Scales Of Justice.svg 15. Widzew Łódź 26 30 5 11 14 27 42 -15
US Department of Justice Scales Of Justice.svg 16. Zagłębie Sosnowiec 16 30 4 4 22 19 58 -39

Legenda:

      Campione di Polonia e ammessa alla UEFA Champions League 2008-2009.
      Ammessa alla Coppa UEFA 2008-2009.
      Ammessa alla Coppa Intertoto 2008.
      Retrocessa in I liga 2008-2009.
      Retrocessa in II liga 2008-2009.

Note:

Tre punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
Lo Zagłębie Lubin, il Korona Kielce e il Widzew Łódź sono stati retrocessi in I liga per il loro coinvolgimento nello scandalo corruzione del calcio polacco[4][5][2].
Lo Zagłębie Sosnowiec è stato retrocesso in II liga per il suo coinvolgimento nello scandalo corruzione del calcio polacco[3].
Il Dyskobolia si è successivamente fuso nel Polonia Varsavia, perdendo il diritto di partecipazione alla Coppa UEFA.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Wis Leg Dys LcP ZaL Kor KSC Gór GKS Ruc ŁKS Odr PoB Jag Wid ZaS
Wisła Cracovia –––– 1-0 3-0 4-2 2-1 4-0 2-1 2-0 2-0 2-0 5-2 0-0 5-0 5-0 1-0 4-0
Legia Varsavia 2-1 –––– 1-0 0-1 3-0 2-0 1-0 2-0 4-1 2-0 2-1 0-1 3-1 0-0 3-1 5-0
Dyskobolia 0-0 1-0 –––– 1-0 2-0 4-0 0-0 3-1 0-0 1-4 2-0 0-0 5-0 3-1 3-0 3-0
Lech Poznań 1-2 1-0 2-1 –––– 0-0 1-0 3-1 4-1 1-1 6-2 1-2 2-0 1-0 6-1 1-0 4-2
Zagłębie Lubin 0-1 0-2 1-2 1-1 –––– 1-0 3-1 1-1 1-0 2-1 2-1 3-0 0-0 5-2 2-1 2-1
Korona Kielce 1-1 1-0 1-1 1-0 1-4 –––– 2-0 3-2 2-2 0-2 2-0 2-0 4-0 1-0 1-1 2-0
KS Cracovia 1-2 0-2 3-1 3-2 1-2 1-1 –––– 3-0 0-2 1-0 0-0 3-0 1-1 2-0 1-0 1-0
Górnik Zabrze 1-3 0-3 0-0 0-1 0-1 0-3 1-0 –––– 2-0 1-0 1-1 1-0 4-0 3-0 1-1 4-2
GKS Bełchatów 0-0 2-2 0-4 0-3 0-1 2-0 1-1 0-0 –––– 2-0 1-0 3-1 0-3 2-0 3-1 2-0
Ruch Chorzów 0-3 0-0 1-2 0-2 2-2 1-2 2-0 3-2 1-1 –––– 0-0 3-2 2-0 4-0 1-1 1-0
ŁKS 0-1 0-1 1-2 1-2 2-1 0-1 0-0 0-1 2-0 1-1 –––– 0-1 0-0 0-0 2-0 3-0
Odra 2-2 0-2 2-3 1-2 1-3 1-0 0-1 0-2 1-0 2-0 2-2 –––– 0-2 1-3 1-1 1-0
Polonia Bytom 1-2 1-2 0-2 2-2 1-0 0-2 1-0 0-1 0-0 1-1 0-1 1-0 –––– 0-1 1-1 1-0
Jagiellonia 1-2 1-2 1-3 4-2 0-0 0-0 0-2 1-1 0-1 1-1 1-0 2-3 2-1 –––– 2-1 2-1
Widzew Łódź 1-3 0-1 1-0 1-1 1-1 0-2 2-0 2-1 0-0 2-2 0-0 4-3 2-4 2-0 –––– 0-1
Zagłębie Sosnowiec 1-3 2-1 1-3 0-0 0-3 2-3 1-2 0-2 0-0 0-0 1-3 0-2 1-0 3-1 0-0 ––––

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica Marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Fonte: 90minut.pl[7]

Gol Giocatore Squadra
23 Polonia Paweł Brożek Wisła Cracovia
16 Polonia Adrian Sikora Dyskobolia
16 Polonia Marek Zieńczuk Wisła Cracovia
15 Zimbabwe Takesure Chinyama Legia Varsavia
12 Perù Hernán Rengifo Lech Poznań
11 Polonia Dawid Jarka Górnik Zabrze

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Soccer-Two Polish clubs demoted in corruption investigation, su uk.reuters.com, 12 aprile 2007. URL consultato il 23 febbraio 2019.
  2. ^ a b (PL) Widzew zdegradowany, su 90minut.pl, 16 gennaio 2008. URL consultato il 23 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 16 febbraio 2019).
  3. ^ a b (PL) Zagłębie Sosnowiec ukarane degradacją, su 90minut.pl, 2 settembre 2007. URL consultato il 23 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 9 luglio 2018).
  4. ^ a b (PL) Zagłębie Lubin zostaje w pierwszej lidze, su 90minut.pl, 6 agosto 2008. URL consultato il 23 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 16 febbraio 2019).
  5. ^ a b (PL) Korona Kielce zdegradowana, su 90minut.pl, 1º luglio 2008. URL consultato il 23 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 16 febbraio 2019).
  6. ^ Legia Varsavia ammesso al primo turno di Coppa UEFA 2008-2009 in qualità di vincitore della Coppa di Polonia.
  7. ^ (PL) Classifica marcatori 2007-2008, su 90minut.pl. URL consultato il 23 febbraio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]