Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Ekstraklasa 2013-2014

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
T-Mobile Ekstraklasa 2013-2014
Competizione Ekstraklasa
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 88ª
Organizzatore PZPN
Date dal 19 luglio 2013
al 1º giugno 2014
Luogo Polonia Polonia
Partecipanti 16
Formula doppia fase
Risultati
Vincitore Legia Varsavia
(10º titolo)
Secondo Lech Poznań
Retrocessioni Widzew Łódź
Zagłębie Lubin
Statistiche
Miglior marcatore Polonia Marcin Robak (22)
Incontri disputati 296
Gol segnati 789 (2,67 per incontro)
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2012-2013 2014-2015 Right arrow.svg

L'Ekstraklasa 2013-2014, nota anche come T-Mobile Ekstraklasa 2013-2014 per ragioni di sponsorizzazione, fu l'88ª edizione della massima serie del campionato polacco di calcio, l'80ª edizione nel formato di campionato. La stagione iniziò il 19 luglio 2013 e si concluse il 1º giugno 2014. Il Legia Varsavia vinse il campionato per la decima volta nella sua storia, la seconda consecutiva. Capocannoniere del torneo fu Marcin Robak, attaccante del Pogoń Stettino con 22 reti realizzate.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Novità[modifica | modifica wikitesto]

Dalla Ekstraklasa 2012-2013 vennero retrocessi in I liga il Ruch Chorzów e il GKS Bełchatów, mentre dalla I liga 2012-2013 vennero promossi lo Zawisza Bydgoszcz e il KS Cracovia, rispettivamente classificate al primo e al secondo posto. Subito dopo la fine della stagione precedente al Polonia Varsavia non venne rinnovata la licenza di partecipazione al campionato di Ekstraklasa per problemi finanziari, così che il Ruch Chorzów venne riammesso in massima serie[1].

Formula[modifica | modifica wikitesto]

Il formato del campionato venne modificato, passando dalla tradizionale stagione regolare a uno svolgimento in due fasi: nella prima le sedici squadre partecipanti si affrontavano in un girone all'italiana con partite di andata e ritorno, per un totale di 30 giornate. Successivamente, le squadre venivano divise in due gruppi in base alla classifica: le prime otto formavano un nuovo girone e competevano per il titolo e la qualificazione alle competizioni europee; le ultime otto, invece, lottavano per non retrocedere in I liga. Nella seconda fase le squadre portavano metà dei punti conquistati nella prima fase. Al termine della competizione, nel girone per il titolo, la squadra prima classificata era campione di Polonia e si qualificava per il secondo turno della UEFA Champions League 2014-2015, mentre le squadre classificate al secondo e al terzo posto si qualificavano per il primo turno della UEFA Europa League 2014-2015, assieme alla vincitrice della Coppa di Polonia ammessa direttamente al secondo turno. Nel girone per la salvezza le ultime due classificate venivano retrocesse direttamente in I liga.

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Club Stagione Città Stadio Stagione precedente
Górnik Zabrze dettagli Zabrze Stadion im. Ernesta Pohla 5º posto in Ekstraklasa
Jagiellonia dettagli Białystok Stadion Miejski 10º posto in Ekstraklasa
Korona Kielce dettagli Kielce Stadion Miejski 11º posto in Ekstraklasa
KS Cracovia dettagli Cracovia Stadion Cracovii 2º posto in I liga
Lech Poznań dettagli Poznań Stadion Miejski 2º posto in Ekstraklasa
Lechia Danzica dettagli Danzica Stadion Energa Gdańsk 8º posto in Ekstraklasa
Legia Varsavia dettagli Varsavia Pepsi Arena Campione di Polonia
Piast Gliwice dettagli Gliwice Stadion Piasta Gliwice 4º posto in Ekstraklasa
Podbeskidzie dettagli Bielsko-Biała Stadion Miejski 14º posto in Ekstraklasa
Pogoń Stettino dettagli Stettino Stadion Miejski 12º posto in Ekstraklasa
Ruch Chorzów dettagli Chorzów Stadion Ruchu Chorzów 15º posto in Ekstraklasa
Sląsk Wrocław dettagli Breslavia Stadion Miejski 3º posto in Ekstraklasa
Widzew Łódź dettagli Łódź Stadion im. Ludwika Sobolewskiego 13º posto in Ekstraklasa
Wisła Cracovia dettagli Cracovia Stadion Miejski 7º posto in Ekstraklasa
Zagłębie Lubin dettagli Lubin Dialog Arena 9º posto in Ekstraklasa
Zawisza Bydgoszcz dettagli Bydgoszcz Stadion im. Zdzisława Krzyszkowiaka 1º posto in I liga

Prima fase[modifica | modifica wikitesto]

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Legia Varsavia 63 30 20 3 7 60 30 +30
2. Lech Poznań 53 30 15 8 7 56 34 +22
3. Ruch Chorzów 50 30 14 8 8 40 38 +2
4. Pogoń Stettino 47 30 11 14 5 47 38 +9
5. Wisła Cracovia 45 30 12 9 9 38 30 +8
6. Zawisza Bydgoszcz 42 30 11 9 10 43 37 +6
7. Górnik Zabrze 42 30 11 9 10 42 46 -4
8. Lechia Danzica 40 30 10 10 10 38 37 +1
9. KS Cracovia 39 30 11 6 13 37 43 -6
10. Jagiellonia 39 30 10 9 11 46 43 +3
11. Korona Kielce 37 30 9 10 11 36 41 -5
12. Sląsk Wrocław 34 30 7 13 10 38 40 -2
13. Piast Gliwice 34 30 8 10 12 29 47 -18
14. Podbeskidzie 31 30 6 13 11 27 39 -12
15. Zagłębie Lubin 29 30 7 8 15 31 40 -9
16. Widzew Łódź 22 30 5 7 18 26 51 -25

Legenda:

      Ammessa al girone per il titolo.
      Ammessa al girone per la salvezza.

Note:

Tre punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Gór Jag Kor Cra LcP LcD Leg Pia Pod Pog Ruc Ślą Wid Wis Zag Zaw
Górnik Zabrze –––– 3-3 0-0 0-1 0-3 0-0 0-3 2-1 2-0 1-1 2-2 3-2 3-2 3-2 2-1 3-2
Jagiellonia 0-1 –––– 1-1 1-2 2-0 0-1 2-3 1-1 2-2 2-3 6-0 3-1 1-0 5-2 1-0 1-1
Korona Kielce 2-2 4-1 –––– 1-0 1-0 1-0 3-5 2-0 2-1 2-2 1-4 0-0 2-1 2-3 1-1 1-1
KS Cracovia 2-0 1-0 1-2 –––– 1-6 2-1 0-1 2-3 4-2 0-1 2-1 0-1 1-1 1-1 2-0 0-2
Lech Poznań 3-1 6-1 2-0 1-1 –––– 2-1 1-1 4-0 2-1 1-2 4-2 2-1 1-0 2-0 1-1 3-2
Lechia Danzica 1-1 2-0 2-2 3-1 1-4 –––– 2-0 3-1 2-2 2-3 0-0 1-2 2-0 0-0 2-1 1-1
Legia Varsavia 2-1 0-3[2] 1-0 4-1 1-0 0-1 –––– 4-1 4-0 3-1 2-0 2-1 5-1 2-2 2-0 3-0
Piast Gliwice 2-0 2-1 1-1 1-1 0-2 0-0 1-2 –––– 0-0 2-2 0-2 1-1 3-0 0-1 2-1 1-1
Podbeskidzie 1-2 0-1 1-0 1-1 0-0 3-1 1-0 0-1 –––– 0-0 0-0 3-3 1-0 0-0 0-0 0-0
Pogoń Stettino 1-4 1-1 3-2 0-0 5-1 1-1 0-3 4-0 2-1 –––– 3-1 2-2 1-0 0-0 1-1 1-1
Ruch Chorzów 2-1 1-0 2-0 3-2 1-1 1-1 2-1 0-2 0-1 1-1 –––– 1-1 2-1 1-1 0-2 1-0
Śląsk Wrocław 1-1 2-3 1-1 0-3 2-0 1-0 1-1 0-0 4-0 1-1 2-3 –––– 3-1 0-0 2-0 1-2
Widzew Łódź 0-3 1-1 2-1 1-3 2-2 4-1 0-1 1-1 1-1 2-1 0-1 0-0 –––– 2-1 0-0 2-1
Wisła Cracovia 0-0 1-1 1-0 3-1 2-0 3-0 1-0 3-0 0-1 2-1 0-1 3-0 3-0 –––– 1-0 0-1
Zagłębie Lubin 3-0 1-1 2-0 0-1 0-0 1-3 1-3 0-2 3-2 0-2 1-2 2-2 3-1 3-1 –––– 3-1
Zawisza Bydgoszcz 3-1 0-1 0-1 2-0 2-2 0-3 3-1 6-0 2-2 1-1 0-3 1-0 2-0 3-1 2-0 ––––

Girone per il titolo[modifica | modifica wikitesto]

I punti conquistati nella stagione regolare venivano dimezzati.

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Legia Varsavia 50 37 26 3 8 75 34 +41
2. Lech Poznań 40 37 19 9 9 68 40 +28
3. Ruch Chorzów 34 37 16 11 10 47 48 -1
4. Lechia Danzica 32 37 13 13 11 46 41 +5
5. Górnik Zabrze 31 37 14 10 13 53 57 -4
6. Wisła Cracovia 31 37 14 11 12 51 46 +5
7. Pogoń Stettino 27 37 11 17 9 50 50 0
8. Zawisza Bydgoszcz[3] 25 37 12 10 15 48 48 0

Legenda:

      Campione di Polonia e ammessa alla UEFA Champions League 2014-2015.
      Ammessa alla UEFA Europa League 2014-2015.

Punti portati dalla prima fase:

Górnik Zabrze: 21 punti
Lech Poznań: 27 punti
Lechia Danzica: 20 punti
Legia Varsavia: 32 punti
Pogoń Stettino: 24 punti
Ruch Chorzów: 25 punti
Wisla Cracovia: 23 punti
Zawisza Bydgoszcz: 21 punti

Note:

Tre punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Gór LcP LcD Leg Pog Ruc Wis Zaw
Górnik Zabrze –––– 0-2 2-3 2-0
Lech Poznań 2-1 –––– 0-0 4-0 3-0
Lechia Danzica 2-1 –––– 0-1 2-2
Legia Varsavia 2-0 –––– 1-2 5-0 2-0
Pogoń Stettino 2-2 0-2 0-1 –––– 1-2
Ruch Chorzów 0-0 0-0 –––– 2-2 3-1
Wisła Cracovia 2-3 5-0 ––––- 2-1
Zawisza Bydgoszcz 0-1 1-2 0-0 ––––-

Girone per la salvezza[modifica | modifica wikitesto]

I punti conquistati nella stagione regolare venivano dimezzati.

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
9. Sląsk Wrocław 34 37 12 15 10 49 41 +8
10. Podbeskidzie 30 37 10 15 12 39 45 -6
11. Jagiellonia 29 37 12 12 13 59 58 +1
12. Piast Gliwice 28 37 11 12 14 43 56 -13
13. Korona Kielce 26 37 10 14 13 47 56 -9
14. KS Cracovia 25 37 12 8 17 43 56 -13
1downarrow red.svg 15. Widzew Łódź 20 37 7 10 20 36 62 -26
1downarrow red.svg 16. Zagłębie Lubin 17 37 7 10 20 35 51 -16

Legenda:

      Retrocessa in I liga 2014-2015.

Punti portati dalla prima fase:

Jagiellonia: 20 punti
KS Cracovia: 20 punti
Korona Kielce: 19 punti
Piast Gliwice: 17 punti
Podbeskidzie: 16 punti
Sląsk Wrocław: 17 punti
Widzew Łódź: 11 punti
Zagłębie Lubin: 15 punti

Note:

Tre punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Jag Cra Kor Pia Pod Ślą Wid Zag
Jagiellonia –––– 4-4 4-3 0-3 1-0
KS Cracovia 2-2 –––– 1-1 1-5 0-1
Korona Kielce –––– 0-1 3-2 1-5 2-2
Piast Gliwice –––– 2-2 0-0 2-0
Podbeskidzie 2-1 –––– 3-0 2-0
Śląsk Wrocław 1-0 0-0 –––– 1-0 1-0
Widzew Łódź 1-1 2-0 2-1 ––––-
Zagłębie Lubin 1-2 0-0 3-3 ––––-

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Fonte: 90minut.pl[4]

Gol Giocatore Squadra
22 Polonia Marcin Robak Piast Gliwice (1), Pogoń Stettino (21)
21 Portogallo Marco Paixão Sląsk Wrocław
20 Polonia Łukasz Teodorczyk Lech Poznań
17 Polonia Paweł Brożek Wisła Cracovia
15 Spagna Dani Quintana Jagiellonia
14 Spagna Rubén Jurado Piast Gliwice
14 Serbia Miroslav Radović Legia Varsavia
12 Polonia Grzegorz Kuświk Ruch Chorzów
12 Lettonia Eduards Višņakovs Widzew Łódź
11 Polonia Mateusz Zachara Górnik Zabrze
10 Georgia Vladimer Dvalishvili Legia Varsavia
10 Polonia Łukasz Garguła Wisła Cracovia
10 Burkina Faso Préjuce Nakoulma Górnik Zabrze
10 Polonia Filip Starzyński Ruch Chorzów

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (PL) Polonia Warszawa bez licencji na grę w Ekstraklasie, su 90minut.pl, 15 marzo 2013. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  2. ^ a tavolino
  3. ^ Zawisza Bydgoszcz ammesso al primo turno di UEFA Europa League 2014-2015 in qualità di vincitore della Coppa di Polonia
  4. ^ (PL) Classifica marcatori 2013-2014, su 90minut.pl. URL consultato l'8 febbraio 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]