kicker (rivista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
kicker
Stato Germania Germania
Lingua tedesco
Periodicità due volte alla settimana
Genere sportivo
Formato magazine
Fondazione 14 luglio 1920
Sede Norimberga
Editore Olympia-Verlag GmbH
Direttore Klaus Smentek[1]
Sito web
 

Kicker-Sportmagazin, conosciuto semplicemente come kicker, è la rivista sportiva più importante della Germania e si concentra principalmente sul calcio. La rivista è stata fondata nel 1920 da Walther Bensemann ed è pubblicata due volte a settimana, solitamente il lunedì e il giovedì, a Norimberga. L'edizione del lunedì ha una tiratura media di circa 240 mila copie, mentre quella del giovedì ha una tiratura media di 220 mila copie (dati del 2005).

Viene inoltre pubblicato l'Almanach kicker, l'annuario della rivista. È stato inizialmente pubblicato dal 1937 al 1942 e, dopo una lunga interruzione, dal 1959 ad oggi ininterrottamente.

È membro fondatore dell'European Sports Magazines (ESM), associazione europea di pubblicazioni legate al calcio.

Ogni anno assegna al miglior marcatore della Bundesliga il premio Torjägerkanone.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

The head office of the “Kicker” sports magazine in Nuremberg with the Kicker statue in front of the main entrance
Il kicker

La rivista kicker apparve per la prima volta nel mese di luglio, nella città di Costanza, Germania. La sede della rivista era originariamente situata a Stoccarda, ma nel 1926 fu scelta Norimberga come nuova e definitiva sede. Durante la seconda guerra mondiale, dopo essersi fusa con il Fußball ha proseguito discontinuamente la pubblicazione fino all'autunno del 1944, quando la produzione della rivista cessò totalmente. Nel dopoguerra la rivista adottò il nome Sport e fu pubblicata dalla casa editrice Olympia-Verlag.

Friedebert Becker, ex capo-redattore della rivista, ricominciò la pubblicazione del kicker dal 1951 e, per diversi anni, si ebbe la pubblicazione sia del kicker sia dello Sport. Nel 1966 la rivista è venduta ad "Axel Springer AG". Dopo anni più tardi, a Norimberga, la casa editrice Olympia-Verlag compra il kicker e lo fonda con Sportmagazin, che era stato pubblicato per due volte a settimana dal 1952.

Il 7 ottobre 1968 viene pubblicato il primo numero della neonata kicker-Sportmagazin.

La rivista[modifica | modifica wikitesto]

La rivista comprende una serie di competizioni sportive e di eventi:

Migliori club del XX secolo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1998, la rivista pubblicò una classifica dei migliori club del mondo del XX secolo.[2]

# Squadra Paese
1 Real Madrid Spagna Spagna
2 Ajax Paesi Bassi Paesi Bassi
3 Milan Italia Italia
4 Bayern Monaco Germania Germania
5 Barcellona Spagna Spagna
6 Manchester Utd Inghilterra Inghilterra
7 Benfica Portogallo Portogallo
8 Dinamo Kiev Ucraina Ucraina
9 Juventus Italia Italia
10 Inter Italia Italia

Nel 2014, la rivista riformulò tale pubblicazione in base alla storia, il risalto in ambito internazionale, i titoli vinti e le qualità sportive dei calciatori che hanno militato nei club.[3][4]

# Squadra Paese
1 Real Madrid Spagna Spagna
2 Bayern Monaco Germania Germania
3 Manchester Utd Inghilterra Inghilterra
4 Liverpool Inghilterra Inghilterra
5 Barcellona Spagna Spagna
6 Milan Italia Italia
7 Juventus Italia Italia
8 Boca Jrs. Argentina Argentina
9 Amburgo Germania Germania
10 Borussia M'gladbach Germania Germania

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Impressum kicker sportmagazin, in kicker.de. URL consultato il 17 giugno 2011.
  2. ^ Valeriy Lobanovsky and Dynamo Kiev, su komkon.org.
  3. ^ (DE) Die Wappen der Vereine und ihre Geschichte, in Die legendären Weltklubs, Kicker Edition, Kicker-Sportmagazin, marzo 2014, OCLC 3796265. (archiviato dall'url originale il 22 marzo 2014).
  4. ^ (PT) Guilherme Feijó, Revista alemã faz ranking dos maiores clubes do planeta, mas 'esquece' sul-americanos, su cbnfoz.com.br, 20 marzo 2014. (archiviato dall'url originale il 22 marzo 2014).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND: (DE6126880-X
Editoria Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di editoria