Grzegorz Lato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Grzegorz Lato
Grzegorz Lato by Slawek.jpg
Lato nel 2010
Nazionalità Polonia Polonia
Altezza 175 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 1984
Carriera
Squadre di club1
1962-1980 Stal Mielec 295 (117)
1980-1982 Lokeren 64 (12)
1982-1984 Atlante 45 (15)
Nazionale
1971-1984 Polonia Polonia 100 (45)[1]
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Oro Monaco di Baviera 1972
Argento Montréal 1976
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Bronzo Germania Ovest 1974
Bronzo Spagna 1982
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Grzegorz Lato (Malbork, 8 aprile 1950) è un ex calciatore polacco.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Grzegorz Lato legò la sua carriera di club allo Stal Mielec, dove ha giocato per quasi un ventennio (dal 1962 al 1980): durante questo lungo periodo ha segnato 117 reti in 295 gare nel campionato polacco. Nel 1973 si laureò capocannoniere del campionato con 13 reti, e lo Stal vinse il torneo: fu capocannoniere anche nel 1975, stavolta con 19 centri, ma la sua squadra arrivò seconda. Nel 1976 vinse per la seconda volta il titolo nazionale: fu inoltre eletto per due volte Calciatore polacco dell'anno, nel 1977 e nel 1981. Con lo Stal Mielec giocò anche nelle coppe europee, raggiungendo i quarti di finale della Coppa UEFA 1975-1976.

Lasciata la patria, ha giocato nel club belga del Lokeren (1980-1982) prima di chiudere la carriera con l'Atlante, squadra del campionato messicano, con cui vinse la CONCACAF Champions' Cup 1983.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Lato in Nazionale nel 1975, contrastato dall'italiano Rocca.

Esordiente con la Polonia nel 1971, ha collezionato 45 reti in 100 presenze che lo collocano al secondo posto in entrambe le graduatorie. Fu capocannoniere ai Mondiali 1974 in cui segnò 7 reti: nella finale per il terzo posto contro il Brasile contribuì alla vittoria dei polacchi, segnando un gol con un preciso diagonale dopo una corsa di 50 metri. Partecipò anche ai Mondiali 1978 e 1982, in cui la Polonia arrivò terza.

Fu presente anche alle Olimpiadi del 1972, in cui vinse la medaglia d'oro giocando solo 45 minuti in tutto il torneo, e del 1976 in cui conquistò la medaglia d'argento (segnò tre gol, compreso uno nella finale persa 3-1 contro la Germania Est).

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Michel Platini, Rafał Dutkiewicz e Lato a Breslavia nel 2009, durante uno dei sopralluoghi per Euro 2012.

Il 30 ottobre 2008 fu eletto presidente della Federazione calcistica polacca, carica che ha mantenuto fino al 2012. In un'intervista del 2011 aveva dichiarato che nel caso la Polonia non avesse raggiunto i quarti di finale dell'Europeo casalingo, si sarebbe dimesso. Nonostante l'eliminazione della sua Nazionale al primo turno, è rimasto in carica fino al 26 ottobre 2012 quando è stato sostituito da Zbigniew Boniek.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Stal Mielec: 1972-1973, 1975-1976

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Atlante: 1983

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Monaco di Baviera 1972

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1977, 1981
  • Capocannoniere polacco: 2
1973, 1975

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (PL) Reprezentanci Polski, pzpn.pl. URL consultato il 10 ottobre 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN313026430