Raven (serie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la serie televisiva del 1992, vedi Raven (serie televisiva 1992).
Raven
That's So Raven.PNG
Titolo originaleThat's So Raven
PaeseStati Uniti d'America
Anno2003-2007
Formatoserie TV
Generesitcom, per ragazzi
Stagioni4
Episodi100
Durata23 min (episodio)
Lingua originaleinglese
Rapporto4:3
Crediti
IdeatoreMichael Poryes
RegiaSean McNamara
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
ProduttoreBrookwell McNamara Entertainment & Disney Channel Original
Prima visione
Prima TV originale
Dal17 gennaio 2003
Al2 marzo 2007
Rete televisivaDisney Channel
Prima TV in italiano
Dal9 febbraio 2003
Al19 giugno 2007
Rete televisivaDisney Channel
Italia 1
Opere audiovisive correlate
Spin-offCory alla Casa Bianca
A casa di Raven

Raven (That's So Raven) è una serie televisiva statunitense, nominata agli Emmy Awards,[1] in onda su Disney Channel. La serie e la sua protagonista, Raven-Symoné sono stati premiati dalla NAACP.[2]

La serie è andata in onda dal 2003 al 2007 per un totale di quattro stagioni e 100 episodi, diventando la prima Disney Channel Original Series a superare il limite stabilito dalla Legge dei 65 episodi.[3] Della serie è stato realizzato, per la prima volta per una serie Disney, lo spin-off, Cory alla Casa Bianca.

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Personaggi di Raven.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

San Francisco. Raven Baxter è una teenager apparentemente come tante altre, studia al liceo e ha una grande passione per la moda, se non fosse per un potere molto particolare: è veggente, in grado quindi di prevedere eventi futuri attraverso visioni istantanee. Nonostante il grande dono che ha ricevuto, deve faticare ogni giorno per tenerlo nascosto, non vuole trasformarsi in un fenomeno da baraccone ed essere giudicata solo per la sua abilità. Gli unici a saperlo sono i suoi familiari, i genitori Victor e Tonya Baxter e il fratello minore Cory, oltre ai suoi fidati migliori amici Eddie e Chelsea. Per Raven comunque non è facile convivere con questo dono, soprattutto quando si fa condizionare dalle sue visioni.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Prima TV originale Prima TV Italia
Prima stagione 21 2003-2004 2003-2004
Seconda stagione 22 2003-2004 2005
Terza stagione 35 2004-2006 2006
Quarta stagione 22 2006-2007 2007

Il Chill Grill[modifica | modifica wikitesto]

Il Chill Grill è il ristorante gestito da Victor Baxter, aperto nella seconda stagione dopo che nell'episodio Se avessi un lavoro, Raven ha avuto una visione in cui lo stesso locale si sarebbe chiamato Baxter's Place. L'introduzione del Chill Grill è avvenuta nell'episodio, Il ristorante di papà, divenuto poi un locale popolare tra gli studenti della scuola di Raven.

Nell'episodio della terza stagione, Il sogno che si avvera, viene rivelato che in passato il Chill Grill era un nightclub chiamato, I Quattro Assi. Nell'episodio il Grill della porta accanto, Victor Leonard Stevenson rischia il fallimento a causa dell'apertura di un locale il rivale, il "The Hill Grill". Victor parte poi per Washingto assieme a Cory, lasciando il locale ad un manager di sua fiducia.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Le prime tre stagioni vennero prodotte dalla compagnia di produziome, Brookwell McNamara Entertainment, mentre la quarta direttamente dalla protagonista, Raven-Symoné. Il titolo originale della serie avrebbe dovuto essere, The Future Is On Me, mentre la protagonista si sarebbe dovuta chiamare Dawn Baxter. Successivamente il nome venne cambiato in Rose Baxter e lo show intitolato Absolutely Psychic, ma quando Raven-Symoné ottenne la parte si scelse il titolo, That's So Raven.[4]

Sigle musicali[modifica | modifica wikitesto]

La sigla iniziale dello show venne scritta da John Coda, anche compositore della colonna sonora iniziale e di alcuni spot commerciali legati, sia a questa serie che alla serie Even Stevens, co-prodotta da Def Jef e Christopher B. Pearman, il padre di Raven-Symoné, e cantata da Raven-Symoné, Anneliese van der Pol e Orlando Brown. Raven canta quasi per tutta la sigla, mentre Brown canta, sia il pezzo rap alla fine, che alcuni parti iniziali. La Van der Pol invece canta nel corso del ritornello del coro.

La versione completa della sigla venne trasmessa negli Stati Uniti prima dell'inizio della serie. Più tardi uscì, nel 2004, anche nella colonna sonora della serie. Solo Disney Channel Asia ha creato per ogni serie una sequenza d'apertura diversa dall'originale; gli altri Disney Channel hanno importato, nel corso delle diverse stagioni, la sigla originale creata dagli USA. Il video musicale venne trasmesso il 1º gennaio 2007 nel corso del 100º episodio della serie.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il franchise di Raven ebbe inizio dopo la fine della serie di Disney Channel, Lizzie McGuire. Il franchise comprende, una linea di vestiti, DVD, libri, set per le camere da letto, un profumo, un videogioco, GirlTalk,[5] tre videogiochi, [6][7] e due colonne sonore, That's So Raven e That's So Raven Too!. Nel febbraio 2005, i giocattoli di Raven furono persino inseriti negli Happy Meal nei ristoranti McDonald's. Nell'aprile 2005, fu commercializzata la bambola di Raven Baxter, [8] mentre un'altra uscì l'anno successivo. Visto il successo delle prime due, vennero prodotte e commercializzate altre cinque bambole di Raven. Nel settembre 2005, uscì il lettore MP3 ed il profumo della serie. Nello stesso mese, venne commercializzata una linea di moda in tutti i negozi Macy's. Fino al 2006, il mercato firmato Raven ha venduto franchises per 500 milioni di dollari.[9]

DVD[modifica | modifica wikitesto]

Negli Stati Uniti sono stati pubblicati sette DVD della serie. Tuttavia, in Italia ne è uscito uno solo, quello della sitcom intitolato, Raven: Uno stile soprannaturale, distribuito dalla Buena Vista.[10]

Colonne sonore *[modifica | modifica wikitesto]

* In Italia nessuno dei due album è in vendita.

Videogiochi *[modifica | modifica wikitesto]

* In Italia nessuno dei seguenti giochi è in vendita.

Spin-off[modifica | modifica wikitesto]

Cory alla Casa Bianca (2007)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Cory alla Casa Bianca.

Cory alla Casa Bianca fu il primo spin off di Disney Channel, trasmesso per la prima volta il 12 gennaio 2007. Cory e suo padre Victor si trasferiscono a Washington, dopo che Victor ha ricevuto dal Presidente l'incarico di capo-chef della Casa Bianca. Lo show viene ambientato nel periodo in cui Raven frequenta il college, mentre sua madre è ancora in Inghilterra. Raven appare anche nello show come ospite speciale. La serie è molto simila alla sitcom madre, Raven. Cory ha due migliori amici, un ragazzo, Newton Livingston III, interpretato da Jason Dolley, e una ragazza, Meena Paroom, interpretato da Maiara Walsh. Cory frequenta le scuole medie a Washington DC. Inoltre nella serie, la figlia del presidente, Sohie, intepretata da Madison Pettis, diventa la "spina nel fianco" di Cory, come Cory faceva con Raven in Raven. Cory inoltre, come sua sorella, è sempre al centro di guai, guai che gli insegnano di volta in volta lezioni morali che spesso lo inducono a riflettere e in punizione.

A casa di Raven (2017)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: A casa di Raven.

A dieci anni di distanza dall'ultima puntata di Raven, il 21 luglio 2017 viene trasmesso negli USA il primo episodio di A casa di Raven secondo spin off della serie. Raven e Chelsea sono sempre amiche inseparabile e ora entrambe mamme, per di più divorziate e convivono nella stessa casa insieme ai loro figli: Booker, Nia, e Levi. Tutto apparentemente normale, finché Brooker, fratello gemello di Ria, scoprire di essere un sensitivo, ignorando che ha ereditato il potere da sua madre.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]