Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Bruno Bozzetto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Bruno Bozzetto (Milano, 3 marzo 1938) è un animatore, disegnatore e regista italiano.

Autore di alcuni lungometraggi animati e numerosi cortometraggi, molti dei quali vedono come protagonista il suo Signor Rossi, simbolo del cittadino italiano medio alle prese con il malcostume della propria società.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a milano il 3 marzo 1938, figlio di Umberto Bozzetto, imprenditore costruttore di apparecchiature fotografiche, Bozzetto realizza il suo primo film, Tapum! La storia delle armi, nel 1958. Il film viene proiettato al Festival di Cannes, attirando l'attenzione dell'animatore canadese Norman McLaren e del produttore inglese John Halas, con il quale il giovane disegnatore collaborerà.

Tuttavia dovette aspettare il 1960 per diventare davvero famoso, infatti, poco dopo la fondazione della Bruno Bozzetto Film, Bozzetto crea il Signor Rossi, un personaggio che incarna un comune cittadino italiano di mezz'età. Il Signor Rossi diviene così protagonista di una lunga serie di cortometraggi e tre lungometraggi realizzati a partire dagli anni Sessanta. Il primo di questi, prodotto nel 1960, è il cortometraggio Un Oscar per il signor Rossi. Il primo lungometraggio è invece Il Signor Rossi cerca la felicità.

Nel 1965 realizza il lungometraggio West and Soda, seguito nel 1968 da Vip - Mio fratello superuomo e nel 1976 da Allegro non troppo, risposta al film Fantasia di Walt Disney. Gli intermezzi tra un'esecuzione e l'altra sono girati dal vero, con Maurizio Nichetti come protagonista. Negli stessi anni vengono realizzati alcuni filmati pubblicitari per Carosello.

Negli anni Settanta Bozzetto crea alcune strisce a colori incentrate sulle nuove avventure del Signor Rossi (Il Signor Rossi e le donne), ma anche di Vip mio fratello superuomo e West & Soda , pubblicate su Il Corriere dei Piccoli. Pubblica i libri a fumetti Mille piccoli cretini, Gli abominevoli sciatori e Ventun Din fotoamatore.

Si dedica successivamente alla realizzazione di cortometraggi dal vero. Prodotti in questi anni sono: Oppio per oppio, La cabina e la serie Sandwich. Segue verso la fine degli anni Ottanta il primo lungometraggio dal vero Sotto il ristorante cinese (1987) con Nancy Brilli, Amanda Sandrelli e Bernard Blier.

Tra i vari cortometraggi realizzati: Mister Tao vincitore dell'Orso d'oro al Festival di Berlino nel 1990, e Cavallette, nominato al Premio Oscar nel 1991.

Bozzetto ha operato anche nel campo della divulgazione scientifica, realizzando con Piero Angela circa 100 filmati inseriti nella rubrica televisiva Quark (1981-1988). Nell'anno 1995 lo Studio partecipa al progetto What a Cartoon! di Hanna-Barbera, producendo per la trasmissione statunitense il cortometraggio Help!.

Dalla fine degli anni Novanta Bozzetto è impegnato nella realizzazione di animazioni al computer tramite l'uso di Adobe Flash. Con questa tecnica ha prodotto una quindicina di cortometraggi tra i quali: Yes&No, Storia del mondo per chi ha fretta, To bit or not to bit, Adam, Life, Neuro, Olympics e Otto in 17. Il più noto è forse Europa&Italia, che descrive in modo semplice e sarcastico alcuni stereotipi della società italiana.

Bruno Bozzetto è ideatore della serie TV La famiglia spaghetti prodotta dalla RAI (2003) e realizzata presso The Animation Band con la regia di Giuseppe Laganà.

Dal 2000 in poi collabora con la Provincia di Bergamo per la produzione di cortometraggi educativi, come Armi su strada (2008), cortometraggio che tratta il tema degli incidenti stradali. Realizza inoltre la serie Bruno the great, prodotta da Disney Channel.

Bozzetto è a capo dello Studio di produzione Bozzetto&Co.

Nel 2007 l'Università di Bergamo conferisce a Bruno Bozzetto la Laurea honoris causa in "Teoria, Tecniche e Gestione delle Arti e dello Spettacolo". Un anno dopo l'autore riceve il Premio De Sica alla carriera.

Il 9 novembre 2013, a Quinto Vercellese riceve il Premio Internazionale Poesia Civile Città di Vercelli - L'Occhio insonne, con il poeta lussemburghese Lambert Schlechter. Bozzetto è il primo cineasta a ricevere tale riconoscimento solitamente dedicato a poeti e scrittori di carta stampata, grazie a "la poeticità e ai temi di alto impegno civile, pacifista ed ecologico, di cui le sue opere su pellicola a disegno animato sono intrise e che hanno reso grande l'Italia a livello internazionale".

Dal 21 novembre 2013 fino al 7 aprile 2014, il Walt Disney Family Museum di San Francisco gli tributa un riconoscimento per i suoi lavori nel campo dell'animazione dedicandogli una mostra retrospettiva dal titolo Animation, Maestro!.

Nel 2014, più precisamente il 27 novembre, ritira il Premio Maria Adriana Prolo alla carriera 2014, dell'Associazione Museo Nazionale del Cinema (AMNC), all'interno del 32° Torino Film Festival.[1]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • Il signor Rossi e le donne, Milano, Sperling & Kupfer, 1970.
  • Viva gli abominevoli sciatori, Milano, Sperling & Kupfer, 1970.
  • Mille piccoli cretini, Milano, Sperling & Kupfer, 1971.
  • Le avventure di Ventun Din, fotoamatore, Milano, Il castello, 1972.
  • I sogni del signor Rossi, Milano, Fabbri, 1977.
  • Le avventure del sig. Rossi, Milano, Fabbri, 1978.
  • Disegni in Eric J. Chaisson, La relatività, Milano, Fabbri, 1983.
  • Il libro dei diritti dei bambini, con Piero Badaloni, Torino, Edizioni Gruppo Abele, 1987. ISBN 88-7670-099-4.
  • Noi e la paura, con Piero Angela, Milano, Garzanti, 1987. ISBN 88-11-48020-5.
  • Noi e la collera, con Piero Angela, Milano, Garzanti, 1987. ISBN 88-11-48021-3.
  • Noi e la gelosia, con Piero Angela, Milano, Garzanti, 1987. ISBN 88-11-48022-1.
  • Disegni in I diritti del bambino. Riflessioni educative e proposte didattiche, Roma, Anicia, 1990.
  • Un mondo di qualità. Impariamo a migliorare l'impresa con i fumetti di Bruno Bozzetto, Milano, Il sole 24 ore libri, 1995. ISBN 88-7187-604-0.
  • Il paese dei furbi, Bergamo, Grafica & arte, 1996. ISBN 88-7201-178-7.
  • Disegni in Erika Leonardi, Capire la qualità. ISO 9000: tutto quello che occorre sapere per applicare con profitto le nuove norme, con CD-ROM, Milano, Il Sole 24 ore, 2000. ISBN 88-8363-199-4.
  • Illustrazioni in Erika Leonardi, Azienda in jazz. Regole e improvvisazione, emozione e tecnica: come vivere il lavoro con ritmo, con DVD-ROM, Milano, Il Sole 24 ore, 2003. ISBN 88-8363-537-X; 2008. ISBN 978-88-8363-911-1; 2012. ISBN 978-88-6345-396-6.
  • Io medico, tu mutuato. Gags intercalate da 12 splendidi disegni di Bruno Bozzetto. Racconti intercalati da "precari" disegni di Gianfranco Panvini, Modena, Comix, 2003. ISBN 88-8290-585-3.
  • Bruno Bozzetto, Torino, Il Pennino, 2005.
  • Disegni in Furio Honsell, L'algoritmo del parcheggio, Milano, Mondadori, 2007. ISBN 978-88-04-56725-7.
  • Illustrazioni con Giuseppe Novello in Alberto Angela, Musei (e mostre) a misura d'uomo. Come comunicare attraverso gli oggetti, Roma, Armando, 2008. ISBN 978-88-6081-398-5.
  • Disegni in Piero Angela e Lorenzo Pinna, Perché dobbiamo fare più figli. Le impensabili conseguenze del crollo delle nascite, Milano, Mondadori, 2008. ISBN 978-88-04-58094-2.
  • Presentazione di Mario Jannucci, Morir dal ridere, Bergamo, Grafica & arte, 2011. ISBN 978-88-7201-300-7.
  • Storie del minimondo, con Anna Bandettini, con DVD, Roma, Gallucci, 2011. ISBN 978-88-6145-193-3.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

  • 1964 - Melbourne - Silver Boomerang " I due Castelli "
  • 1964 - Milano - Ambrogino d'oro " Signor Rossi al mare "
  • 1964 - Praga - Poctu Kino Praha to the production
  • 1967 - Montreal - Medaglia d'argento "L'uomo e il suo mondo"
  • 1967 - Barcelona - Trofeo Bella Magiargé " Il signor Rossi compra l'automobile "
  • 1968 - Cannes - Primo Premio " Il signor Rossi compra l'automobile"
  • 1970 - Venezia - Silver Nastro d'argento "Ego"
  • 1972 - Barcelona - Medaglia d'oro "Sottaceti"
  • 1972 - New York - Praxinoscopio d'argento "Sottaceti"
  • 1973 - Tampere - Miglior film animato "Il signor Rossi al Safari"
  • 1974 - Chicago - Primo Premio "Opera"
  • 1975 - Barcelona - Medaglia d'oro "Sottaceti"
  • 1983 - Budapest - Primo Premio e Premio della città di Budapest "Sandwich"
  • 1990 - Berlin - Orso d'oro per il miglior cortometraggio "Mister Tao"
  • 1991 - Hollywood - Nomination all'Oscar "Cavallette"
  • 1991 - Forte dei Marmi - XIX Premio per la satira politica - Premio Pino Zac 1991 alla carriera
  • 1991 - Freiburg - Okomedia 91 - Premio speciale del Ministero per l'ambiente "Big Bang"
  • 1992 - Shanghai (China) - Premio speciale "Cavallette"
  • 1999 - Montecatini - 50ª mostra internazionale di cortometraggi "Film Video 99" -Premio "Airone d'Oro" alla carriera.
  • 2001 - 2º Festival internazionale di animazione a Tehran, 2001, Premio speciale della Giuria "Europe&Italy"
  • 2001 - Anima Mundi, 9º Festival internazionale di animazione in Brasile, 2001, Premio Miglior cortometraggio per video a"Europe&Italy".
  • 2003 - Comune di Bergamo, medaglia d'oro riconoscenza civica.
  • 2005 - Premio Internazionale Flaiano alla carriera "Pegaso d'Oro 2005".
  • 2006 - Trento Film festival, "Genziana alla carriera".
  • 2007 - Italian Dvd Awards 2007, Premio speciale all'autore per il suo determinante contributo al cinema d'animazione con 50 anni di straordinaria carriera.
  • 2008 - Premio alla carriera Vittorio De Sica.
  • 2013 - Premio Internazionale "Poesia Civile Città di Vercelli - L'Occhio insonne".
  • 2014 - Torino - Premio Maria Adriana Prolo alla carriera.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ BRUNO BOZZETTO Premio Maria Adriana Prolo alla carriera 2014, movieontheroad.com.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bruno Bozzetto pubblicitario, Rondolino Gianni, Collana di studi e ricerche sulla pubblicità, Sipra, Torino, 1969.
  • Giannalberto Bendazzi, Bruno Bozzetto: animazione primo amore, Milano, I.S.C.A., 1972.
  • Renato Candia, Sul filo della matita. Il cinema di Bruno Bozzetto, Venezia, Cinit, 1992.
  • Mario Querin (a cura di), Bruno Bozzetto, Trento, Centro di documentazione visiva del Servizio attività culturali della Provincia autonoma, 1992.
  • Giannalberto Bendazzi e Raffaele De Berti (a cura di), La fabbrica dell'animazione. Bruno Bozzetto nell'industria culturale italiana, Milano, Il Castoro, 2003. ISBN 88-8033-257-0.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN6178937 · LCCN: (ENn50043168 · SBN: IT\ICCU\CFIV\045224 · ISNI: (EN0000 0001 2098 8536 · GND: (DE12447313X