Giannalberto Bendazzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giannalberto Bendazzi

Giannalberto Bendazzi (Ravenna, 17 luglio 1946) è uno storico del cinema, giornalista e accademico italiano, autore di libri e saggi in particolare sul cinema di animazione.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Ravenna nel 1946, cresce a Milano dove, laureatosi in Giurisprudenza all'Università Statale, intraprende sia la carriera di giornalista sia quella di storico del cinema. Dal 2002 si dedica a tempo pieno al lavoro accademico, tenendo all'Università degli Studi di Milano il primo insegnamento in Italia di Storia del cinema di animazione (2002-2009). Dal 2002 è adjunct professor alla Griffith University di Brisbane, Australia. Dal 2013 al 2015 è visiting professor alla Nanyang Technological University di Singapore.

Dal 2008 al 2015 si dedica alla stesura di “Animation – A World History”, un'enciclopedia storica dell'animazione mondiale in tre volumi, pubblicata nel 2016 da CRC Press.[1][2]

Nel 2018 UTET ha pubblicato la versione italiana, riveduta e corretta, di questa opera monumentale, con il titolo "Animazione - una storia globale".

Nel 2016 è ideatore e presidente di Giuria di Premio Itala.[3]

Per la sua attività ottiene riconoscimenti tra i quali il Premio Fantoche, in riferimento al contributo alla conoscenza del cinema d'animazione (Lucca, 1978), l'Award for Outstanding Achievement in the Field of Animation Studies (Zagabria, Croazia, 2002), il Premio Franco Fossati per il miglior libro dell'anno sul cartooning, “La fabbrica dell'animazione – Bruno Bozzetto nell'industria culturale italiana” (Rimini, 2003), il Premio alla Carriera dal Festival di Kecskemét (Ungheria, 2015)[4][5] e il Premio alla carriera di ASIFA International (Animafest, Zagabria, 2016).[6][7] e il Premio Efebo d'oro per il miglior saggio cinematografico (Palermo, 2018).

In occasione della XXXI Conferenza della Society for Animation Studies, svoltasi a Lisbona nel 2019, gli è stato conferito dalla locale ULHT - Universidade Lusófona de Humanidades e Tecnologias il Dottorato "honoris causa": per la prima volta un tale riconoscimento viene assegnato da un ateneo a un rappresentante del mondo dell'Animazione.

Bendazzi è autore di libri e articoli pubblicati in particolare su riviste di ricerca storiografica nell'ambito del cinema d'animazione.[8][9] Tra le sue opere più note, il saggio di critica cinematografica "Cartoons – Cento anni di cinema d'animazione",[10][11] pubblicato in varie edizioni.[12][13][14] Lo studio e l'analisi delle opere di Alexandre Alexeieff e di Quirino Cristiani rivestono particolare importanza nella ricerca di Bendazzi, autore di libri e articoli su tali opere e sui rispettivi autori.[15][16] Woody Allen e Mel Brooks sono tra gli autori di cinema live action a cui Bendazzi ha dedicato maggiore attenzione, con articoli, saggi e libri.[17]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Animazione - una storia globale, UTET, 2018 (Opera in due volumi in cofanetto)
  • "Jiří Brdečka - Life – Animation – Magic", con Tereza Brdečková e Jiří Kubíček, edito da Limonádový Joe, Praga, 2016.
  • "Animation - A World History", CRC Press, Londra, 2016. (Opera in tre volumi)
  • "Quirino Cristiani, pionero del cine de animación", Ediciones de la Flor, Buenos Aires, 2008.
  • "L'uomo che anticipò Disney", Tunué, Latina, 2007.
  • "Il cinema d'animazione e la nuova critica", Cuem, Milano, 2006.
  • "Animazione e realismo", con Midhat Ajanovic, Cuem, Milano, 2005.
  • "Lezioni sul cinema d'animazione", Cuem, Milano, 2004, 2005.
  • "Alexandre Alexeieff – Poemes de llum i ombra / Poemas de luz y sombra / Poems of Light and Shadow", Sitges 03, Festival Internacional de Cinema de Catalunya, Barcellona, 2003.
  • "La fabbrica dell'animazione. Bruno Bozzetto nell'industria culturale italiana", Il Castoro, Milano, 2003.[18]
  • "I continenti dell'animazione", Cuem, Milano, 2002, 2003.
  • "Alexeieff - Itinéraire d'un maître / Itinerary of a Master", Dreamland, Parigi, 2001.[15]
  • "Le tour de l’animation en 84 films – Joyaux d’un siècle / The Tour of Animation in 84 Films – Jewels of a Century", Festival International du Film d’Animation, Annecy, 2000.
  • "Bruno Bozzetto – Animazione Primo amore", Isca, Milano, 1972. Edizione croato/inglese: Animafest Zagreb, 1998.
  • "Coloriture – Voci, rumori, musiche nel cinema d’animazione", Pendragon, Bologna, 1995.
  • "Il movimento creato – Studi e documenti di ventisei saggisti sul cinema d’animazione", Pluriverso, Torino, 1993.
  • "Cartoons – Cento anni di cinema d’animazione / Cartoons: One Hundred Years of Cinema Animation", Edizione italiana: Marsilio, Venezia, 1988, 1992. Edizione francese: Liana Lévi, Parigi, 1992. Edizione inglese: John Libbey/Indiana University Press, Londra/Bloomington, 1994, 1995, 1999, 2003. Edizione spagnola: Ocho y Medio, Madrid, 2003. Edizione persiana:Yeksad Sal Cinemaye Animation, Tehran, 2007.[12][19]
  • "Le cinéma d'animation", La Pensée Sauvage, Grenoble, 1985.
  • "La zuzzurellinea – Osvaldo Cavandoli e l'animazione", Incontri Internazionali con gli Autori di Cinema d'Animazione, Genova, 1985.
  • "Woody Allen − Il comico più intelligente e l'intelligenza più comica", Fabbri (RCS), Milano, 1984, 1987, 1989, 1991, 1995. Edizione francese: Liana Lévi, Parigi, 1986, 1989, 1991. Edizione inglese: Ravette, Londra, 1987. Edizione tedesca: Treves, Treviri, 1990, 1998. Edizione ungherese: Alexandra Kiado, Budapest, 1994. Edizione spagnola: Orbis, Barcelona, 1995.
  • "Pages d'Alexeieff", AAA, Annecy, 1983. Edizione italiana: "Incontri Internazionali con gli Autori di Cinema d'Animazione", Genova, 1984.
  • "Due volte l'oceano – Vita di Quirino Cristiani, pioniere del cinema d'animazione", La casa Usher, Firenze, 1983.
  • "Appeso a una matita – Il cinema d'animazione di Guido Manuli", Incontri Internazionali con gli Autori di Cinema d'Animazione, Genova, 1983.
  • "Mel Brooks – L'ultima follia di Hollywood", Il Formichiere, Milano, 1977. Edizione Francese: Glénat, Parigi, 1980.
  • "Topolino e poi", Il Formichiere, Milano, 1978.
  • "Woody Allen", La Nuova Italia, Firenze, 1976, 1979.
  • "La Freccia Azzurra", Animation World Network, 1997.[20]
  • "History of Portuguese Animation Cinema", Animation World Network, 2002.
  • "Lettera A Un Maestro", missiva postuma rivolta a Giorgio "Max" Massimino-Garniér, Animation World Network, 2000.
  • "Icelandic Animation", Animation World Network, 1996.
  • "Il Paese degli animali (Animaland)", Animation World Network, 1997.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://ilmanifesto.info/giannalberto-bendazzi-apprendista-stregone/
  2. ^ http://www.affaritaliani.it/coffeebreak/parenti-di-topolino-in-tutto-il-mondo-394625.html
  3. ^ http://news.cinecitta.com/IT/it-it/news/55/66346/bruno-bozzetto-il-premio-itala-aiutera-la-nostra-animazione.aspx
  4. ^ Fondazione Franco Fossati, scrittori e giornalisti, Giannalberto Bendazzi.
  5. ^ "Zagreb 2004: The Perfect Animation Festival.". Gregory Singer, Animation World, 14 luglio 2004
  6. ^ http://bottegapartigiana.org/allanimafest-di-zagabria-premio-alla-carriera-a-giannalberto-bendazzi/
  7. ^ http://www.afnews.info/wordpress/2016/06/07/a-zagabria-premio-asifa-alla-storica-carriera-di-giannalberto-bendazzi/
  8. ^ John A. Lent, Comic Art of Europe Through 2000: An International Bibliography, ABC-CLIO, 1º gennaio 2003, pp. 551–, ISBN 978-0-313-05221-7.
  9. ^ Jack Zipes, Fairy Tale as Myth/Myth as Fairy Tale, University Press of Kentucky, 18 luglio 2013, pp. 180–, ISBN 0-8131-4391-8.
  10. ^ New in Paperback, in The Washington Post, 7 maggio 1995. URL consultato il 6 agosto 2013.
  11. ^ Cartoons, in Los Angeles Times, Apr 9, 1995. URL consultato il 6 agosto 2013.
  12. ^ a b Nichola Dobson, Historical Dictionary of Animation and Cartoons, Scarecrow Press, 3 agosto 2009, pp. 224–, ISBN 978-0-8108-5830-5.
  13. ^ J. E. Champoux, Animated Films as a Teaching Resource, in Journal of Management Education, vol. 25, n. 1, 1º febbraio 2001, pp. 79–100, DOI:10.1177/105256290102500108.
  14. ^ Maureen Furniss, Women & Animation: A Compendium, in Film History, No. 2, vol. 5, giugno 1993, p. 2, DOI:10.2307/27670723 (inattivo 2015-02-01), JSTOR 27670723.
  15. ^ a b Richard Neupert, French Animation History, John Wiley & Sons, 8 marzo 2011, pp. 132–, ISBN 978-1-4443-9257-9.
  16. ^ Alexeieff: Itinerary of a Master, in AWN (Animation World Network), Wendy Jackson Hall. URL consultato il 1º agosto 2013.
  17. ^ Scopriamo e riscopriamo gli autori: Intervista a Giannalberto Bendazzi
  18. ^ Gaetana Marrone e Paolo Puppa, Encyclopedia of Italian Literary Studies, Taylor & Francis, 26 dicembre 2006, pp. 52–, ISBN 978-1-135-45529-3.
  19. ^ John A. Lent, Animation in Asia and the Pacific, Indiana University Press, 1º gennaio 2001, pp. 199–, ISBN 978-0-253-34035-1.
  20. ^ William D. Crump, The Christmas Encyclopedia, 3d ed., McFarland, 15 settembre 2001, pp. 466–, ISBN 978-0-7864-6827-0.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN4926608 · ISNI (EN0000 0001 0864 3025 · LCCN (ENn80098409 · GND (DE140079459 · BNF (FRcb11891171k (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n80098409