Portale:Animazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Portale Animazione
Animation.svg
« I personaggi a fumetti, una volta animati, perdono molte caratteristiche per acquisirne altre, trasformandosi quasi in tutt'altro. »
(Silver)
« Io credo di aver fatto sempre film per adulti, perché tratto e discorro di problematiche serie, anche se uso il mezzo cartone. Se poi piace anche ai bambini, tanto meglio. »
(Bruno Bozzetto)

Benvenute e benvenuti; il portale dell'animazione vi aiuterà nella navigazione attraverso le voci su questo affascinante mezzo espressivo; scoprirete come si fanno i cartoni animati, quali aziende si cimentano in queste produzioni e le persone che vi sono dietro. Per partecipare come collaboratore visita il Progetto:Animazione.


PortaleProgettoFelix's PubCategorie

L'animazione
Animhorse.gif

L'animazione è il processo, basato sull'effetto fisico denominato "fenomeno phi", che consiste nel rapido accostamento di immagini statiche per dare l'illusione del movimento. Essa viene prodotta mediante disegni animati o animazioni a passo uno. Gli animatori sono le figure professionali che si dedicano alla creazione di animazioni.

Le animazioni possono essere registrate su supporti analogici come flip-book, pellicole cinematografiche, videocassette, o in media digitali, come GIF animate, animazione flash o video digitali. Per visualizzarla sono utilizzati fotocamere digitali, computer, televisori e proiettori.

I metodi principali impiegati nel campo dell'animazione sono tre:

  • L'animazione tradizionale, effettuata animando il disegno a mano libera o tramite l'ausilio del rotoscopio.
  • La tecnica passo uno, anche detta stop motion, utilizzata animare oggetti reali, come marionette, burattini, plastilina o fogli lucidi. È stata usata anche per i primi rudimentali effetti speciali.
  • L'animazione al computer, diffusasi più recentemente, si basa ancora sulla creatività umana, e consente di semplificare molti processi. L'uso dell'elaboratore elettronico si applica sia alla animazione 3D che alla 2D tradizionale.

Continua...

Sapevi che...
She-ra-dawson.jpg

Un rodovetro, o anche in inglese cel, è un particolare foglio in acetato sul quale l'animatore dipinge il singolo frame che comporrà la sequenza animata di un cartone animato. L'invenzione del rodovetro si colloca nel 1914 ed è attribuita ad Earl Hurd.

Per realizzare un frame completo con questo metodo è necessario disporre di un buon disegno, ottimizzato da un precedente bozzetto, ed un fondale dipinto. A lavoro ultimato, il rodovetro viene posizionato sopra il fondale. Sul rodovetro c'è solo l'elemento animato, mentre il resto del foglio rimane trasparente, lasciando visibile lo sfondo. Quindi, con una telecamera viene fotografato il frame.

Un frame può essere composto anche da più rodovetri sovrapposti (multi-layer cel). Questa tecnica è utilizzata quando nella stessa scena ci sono più elementi animati. In alcuni casi, i movimenti degli occhi e della bocca vengono realizzati su rodovetri a parte per non dover disegnare ogni volta l'intero volto.

Continua...

Approfondimenti
Albero delle categorie
Anime
Biografia in evidenza
Osvaldo Cavandoli 2008-11-18.jpg
« Ho cercato di semplificare perché amavo molto fare del bel movimento rispetto al disegno fine a sé stesso. Per cui ho cominciato a provare un qualcosa che mi permettesse di esprimermi con velocità. »
(Osvaldo Cavandoli)

Osvaldo Cavandoli è stato un animatore, regista e fumettista italiano nato a Toscolano-Maderno il 1º gennaio 1920. Dopo aver frequentato un Istituto tecnico professionale, nel 1937, a soli 17 anni, trova un lavoro come disegnatore industriale, prima all'Alfa Romeo, poi alla ditta d'armi Cemsa di Saronno, che impiega fino al 1942, quando comincia a pubblicare vignette di satira di costume.

Alla fine della Seconda guerra mondiale a 25 anni, legge un annuncio dei fratelli Nino e Toni Pagot che cercano disegnatori per un nuovo cartone animato: decide di presentarsi, realizza qualche schizzo e viene assunto. Inizia così a lavorare come intercalatore e partecipa alla realizzazione del cortometraggio Lalla ed il funghetto ed a quella de I fratelli Dinamite, il primo lungometraggio animato della storia del cinema italiano.

Continua...

In evidenza
Blender241.png

Blender è un programma libero per la modellazione e il rendering di immagini ed animazioni tridimensionali; è disponibile ufficialmente per numerosi sistemi operativi, incluso GNU/Linux, FreeBSD, IRIX, Microsoft Windows, Mac OS X e Solaris; esistono inoltre porting non ufficiali per altri sistemi operativi.

Con esso, e con altri programmi liberi, si sono effettuate le riprese del cortometraggio in animazione 3d: Elephants Dream.

Originariamente Blender fu sviluppato come applicazione interna dallo studio di animazione olandese NeoGeo; l'autore principale fu Ton Roosendaal. Il programma nacque come software proprietario a costo zero (freeware), ma al fallimento della Number Technologies, avvenuto nel 2002, si optò per una sua distribuzione sotto i termini della licenza GNU General Public License, dopo avere corrisposto ai creditori la somma unica di euro: 100 000. Nel mese di ottobre del 2002 il codice sorgente di Blender è stato messo a disposizione dei volenterosi sviluppatori, sotto la guida della Blender Foundation.

Continua...

Immagine
Felix tgtltge 05.jpg

Schermata dal cartone di Felix the Cat: The Goose That Laid the Golden Egg, datato 1936

Portali collegati
Vuoi partecipare?

Perché l'animazione nella Wikipedia in lingua italiana sia sempre più completa sono necessarie voci in ogni campo; ci occorrono biografie degli autori e loro citazioni, voci sulle serie televisive d'animazione, voci sui lungometraggi animati, voci sulle aziende, voci sui personaggi, voci sulle metodiche, ecc, ecc. Per informazioni su come aiutare visitate il Progetto:Animazione.