Mumin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Moomin" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Moomin (disambigua).
Giocattoli degli anni 1950 raffiguranti i Mumin

I Mumin sono personaggi di finzione creati dalla scrittrice ed illustratrice finlandese di lingua svedese Tove Jansson. Dall'aspetto simile ad ippopotami bianchi, abitano nella valle omonima, luogo tranquillo e sicuro, e le loro storie narrano degli eventi che accadono nella valle.

Compaiono in una serie di romanzi e libri illustrati per bambini scritti e disegnati da Tove Jansson fra il 1945 ed il 1980, che ancora oggi vengono tradotti dallo svedese in oltre 50 lingue[1]. Nel corso degli anni sono stati riadattati in fumetti, cartoni animati, serie televisive, spettacoli teatrali, videogiochi e tanto altro.

I Mumin sono particolarmente popolari nei paesi scandinavi, in Giappone, Corea del Sud e Cina[2].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

I romanzi[modifica | modifica wikitesto]

I romanzi della serie, in ordine cronologico:

  • Småtrollen och den stora översvämningen (1945, inedito in italiano)
  • Caccia alla cometa (1946)
  • Il cappello del Gran Bau (1948)
  • Le memorie di Papà Mumin (1950)
  • Magia di Mezza estate (1954)
  • Magia d'Inverno (1957)
  • Racconti dalla valle dei Mumin (1962)
  • Pappan Och Havet (1965, inedito in italiano)
  • Sent I November (1970, inedito in italiano)

Libri illustrati[modifica | modifica wikitesto]

  • E adesso che succede? Un libro su Mimla, il troll Mumin e la piccola Mi (1952)
  • Piccolo Knitt tutto solo (1960)
  • Den farliga resan (1977, inedito in italiano)
  • Skurken i muminhuset (1980, inedito in italiano), libro fotografico con testo dell'autrice
  • Visor från Mumindalen (1993)

Nonostante i libri illustrati vengano considerati come delle letture separate dai romanzi, in realtà furono concepiti per coprire buchi narrativi tra un romanzo e l'altro.[3] Per questo motivo, sul sito ufficiale vengono elencati insieme.[4]

Libri a fumetti[modifica | modifica wikitesto]

Serie televisive[modifica | modifica wikitesto]

Film[modifica | modifica wikitesto]

  • Filifjonkan som trodde på katastrofer (1978)
  • Vem ska trösta Knyttet? (1980)
  • Mūmindani no Suisei (1992)
  • Hur gick det sen? (1993)
  • Muumi ja vaarallinen juhannus (2008, film di montaggio da Opowiadania Muminkòw)
  • Muumi ja punainen pyrstötähti (2010, film di montaggio da Opowiadania Muminkòw)
  • Muumit Rivieralla (2014)
  • Muumien taikatalvi (2017, film di montaggio da Opowiadania Mumunkòw)

Spettacoli teatrali[modifica | modifica wikitesto]

  • Mumintrollet och kometen ("Mumintroll e la cometa", 1949); fu il primo spettacolo teatrale sui Mumin. Esordì nel 1949 al Svenka Teatren di Helsinki. Alla sceneggiatura era presente l'autrice in persona, Tove Jansson, mentre la regia fu affidata a Vivica Bandler. Come fa presuppore il titolo, si basa su Caccia alla Cometa, uscito pochi anni prima.[6]
  • Troll i kulisserna ("Troll sulle ali", 1958). Scritto da Tove Jansson e diretto da Vivica Bandler, presenta le musiche di Erna Tauro. Nel cast appaiono per la prima volta Lasse Pöysti nel ruolo di Troll Mumin e Birgitta Ulfsson nel ruolo di Emma.[7] Sia Tauro, che Pöysti e Ulfsson ricompariranno spesso negli spettacoli successivi.
  • Crash (1963, perduto). Scritto da Lars Jansson con sfondi, canzoni e costumi realizzati da Tove Jansson, musiche di Erna Tauro e regia di Vivica Bandler e Kirsten Sørlie. Crash viene descritta come "una commedia anti-Mumin", vista l'assenza dei personaggi principali e una comicità per un pubblico adulto. Lo spettacolo è ambientato nella Valle Dei Mumin e le dramatis personae rappresentano lo stesso stile di vita anticonformista e disordinato dei Mumin. La storia, però, ruota intorno alla tensione tra il mondo libero della Valle e le persone conformiste della società contemporanea.[8] Nel cast ritornano, con ruoli diversi, Lasse Pöysti (Borgmästare) e Birgitta Ulfsson.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Troll Mumin (svedese Mumintrollet, finlandese Muumipeikko)
  • Mamma Mumin (Muminmamman, Muumimamma)
  • Papà Mumin (Muminpappan, Muumipappa)
  • Piccola Mi (Lilla My, Pikku Myy)
  • Grugnina (Snorkfröken, Niiskuneiti)
  • Figlia di Mimla (Mymlans dotter, Mymmelin tytär)
  • Sniff (Sniff, Nipsu)
  • Tabacco (Snusmumriken, Nuuskamuikkunen)
  • Carabattola (Joxaren, Juksu)
  • Fredrikson (Fredrikson, Fredrikson)
  • Mimla (Mymlan, Mymmeli)
  • Emula (Hemulen, ?)
  • Emulo? (Hemulen, Hemuli)
  • zia dell'Emula (Hemulens moster, Hemuli-täti)
  • Girotondo (Rådd-djuret, Hosuli)
  • Placida (Sås-djuret, Sosuli)
  • Edoardo Dragonato (Dronten Edward, Drontti Edvard)
  • Tassi di roccia (klippdassar, tahmatassut)
  • Meles Rock (Klippdassen, Tahmatassu)
  • Morra (Mårran, Mörkö)
  • Fungarelli (Hattifnattar, Hattivatit)
  • L'Orrido, fantasma (Spöket, aave)
  • Autorè (Självhärskaren, ?)
  • La nave Orchessa Marina (Haffsårkestern, Merenhuiske)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Collecting translations of Moomin books, su Moomin, 7 ottobre 2015. URL consultato il 26 marzo 2021.
  2. ^ (EN) Moomins gaining popularity in Singapore, su Moomin, 30 maggio 2017. URL consultato il 26 marzo 2021.
  3. ^ Mars Mom, su Mars Mom. URL consultato il 25 marzo 2021.
  4. ^ (EN) Moomin books, su Moomin. URL consultato il 25 marzo 2021.
  5. ^ Tv dei Ragazzi 15/02/76 – 28/02/76 | Anni 60/70/80 e dintorni
  6. ^ (EN) How the Moomins entered the theatre stage, su Moomin, 24 aprile 2014. URL consultato il 25 marzo 2021.
  7. ^ Mars Mom, su Mars Mom. URL consultato il 25 marzo 2021.
  8. ^ Mars Mom, su marsmombestmom.tumblr.com. URL consultato il 26 marzo 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh2001004219 · BNF (FRcb13558897t (data) · J9U (ENHE987007537202905171
  Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura