Mumin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Moomin" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Moomin (disambigua).
Giocattoli degli anni 1950 raffiguranti i Mumin

I Mumin sono personaggi di finzione creati dalla scrittrice ed illustratrice finlandese di lingua svedese Tove Jansson. Dall'aspetto simile ad ippopotami bianchi, abitano nella valle omonima, luogo tranquillo e sicuro, e le loro storie narrano degli eventi che accadono nella valle.

Compaiono in una serie di romanzi e libri illustrati per bambini scritti e disegnati da Tove Jansson fra il 1945 ed il 1980, che ancora oggi vengono tradotti dallo svedese in oltre 50 lingue[1]. Nel corso degli anni sono stati riadattati in fumetti, cartoni animati, serie televisive, spettacoli teatrali, videogiochi e tanto altro.

I Mumin sono particolarmente popolari nei paesi scandinavi, in Giappone, Corea del Sud e Cina[2].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

I romanzi[modifica | modifica wikitesto]

I romanzi della serie, in ordine cronologico:

Libri illustrati[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante i libri illustrati vengano considerati come delle letture separate dai romanzi, in realtà furono concepiti per coprire buchi narrativi tra un romanzo e l'altro.[3] Per questo motivo, sul sito ufficiale vengono elencati insieme. [4]

Libri a fumetti[modifica | modifica wikitesto]

Serie televisive[modifica | modifica wikitesto]

Film[modifica | modifica wikitesto]

Spettacoli teatrali[modifica | modifica wikitesto]

Mumintrollet och kometen fu il primo spettacolo teatrale sui Mumin. Esordito per la prima volta nel 1949 al Svenka Teatren di Helsinki.

Alla sceneggiatura era presente l'autrice in persona, Tove Jansson, mentre la regia fu affidata a Vivica Bandler. Come fa presuppore il titolo, si basa su Caccia alla Cometa, uscito pochi anni prima. [5]

Scritto da Tove Jansson e diretto da Vivica Bandler, presenta le musiche di Erna Tauro. Nel cast appaiono per la prima volta Lasse Pöysti nel ruolo di Troll Mumin e Birgitta Ulfsson nel ruolo di Emma. [6]

Sia Tauro, che Pöysti e Ulfsson ricompariranno spesso negli spettacoli successivi.

Scritto da Lars Jansson con sfondi, canzoni e costumi realizzati da Tove Jansson, musiche di Erna Tauro e regia di Vivica Bandler e Kirsten Sørlie.

Crash viene descritta come "una commedia anti-Mumin", vista l'assenza dei personaggi principali e una comicità per un pubblico adulto. Lo spettacolo è ambientato nella Valle Dei Mumin e le dramatis personae rappresentano lo stesso stile di vita anticonformista e disordinato dei Mumin. La storia, però, ruota intorno alla tensione tra il mondo libero della Valle e le persone conformiste della società contemporanea.[7]

Nel cast ritornano, con ruoli diversi, Lasse Pöysti (Borgmästare) e Birgitta Ulfsson.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Troll Mumin (svedese Mumintrollet, finlandese Muumipeikko)
  • Mamma Mumin (Muminmamman, Muumimamma)
  • Papà Mumin (Muminpappan, Muumipappa)
  • Piccola Mi (Lilla My, Pikku Myy)
  • Grugnina (Snorkfröken, Niiskuneiti)
  • Figlia di Mimla (Mymlans dotter, Mymmelin tytär)
  • Sniff (Sniff, Nipsu)
  • Tabacco (Snusmumriken, Nuuskamuikkunen)
  • Carabattola (Joxaren, Juksu)
  • Fredrikson (Fredrikson, Fredrikson)
  • Mimla (Mymlan, Mymmeli)
  • Emula (Hemulen, ?)
  • Emulo? (Hemulen, Hemuli)
  • zia dell'Emula (Hemulens moster, Hemuli-täti)
  • Girotondo (Rådd-djuret, Hosuli)
  • Placida (Sås-djuret, Sosuli)
  • Edoardo Dragonato (Dronten Edward, Drontti Edvard)
  • Tassi di roccia (klippdassar, tahmatassut)
  • Meles Rock (Klippdassen, Tahmatassu)
  • Morra (Mårran, Mörkö)
  • Fungarelli (Hattifnattar, Hattivatit)
  • L'Orrido, fantasma (Spöket, aave)
  • Autorè (Självhärskaren, ?)
  • La nave Orchessa Marina (Haffsårkestern, Merenhuiske)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh2001004219 · BNF (FRcb13558897t (data)
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura
  1. ^ (EN) Collecting translations of Moomin books, su Moomin, 7 ottobre 2015. URL consultato il 26 marzo 2021.
  2. ^ (EN) Moomins gaining popularity in Singapore, su Moomin, 30 maggio 2017. URL consultato il 26 marzo 2021.
  3. ^ Mars Mom, su Mars Mom. URL consultato il 25 marzo 2021.
  4. ^ (EN) Moomin books, su Moomin. URL consultato il 25 marzo 2021.
  5. ^ (EN) How the Moomins entered the theatre stage, su Moomin, 24 aprile 2014. URL consultato il 25 marzo 2021.
  6. ^ Mars Mom, su Mars Mom. URL consultato il 25 marzo 2021.
  7. ^ Mars Mom, su marsmombestmom.tumblr.com. URL consultato il 26 marzo 2021.