Frozen II - Il segreto di Arendelle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Frozen II - Il segreto di Arendelle
Frozen 2 Logo.png
Logo originale del film
Titolo originaleFrozen II
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2019
Durata103 min
Rapporto2,39:1
Genereanimazione, commedia, avventura, fantastico, musicale
RegiaChris Buck, Jennifer Lee
Soggettopersonaggi creati da Jennifer Lee
SceneggiaturaJennifer Lee, Allison Schroeder
ProduttorePeter Del Vecho
Produttore esecutivoJennifer Lee
Casa di produzioneWalt Disney Animation Studios
Distribuzione in italianoWalt Disney Pictures
MontaggioJeff Draheim
MusicheRobert Lopez, Kristen Anderson-Lopez
ScenografiaMichael Giaimo
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Frozen II - Il segreto di Arendelle (Frozen II) è un film d'animazione del 2019 diretto da Chris Buck e Jennifer Lee.

La pellicola, sequel del film del 2013 Frozen - Il regno di ghiaccio e 58º classico Disney, è il film d'animazione ad aver incassato di più nella storia del cinema.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

I protagonisti in una scena del film

In un flashback ambientato prima degli eventi narrati nel primo film, re Agnarr di Arendelle racconta una storia alle sue figlie, Elsa e Anna, secondo cui il nonno paterno, il re Runeard, stabilì un trattato di pace con la tribù dei Northuldri costruendo una diga nella loro terra natale, la foresta incantata. Tuttavia, per ragioni ignote, si verificò uno scontro in cui Runeard morì. Gli elementi di terra, fuoco, acqua e aria della foresta scomparvero ed un muro di nebbia intrappolò tutti nella foresta incantata. Agnarr riuscì a scappare in extremis grazie all'aiuto di un ignoto salvatore.

Tre anni dopo l'incoronazione, Elsa vive nel palazzo reale di Arendelle con Anna, il pupazzo di neve Olaf, Kristoff e la sua renna Sven. Una notte, Elsa ode un suono melodioso che la chiama, la segue e risveglia involontariamente gli elementi, che tolgono ad Arendelle l'acqua e il fuoco e la sottopongono a un terremoto e a fortissime raffiche di vento, costringendo tutti gli abitanti del regno a evacuare la città.

Elsa, Anna, Olaf, Kristoff e Sven si incamminano così nella foresta incantata per scoprire la verità sul passato del regno. Dopo che il muro di nebbia si separa al tocco di Elsa, l'elemento dell'aria, rappresentato da una scia di foglie mosse dal vento, si trasforma in un tornado, che spazza tutti nel suo vortice. Elsa lo ferma coi suoi poteri, formando una serie di sculture di ghiaccio. Le sorelle scoprono che le sculture sono immagini del passato del padre e che la madre, la regina Iduna, era la Northuldra che ha salvato Agnarr. Incontrano poco dopo gli abitanti della foresta e una truppa di soldati di Arendelle anch'essi rimasti intrappolati nella foresta. Arriva poi l'elemento del fuoco, una piccola salamandra agitata, che Elsa riesce a calmare. Le due sorelle organizzano una tregua tra i soldati e gli abitanti della foresta spiegando che la loro madre era una Northuldra e il loro padre era di Arendelle. Il gruppo di amici grazie ad una ragazza Northuldra apprende l'esistenza di un quinto spirito ancora ignoto, in grado di riportare l'armonia tra gli altri quattro: Elsa crede che la misteriosa voce appartenga a questo.

Elsa continua a dirigersi a nord con Anna e Olaf, lasciando indietro Kristoff e Sven. I tre trovano sulla baia il relitto della nave dei genitori, al cui interno trovano una mappa con la rotta per Ahtohallan, un fiume mistico di cui la madre aveva raccontato che conteneva tutte le risposte sul passato. Elsa capisce che i genitori erano partiti per trovare spiegazioni sui poteri della figlia, così decide di continuare da sola l'avventura per non mettere in pericolo Anna e Olaf. Elsa incontra e doma il Nøkk, l'elemento acquatico rappresentato come un cavallo. Col suo aiuto, la regina raggiunge Ahtohallan, che in realtà è un ghiacciaio, dove sono racchiusi tutti i ricordi, visto che, come detto da Olaf, l'acqua ha memoria, e rivede tutti i ricordi della sua infanzia e quanto accaduto prima della sua nascita. Scopre quindi che la voce che la chiamava appartiene allo spirito di Iduna, rifugiatosi ad Ahtohallan, e che la Northundra richiamava a sé la figlia affinché giungesse nel magico luogo che l'aveva benedetta perché accettasse pienamente sé stessa e diventasse così il Quinto Spirito.

Ignorando l'avvertimento di una canzone della sua infanzia, ed introducendosi nel cuore più profondo di Ahtohallan, Elsa apprende che la diga è stata costruita da Re Runeard non come un dono, ma per ridurre le risorse dei Northuldri: l'uomo temeva che la connessione con gli elementi naturali potesse condurre i Northuldri a prendere il controllo sul suo regno. Lui stesso uccise il capo dei Northuldri a tradimento, e questo fu il misterioso evento che diede inizio al conflitto. Il gelo causato da quel ricordo è troppo perfino per Elsa, che nell’essersi spinta fin troppo nelle viscere di Ahtohallan, si trasforma in ghiaccio; la ragazza usa i suoi poteri per trasmettere il ricordo ad Anna poco prima di venire congelata definitivamente, cosa che porta anche alla scomparsa di Olaf.

Anna riceve il messaggio di Elsa e conclude che la diga deve essere distrutta per ripristinare la pace, anche se ciò comporterà la distruzione di Arendelle, che sarà travolta dall'irrompere del fiume nel fiordo. Anna trova e risveglia i giganti della terra e li attira verso la diga, per fare in modo che distruggano la diga lanciando enormi massi contro di essa. Questo ha come risultato un'inondazione che invade il fiordo e punta verso Arendelle: Elsa si scioglie e il fondo di Ahtohallan si rompe, facendola sprofondare in acqua. La ragazza viene salvata dal Nøkk e in groppa ad esso, torna nel suo regno in tempo per frenare l'onda che spazzerebbe via Arendelle.

Mentre il muro di nebbia scompare, le due sorelle si riuniscono e Olaf si rigenera. Kristoff propone ad Anna di sposarlo, e lei accetta. Elsa spiega che lei e Anna sono ora il ponte tra le persone e gli elementi della natura. Anna, che si è comportata in maniera saggia e responsabile, diventa la nuova regina di Arendelle, mentre Elsa si stabilisce nella foresta incantata per tenere in equilibrio gli elementi.

In una scena dopo i titoli di coda, Olaf visita il vecchio palazzo di ghiaccio di Elsa e racconta a Marshmallow e agli Snowgies gli eventi che ha vissuto.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 2014, il produttore Peter Del Vecho non escluse l’idea di possibili sequel.[3] A fine aprile dello stesso anno, Alan F. Horn affermò che in quel momento la vera priorità non era un seguito del film, ma piuttosto l’adattamento Broadway.[4][5] Nel mese di maggio il CEO della Disney Bob Iger dichiarò che non avrebbe affrettato nel creare il film, aggiungendo che sperava che sarebbe nato un franchise longevo simile a quello legato a Il re leone.[6]

Il 12 marzo 2015 fu annunciato che la pellicola era in sviluppo, insieme al ritorno dei registi Chris Buck e Jennifer Lee e al produttore Del Vecho.[7]

Nel settembre 2017 Idina Menzel ha confermato il suo ritorno nel sequel.[8] Nel luglio 2018, Evan Rachel Wood e Sterling K. Brown erano in trattative per entrare nel cast del film.[9] Nell’agosto 2018 Allison Schroeder, sceneggiatrice di Il diritto di contare e Ritorno al Bosco dei 100 Acri, fu assunta per aiutare Jennifer Lee a scrivere la sceneggiatura, dopo il passaggio della Lee a direttrice creativa dei Walt Disney Animation Studios.[10]

Al D23 Expo del 2019, i registi dissero che il film avrebbe risposto a molte domande lasciate dal precedente, spiegando il perché dei poteri di Elsa, il motivo per il quale Anna non ne ha ed il luogo verso il quale i loro genitori si stavano dirigendo prima del tragico incidente.[11] Fu annunciato che Brown avrebbe doppiato un soldato al servizio del regno di Arandelle ai tempi del nonno di Elsa e che Wood avrebbe dato la voce ad un personaggio apparso solo nei flashback ma che avrebbe aiutato a rivelare vari misteri.[12][13] Inoltre, nonostante le insistenti richieste di una parte del pubblico di inserire un interesse amoroso femminile per Elsa, Kristen Anderson-Lopez confermò che non ne avrebbe avuti.[14] La Lee ha spiegato in seguito di aver sottoposto i personaggi ad un indicatore di Myers-Beggs ed avevano così capito che Elsa non era ancora pronta per una relazione.[15] In occasione di una conferenza stampa, la regista ha affermato che la storyline basata sui personaggi di Frozen della serie televisiva C’era una volta, non sarebbe stata inclusa nel film.[16]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Frozen II (colonna sonora).

La colonna sonora del film, come per il primo capitolo della serie, è nuovamente a cura dei coniugi Kristen Anderson-Lopez e Robert Lopez per quanto riguarda le canzoni e di Christophe Beck per le musiche.[17] I testi italiani riconfermano la firma di Lorena Brancucci. I brani sono stati distribuiti sia in inglese che in italiano il 15 novembre 2019.[18][19] Il 13 dicembre 2019, sul principale canale Vevo della Disney, viene pubblicato un video della canzone Into the Unknown, proponendola in 29 delle 46 lingue in cui è stata doppiata ufficialmente.[20][21]

Brani italiani[modifica | modifica wikitesto]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo teaser trailer del film viene diffuso il 13 febbraio 2019[29] e il secondo trailer il seguente 11 giugno.[30] Il terzo trailer è stato distribuito il 23 settembre,[31] mentre uno spot pubblicitario che presenta un'anteprima di Into the Unknown, uno dei nuovi brani scritti per il film, è stato distribuito in lingua inglese il 30 settembre e il 14 ottobre in lingua italiana, col titolo "Nell'ignoto".[32][33] Lo stesso giorno viene distribuito il quarto trailer in inglese[34] seguito in italiano il 12 novembre.[35]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal 22 novembre 2019[29] ed in quelle italiane dal 27 novembre.[36]

Edizioni estere[modifica | modifica wikitesto]

A seguito del successo delle produzioni internazionali del primo capitolo della serie, che hanno portato alla distribuzione di un album contenente tutte le versioni ufficiali della canzone Let It Go allora esistenti[37] e sulla scia dei doppiaggi speciali realizzati per il film Oceania, che includono ad ora una versione in lingua tahitiana,[38] una in māori[39] e una in hawaiiano,[40][41] è stato realizzato un doppiaggio speciale in lingua sami settentrionale, in onore della particolare ambientazione del sequel.[42][43] L'Istituzione internazionale per i film sami, che ha preso in carico la realizzazione del doppiaggio, già in occasione dell'uscita del primo capitolo della serie aveva chiesto alla Disney il permesso di poter doppiare il film in sami, ma la loro richiesta venne respinta.[44] Ad ora, si tratta del terzo film Disney a ricevere un doppiaggio eccezionale legato alla particolare ambientazione: prima di Oceania, nel 1994 fu distribuito un doppiaggio in lingua zulu de Il re leone.[45]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha incassato 474,4 milioni di dollari nel Nord America e 964 nel resto del mondo, per un incasso complessivo di 1,438 miliardi di dollari,[46] diventando il film d'animazione di maggiore incasso della storia del cinema e il decimo film col maggiore incasso nella storia del cinema.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Sull'aggregatore Rotten Tomatoes il film riceve il 77% delle recensioni professionali positive con un voto medio di 6,72 su 10 basato su 312 critiche,[47] mentre su Metacritic ottiene un punteggio di 64 su 100 basato su 47 critiche.[48]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Il fiume del passato. URL consultato il 15 novembre 2019.
  2. ^ Frozen 2 film d'animazione con maggior incasso di sempre, su giornaletrentino.it, 5 gennaio 2020. URL consultato il 5 gennaio 2020.
  3. ^ (EN) 'Frozen' Producer Talks Franchise Rumors, Disney Strategy, Bizarre Popularity in South Korea (Q&A), su The Hollywood Reporter. URL consultato il 20 ottobre 2019.
  4. ^ Bloomberg - Are you a robot?, su www.bloomberg.com. URL consultato il 20 ottobre 2019.
  5. ^ (EN) Christopher Rosen, Let It Go? 'Frozen' Sequel Isn't Happening Just Yet, su HuffPost, 23 aprile 2014. URL consultato il 20 ottobre 2019.
  6. ^ (EN) CNBC Exclusive: CNBC Transcript: Disney Chairman & CEO Bob Iger Speaks with CNBC's David Faber on "Squawk on the Street" Today, su CNBC, 7 maggio 2014. URL consultato il 20 ottobre 2019.
  7. ^ (EN) Marc Graser, Marc Graser, Disney Announces ‘Frozen 2’, su Variety, 12 marzo 2015. URL consultato il 20 ottobre 2019.
  8. ^ (EN) Ed Masley, Idina Menzel talks touring, 'Frozen 2', su azcentral. URL consultato il 29 novembre 2019.
  9. ^ (EN) Justin Kroll, Justin Kroll, ‘Frozen 2’: Evan Rachel Wood, Sterling K. Brown in Talks for Sequel (EXCLUSIVE), su Variety, 13 luglio 2018. URL consultato il 20 ottobre 2019.
  10. ^ (EN) 'Hidden Figures' Writer Allison Schroeder Joins 'Frozen 2' (Exclusive), su The Hollywood Reporter. URL consultato il 20 ottobre 2019.
  11. ^ Kim Renfro, 3 unanswered questions from the first 'Frozen' movie the new sequel will address, su Insider. URL consultato il 20 ottobre 2019.
  12. ^ goodmorningamerica.com, https://www.goodmorningamerica.com/culture/story/frozen-trailer-anna-elsa-embark-journey-enchanted-forest-65790932.
  13. ^ (EN) 'It's more about loving yourself': The cast of 'Frozen 2' talk possible Elsa romance, plot details, new characters and more, su www.yahoo.com. URL consultato il 20 ottobre 2019.
  14. ^ (EN) Why Frozen 2 Won't Give Elsa a Love Interest - IGN. URL consultato il 20 ottobre 2019.
  15. ^ (EN) Maureen Dowd, Jennifer Lee, Queen of the ‘Frozen’ Franchise, in The New York Times, 7 novembre 2019. URL consultato il 29 novembre 2019.
  16. ^ (EN) Frozen 2: Once Upon A Time Isn't Canon, su ScreenRant, 30 settembre 2019. URL consultato il 29 novembre 2019.
  17. ^ 'Frozen 2' Soundtrack Features Seven New Songs, End-Credits Cuts From Kacey Musgraves & Weezer, su Billboard. URL consultato il 15 novembre 2019.
  18. ^ Frozen 2 (Original Motion Picture Soundtrack) - YouTube, su YouTube. URL consultato il 15 novembre 2019.
  19. ^ a b Nell'ignoto. URL consultato il 15 novembre 2019.
  20. ^ Matteo Tosini, Frozen 2: Il Segreto di Arendelle, ecco “Into the Unknown” interpretato in 29 lingue diverse, su badtaste.it, 16 dicembre 2019. URL consultato il 16 dicembre 2019.
  21. ^ (FR) Elsa, su CHARGUIGOU. URL consultato il 24 dicembre 2019.
  22. ^ Qualche cosa non cambia mai. URL consultato il 15 novembre 2019.
  23. ^ Da grande. URL consultato il 15 novembre 2019.
  24. ^ Io preferisco le renne (Nuova versione). URL consultato il 15 novembre 2019.
  25. ^ Perso quaggiù. URL consultato il 15 novembre 2019.
  26. ^ Mostrati. URL consultato il 15 novembre 2019.
  27. ^ Fai ciò che è giusto. URL consultato il 15 novembre 2019.
  28. ^ Nell'ignoto (Versione Giuliano Sangiorgi). URL consultato il 15 novembre 2019.
  29. ^ a b Filmato audio Walt Disney Animation Studios, Frozen 2 - Official Teaser Trailer, su YouTube, 13 febbraio 2019. URL consultato il 13 febbraio 2019.
  30. ^ Walt Disney Animation Studios, Frozen 2 Official Trailer, 11 giugno 2019. URL consultato l'11 giugno 2019.
  31. ^ Frozen 2 | Nuovo Trailer Ufficiale Italiano. URL consultato il 1º ottobre 2019.
  32. ^ Frozen 2 | "Into The Unknown" Special Look. URL consultato il 1º ottobre 2019.
  33. ^ Frozen 2 - Il Segreto di Arendelle | "Nell'ignoto". URL consultato il 14 ottobre 2019.
  34. ^ FROZEN 2 | 2019 New Trailer | Official Disney UK. URL consultato il 14 ottobre 2019.
  35. ^ Frozen 2 - Il Segreto di Arendelle | Trailer Ufficiale Italiano - dal 27 Novembre al cinema. URL consultato il 12 novembre 2019.
  36. ^ Filmato audio Disney IT, Frozen 2 - Nuovo Trailer Ufficiale Italiano, su YouTube, 11 giugno 2019. URL consultato l'11 giugno 2019.
  37. ^ (EN) Let It Go the Complete Set (From "Frozen") by Various Artists. URL consultato il 26 luglio 2019.
  38. ^ (EN) 'Moana' to be First Disney Film Translated Into Tahitian Language, su EW.com. URL consultato il 26 luglio 2019.
  39. ^ (EN) Moana in Māori hits the big screen, su RNZ, 11 settembre 2017. URL consultato il 26 luglio 2019.
  40. ^ (EN) Disney’s Moana to make World Premiere in ʻŌlelo Hawaiʻi at Ko Olina’s World Oceans Day, June 10, su Ko Olina. URL consultato il 26 luglio 2019.
  41. ^ (FR) Tahitian / Māori / Hawaiian, su CHARGUIGOU. URL consultato il 26 luglio 2019.
  42. ^ (EN) Mercedes Milligan, ‘Frozen 2’ Will Get Sámi Language Version, su Animation Magazine, 19 luglio 2019. URL consultato il 26 luglio 2019.
  43. ^ (NB) Anders Boine Verstad, Frost 2 kommer på samisk, su NRK, 19 luglio 2019. URL consultato il 26 luglio 2019.
  44. ^ (FR) Frozen 2 / Northern Sami cast, su CHARGUIGOU. URL consultato il 13 gennaio 2020.
  45. ^ (FR) The Lion King / Zulu cast, su CHARGUIGOU. URL consultato il 29 dicembre 2019.
  46. ^ (EN) Frozen II - Il segreto di Arendelle, su Box Office Mojo. URL consultato l'11 febbraio 2020. Modifica su Wikidata
  47. ^ (EN) Frozen II - Il segreto di Arendelle, su Rotten Tomatoes, Fandango Media, LLC. URL consultato il 2 febbraio 2020. Modifica su Wikidata
  48. ^ (EN) Frozen II - Il segreto di Arendelle, su Metacritic, CBS Interactive Inc.. URL consultato il 16 dicembre 2019. Modifica su Wikidata
  49. ^ (EN) Patrick Hipes, Oscar Nominations: ‘Joker’ Tops List With 11 Noms; ‘1917’, ‘Irishman’, ‘Hollywood’ Nab 10 Apiece, su deadline.com, 13 gennaio 2020. URL consultato il 13 gennaio 2020.
  50. ^ (EN) 2020 Golden Globe Nominations: The Complete List, in Variety, 9 dicembre 2019. URL consultato il 9 dicembre 2019.
  51. ^ (EN) Once Upon A Time...In Hollywood Leads Chicago Film Critics Association 2019 Nominations, su chicagofilmcritics.org, 12 dicembre 2019. URL consultato il 12 dicembre 2019.
  52. ^ (EN) Naomi Wakeling, Nominations for the 2nd annual National Film & TV Awards are announced, su National Film & TV Awards, ottobre 2019. URL consultato il 5 dicembre 2019.
  53. ^ (EN) 2019 NOMINEES (PDF), su Satellite Awards, 2 dicembre 2019. URL consultato il 3 dicembre 2019.
  54. ^ Andrea Francesco Berni, Oscar 2020: Klaus trionfa agli Annie Awards!, su badtaste.it, 26 gennaio 2020. URL consultato il 27 gennaio 2020.
  55. ^ Andrea Francesco Berni, BAFTA 2020: Joker guida le nomination con 11 candidature!, BadTaste.it, 7 gennaio 2020. URL consultato il 7 gennaio 2020.
  56. ^ Andrea Francesco Berni, Oscar 2020: 1917 vince i premi della DGA e della ASC, Greta Gerwig premiata dalla USC, su badtaste.it, 26 gennaio 2020. URL consultato il 27 gennaio 2020.
  57. ^ (EN) Critics' Choice Awards: 'The Irishman' Leads With 14 Nominations, su The Hollywood Reporter, 8 dicembre 2019. URL consultato l'8 dicembre 2019.
  58. ^ Pierre Hombrebueno, PGA Awards 2020: tutte le nomination ai premi decretati dai produttori di Hollywood, su Best Movie, 7 gennaio 2020. URL consultato l'8 gennaio 2020.
  59. ^ Andrea Francesco Berni, Il Re Leone e The Irishman trionfano ai VES Awards 2020, su badtaste.it, 30 gennaio 2020. URL consultato il 30 gennaio 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN15155343865406310982 · LCCN (ENno2019040421 · WorldCat Identities (ENno2019-040421