Martha Plimpton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Martha Plimpton all'PEN Gala 2015

Martha Plimpton (New York, 16 novembre 1970) è un'attrice statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia dell'attrice Shelley Plimpton e di Keith Carradine. Sua madre è meglio conosciuta come la protagonista del cast originale di Broadway di Hair, e suo padre ha vinto un Oscar per la sua canzone, I'm Easy, nel film di Robert Altman Nashville.

È inoltre nipote degli attori John Carradine, David Carradine, Michael Bowen e Robert Carradine.

Martha ha incontrato per la prima volta suo padre quando aveva quattro anni, e ha deciso di diventare una attrice a otto. Ha iniziato prendendo lezioni di recitazione, per poi fare il suo debutto cinematografico a 10 anni, nel thriller politico Il volto dei potenti con Jane Fonda e Kris Kristofferson. A 11 anni si è esibita nel controverso spot pubblicitario dei jeans di Calvin Klein che, pur non mostrando nudità, è stato accusato da molti di essere al limite della pedopornografia.

Il suo primo ruolo importante venne nel film The River Rat, con Tommy Lee Jones e Brian Dennehy. Il film successivo, I Goonies, rimane il suo più grande successo al botteghino, ma si è fatta apprezzare anche in altri lavori come Mosquito Coast e Parenti, amici e tanti guai. In Ho sparato a Andy Warhol ha interpretato la ragazza di Lili Taylor.

I suoi film recenti includono: Eye of God, Musica da un'altra stanza con Jude Law e Jennifer Tilly, e Pecker di John Waters, con Edward Furlong. È un membro della Steppenwolf Theater Company di Chicago, e lavora più frequentemente sul palco che nei film.

Dal 2010 recita nella serie televisiva Raising Hope, creata da Greg Garcia, grazie a cui nel 2011 si aggiudica una nomination come migliore attrice ai premi Emmy.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN60304856 · LCCN: (ENn92053191 · ISNI: (EN0000 0000 7822 9957 · GND: (DE135727006 · BNF: (FRcb14041676p (data)