Massimo Lopez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Massimo Lopez nel 2015

Massimo Lopez (Ascoli Piceno, 11 gennaio 1952) è un attore, comico, imitatore, doppiatore e conduttore televisivo italiano.

Ha fatto parte del Trio con Anna Marchesini e Tullio Solenghi, con il quale ha lavorato dal 1982 al 1994, proseguendo successivamente la sua carriera artistica da solo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia[modifica | modifica wikitesto]

Massimo Lopez nasce nel 1952 ad Ascoli Piceno, dove per un breve periodo i suoi genitori, entrambi napoletani, si erano trasferiti per motivi di lavoro; con la famiglia cambia molte città trasferendosi definitivamente all'età di 11 anni a Roma.[1] Ha avuto quattro fratelli: l'attore e doppiatore Giorgio (1947-2021, anche regista di alcuni suoi spettacoli), Alessandro (suo agente e produttore dal 1993, rappresentato dalla Stemal Srl), Stefano e Marcello. È inoltre zio dei doppiatori Gabriele e Andrea Lopez.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Massimo Lopez nel 2007

Formatosi presso la Scuola del Teatro Stabile di Genova, ha esordito a teatro nel 1975 con Il fu Mattia Pascal di Luigi Pirandello, accanto ad attori come Giorgio Albertazzi e Lina Volonghi. Nel corso degli anni settanta e nei primi anni ottanta, prima della nascita del Trio, ha partecipato a numerose altre rappresentazioni teatrali, tra le quali L'anitra selvatica di Henrik Ibsen con la regia di Luca Ronconi, Il borghese gentiluomo di Molière con Carlo Cecchi, I due gemelli veneziani di Carlo Goldoni con Alberto Lionello, La donna serpente di Carlo Gozzi con la regia di Egisto Marcucci, Rosa Luxemburg con Adriana Asti e Alessandro Haber. Nel 1980 è il primo a doppiare Robin Williams in un'interpretazione cinematografica, nella pellicola Popeye - Braccio di Ferro di Robert Altman.

Assieme a Tullio Solenghi e Anna Marchesini fonda nel 1982 il celebre gruppo teatrale Il Trio. Il loro primo lavoro di successo è Helzapoppin, su Radio 2 (dal musical Hellzapoppin' e dall'omonimo film del 1941 di Henry C. Potter). Nel 1985, il Trio viene per 8 puntate televisive del varietà Tastomatto affiancando Pippo Franco. Qui nascono molti degli sketch che li renderanno famosi, come le celebri interpretazioni telegiornalistiche e pubblicitarie dei personaggi del piccolo schermo.

In seguito partecipano a varie trasmissioni televisive, sull'onda del successo da Tastomatto e Domenica in. Con le 40 puntate di Domenica in nel 1985/1986, il Trio viene onorato come Rivelazione dell'Anno. Sempre nello stesso anno partecipano a Fantastico 7, rimasto famoso come la migliore edizione nonostante lo sketch considerato offensivo nei confronti della madre di Ruhollah Khomeyni. Questo gli varrà un articolo sulla rivista statunitense Variety e alcuni spettacoli oltreoceano, al Lincoln Center di New York e a Buenos Aires.[2]

Lopez partecipa, sempre con il Trio, a tre edizioni del Festival di Sanremo, nel 1986, 1987 e 1989. Sono attivi per anni sia in teatro sia in spettacoli televisivi, come Allacciare le cinture di sicurezza nel 1987 e In principio era il trio nel 1991. Entrambi i lavori ottennero un buon successo di critica e pubblico, Allacciare le cinture di sicurezza fu anche premiato con un Biglietto d'Oro.

La loro fama raggiunge il culmine nel 1990 con la parodia de I promessi sposi, rilettura dell'omonimo romanzo manzoniano, trasmesso su Rai 1 in cinque puntate, con picchi di ascolto di 17 milioni di persone. Lo scioglimento del Trio avvenne tra il 1994 e il 1995, anche se i tre continuarono a collaborare in qualche occasione; memorabile il ritorno sugli schermi per la commemorazione dei 25 anni di attività, avvenuto nel 2008 con la trasmissione Non esiste più la mezza stagione.

Dai primi mesi del 2007 Lopez partecipa quotidianamente al Morning Show di R101 La carica di 101 con le sue svariate imitazioni di Romano Prodi, Silvio Berlusconi, Margherita Hack, Luca Giurato, Cristiano Malgioglio, Mike Bongiorno, Maurizio Costanzo, Antonio Di Pietro e tanti altri.

Attivo anche come doppiatore fin dai primi anni ottanta, nel 2013 doppia Stephen Fry nella pellicola Lo Hobbit di Peter Jackson e nello stesso anno viene scelto come nuova voce italiana di Homer Simpson della serie animata I Simpson in sostituzione dello scomparso Tonino Accolla[3].

Durante lo spettacolo Jazz e dintorni tenuto a Trani il 27 marzo 2017, l'attore è stato colto da un malore in scena ed è stato subito ricoverato per sintomi di infarto[4]: dopo un rapido soccorso è stato sottoposto a un intervento di angioplastica e in seguito trasferito in un centro riabilitativo cardiologico. Ripresosi completamente, torna in teatro già a metà maggio[5].

Nel settembre 2020 pubblica l'autobiografia Stai attento alle nuvole. La mia vita in viaggio. A dicembre dello stesso anno è la voce narrante del lungometraggio inserito nell'album del cantante Valerio Scanu, Canto di natale.

Nel 2023 partecipa come concorrente a Il cantante mascherato sotto la maschera del Riccio, arrivando terzo.

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

A teatro ha avuto un notevole successo con gli spettacoli Allacciare le cinture di sicurezza (1987) e In principio era il trio (1991), scritti, diretti e interpretati con il Trio.[6] Dal 2003 al 2005 ha interpretato, insieme con Tullio Solenghi, La strana coppia di Neil Simon, prodotto da Alessandro Lopez e Angelo Tumminelli per la Stemal Srl con la regia di Gianni Fenzi.

Dal 2005 porta nei teatri di tutta Italia Ciao Frankie, un tributo a Frank Sinatra, prodotto da Alessandro Lopez per la Stemal Srl con la regia di Giorgio Lopez. Con la regia di Giorgio Lopez e la produzione di Alessandro Lopez per la Stemal Srl nel 2006 ha realizzato Oh Romeo di Ephraim Kishon.

Nella stagione 2009/2010 ha portato in tour lo spettacolo Ciao Frankie, che è stato rappresentato anche negli U.S.A. a Miami. Nel luglio 2010 ha vinto il premio Leggio d'oro Alberto Sordi.[7] Nel 2013 è tornato in scena con lo spettacolo Varie-Età. Nelle stagioni 2014 e 2015 Lopez rappresenta nei vari teatri italiani Sing and Swing, concerto-spettacolo con la Big Band Jazz Company, diretta dal maestro Gabriele Comeglio. Il 24 marzo 2017, mentre sta recitando in uno spettacolo a Trani, viene colpito da un infarto: ricoverato d'urgenza ad Andria, viene sottoposto a un intervento di angioplastica.[8] Nel 2017 e nel 2018, insieme con Tullio Solenghi, è impegnato nel tour Massimo Lopez e Tullio Solenghi Show. Il tour prosegue anche nella stagione 2021/22. Nel novembre del 2023 i due tornano in teatro con Dove eravamo rimasti.

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Da destra, Lopez nei panni di Ronald Reagan, il presentatore del programma Pippo Baudo, l'Ayatollah Khomeini (Solenghi) e la "Sora Khomeines" (Marchesini), nel famoso sketch del Trio a Fantastico 7 (1986) che provocò un incidente diplomatico tra Iran e Italia[9].

Ha partecipato a numerose trasmissioni TV insieme con Anna Marchesini e Tullio Solenghi - il celebre Trio -, tra cui Tastomatto (1984), Domenica in (1985) e Fantastico 7 (1986). Sempre con il Trio è stato ospite fisso in tre edizioni del Festival di Sanremo: nel 1986, nel 1987 e nel 1989.

Del 1990 è I promessi sposi, parodia dell'omonimo romanzo di Alessandro Manzoni, scritta e diretta dal gruppo comico. Successivamente allo scioglimento del Trio è stato protagonista e conduttore di diversi programmi televisivi Rai e Mediaset: Massimo ascolto su Rai 2 (1994), Scherzi a parte su Canale 5 (nel 1995 con Teo Teocoli e nel 1997 - con Lello Arena), I guastafeste su Canale 5 (1996). Sempre nel 1996 conduce Viva Napoli con Mike Bongiorno, Buona Domenica su Canale 5 (1998-1999), e Fantastica italiana su Rai 1 assieme a Mara Venier (2000).

È stato protagonista di diverse fiction e sitcom televisive, tra cui Un uomo in trappola (1984) per Rai 1, Professione fantasma (1997) per Italia 1. L'anno successivo fa una partecipazione straordinaria in Beautiful,[6] la soap opera che va in onda da anni su Canale 5, Compagni di scuola (2001) per Rai 2 e Max & Tux - in cui rinnova la collaborazione con Solenghi - (2002) per Rai 1.

Nel 1986, 1987, 1989 è stato ospite fisso del Festival di Sanremo con il Trio. Nel 1994 presenta su Rai 2 Massimo ascolto e incide con Mina il brano Noi. Nel 1995 su Canale 5 presenta Scherzi a parte con Teo Teocoli e nel 1997 con Lello Arena. Sempre nel 1995 a New York Una giornata con Woody Allen Rai 1. Lopez nei panni di inviato speciale, intervista il celebre attore statunitense.

Nel 2001 è tra i protagonisti della fiction Compagni di scuola per Rai 2; sempre su Rai 2 partecipa all'edizione del 2002 di Quelli che... il calcio. Nel 2005 conduce Striscia la notizia assieme a Tullio Solenghi, mentre nel 2007 partecipa al talent show Ballando con le stelle. Nel 2008 ritorna in televisione su Rai 1 col programma Non esiste più la mezza stagione con Tullio Solenghi e Anna Marchesini per festeggiare i 25 anni dalla nascita del Trio.

Nel 2012 è protagonista nella miniserie TV di Rai 1 Le mille e una notte - Aladino e Sherazade, con Marco Bocci per la regia di Marco Pontecorvo. Nel marzo del 2014 torna protagonista su Rai 1 con il talent-show La Pista condotto da Flavio Insinna. Dall'11 settembre 2015 è concorrente del programma Tale e quale show, condotto da Carlo Conti su Rai 1.

È stato testimonial di una serie di spot pubblicitari per SIP (prima) e Telecom Italia (poi), nei quali interpretava il ruolo di un condannato a morte che chiede di fare un'ultima telefonata di fronte al plotone di esecuzione. Lo spot, ideato dall'agenzia Armando Testa, è stato premiato nel 1994 al Cannes Lions International Award con il Leone d'Oro, il massimo riconoscimento nel mondo della pubblicità. Questa campagna si chiuse con la pubblicità natalizia del 1999, in onda anche nei primi giorni del 2000 per poi essere brevemente ripresa nel 2008 con Christian De Sica nel ruolo del prigioniero.

Dal 10 ottobre 2021 è ospite fisso insieme a Tullio Solenghi della trasmissione televisiva Che tempo che fa su Rai 3. Nel febbraio del 2024 partecipa a Tale e quale Sanremo.

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Prosa televisiva Rai[modifica | modifica wikitesto]

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Programmi TV[modifica | modifica wikitesto]

Con Il Trio[modifica | modifica wikitesto]

Da solista[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Film d'animazione[modifica | modifica wikitesto]

Serie televisive[modifica | modifica wikitesto]

Serie animate[modifica | modifica wikitesto]

Film TV[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • Impariamo la storia (Sperling & Kupfer, 1997) ISBN 9788820025120
  • Stai attento alle nuvole. Un viaggio di vita e di famiglia (Solferino, 2020) ISBN 9788828204664

Pubblicità[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'emigrante di ritorno che sognava il Vomero- repubblica.it
  2. ^ Anna Marchesini racconta Anna, la biografia. Rainews., su rainews.it.
  3. ^ I Simpson: Massimo Lopez è la nuova voce italiana di Homer, su mediaset.it, 21 novembre 2013.
  4. ^ Infarto in scena per Massimo Lopez Operato d’urgenza, ora sta meglio, in Corriere della Sera. URL consultato il 27 aprile 2017.
  5. ^ Massimo Lopez: "Dopo l'infarto ho riscoperto la sfera del cuore..." - Tgcom24, in Tgcom24. URL consultato il 27 aprile 2017.
  6. ^ a b Massimo Lopez biografia, su mymovies.it.
  7. ^ Il Palmarès 2010, su leggiodoro.it. URL consultato il 15 aprile 2015 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2015).
  8. ^ Infarto in scena per Massimo Lopez, operato d'urgenza ad Andria: è fuori pericolo repubblica.it
  9. ^ Dario Marchetti, Quella volta che Anna Marchesini fece infuriare l’Iran, su lastampa.it, 30 luglio 2016.
  10. ^ Il fu Mattia Pascal (1975) - Giorgio Albertazzi, su teatrodel900.it.
  11. ^ Alessandra Miccinesi, Shakespeare chiama Lopez per rianimare Romeo e Giulietta, su ilgiornale.it, 27 novembre 2007.
  12. ^ Teatro 1977-1978, su teche.rai.it.
  13. ^ Teatro 1978-1980, su teche.rai.it.
  14. ^ Teatro 1981, su teche.rai.it.
  15. ^ Teatro 1984-1985, su teche.rai.it.
  16. ^ IL MONDO DEI DOPPIATORI - ZONA CINEMA: "The Congress", su Il mondo dei doppiatori, antoniogenna.net. URL consultato il 20 novembre 2023.
  17. ^ IL MONDO DEI DOPPIATORI - ZONA CINEMA: "Gli stagisti", su Il mondo dei doppiatori, antoniogenna.net. URL consultato il 20 novembre 2023.
  18. ^ IL MONDO DEI DOPPIATORI - ZONA CINEMA: "12 anni schiavo", su Il mondo dei doppiatori, antoniogenna.net. URL consultato il 20 novembre 2023.
  19. ^ IL MONDO DEI DOPPIATORI - ZONA CINEMA: "Mad Max - Fury Road", su Il mondo dei doppiatori, antoniogenna.net. URL consultato il 20 novembre 2023.
  20. ^ IL MONDO DEI DOPPIATORI - ZONA CINEMA: "La legge della notte", su Il mondo dei doppiatori, antoniogenna.net. URL consultato il 20 novembre 2023.
  21. ^ IL MONDO DEI DOPPIATORI - ZONA CINEMA: "Il verdetto", su Il mondo dei doppiatori, antoniogenna.net. URL consultato il 20 novembre 2023.
  22. ^ IL MONDO DEI DOPPIATORI - ZONA CINEMA: "Gangster Land", su Il mondo dei doppiatori, antoniogenna.net. URL consultato il 20 novembre 2023.
  23. ^ IL MONDO DEI DOPPIATORI - ZONA CINEMA: "Obbligo o verità", su Il mondo dei doppiatori, antoniogenna.net. URL consultato il 20 novembre 2023.
  24. ^ IL MONDO DEI DOPPIATORI - ZONA CINEMA: "Jingle Jangle - Un'avventura natalizia", su Il mondo dei doppiatori, antoniogenna.net. URL consultato il 20 novembre 2023.
  25. ^ IL MONDO DEI DOPPIATORI - ZONA CINEMA: "Pudsey", su Il mondo dei doppiatori, antoniogenna.net. URL consultato il 20 novembre 2023.
  26. ^ IL MONDO DEI DOPPIATORI - ZONA TELEFILM: "Jack Ryan", su Il mondo dei doppiatori, antoniogenna.net. URL consultato il 20 novembre 2023.
  27. ^ IL MONDO DEI DOPPIATORI - ZONA TELEFILM: "Happy Days", su Il mondo dei doppiatori, antoniogenna.net. URL consultato il 20 novembre 2023.
  28. ^ IL MONDO DEI DOPPIATORI - ZONA TELEFILM: "Daredevil", su Il mondo dei doppiatori, antoniogenna.net. URL consultato il 20 novembre 2023.
  29. ^ IL MONDO DEI DOPPIATORI - ZONA TELEFILM: "House of Cards - Gli intrighi del potere", su Il mondo dei doppiatori, antoniogenna.net. URL consultato il 20 novembre 2023.
  30. ^ IL MONDO DEI DOPPIATORI - ZONA TELEFILM: "Sons of Anarchy", su Il mondo dei doppiatori, antoniogenna.net. URL consultato il 20 novembre 2023.
  31. ^ IL MONDO DEI DOPPIATORI - ZONA TELEFILM: "Mad Men", su Il mondo dei doppiatori, antoniogenna.net. URL consultato il 20 novembre 2023.
  32. ^ IL MONDO DEI DOPPIATORI - ZONA TELEFILM: "Deadwood", su Il mondo dei doppiatori, antoniogenna.net. URL consultato il 20 novembre 2023.
  33. ^ IL MONDO DEI DOPPIATORI - ZONA TELEFILM: "Il trono di spade", su Il mondo dei doppiatori, antoniogenna.net. URL consultato il 20 novembre 2023.
  34. ^ IL MONDO DEI DOPPIATORI - ZONA TELEFILM: "La pazza storia del mondo", su Il mondo dei doppiatori, antoniogenna.net. URL consultato il 20 novembre 2023.
  35. ^ IL MONDO DEI DOPPIATORI - ZONA ANIMAZIONE: "I Simpson", su Il mondo dei doppiatori, antoniogenna.net.
  36. ^ IL MONDO DEI DOPPIATORI - ZONA ANIMAZIONE: "Futurama", su Il mondo dei doppiatori, antoniogenna.net.
  37. ^ [url=https://www.antoniogenna.net/doppiaggio/anim/bojackhorseman.htm IL MONDO DEI DOPPIATORI - ZONA ANIMAZIONE: "Bojack Horseman"], su Il mondo dei doppiatori, antoniogenna.net.
  38. ^ Enrico Lancia, Ciak d'oro, su books.google.it. URL consultato il 12 aprile 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN41342456 · ISNI (EN0000 0000 4373 7660 · SBN RAVV093876 · LCCN (ENnb2001001778 · GND (DE1221282700 · WorldCat Identities (ENlccn-nb2001001778