L'anno che verrà (programma televisivo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
L'anno che verrà
Foto dell'edizione 2023-2024
PaeseItalia
Anno2003 – in produzione
Generevarietà, musicale
Edizioni21
Puntate21 (al 31 dicembre 2023)
Durata310 min circa
Lingua originaleitaliano
Realizzazione
ConduttoreCarlo Conti (2003-2008, 2011-2013)
Fabrizio Frizzi (2009)
Mara Venier e Pino Insegno (2010)
Flavio Insinna e Nino Frassica (2014)
Amadeus (2015-2024)
Rocco Papaleo (2015)
Teo Teocoli (2016)
Gianni Morandi (2020),
RegiaVari
ScenografiaVari
Rete televisivaRai 2 (2003-2007)
Rai 1 (dal 2003)
Emittente radiofonicaRai Radio 1 (dal 2017)

L'anno che verrà è un programma televisivo italiano di genere musicale e varietà, in onda in prima serata su Rai1 dal 2003.

Il programma consiste in un'unica serata a cadenza annuale, trasmessa il 31 dicembre su Rai 1 subito dopo il consueto messaggio di fine anno del Presidente della Repubblica (ad eccezione della ventesima edizione che è stata trasmessa dalle ore 21:30 per lasciare spazio a un'edizione speciale del TG1 in seguito alla scomparsa di Papa Benedetto XVI avvenuta nella mattina del 31 dicembre 2022) fino alle 2:00 del 1º gennaio, durante la quale si alternano ospiti musicali e personaggi dello spettacolo con l'intento di accompagnare i telespettatori nel festeggiare in diretta televisiva il passaggio tra il vecchio e il nuovo anno, solitamente scandito da un countdown posto in sovrimpressione. Tutte le esibizioni dei cantanti sono accompagnate da sottotitoli con il testo della canzone in sovrimpressione.

La sigla del programma è l'omonimo brano di Lucio Dalla.

Location ed Edizioni

[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2003-2004 al 2010-2011 l'evento si è svolto nel piazzale Federico Fellini a Rimini, mentre dal 2011-2012 al 2014-2015 è stato organizzato in diversi palasport presso Courmayeur.

Nei cinque anni successivi, il programma è stato realizzato in varie piazze principali di città della Basilicata: piazza Vittorio Veneto a Matera (2015-2016, 2018-2019), piazza Mario Pagano a Potenza (2016-2017, 2019-2020) e piazza Europa a Maratea (2017-2018).

L'edizione 2020-2021, inizialmente prevista in Umbria (poi svoltasi nel 2021-2022 presso il piazzale antistante le Acciaierie di Terni[1]), a causa delle restrizioni sul contenimento della pandemia di COVID-19 è stata trasmessa dallo Studio 5 del CPTV Fabrizio Frizzi, a Roma senza il pubblico presente in studio[2].

Nel 2022-2023 il programma si è svolto a Perugia, in piazza IV Novembre.

Dal 2023-2024 il programma si svolge in Calabria.

Ed. 31 dicembre Luogo Città Conduttori Capodanno
1 2003 Piazzale Federico Fellini Rimini Carlo Conti 2004
2 2004 2005
3 2005 2006
4 2006 2007
5 2007 2008
6 2008 2009
7 2009 Fabrizio Frizzi 2010
8 2010 Mara Venier e Pino Insegno 2011
9 2011 Palaghiaccio Forum Sport Center Courmayeur Carlo Conti 2012
10 2012 2013
11 2013 2014
12 2014 Flavio Insinna 2015
13 2015 Piazza Vittorio Veneto Matera Amadeus 2016
14 2016 Piazza Mario Pagano Potenza 2017
15 2017 Piazza Europa Maratea 2018
16 2018 Piazza Vittorio Veneto Matera 2019
17 2019 Piazza Mario Pagano Potenza 2020
18 2020 Studio 5 degli Studi televisivi Fabrizio Frizzi[3] Roma 2021
19 2021 AST Terni 2022
20 2022 Piazza IV Novembre Perugia 2023
21 2023 Piazza Pitagora Crotone 2024

Sin dalla prima edizione, la trasmissione utilizza come sigla l'omonimo brano (dalla quale prende il titolo) di Lucio Dalla. Fino alla settima edizione (2009-2010) è stato usato in versione originale come sigla di apertura, di chiusura e come jingle prima e dopo gli intervalli pubblicitari. A partire dall'ottava edizione (2010-2011), la canzone è eseguita in apertura dal vivo dagli ospiti della serata, mentre la versione originale è presente come sigla di chiusura e jingle prima e dopo gli intervalli.

Edizione Anno Telespettatori Share
2003-2004 4 661 000 29,71%
2004-2005 4 501 000 27,44%
2005-2006 5 732 000 33,90%
2006-2007 5 486 000 37,85%
2007-2008 6 035 000 41,01%
2008-2009 5 592 000 37,21%[4]
2009-2010 5 458 000 38,45%[5]
2010-2011 5 536 000 34,83%[6]
2011-2012 6 085 000 36,65%[7]
10ª 2012-2013 6 475 000 37,35%[8]
11ª 2013-2014 6 773 000 37,69%[9]
12ª 2014-2015 4 829 000 29,98%[10]
13ª 2015-2016 5 565 000 31,45%[11]
14ª 2016-2017 4 891 000 31,71%[12]
15ª 2017-2018 5 536 000 35,40%[13]
16ª 2018-2019 5 552 000 35,10%[14]
17ª 2019-2020 4 772 000 30,45%[15]
18ª 2020-2021 8 152 000 33,95%[16]
19ª 2021-2022 6 453 000 33,33%[17]
20ª 2022-2023 5 032 000 36,88%[18]
21ª 2023-2024 6 202 000 40,10%[19]

il 1º gennaio 2016 è stato protagonista di una bestemmia apparsa che ha scatenato polemiche. La Rai si è scusata per l'accaduto.

  1. ^ L'anno che verrà su Rai1: salta Terni si farà in studio a Roma, su tvblog.it, 4 dicembre 2020. URL consultato il 26 novembre 2021.
  2. ^ L'anno che verrà, il capodanno 2021 in TV: tutti gli ospiti della serata, su style.corriere.it, 30 dicembre 2020. URL consultato il 26 novembre 2021.
  3. ^ Originariamente previsto all'AST (Acciai Speciali Terni), la serata è stata annullata a seguito del DPCM del 4 dicembre 2020, il quale prevedeva misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, come il coprifuoco dalle ore 22 alle 7 per il 1º gennaio 2021 e il divieto di spostamento tra Comuni per il medesimo giorno.
  4. ^ Ascolti 31 dicembre 2008, su tvblog.it.
  5. ^ Ascolti 31 dicembre 2009, su tvblog.it.
  6. ^ Ascolti 31 dicembre 2010, su davidemaggio.it.
  7. ^ Ascolti 31 dicembre 2011, su davidemaggio.it.
  8. ^ Ascolti 31 dicembre 2012, su davidemaggio.it.
  9. ^ Ascolti 31 dicembre 2013, su davidemaggio.it.
  10. ^ Ascolti 31 dicembre 2014, su davidemaggio.it.
  11. ^ Ascolti 31 dicembre 2015, su davidemaggio.it.
  12. ^ Ascolti 31 dicembre 2016, su davidemaggio.it.
  13. ^ Ascolti 31 dicembre 2017, su davidemaggio.it.
  14. ^ Ascolti 31 dicembre 2018, su davidemaggio.it.
  15. ^ Ascolti 31 dicembre 2019, su davidemaggio.it.
  16. ^ Ascolti 31 dicembre 2020, su davidemaggio.it.
  17. ^ Ascolti 31 dicembre 2021, su davidemaggio.it.
  18. ^ Ascolti 31 dicembre 2022, su davidemaggio.it.
  19. ^ Ascolti 31 dicembre 2023, su davidemaggio.it.

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]