Valeria Marini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Valeria Marini
Valeria Marini.jpg
Altezza 178[1] cm
Misure 98-62-98[1]
Occhi Marroni

Valeria Marini, all'anagrafe Valeria Virginia Laura Marini (Roma, 14 maggio 1967), è un'attrice, showgirl, stilista e produttrice cinematografica italiana.

Ha raggiunto il successo nei primi anni novanta grazie alla sua partecipazione come primadonna a diversi spettacoli del Bagaglino, rimanendovi per più stagioni e tornandovi nel corso degli anni successivi, dopo l'affermazione come attrice in diversi spettacoli teatrali e pellicole cinematografiche e televisive.

Nel corso della sua carriera ha anche lavorato come conduttrice di diverse trasmissioni televisive, fra cui il 47º Festival della Canzone italiana di Sanremo, Scherzi a parte, Domenica In e I raccomandati, mentre dal 2005 svolge, parallelamente all'attività televisiva e cinematografica, anche una carriera in qualità di stilista. Considerata un sex symbol degli anni novanta e duemila, grazie anche alle sue forme procaci, ha realizzato diversi calendari e ha fatto parlare di sé anche sulle riviste di cronaca rosa, in particolare per il suo rapporto sentimentale con Vittorio Cecchi Gori.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gli esordi[modifica | modifica wikitesto]

Nativa di Roma, in seguito alla separazione dei genitori, Mario Marini, di Vignanello, un piccolo paese della provincia di Viterbo, e Gianna Orrù, si è trasferita a Cagliari, città di origine della madre, con la quale ha poi vissuto insieme anche alla sorella minore Claudia. Oltre alla sorella, ha un fratello di nome Fabio. Ha studiato al liceo classico G. Maria Dettori, conseguendo infine il diploma al Liceo San Gabriele di Roma. Trasferitasi poi a Roma, ha cominciato ad affacciarsi nel mondo dello spettacolo lavorando come modella, con lo pseudonimo Lolly.

Nel 1990 ha partecipato al concorso nazionale Una ragazza per il cinema, dove si classifica al terzo posto, ottenendo in seguito piccole parti in alcune pellicole cinematografiche (Un orso chiamato Arturo, Crack). Nel 1991 ha esordito in teatro recitando nella commedia di Neil Simon I ragazzi irresistibili con Mario Scaccia, interpretando il ruolo di una cameriera ingenua e un po' svampita. Tale personaggio ha rappresentato lo stereotipo dell'"oca giuliva" con il quale è diventata conosciuta al grande pubblico televisivo, rimanendo la cifra stilistica del suo personaggio, procurandole un enorme successo.

Anni novanta: il successo col Bagaglino[modifica | modifica wikitesto]

Approdata in televisione nel programma Luna di miele nel 1992, trasmissione condotta da Gabriella Carlucci, è stata notata da Pier Francesco Pingitore, che nello stesso anno la fa recitare nel film da lui diretto Gole ruggenti e nel 1993 ne fa la nuova primadonna della compagnia del Bagaglino in sostituzione di Pamela Prati, debuttando nel varietà Saluti e baci in onda il sabato sera in prima serata su Rai 1, riscuotendo grandissimo successo. Sempre nel 1993, ha condotto con Gerry Scotti su Canale 5 il varietà La grande sfida e ha recitato nei film Abbronzatissimi 2 - un anno dopo, diretto da Bruno Gaburro.

Nel 1994 è primadonna nello show del Bagaglino Bucce di banana, in onda su Rai Uno, e durante l'estate ha condotto insieme ad Alba Parietti, Serata Mondiale, trasmissione sui Mondiali di calcio di quell'anno. Nel 1995, oltre che primadonna del varietà del Bagaglino Champagne, in onda su Canale 5, è tra le interpreti della miniserie televisiva Sorellina e il principe del sogno, diretta da Lamberto Bava, nel ruolo dello "Spirito della fonte dei sogni", e ha doppiato un personaggio della quinta stagione della serie animata I Simpson. Nel 1996 è ancora la show-girl di punta del Bagaglino nel varietà di Canale 5 Rose rosse, ed è stata scelta dal regista spagnolo Juan José Bigas Luna come protagonista del film erotico Bambola, che l'ha fatta conoscere anche al pubblico spagnolo. Nello stesso anno torna a teatro, recitando nella commedia di Garson Kanin Nata ieri, diretta dal regista Giuseppe Patroni Griffi.

Dal 1994 fino al 1996 è diventata la testimonial della IP in una serie di spot pubblicitari e ha posato per due calendari, negli anni 1995 e 1996, (in quest'ultimo è stata fotografata da Helmut Newton e ha raggiunto la tiratura record di 3 milioni di copie[senza fonte]) ed è stata la prima donna italiana a realizzarne uno.[senza fonte] Ha poi posato per altri due calendari nel 2000, quando è stata fotografata da David LaChapelle, e nel 2005 per il mensile Maxim.

Marinlyn - Valeria alla Monroe (Norman Zoia, 2000, cm 40x60)

Nel 1997 ha condotto con Mike Bongiorno e Piero Chiambretti, la 47ª edizione del Festival della Canzone Italiana di Sanremo (edizione che raggiunge la media di quasi 14 milioni di telespettatori a puntata con la media del 58% di share); prende anche parte alle puntate del Dopofestival condotte da Bruno Vespa come ospite fisso e inviata[2]. Nello stesso anno è tornata ad essere la primadonna del Bagaglino in una puntata speciale di Viva la italiane, che le ha reso omaggio, e ha condotto con Fabrizio Frizzi, in diretta da Cannes su Rai 2, lo show Tutti in una notte.

L'anno successivo è tornata a recitare: è protagonista assieme ad Alberto Sordi del film Incontri proibiti, ultimo film diretto dallo stesso Sordi, presentato fuori concorso alla 55ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia. Per volere del regista, la pellicola verrà distribuita nuovamente nelle sale cinematografiche, con un nuovo montaggio e col titolo Sposami papà, nel 2002[3]. Sempre nel 1998, è nel cast del serial di Rai 2 Pepe Carvalho, andato in onda in Italia, Francia e Spagna, e della miniserie televisiva di Canale 5 Il settimo papiro, nella quale ha recitato accanto a Roy Scheider. Nell'autunno dello stesso anno avrebbe dovuto condurre assieme a Sabina Guzzanti il programma La posta del cuore, in onda su Rai 2, ma in seguito a divergenze col direttore di rete Carlo Freccero abbandona il progetto e prende parte solamente alla prima puntata del programma[4].

Nel 1999 ha condotto con Pippo Baudo il varietà La canzone del secolo, andato in onda su Canale 5, e ha affiancato Daniele Piombi nella conduzione del Premio Barocco, trasmesso da Rai 1. La notte di Capodanno dello stesso anno conduce insieme a Gigi Proietti C'era una volta il '900, sezione in prima serata della maratona televisiva Millennium - La notte del 2000.

Anni duemila: l'affermazione televisiva[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000 e nel 2001 ha girato due film in Spagna, dove ha acquisito una buona popolarità: Corazón de bombón diretto da Álvaro Saenz de Heredia e Buñuel y la mesa del Rey Salomón per la regia di Carlos Saura. Negli stessi anni è tornata in teatro come protagonista della commedia All'angelo azzurro, diretta e interpretata da Giorgio Albertazzi[5]. Sempre nel 2000 è stata il soggetto di: Marinlyn (ovvero Valeria come Marilyn Monroe), un ritratto eseguito dal poeta e artista Norman Zoia. Nella stagione televisiva 2001/2002 è stata inviata speciale ed ospite fissa per Quelli che il calcio su Rai 2 e co-conduttrice di Donna Domenica con Paola Cortellesi su Radio Due. Torna in seguito a lavorare per Pier Francesco Pingitore come protagonista del film TV da lui diretto La palestra, trasmesso da Canale 5 16 gennaio 2003. Nello stesso mese, presenta su Rai 2 assieme a Max Pisu il festival della comicità BravoGrazie. Da febbraio dello stesso anno torna a far parte della compagnai del Bagaglino come primadonna del varietà Miconsenta, in onda su Canale 5.

Nel 2004 è ancora primadonna del Bagaglino per il varietà di Canale 5 Barbecue. Nell'ottobre dello stesso anno è tra i protagonisti del film In questo mondo di ladri accanto, tra gli altri, a Ricky Tognazzi e Leo Gullotta, per la regia di Carlo Vanzina. Il 2005 ha segnato il ritorno della showgirl in RAI, conducendo in diretta su Raiuno, insieme a Michele Cucuzza, il galà La Kore - Oscar della moda. È rimasta alla conduzione dello spettacolo anche l'anno successivo, quando è stata affiancata da Luisa Corna. Lo stesso anno ha segnato anche il suo esordio nel mondo della moda; ha creato una sua linea di intimo, Seduzioni, e una di prêt-à-porter, Seduzioni Diamonds, che presenta annualmente sulle passerelle dell'alta moda di Milano, per arrivare poi anche a Los Angeles; le due linee hanno ottenuto un grande successo. Il successo favorevole di vendite l'ha portata ad aprire anche alcune boutique monomarca a Porto Cervo e a Roma. Nel 2005 è stata testimonial della compagnia telefonica 3 Italia in diversi spot con Claudio Amendola dei quali è diventata celebre la frase pronunciata da lei: “videochiamami”[6].

Nel 2006 ha partecipato come show-girl alla prima puntata del varietà Suonare Stella condotto da Tosca D'Aquino in onda su Rai 2 e ha condotto su Rai Uno, con il giornalista Massimo Caputi, lo spettacolo di musica e solidarietà Con tutto il cuore. Nello stesso anno ha sfilato, con abito stile sirena color acqua marina, alla grande parata inaugurale per le Olimpiadi invernali di Torino come creatura felliniana. Sempre nel 2006 è stata una dei concorrenti di Reality Circus, presentato da Barbara d'Urso. Nel 2007 ha condotto con Claudio Amendola e Cristina Chiabotto il varietà Scherzi a parte. Nel 2008, oltre a proseguire anche l'attività di stilista, ha partecipato come giurata allo show di Rai 1 Uomo e Gentiluomo, condotto da Milly Carlucci. Nello stesso anno è la protagonista dello spot della Lambretta Pato della quale è diventata testimonial e compare nel video di It's Ok, canzone del gruppo musicale sammarinese Miodio[7].

Nel luglio 2008 è uscito per Cairo Editore il suo libro autobiografico Lezioni intime, scritto assieme a Gianluca Lo Vetro, nel quale descrive particolari piccanti e non solo, della sua vita, privata e artistica[8]. Il 29 settembre 2008 ha accettato di partecipare come naufraga non in gara per una settimana alla sesta edizione de L'isola dei famosi, a reality già iniziato; ha accettato di partecipare al gioco solo per una scommessa fatta con la conduttrice Simona Ventura (nel 2011 partecipa al reality sua madre Gianna Orrù).

Nell'aprile del 2009 è tornata a calcare il palcoscenico del Bagaglino come primadonna, assieme ad altre sette showgirl, per due puntate del varietà Bellissima - Cabaret anticrisi, in onda su Canale 5, ultimo spettacolo della compagnia ad essere trasmesso in televisione. Per la stessa rete, è tra i protagonisti della serie televisiva in 6 puntate Piper, diretta da Francesco Vicario. Nello stesso anno è stata protagonista di un docu-reality in quattro puntate, intitolato Essere Valeria, andato onda sul canale satellitare Fox Life di Sky Italia che mostra il dietro le quinte della sua vita, privata e artistica[9]. È la prima diva italiana alla quale viene dedicata una docu-story. Sempre nel 2009, ha recitato nel ruolo di se stessa e coprodotto il cortometraggio Dolls, diretto da Salvatore Arimatea, distribuito nell'anno successivo[10]. Nella stagione televisiva 2009/2010 affianca su Rai 1 Pippo Baudo nella conduzione di Domenica In, in cui si occupa di uno spazio di interviste a donne del mondo dello spettacolo.

Anni duemiladieci[modifica | modifica wikitesto]

Da gennaio a marzo 2010 è tra i conduttori, insieme a Pupo, Emanuele Filiberto di Savoia e Georgia Luzi, della nona edizione del programma di Rai 1 I raccomandati. Nello stesso periodo, in collaborazione con Roberto Onofri, ha inciso il suo primo singolo discografico, una cover di Volare di Domenico Modugno; il ricavato del brano è staro interamente devoluto in favore dei terremotati dell'Abruzzo, vittime del forte sisma del 6 aprile 2009. Nello stesso anno, la regista statunitense Sofia Coppola la sceglie per interpretare se stessa nel film Somewhere, vincitore del Leone d'oro come miglior film alla 67ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, e debutta come produttrice cinematografica al Festival Internazionale del Film di Roma con la pellicola spagnola I Want to Be a Soldier, diretta da Christian Molina, nella quale interpreta anche un piccolo ruolo. Il film, presentato in concorso nella sezione Alice nella città, viene premiato con il Marc'Aurelio d'Argento - Alice nella città: under 12. Sempre nel 2010, collabora con Gigi D'Alessio esibendosi come cantante in alcune tappe del suo tour e partecipando alla compilation 3 x te, in cui è presente con due canzoni scritte per lei dal cantautore: Amare amare amare e Seduzione di donna (per i quali produce anche due videoclip). Il ricavato delle vendite della compilation è interamente devoluto in beneficenza.

Valeria Marini con Alessandro Cecchi Paone alla finale di Miss Europe Continental 2015.

Nel 2011 è confermata insieme a Pupo, Emanuele Filiberto di Savoia e Debora Salvalaggio nella conduzione della decima e ultima edizione de I raccomandati e, sempre su Rai 1, prende parte a due puntate del varietà Ciak... si canta!, nella terza come concorrente e nella quinta come giurata. Nello stesso anno partecipa al film La mia mamma suona il rock, diretto da Massimo Ceccherini. Dal 25 gennaio all'8 marzo 2012 è concorrente della nona edizione del reality show L'isola dei famosi, condotta da Nicola Savino e Vladimir Luxuria su Rai 2, venendo eliminata nel corso della settima puntata con l'81% dei voti. Il successivo 20 luglio è la madrina della manifestazione musicale Napoli prima e dopo, condotta da Pupo su Rai 1, durante la quale si esibisce anche come cantante. Nello stesso anno è protagonista al cinema delle commedie Operazione vacanze, diretta da Claudio Fragasso, e E io non pago - l'Italia dei furbetti, per la regia di Alessandro Capone, in cui recita in lingua sarda. Il 13 maggio 2013 va in onda su MTV una puntata della quinta stagione de Il testimone su di lei incentrata, in cui il conduttore Pif ha seguito e filmato la sua vita privata e lavorativa per due giorni[11].

Nel 2014 recita una piccola parte nella pellicola Un ragazzo d'oro, diretta da Pupi Avati. Il 29 novembre 2014, è ospite come "ballerina per una notte" nella decima edizione di Ballando con le stelle, e pochi giorni dopo nella versione albanese di Dancing with the Stars su Vizion Plus[12]. Dal 21 febbraio al 14 marzo 2015 partecipa come concorrente alla terza edizione del talent show Notti sul ghiaccio, in onda su Rai 1 con la conduzione di Milly Carlucci[13], dove viene eliminata nel corso della semifinale. Nello stesso anno prende parte con ruoli minori ad altre trasmissioni televisivi: l'8 giugno partecipa come concorrente per beneficenza ad una puntata di Caduta libera!, game show condotto da Gerry Scotti in onda su Canale 5[14]; l'11 luglio è per la seconda volta madrina e cantante della manifestazione musicale Napoli prima e dopo, in onda su Rai 1; per la stessa rete, il 17 luglio partecipa come concorrente in coppia con Giovanni Ciacci al quiz show Gli italiani hanno sempre ragione, vincendo la puntata.

Nel 2016 recita come protagonista nel cortometraggio L'ultimo applauso, diretto da Claudio Fragasso, di cui è anche produttrice[15]. Dal 19 settembre al 7 novembre 2016 partecipa come concorrente alla prima edizione italiana del reality show Grande Fratello VIP, in onda su Canale 5 e condotto da Ilary Blasi, arrivando in finale e classificandosi al terzo posto, venendo eliminata con il 58% dei voti.[16]. Dal successivo 25 novembre, torna dopo diversi anni a far parte della compagnia del Bagaglino nello spettacolo Magnàmose tutto! - Donne che avete intelletto d'amore scritto e diretto da Pier Francesco Pingitore[17], in scena al Salone Margherita di Roma fino al 5 febbraio 2017. Lo spettacolo viene anche trasmesso in televisione da Canale 5 il 26 febbraio 2017 in seconda serata, in occasione del trentesimo anniversario degli spettacoli televisivi del Bagaglino[18]. Il 18 marzo 2017 prende parte nel ruolo di giurata a Le Olimpiadi della TV, puntata speciale di Uomini e donne in prima serata su Canale 5.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Ha avuto una lunga relazione con Vittorio Cecchi Gori, produttore cinematografico, sostenendolo anche durante il suo fallimento economico. I due si sono lasciati e ripresi più volte, anche a cavallo della detenzione del produttore fiorentino. Durante la relazione, la Marini ha avuto un aborto spontaneo, a causa di alcuni problemi di salute.[19].

Il 5 maggio 2013 ha sposato l'imprenditore Giovanni Cottone nella Basilica di Santa Maria in Aracoeli a Roma[20], dal quale però si è separata dopo meno di un anno.[21] La Sacra Rota lo ha in seguito dichiarato nullo, in quanto è venuto alla luce che Cottone si era già sposato in chiesa precedentemente con un'altra donna.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Produttrice[modifica | modifica wikitesto]

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazioni[modifica | modifica wikitesto]

Video musicali[modifica | modifica wikitesto]

  • It's Ok dei Miodio (2008)
  • Seduzione di donna (2010)
  • Amare amare amare (2014)

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Altre attività[modifica | modifica wikitesto]

Testimonial
Calendari

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 1994 è stata premiata con un Telegatto speciale nel corso del Gran premio internazionale della TV per il grande successo ottenuto come primadonna dei varietà del Bagaglino.
  • Nel 2006 e nel 2010 è stata premiata con l'Ago d'Oro per i successi riscontrati nel campo della moda con le sue collezioni.
  • Nel 2006, in occasione dell'80º compleanno di Hugh Hefner, fondatore della rivista statunitense Playboy, fu scelta proprio da quest'ultimo a rappresentare la bellezza italiana alla festa in suo onore che si svolse a Roma.
  • È stata eletta la quarantenne più sexy per gli italiani in un sondaggio telefonico effettuato dalla società di ricerche ProQuest su un campione di intervistati, uomini e donne, tra i 18 e gli 80 anni di età, sbaragliando, tra le altre, Nicole Kidman, Sabrina Ferilli, Monica Bellucci e Maria Grazia Cucinotta.
  • Nel 2007 è stata premiata con un riconoscimento speciale durante la settima edizione del Film festival de la comédie che si svolge nel Principato di Monaco a premiarla c'era, tra gli altri, il Principe Alberto.
  • Nel 2005 e nel 2009 è stata premiata al Campidoglio di Roma col "Premio Personalità europea".
  • Nel 2010 Doppio disco di platino per 315.000 copie del disco VOLARE con la mamma Gianna Orrù e Dj Roberto Onofri.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 1994 posò per la prima copertina a tre dimensioni della rivista NOI, fotografata in 3D da Franco Gengotti, vendendo oltre 1.200.000 copie in una settimana.
  • Il suo calendario del 1996 andò esaurito nella cifra record di tre milioni di copie, un primato rimasto ancora oggi imbattuto.
  • Alcuni disegnatori si sono ispirati a lei per disegnare la sexy-pistolera bionda Djustine dell'omonimo fumetto.
  • Nel 2013 ha ricevuto un voto nel primo scrutinio per l'elezione del Presidente della Repubblica, nonostante non avesse i requisiti minimi di età. Questo grazie al facile gioco di parole con il candidato più forte in quel momento, l'onorevole Franco Marini[22].
  • Nel 2014 lo scrittore Gavino Ledda ha affermato di considerare Valeria la sua musa, e le ha dedicato un'ode che sarà inserita nel libro di poesie dell'autore di prossima pubblicazione nel 2015[23].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Mamma Valeria, articolo del portale web Libero, del 30 agosto 2002
  2. ^ Sanremo: tutto costume e nienete musica al Dopofestival di Vespa, Adnkronos, 18 febbraio 1997. URL consultato l'11 febbraio 2017.
  3. ^ Sordi: "Alla mia età bisognerebbe smettere", La Repubblica, 25 luglio 2002. (archiviato dall'url originale il pre 1/1/2016).
  4. ^ Guzzanti Marini, partenza con divorzio, Corriere della Sera, 16 ottobre 1998. (archiviato dall'url originale il pre 1/1/2016).
  5. ^ All'angelo azzurro Valeria Marini è Liù, La Repubblica, 21 dicembre 2000. URL consultato il 13 gennaio 2017.
  6. ^ Marini, Cecchi Gori e lo spot tormentone, La Repubblica, 17 settembre 2005.
  7. ^ Il video di "It's Ok" su YouTube, youtube.com, 6 gennaio 2014.
  8. ^ Il libro-confessione di Valeria «Io, Cecchi Gori e i due aborti», Corriere della Sera, 7 luglio 2008. URL consultato il 28 dicembre 2016.
  9. ^ Valeria Marini: la sua vita in un nuovo reality, Panorama. URL consultato il 22 dicembre 2016.
  10. ^ Con l' anteprima di Dolls chiude il festival di Messina, La Repubblica, 30 maggio 2010. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  11. ^ Pif, "Il testimone": episodio "Valeria Marini", MTV. URL consultato il 23 dicembre 2014.
  12. ^ Valeria Marini star in Albania a "Dancing With the Stars", Cosmopolitan.it. URL consultato il 23 dicembre 2014.
  13. ^ Concorrentri notti sul ghiaccio 2015: ecco i primi nomi. Spiccano Emnuele Filiberto Di Savoia e Valeria Marini, Davide Maggio. URL consultato il 24 maggio 2015.
  14. ^ TvZap, Caduta libera, tocca ai vip giocare con Gerry Scotti: Valeria Marini contro tutti, tvzap.kataweb.it, sabato 06 2015.
  15. ^ Valeria Marini, scatti social sul set di un cortometraggio, TGcom24, 27 maggio 2016. URL consultato il 28 maggio 2016.
  16. ^ Gf Vip, Valeria Marini è la terza classificata del programma, Il Giornale, 8 novembre 2016. URL consultato il 9 novembre 2016.
  17. ^ 'Magnàmose tutto!': torna il Bagaglino di Pingitore con Marini e Prati primedonne, Adnkronos, 19 novembre 2016. URL consultato il 25 novembre 2016.
  18. ^ Canale 5 festeggia i 30 anni del Bagaglino con "Magnamose tutto" spettacolo di Pier Francesco Pingitore, su Mediaset.it, 17 febbraio 2017. URL consultato il 17 febbraio 2017.
  19. ^ Valeria Marini si confessa: “Ho avuto tre aborti” | Roba da Donne
  20. ^ Pizzo bianco per Valeria Marini sposa Ed è polemica per la bestemmia in diretta tv - Corriere Roma
  21. ^ Valeria Marini dopo solo un anno divorzia da Cottone
  22. ^ Il conte Mascetti, Valeria Marini, Siffredi: i "voti burla" della prima votazione, la Repubblica, 18 aprile 2013. URL consultato il 12 novembre 2014.
  23. ^ Valeria Marini, che prodigio: ispira Gavino Ledda che non scriveva da 40 anni. Leggi l’ode che le ha dedicato, Oggi, 02 gennaio 2015. URL consultato il 04 gennaio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN87048194 · LCCN: (ENno2007121905 · SBN: IT\ICCU\SBLV\272805 · ISNI: (EN0000 0001 1450 9965 · GND: (DE18208244X · BNF: (FRcb16634144h (data)