Rkomi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rkomi
NazionalitàItalia Italia
GenereHip hop
Alternative hip hop
Pop rap
Trap
Periodo di attività musicale2012 – in attività
StrumentoVoce
EtichettaThaurus Music, Roccia Music, Universal Music Group
Album pubblicati4
Studio2
Raccolte2

Rkomi, pseudonimo di Mirko Manuele Martorana (Milano, 19 aprile 1994), è un rapper italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Rkomi è nato il 19 aprile 1994 a Milano, nel quartiere popolare di Calvairate, facente parte del Municipio 4 e situato nella parte est della periferia milanese. Ha frequentato fino al terzo anno l'istituto alberghiero, per poi abbandonare gli studi all'età di 17 anni senza conseguire il diploma. Fino ai 21 anni ha lavorato come barista e lavapiatti.[1]

È stato coinquilino di Tedua, di cui originariamente sarebbe dovuto diventare tour manager.[2] A 18 anni ha intrapreso la pratica del muay thai.[3]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Calvairate Mixtape e Dasein Sollen[modifica | modifica wikitesto]

In più occasioni Rkomi ha dichiarato di essere stato avviato alla carriera musicale da Tedua, suo amico d'infanzia.[4]

I primi progetti musicali sono Keep Calm Mixtape (con Sfaso) nel 2012, Quello che non fai tu (con Falco) nel 2012 e Cugini Bella Vita EP (con Pablo Asso) nel 2013, seguiti dal più noto Calvairate Mixtape, una raccolta amatoriale di brani scritti a sei mani (oltre a lui, vi parteciparono Tedua e Izi) pubblicata nel 2014.[5]

Fanno seguito quasi due anni di silenzio, interrotto dalla pubblicazione del brano Dasein Sollen sulla piattaforma YouTube. Il titolo della canzone è un chiaro riferimento al concetto heideggeriano di dasein, che il rapper di Calvairate aveva conosciuto tramite casuali ricerche sul web.[6] Il 13 ottobre 2016, Rkomi pubblica l'EP Dasein Sollen, attraverso l'etichetta Digital Distribution.[7]

Le prime collaborazioni e Io in terra[modifica | modifica wikitesto]

A seguito della buona accoglienza di Dasein Sollen (il brano Aeroplanini di carta, realizzato in collaborazione con Izi, viene certificato disco di platino)[8], Rkomi viene ingaggiato dal cantautore indie Calcutta per lo show di apertura ad un live a Torino.[9]

Entrato in contatto con DJ Shablo, già produttore di Rkomi in Aeroplanini di carta, Rkomi decide di sottoscrivere un contratto con l'etichetta Roccia Music, gestita dallo stesso Shablo e da Marracash.[10] Il 13 marzo 2017 rivela poi di essere in procinto di pubblicare il suo primo album in studio, sotto Universal.[11][12]

L'8 settembre 2017 viene pubblicato l'album Io in terra, composto da 14 tracce con la collaborazione di Marracash (in Milano Bachata), Noyz Narcos (in Verme) e Alberto Paoni (in Mai più), batterista di Calcutta.[13] L'album era stato anticipato dai singoli Solo, Apnea e Mai più.[14][15][16] Al suo esordio nelle classifiche musicali, Io in terra raggiunge la vetta della classifica FIMI e diventa disco d'oro,[17] mentre Milano Bachata, Apnea e Mai più diventano dischi di platino.[8]

Ossigeno - EP e Dove gli occhi non arrivano[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 giugno 2018, Rkomi annuncia l'uscita prossima di un EP, intitolato Ossigeno - EP, che verrà poi pubblicato il 13 luglio seguente, accompagnato da un'edizione vinile ed un libro autobiografico.[18][19] Dal disco viene estratto il singolo Acqua calda e limone, che vede la partecipazione del collega Ernia; in aggiunta, sono presenti collaborazioni con Tedua, Night Skinny e Mc Bin Laden.[20] La stagione del 2018 si chiude con il singolo Non ho mai avuto la mia età, realizzato in occasione dell'uscita del videogioco Assassin's Creed: Odyssey, e che con il suo citazionismo si presenta come un vero e proprio omaggio alla saga videoludica targata Ubisoft.[21] Per i suoi lavori, Rkomi riceve inoltre due dischi d'oro (Solletico e Acqua calda e limone).[22][23]

Il 19 febbraio 2019, dopo aver misteriosamente affisso un manifesto nella metropolitana di Milano con riportato il suo nome ed alcuni giudizi espressi da altri artisti su di lui, Rkomi rivela di aver intenzione di pubblicare l'album Dove gli occhi non arrivano il 22 marzo seguente: il disco prevede la partecipazione di Jovanotti, Elisa (alla traccia Blu, rilasciata come singolo d'anticipo l'8 marzo), Carl Brave, Sfera Ebbasta, Dardust e Ghali.[24][25][26] L'album bissa l'esordio in vetta alla Top Album della FIMI, come già successo a Io in terra.[27]

Stile e influenze[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante un avvio legato al rap puro con sonorità attuali, Rkomi si è presto proposto come esponente dell'indie rap.[28][29] Nella sua musica propone spunti autobiografici, sfruttando la resilienza come tema chiave delle sue canzoni.[30] Il disco Io in terra è stato spesso preso in considerazione come esempio di hip hop influenzato dai generi prog, funk ed altri, per via delle basi originali ed innovative (oltre alla batteria, compaiono il basso elettrico, la chitarra e la tromba).[31] Con Ossigeno - EP, l'artista ha cominciato ad approcciare una versione più funk e pop del rap, stabilendo una nuova dimensione musicale con l'album Dove gli occhi non arrivano, caratterizzato da sonorità e compartecipazioni puramente pop.[32][33]

In quanto a influenze, Rkomi annovera artisti quali i Saint PHNX, i Gorillaz e i Twenty One Pilots tra le sue fonti di ispirazione indie.[28] A livello di hip hop, il rapper milanese si dice influenzato localmente da Noyz Narcos, Marracash, Fabri Fibra, Gué Pequeno e, a livello internazionale, il tedesco Cro, il francese Lomepal e gli statunitensi Tyler, The Creator, Chance the Rapper e Kendrick Lamar.[13][34]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

Mixtape

  • 2014 – Calvairate Mixtape

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rkomi, la working class milanese del rap, su Rolling Stone Italia, 9 agosto 2016. URL consultato il 25 febbraio 2019.
  2. ^ “Mai più” è il nuovo atteso singolo di Rkomi, su The Submarine, 25 agosto 2017. URL consultato il 25 febbraio 2019.
  3. ^ Il grande risveglio di Rkomi, su Rolling Stone Italia, 16 dicembre 2016. URL consultato il 25 febbraio 2019.
  4. ^ Sono stato a Calvairate con Rkomi, in Noisey, 28 ottobre 2016. URL consultato il 20 aprile 2018.
  5. ^ Rkomi - La grande invasione, in La grande invasione. URL consultato il 20 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 21 aprile 2018).
  6. ^ Rolling Stone Italia, Il grande risveglio di Rkomi, in Rolling Stone Italia. URL consultato il 20 aprile 2018.
  7. ^ Ascolta "Dasein Sollen" il nuovo EP di Rkomi, su www.rapburger.com. URL consultato il 20 aprile 2018.
  8. ^ a b FIMI - Certificazioni - FIMI, su www.fimi.it. URL consultato il 20 aprile 2018.
  9. ^ Rkomi, il rapper della nuova scena capace di mettere d'accordo tutti, su www.musicattitude.it. URL consultato il 20 aprile 2018.
  10. ^ Rkomi entra in Roccia Music e annuncia l'album per Universal, su www.rapburger.com. URL consultato il 20 aprile 2018.
  11. ^ Rkomi entra in Roccia Music e annuncia l’album per Universal | News Honiro, su www.honiro.it. URL consultato il 20 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 21 aprile 2018).
  12. ^ Rkomi firma con Universal Music: il direttore artistico del progetto sarà Marracash. URL consultato il 20 aprile 2018.
  13. ^ a b Rolling Stone Italia, Rkomi: «La strada sono io, gli altri dicono cazzate», in Rolling Stone Italia. URL consultato il 20 aprile 2018.
  14. ^ Ascolta "Solo" il nuovo singolo di Rkomi - HipHop Starz Tour, in HipHop Starz Tour, 28 aprile 2017. URL consultato il 20 aprile 2018.
  15. ^ Ascolta “Apnea” , il nuovo pezzo di Rkomi – the Submarine, su thesubmarine.it. URL consultato il 20 aprile 2018.
  16. ^ Ascolta “Mai più”, il nuovo singolo di Rkomi, in Rockit.it. URL consultato il 20 aprile 2018.
  17. ^ FIMI - Classifiche - FIMI, su www.fimi.it. URL consultato il 20 aprile 2018.
  18. ^ Rkomi annuncia l’uscita di “Ossigeno”, un libro più un cd, su Rockit.it. URL consultato il 25 febbraio 2019.
  19. ^ Ascolta “Ossigeno”, il nuovo ep di Rkomi, su Rockit.it. URL consultato il 25 febbraio 2019.
  20. ^ Per Rkomi è il tempo di “Ossigeno”: pubblica un libro e un EP, su Billboard Italia, 9 luglio 2018. URL consultato il 25 febbraio 2019.
  21. ^ Rkomi, singolo in stile "Assassin's Creed": ecco "Non ho mai avuto la mia età", su www.ilmessaggero.it. URL consultato il 25 febbraio 2019.
  22. ^ Certificazioni: Marco Mengoni, Ramazzotti, Anastasio, Salmo e..., su All Music Italia, 11 dicembre 2018. URL consultato il 25 febbraio 2019.
  23. ^ Certificazioni settimana 5: da Cristina D'Avena a Faber, nuovi Fimi Awards, su All Music Italia, 11 febbraio 2019. URL consultato il 25 febbraio 2019.
  24. ^ Rkomi annuncia “Dove Gli Occhi Non Arrivano”, il suo nuovo album, su outpump.com.
  25. ^ Matteo Rossini, "Blu", il testo della nuova canzone di Rkomi feat Elisa | Sky TG24, su tg24.sky.it, 8 marzo 2019. URL consultato il 9 marzo 2019.
  26. ^ Rkomi: ecco il singolo “Blu” con Elisa e i duetti del nuovo album, su Radio Italia. URL consultato il 10 marzo 2019.
  27. ^ Classifiche - FIMI, su www.fimi.it. URL consultato il 29 marzo 2019.
  28. ^ a b Rkomi ha capito le regole del gioco del rap, in Noisey, 8 settembre 2017. URL consultato il 20 aprile 2018.
  29. ^ Io in Terra è il nuovo rap di Rkomi tra influenze indie e rime non chiuse, in Chiamarsi MC, 11 settembre 2017. URL consultato il 20 aprile 2018.
  30. ^ Rkomi presenta Io in Terra: "In questo album c'è ogni mia personalità", su www.musicattitude.it. URL consultato il 20 aprile 2018.
  31. ^ Peppe Giorgianni, Recensione Io In Terra - La maturità di Rkomi - LaScimmiaPensa.com, in LaScimmiaPensa.com, 11 settembre 2017. URL consultato il 20 aprile 2018.
  32. ^ Rkomi unisce musica e parole con "Ossigeno", libro più Ep, su All Music Italia, 26 giugno 2018. URL consultato il 29 marzo 2019.
  33. ^ Elia Alovisi, Redazione Noisey, Rkomi non è più quello di una volta, su Noisey, 22 marzo 2019. URL consultato il 29 marzo 2019.
  34. ^ (EN) “Non è mai una passeggiata”. Intervista a Rkomi | Radio Città del Capo, in Radio Città del Capo. URL consultato il 20 aprile 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]