Calcutta (cantante)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Calcutta
Calcutta a Largo San Giorgio (Rieti) 01.jpg
Calcutta in concerto a Rieti
NazionalitàItalia Italia
GenereMusica d'autore
Indie rock
Indie pop
Periodo di attività musicale2009 – in attività
Strumentovoce, chitarra, pianoforte
EtichettaBomba Dischi
Album pubblicati2
Studio2+1 (EP)
Sito ufficiale

Calcutta, nome d'arte di Edoardo D'Erme (Latina, 19 aprile 1989), è un cantautore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Attivo come musicista in diversi gruppi musicali locali fin dal 2007, nel 2009 fonda il duo musicale Calcutta. In seguito all'abbandono dell'altro membro, Marco Crypta[1], Calcutta mantiene il nome, che come dichiarato in un'intervista dice essere casuale e non avere un senso definito,[2] e lo adotta come nome d'arte[1]. Nel 2012 pubblica per l'etichetta Geograph Records il suo primo disco intitolato Forse..., a seguito del quale si esibisce in diversi locali d'Italia[3].

Dopo la pubblicazione dell'EP The Sabaudian Tapes nel 2013, registrato in cassetta a tiratura limitata, nel 2015, in collaborazione con Marta Venturini e Niccolò Contessa de I Cani, produce e pubblica il suo secondo lavoro, Mainstream[4], raggiungendo la notorietà nazionale anche grazie al singolo Cosa mi manchi a fare, primo estratto dall'album[5], seguito da Gaetano, Frosinone e Oroscopo il cui video raggiunge un milione di visualizzazioni su YouTube nel giro di un mese.[6][7] Il disco viene nominato per il premio Targa Tenco nella categoria "album dell'anno", mentre in quella per la "canzone singola" vengono candidati Cosa mi manchi a fare, Frosinone e Oroscopo.[8] A seguito del buon risultato di vendite, Calcutta intraprende un tour nazionale per promuovere Mainstream[9]. Nel maggio 2016 pubblica il singolo Oroscopo, in collaborazione con il duo Takagi & Ketra e con il quale si è esibito il 18 settembre 2016 in qualità di ospite nella trasmissione Quelli che il calcio[10] e ad ottobre vince il suo primo disco d'oro (poi diventato disco di platino).[11] All'inizio del 2017, anche Cosa mi manchi a fare, Gaetano e Frosinone vengono premiati con il disco d'oro.[12]

Nel corso del 2017, scrive per J-Ax e Fedez i testi di due canzoni (Milano intorno e Allergia) pubblicate nell'album Comunisti col Rolex uscito nel gennaio 2017;[13] collabora al singolo estivo di Nina Zilli Mi hai fatto fare tardi che anticipa l'album Modern Art, uscito a settembre del medesimo anno;[14] inoltre partecipa all'album 2640 di Francesca Michielin, nel quale collabora alla stesura di Io non abito al mare, Tropicale, La Serie B e Tapioca.[15]

Il 15 dicembre 2017 esce il suo nuovo singolo dal nome Orgasmo dopo più di un anno dall'ultimo pubblicato.[16]

Influenze musicali[modifica | modifica wikitesto]

Calcutta ha affermato di ispirarsi a vari artisti italiani, citando fra essi Lucio Battisti, Lucio Dalla e Luca Carboni, ma anche alla musica del Brasile, in particolare quella di Caetano Veloso, avvicinandosi al Paese sudamericano tramite il movimento musical-culturale del tropicalismo[3].

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Apparizioni in raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Biografia di Calcutta, su rockit.it, Rock It. URL consultato il 5 luglio 2016.
  2. ^ http://www.repubblica.it/spettacoli/musica/2015/11/23/news/calcutta-128004370/
  3. ^ a b Gianni Santoro, Calcutta, il disagio di un cantautore venuto da Latina: "Volevo fare un disco mainstream", in la Repubblica, 24 novembre 2015. URL consultato il 5 luglio 2016.
  4. ^ Calcutta, chi è il cantautore di cui parlano tutti bene, su Il Fatto Quotidiano, 23 febbraio 2016. URL consultato il 3 ottobre 2016.
  5. ^ Michelangelo Iuliano, Intervista al cantautore Calcutta: "Canto la saudade portoghese e scriverei una canzone per Albano", in Radio Deejay, 29 febbraio 2016. URL consultato il 5 luglio 2016.
  6. ^ Samantha Suriani, Calcutta, Oroscopo: video ufficiale | Velvet Music Italia, su velvetmusic.it. URL consultato il 9 settembre 2016.
  7. ^ Calcutta, il fenomeno del web allergico alla fama: «Io a un talent non andrei mai», su spettacoliecultura.ilmessaggero.it. URL consultato il 9 settembre 2016.
  8. ^ Targhe Tenco 2016: le candidature, su rockol.it, rockol.it. URL consultato l'8 settembre 2016.
  9. ^ Federica Mingarelli, Il lungo pellegrinaggio verso Calcutta: l'uomo che sussurrava ai sold-out, su rollingstone.it, Rolling Stone, 19 gennaio 2016. URL consultato il 5 luglio 2016.
  10. ^ Calcutta si esibisce a Quelli che il calcio con il brano 'Oroscopo' - Quelli che il calcio del 18/09/16, su Rai. URL consultato il 18 settembre 2016.
  11. ^ Certificazioni, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 5 agosto 2017.
  12. ^ Certificazioni, Federazione Industria Musicale Italiana.
  13. ^ Francesco Uzzauto, Calcutta: ascolta i due brani scritti per J-Ax e Fedez in “Comunisti Col Rolex”, in Deer Waves, 20 gennaio 2017. URL consultato il 26 gennaio 2017.
  14. ^ Mi hai fatto fare tardi”, il nuovo singolo di Nina Zilli scritto con Calcutta e Tommaso Paradiso, in Rockit.it. URL consultato il 5 agosto 2017.
  15. ^ “2640” il nuovo album di Francesca Michielin in uscita il 12 gennaio, su Radio web Italia, 8 gennaio 2018. URL consultato il 14 gennaio 2018.
  16. ^ [1]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]