Carl Brave

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Carl Brave
Carl Brave in concerto a Roma nel 2016
NazionalitàBandiera dell'Italia Italia
GenerePop
Pop rap
Periodo di attività musicale2012 – in attività
EtichettaBomba Dischi, Universal
GruppiCarl Brave x Franco126
Album pubblicati3
Studio3

Carl Brave, pseudonimo di Carlo Luigi Coraggio (Roma, 23 settembre 1989), è un rapper, cantautore e cestista italiano.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni (2000-2015)[modifica | modifica wikitesto]

Durante l'adolescenza inizia a scrivere i primi versi rap, ma a impegnarlo maggiormente è il basket, sport che pratica dagli 11 ai 22 anni, arrivando fino alla terza serie nazionale.[2] Successivamente abbandona la carriera di cestista e sceglie quella musicale, frequentando il SAE Institute di Milano e diventando anche produttore.[3][4]

Dopo aver pubblicato il mixtape Sempre peggio vol. 1 (2012) con il gruppo Molto Peggio Crew, formatosi nel 2007, esordisce da solista nel 2014 con Brave EP e, nello stesso periodo, forma con il rapper Enpashishi il duo elettrorap Wankers, con cui, nel 2015, pubblica l'EP Where's Joe Wanker?.[5] Contemporaneamente è tra i fondatori del collettivo Guasconi, di cui fa parte anche la crew 126[senza fonte].

Polaroid (2016-2017)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2016 inizia a lavorare ad un album solista, Fase Rem, mai pubblicato, al quale collabora anche Franco126.[6] Nel settembre dello stesso anno i due danno vita a un progetto comune, Carl Brave x Franco126, che in due anni li porterà a pubblicare l'album Polaroid e numerosi singoli.[7] Nel luglio del 2017, il duo pubblica Barceloneta in collaborazione con Coez.

Notti brave (2018-2019)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2018 intraprende la carriera solista e pubblica il suo primo singolo, Fotografia, con Francesca Michielin e il rapper Fabri Fibra[8][9], estratto dal suo primo album da solista Notti brave[10][11], in cui sono contenute altre collaborazioni come Camel blu, con Giorgio Poi, Chapeau, con Frah Quintale e Parco Gondar, con Coez.

Il 15 novembre 2018 è ospite alla trasmissione X Factor su Sky Uno,[12] dove presenta il suo nuovo singolo Posso, pubblicato il 16 novembre 2018 in collaborazione con Max Gazzè, che ha anticipato l'uscita dell'EP Notti brave (After), pubblicato il 30 novembre 2018. L'EP è stato promosso il 22 marzo seguente dal secondo singolo Merci.[13] Il 3 maggio 2019 ha collaborato con Elisa al singolo Vivere tutte le vite, mentre il 30 agosto 2019 ha collaborato con Shablo e Marracash al singolo Non ci sto.

Coraggio (2020-2022)[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 gennaio 2020 ha pubblicato il singolo Che poi,[14] seguito a marzo da Regina Coeli, a maggio da Spigoli (con Mara Sattei e Thasup) e a giugno da Fratellì.[15] Il 9 ottobre, invece, viene pubblicato il suo secondo album Coraggio, promosso dal singolo Parli parli con Elodie.[16]

Nel 2021 ha inciso insieme alla cantante Noemi il brano Makumba, pubblicato come singolo il 4 giugno.[17] Il 20 settembre è uscito il secondo EP Sotto cassa, composto da sei brani ed altrettanti skit.[18] Nel 2022 è tornato a collaborare sia con Max Gazzè per il singolo Cristo di Rio sia con Noemi per il singolo Hula-Hoop.[19][20]

Migrazione (2023-presente)[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 2023 pubblica il singolo Remember seguito dal singolo Lieto fine che anticipano il suo terzo album Migrazione uscito il 9 giugno 2023. L'album contiene 19 canzoni e 10 collaborazioni con vari artisti, tra cui Clementino, Dargen D'Amico, Jake La Furia, Mara Sattei e Noemi.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Da solista[modifica | modifica wikitesto]

Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Carl Brave.

Con i Wankers[modifica | modifica wikitesto]

  • 2015 – Where's Joe Wanker?

Con i Carl Brave x Franco126[modifica | modifica wikitesto]

Pallacanestro[modifica | modifica wikitesto]

Carlo Coraggio
Nazionalità Bandiera dell'Italia Italia
Altezza 194 cm
Pallacanestro
Ruolo Guardia
Termine carriera 2015
Carriera
Giovanili
Fortitudo Roma
Squadre di club
2008-2009 Fortitudo Roma
2008-2009Stella Azzurra
2009-2010RB Montecatini27 (75)
2010-2011Palestrina11 (78)
2011 Marconi Castelnovo12 (80)
2014-2015 Vigna Pia Roma13 (156)
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Cresce nel settore giovanile della Fortitudo Roma, debuttando anche in prima squadra nel campionato di Serie C2. Nel 2008-2009 fa parte anche della Stella Azzurra Roma grazie alla formula del doppio tesseramento.[2] L'anno successivo esordisce nella terza serie nazionale con il passaggio all'Agricola Gloria Montecatini, formazione militante in Serie A Dilettanti 2009-2010, con cui mette a referto 2,8 punti a partita e il 35% al tiro dal campo in circa 15 minuti di utilizzo medio.[2]

Inizia poi anche la stagione successiva nel campionato di Serie A Dilettanti, questa volta con i colori della Pallacanestro Palestrina: dopo 11 partite a 7,1 punti di media, nel febbraio del 2011 si trasferisce al Marconi Basket Castelnovo, nella provincia reggiana, club partecipante alla Serie B Dilettanti.[21]

Nel corso dell'annata 2014-2015 scende in campo con il Vigna Pia Roma nella Serie C regionale, realizzando in media 12 punti a gara.[22]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Francesca Milano, Quel bravo ragazzo Carl Brave, su Il Sole 24 Ore, 14 maggio 2018. URL consultato il 21 giugno 2023 (archiviato dall'url originale il 20 maggio 2018).
  2. ^ a b c La Itop Palestrina firma Coraggio, su Pallacanestro Palestrina. URL consultato il 1º dicembre 2020.
  3. ^ Carl Brave, dal parquet al palco di Piazza Castello, su reggioacanestro.com, 7 agosto 2020. URL consultato il 7 ottobre 2020.
  4. ^ Carl Brave, la città che canta, su Vice, 28 settembre 2018. URL consultato il 7 ottobre 2020.
  5. ^ Carl Brave – Biografia, recensioni, discografia, foto, playlist, su ornitorinconano.com. URL consultato il 14 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 15 gennaio 2019).
  6. ^ CARL BRAVE X FRANCO126: “l’indie-rap” romano di cui tutti abbiamo bisogno, su intheflesh.it. URL consultato il 16 gennaio 2019.
  7. ^ Carl Brave e Franco 126: Istantanee di successo, live a Roma il duo rap del successo "Polaroid", su leggo.it.
  8. ^ Carl Brave, assalto al pop con Fabri Fibra, Michielin e Coez: "Così faccio canestro", su repubblica.it.
  9. ^ Carl Brave presenta "Notti Brave": "Il feat con Fibra? Un sogno che si realizza", su 105.net.
  10. ^ Le Notti Brave di Carl Brave, su xl.repubblica.it.
  11. ^ Carl Brave, le “Notti Brave” in cd insieme a tanti amici, su ilmessaggero.it.
  12. ^ Carl Brave ft. Max Gazzè a X Factor, su xfactor.sky.it. URL consultato il 16 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 16 novembre 2018).
  13. ^ Giorgia Aldi, Carl Brave - Merci (Radio Date: 22-03-2019), su earone.it, Rockol, 20 marzo 2019. URL consultato il 24 marzo 2019.
  14. ^ Carl Brave, è uscito il nuovo singolo Che Poi: ecco il testo, su tg24.sky.it, Sky TG24, 22 gennaio 2020. URL consultato il 2 febbraio 2020.
  15. ^ Carl Brave torna con 'Fratellì', singolo in cui racconta il dramma delle dipendenze, su rollingstone.it, Rolling Stone Italia, 1º luglio 2020. URL consultato il 13 luglio 2020.
  16. ^ https://www.newsic.it/recensione-carl-brave-coraggio/
  17. ^ NOEMI IN RADIO FEAT. CARL BRAVE, POI IL SUMMER TOUR (TESTO E AUDIO), su allmusicitalia.it, All Music Italia, 1º giugno 2021. URL consultato il 4 giugno 2021.
  18. ^ Carl Brave, un nuovo ep dedicato alla club culture, su Radio 105, 22 settembre 2021. URL consultato il 23 settembre 2021.
  19. ^ Carl Brave e Max Gazzè sono una coppia esplosiva, su Radio 105, 26 maggio 2022. URL consultato il 21 luglio 2022.
  20. ^ Su Radio Italia arriva "Hula Hoop", il nuovo singolo di Carl Brave e Noemi, su Radio Italia, 24 giugno 2022. URL consultato il 21 luglio 2022.
  21. ^ Coraggio passa al Castelnovo, su Pallacanestro Palestrina, 27 febbraio 2011. URL consultato il 1º dicembre 2020.
  22. ^ Carlo Luigi Coraggio [Vigna Pia Roma], su playbasket.it. URL consultato il 1º dicembre 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN8174162062772151650002 · LCCN (ENn2021024486