Sister Sledge

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sister Sledge
Sister Sledge 01.jpg
Le Sister Sledge nella formazione a tre, senza Kathy, nel 2008.
Paese d'origineStati Uniti Stati Uniti
GenereDisco
Rhythm and blues
Soul
Periodo di attività musicale1972 – in attività
Album pubblicati11
Raccolte1
Sito ufficiale

Le Sister Sledge sono un gruppo disco statunitense fondato nel 1972 e composto in origine da quattro sorelle cantanti: Kim, (21 agosto 1957), Debbie (9 luglio 1954), Joni (13 settembre 1956 - 9 marzo 2017) e Kathy Sledge (6 gennaio 1959). Le Sister Sledge sono nipoti dell'ex cantante d'opera Viola Williams e si esibirono in passato anche come Mrs. Williams Grandchildren, cioè "Le Nipoti di Mrs. Williams".

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Le Sister Sledge sono nate e cresciute a Filadelfia ed hanno iniziato a cantare nelle chiese locali come la Second Macedonia Baptist Church. Furono scoperte da Charles Simmons entrando nella classifica inglese singoli nel 1975 con Mama Never Told Me e Love Don't You Go Through No Changes On Me.

Dopo un periodo di declino arrivarono al successo internazionale sotto la produzione di Nile Rodgers e Bernard Edwards degli CHIC nel 1979. L'album We Are Family conteneva la hit omonima, che è la canzone più famosa e rappresentativa del gruppo, e He's the Greatest Dancer. Nel 1980 arrivò Love Somebody Today, con i singoli Got to Love Somebody e Pretty Baby.

L'anno successivo le Sister passarono sotto la produzione di Narada Michael Walden, pubblicando l'album All American Girls, reso famoso dalla title-track e da Next Time You'll Know. Il gruppo continuò a cantare materiale inedito per tutti gli anni ottanta e novanta, raggiungendo la prima posizione con il brano Frankie nel 1985.

Nel 1992 Kathy registrò il suo album solista Heart, continuando però a partecipare ai progetti del gruppo, che nel 2004 fu l'headliner dell'International Food and Wine Festival al parco a tema di Epcot.

Sono anche presenti nell'episodio 16 della stagione 10 de I Jefferson come guest star, ma con altro nome.

Le loro più grandi hits sono state ripubblicate svariate volte nel Regno Unito, spesso in versioni remixate per adattarle ai "sound" del momento.

Il 10 marzo 2017 viene data la notizia del decesso - avvenuto il 9 marzo nella sua casa di Phoenix in Arizona all'età di 61 anni - di Joni Sledge, senza specificare le cause della morte.[1]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Anno Singolo Posizione classifica[2][3][4]
U.S.
Hot 100
U.S.
R&B
U.S.
Dance
UK
1974 Love, Don't You Go Through No Changes on Me 92 31 5 4
1975 Protect Our Love / Pain Reliever 7
Mama Never Told Me 20
1977 Blockbuster Boy 61
Cream of the Crop 100
1979 He's the Greatest Dancer 9 1 1 6
We Are Family 2 1 1 8
Lost in Music 35 17
1980 Got to Love Somebody 64 6 34 34
Reach Your Peak 21 34
Let's Go on a Vacation 63
1981 All American Girls 79 3 6 41
Next Time You'll Know 82 28
1982 My Guy 23 14
All the Man I Need 45
1983 B.Y.O.B. (Bring Your Own Baby) 22
Gotta Get Back to Love 56
1984 Thinking of You 11
Lost in Music (remix) 4
We Are Family (remix) 33
1985 Frankie 1 75 32 1
Dancing on the Jagged Edge 71 50
1986 When the Boys Meet the Girls 89
Here to Stay 78
1993 We Are Family (2nd remix) 5
Lost in Music (2nd remix) 14
Thinking of You (remix) 17
"—" indica un singolo non entrato in classifica o non pubblicato.
  • 1 "Frankie" raggiunse la posizione #15 nella Hot Adult Contemporary Tracks Chart.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ È morta la cantante Joni Sledge. Aveva 60 anni, la Repubblica.it, 12 marzo 2017. URL consultato il 12 marzo 2017.
  2. ^ (EN) Billboard.com - Piazzamenti Sister Sledge in classifica, billboard.com. URL consultato il 27 dicembre 2008.
  3. ^ (EN) Chartstats.com - Piazzamenti Sister Sledge nella classifica inglese, chartstats.com. URL consultato il 27 dicembre 2008.
  4. ^ (EN) All Music Guide - Piazzamenti Sister Sledge nelle classifiche, allmusic.com. URL consultato il 27 dicembre 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]