Sandy Marton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sandy Marton
NazionalitàCroazia Croazia
GenerePop
Disco
Italo disco
Periodo di attività musicale1983 – in attività
Strumentopianoforte
EtichettaIbiza Records
Album pubblicati2
Studio1
Raccolte1
Sito ufficiale

Sandy Marton, pseudonimo di Aleksandar Marton (Zagabria, 4 ottobre 1959), è un cantante croato.

Prodotto da Claudio Cecchetto, ebbe un breve periodo di grande popolarità negli anni ottanta in Italia ed in altri paesi europei, come interprete del genere italo-disco, con la hit People from Ibiza e altri singoli di minor successo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Figlio dell'ex console iugoslavo in Italia[1], si trasferisce a Milano negli anni settanta[2].

Anni 1980: esordio e successo[modifica | modifica wikitesto]

Alto e di bell'aspetto, nel 1982 viene notato[3] dal talent scout Claudio Cecchetto nella discoteca Primadonna di Milano[1]. Intuendone le potenzialità commerciali come teen idol, Cecchetto lo mette sotto contratto e lo fa esordire l'anno successivo con lo pseudonimo "M. Basic", col singolo intitolato Ok Run; il brano sarà utilizzato come jingle nella pubblicità della console Philips Videopac.

Nel 1984, con il nome definitivo "Sandy Marton", Cecchetto lo lancia ufficialmente sul mercato discografico[3] con il singolo dance in lingua inglese People from Ibiza[4], composto dallo stesso Marton. Il suo look attentamente studiato - capello biondo fluente con l'onda sull'occhio, tastiera elettronica a tracolla, giacche extra-large- lo rende immediatamente riconoscibile e Marton diventa un idolo per le ragazzine. Il brano spopola in discoteca e scala le classifiche italiane fino a raggiungere la prima posizione, diventando uno dei tormentoni dell'estate 1984 e sicuramente la sua hit più celebre[5].

Nell'anno seguente conferma la sua popolarità in classifica e nelle discoteche realizzando altri due singoli di successo dello stesso genere come Camel by Camel e Exotic & Erotic; l'accorta produzione di Cecchetto lo piazza fra gli ospiti più assidui del Festivalbar di Vittorio Salvetti, trasmesso in televisione da Canale 5, e l'anno seguente esce il suo primo album, Modern Lover, trainato dal singolo omonimo, che raggiunge il settimo posto nelle classifiche italiane. Visto il successo del cantante, Cecchetto fonda la casa di produzione Marton Corporation e l’etichetta discografica Ibiza Records[2][6]; tuttavia, successivamente Cecchetto preferisce concentrare i suoi sforzi produttivi e promozionali su Jovanotti, accantonando gli artisti precedentemente lanciati, e la carriera di Marton subisce un rallentamento[2].

Negli anni seguenti pubblica comunque un'altra manciata di singoli, sebbene di minor successo (Love Synchronicity nel 1987, La Paloma Blanca nel 1989).

Divenuto ormai insofferente alle regole dello show-biz e alla gestione professionale della sua carriera da parte dei produttori[1], il suo spirito nomade prende il sopravvento[2] e alla fine del decennio abbandona definitivamente il mondo della musica per trasferirsi in Spagna, aprendo una maxidiscoteca a Madrid[6] e diventando così una delle tante meteore degli anni ottanta.

Anni 1990[modifica | modifica wikitesto]

Ritiratosi successivamente a vita privata nell'isola di Ibiza, a cui deve la sua popolarità, tenta un occasionale ritorno sulle scene nel 1996 con un secondo - ed ultimo- album, Erase una Vez, senza ottenere però grandi riscontri.

Nel 1998 partecipa in qualità di inviato alla trasmissione di Italia Uno Meteore, condotta da Gene Gnocchi e Giorgio Mastrota, e realizza un piccolo scoop riuscendo ad intervistare Bettino Craxi durante l'esilio di Hammamet (Tunisia). Fra le altre interviste realizzate per lo stesso programma, si ricorda quella alla ex collega di scuderia Tracy Spencer, scovata a Londra.

Anni 2000[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni seguenti Sandy Marton partecipa sporadicamente a programmi ed eventi, soprattutto in qualità di meteora degli anni ottanta.

Nel 2001 partecipa alla trasmissione La notte vola, gara musicale tra i brani più famosi degli anni ottanta, nella quale presenta il suo successo People From Ibiza arrivando in semifinale.

Nel 2005 partecipa alla terza edizione del reality show televisivo di Rai 2 L'isola dei famosi, partita il 21 settembre, ma si ritira il 17 ottobre per problemi di salute, nonostante non ci fossero ragioni cliniche per giustificare l'abbandono, venendo sostituito da Maurizio Ferrini. Nelle successive edizioni del programma sarà spesso presente in studio come opinionista.

Nell'estate del 2008, insieme ad altri cantanti degli anni ottanta come Den Harrow e Alberto Camerini, ha aderito ad un progetto di Radiostella chiamato Hit 80 - I protagonisti. Nello stesso periodo è stato ospite fisso del programma Estate 101, in onda su R101, condotto da Alberto Davoli. Nel 2010 è stato ospite del Venice Doc Festival di Venezia.

Il 25 settembre 2021 torna in tv come ospite del programma Arena Suzuki '60 '70 '80 condotto da Amadeus su Rai 1, dove canta People from Ibiza.

Il 31 dicembre 2022 è ospite del programma di fine anno di Rai 1 L'anno che Verrà, anch'esso condotto da Amadeus, cantando nuovamente People from Ibiza.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Si conosce molto poco della sua vita privata. Molto riservato, non si è mai sposato e non ha figli; in una intervista si è dichiarato felicemente single, felice di vivere insieme al suo cane[7][8]. Vive prevalentemente nell'isola di Ibiza vicino alla spiaggia di Ses Salines, partecipando spesso a trasmissioni ed eventi in tutta Europa nelle quali viene chiamato a cantare i suoi brani celebri degli anni ottanta.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

  • 1999 - People from Ibiza - Greatest Hits
  • 2000 - Il meglio
  • 2001 - The Best
  • 2005 - People from Ibiza - The Very Best Of (Deluxe Edition)

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c VERRINA, FRANCESCO CATALDO., ITALO DISCO STORY - TERZA EDIZIONE., LULU COM, 2018, ISBN 0-244-72883-6, OCLC 1076263045. URL consultato il 12 giugno 2020.
  2. ^ a b c d Massimo Emanuelli, Sandy Marton, su MASSIMO EMANUELLI, 25 giugno 2018. URL consultato il 12 giugno 2020.
  3. ^ a b Claudio Cecchetto: quando il pop è una cosa seria, su Luz - About Stories. URL consultato il 12 giugno 2020.
  4. ^ Filmato audio Fri Records, Pepople from Ibiza - Festivalbar 1984 in Arena a Verona, su YouTube.
  5. ^ PEOPLE FROM IBIZA, su hitparadeitalia.it. URL consultato il 12 giugno 2020.
  6. ^ a b Sandy Marton sbarca a Roma, tornano gli anni '80, su ilmessaggero.it. URL consultato il 12 giugno 2020.
  7. ^ Filmato audio IbizaOnTv, INTERVIEW 2017 Sandy Marton Part.1, su YouTube.
  8. ^ Filmato audio IbizaOnTv, INTERVIEW 2017 Sandy Marton Part.2, su YouTube.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN79630762 · ISNI (EN0000 0001 1449 4492 · Europeana agent/base/21483 · LCCN (ENno2006050904 · GND (DE134457064 · BNE (ESXX1593951 (data) · BNF (FRcb14204089m (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2006050904