Silvia Salemi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Silvia Salemi
Nazionalità Italia Italia
Genere Pop
Periodo di attività musicale 1995 – in attività
Etichetta Sony Music
Album pubblicati 7
Sito ufficiale

Silvia Salemi (Siracusa, 2 aprile 1978) è una cantautrice e conduttrice televisiva italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Anni novanta[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 ottobre 1995 vince il Festival di Castrocaro[1] con il brano Con questo sentimento.[2] L'8 novembre dello stesso anno partecipa a Sanremo Giovani, con la canzone Nessuno mi può giudicare, originariamente interpretata da Caterina Caselli, in una versione riarrangiata, che le permette di partecipare al Festival di Sanremo 1996 nella sezione "Nuove Proposte" con il brano Quando il cuore. Ottiene il 5º posto e pubblica il suo primo album, intitolato Silvia Salemi.

Nel 1997 è di nuovo a Sanremo, approdando tra i "Big" con la hit A casa di Luca, canzone che le regala un'immediata popolarità e il Premio Volare "Miglior Testo" e con cui il grande pubblico continuerà ad identificarla negli anni successivi.[3] Sempre nel '97 si classifica seconda a Un disco per l'estate con il brano Stai con me stanotte, tratto dal suo nuovo album intitolato Caotica. Inoltre partecipa cantando come supporter alla data romana dei Simple Minds.

Nel 1998 torna al Festival di Sanremo con Pathos, brano in cui il rock si fonde con le sonorità orientali, scritto a seguito di un viaggio in Tibet: Pathos darà anche il titolo all'omonimo album, che contiene per altro la hit Odiami perché, presentata al Festivalbar. Nello stesso anno affianca Pippo Baudo nella conduzione della trasmissione Il gran ballo delle debuttanti, su Canale 5. Continua l'esperienza in televisione nel 1999 conduce Viaggi nei luoghi del sacro, trasmissione a tematica religiosa in onda su Rai 3.[4]

Anni duemila[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000, dopo una lunga collaborazione in studio con Giampiero Artegiani e Tore Johansson (produttore dei Cardigans), esce il suo quarto album, L'arancia, da cui verranno estratti La parola amore, È già settembre e Ci batteva il sole.

Nel 2003 torna per la quarta volta al Festival di Sanremo con il brano Nel cuore delle donne, inserito nell'album Il gioco del Duende, titolo che, come spiegato dalla stessa Salemi in un'intervista[5], fa riferimento a quanto espresso in una conferenza tenuta dal poeta García Lorca nel 1928 a Cuba. Dimenticami è il secondo singolo estratto.

Nel 2004, dopo aver partecipato al reality show Music Farm, si sposa, continuando però ad esibirsi dal vivo in una serie di concerti. L'anno successivo diventa mamma della primogenita Sofia. Nel periodo di attesa, si dedica essenzialmente alla redazione e conduzione di un programma per Radio 2 dal titolo La mezzanotte di Radio 2.

Il 4 maggio del 2007 esce il suo sesto album, dal titolo Il mutevole abitante del mio solito involucro.[6] I video dei singoli estratti segnano il debutto alla regia di due giovani attori: Giuseppe Fiorello (Il mutevole abitante del mio solito involucro), che vincerà il Premio Venice Music Awards, e Giorgio Pasotti (Ormai), che avrà il riconoscimento del Premio Roma Video Clip. Seguirà un lunghissimo tour che porterà l'artista in giro per l'Italia.

Nel 2008, nasce la secondogenita Ludovica, Silvia decide quindi di prendere una pausa dalle scene per dedicarsi alla famiglia.

Nell'aprile del 2009 partecipa ad un programma del canale satellitare Alice, L'isola del gusto, ambientato nella sua terra natìa.

Anni duemiladieci[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2013 è tra i concorrenti della terza edizione del talent show Tale e quale show, dove vince il Premio "Miglior Voce".[7]

Nel 2014 prende parte anche alla quarta edizione del programma e conduce gli spot istituzionali della Valle D'Aosta per la trasmissione di Rai 1 L'anno che verrà.

Nel 2015 è presidente di giuria al Festival di Castrocaro in onda su Rai 1. A dicembre dello stesso anno conduce da Matera, sempre per Rai 1, gli spot istituzionali per la trasmissione L'anno che verrà.

Da novembre 2016 è giudice del talent show per ragazzi Tra sogno e realtà, in onda su La5.[8]

Nel 2017 è la conduttrice di Piccole luci, nuovo programma di Rete 4 in sei puntate[9]. Nell'estate dello stesso anno conduce ogni martedì la rubrica A casa di Silvia all'interno del programma La vita in diretta Estate, in onda su Rai 1.

Il 7 luglio 2017 esce, anticipato dal singolo Potrebbe essere, il settimo album di inediti dal titolo 23.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Programmi radiofonici[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN307330170 · SBN: IT\ICCU\CFIV\179017