L'ultima parola - La vera storia di Dalton Trumbo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'ultima parola - La vera storia di Dalton Trumbo
Trumbo 2015.jpg
Bryan Cranston in una scena del film
Titolo originale Trumbo
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 2015
Durata 124 min
Genere drammatico, biografico
Regia Jay Roach
Soggetto Bruce Alexander Cook
Sceneggiatura John McNamara
Produttore Monica Levinson, Michael London, Nimitt Mankad, John McNamara, Shivani Rawat, Jay Roach, Janice Williams
Produttore esecutivo Kelly Mullen
Casa di produzione Groundswell Productions
Inimitable Pictures
ShivHans Pictures
Distribuzione (Italia) Eagle Pictures
Fotografia Jim Denault
Montaggio Alan Baumgarten
Musiche Theodore Shapiro
Scenografia Mark Ricker
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

L'ultima parola - La vera storia di Dalton Trumbo (Trumbo) è un film del 2015 diretto da Jay Roach.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Sul finire degli anni quaranta la carriera di successo dello sceneggiatore Dalton Trumbo subisce un arresto, quando lui e altre figure di Hollywood - in corrispondenza con l'avvento del Maccartismo - vengono incluse nella lista nera per via delle loro simpatie comuniste. Trumbo inizia una lotta contro il governo e i boss degli studios, ma nonostante ciò trovò il modo di scrivere, sotto pseudonimo, altri film di successo, come Vacanze romane, Spartacus ed Exodus.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film, basato sulla biografia Trumbo di Bruce Alexander Cook, racconta la vita dello sceneggiatore di Hollywood Dalton Trumbo. Trumbo è interpretato da Bryan Cranston, affiancato da un cast che comprende Diane Lane, Helen Mirren, Michael Stuhlbarg, Louis C.K., Elle Fanning, John Goodman, Adewale Akinnuoye-Agbaje, David James Elliott e Alan Tudyk.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato presentato in anteprima al Toronto International Film Festival, il 12 settembre 2015, per poi essere distribuito nelle sale cinematografiche statunitensi il 6 novembre 2015. In Italia è arrivato l'11 febbraio 2016.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema