Le mille e una notte - Aladino e Sherazade

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Le mille e una notte - Aladino e Sherazade
Le mille e una notte - Aladino e Sherazade.png
Immagine dalla sigla italiana
Titolo originaleOne Thousands and One Nights
PaeseItalia, Germania
Anno2012
Formatominiserie TV
Generedrammatico, sentimentale, avventura
Puntate2
Durata90 min. (puntata)
Lingua originaleInglese
Rapporto1,85:1
Crediti
RegiaMarco Pontecorvo
SoggettoLe mille e una notte (raccolta)
SceneggiaturaLucia Maria Zei
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
FotografiaEnrico Lucidi
MontaggioAlessio Doglione
MusicheAndrea Guerra
ScenografiaCosimo Gomez
CostumiEnrica Biscossi
Effetti specialiFranco Valenziano, Nicola Zanardi, José Sala, Cristina Panizzuti, Elisabetta Rocca
ProduttoreLuca Bernabei, Federico Foti
Produttore esecutivoDaniele Passani
Casa di produzioneLuxVide
Prima visione
Dal26 novembre 2012
Al27 novembre 2012
Rete televisivaRai 1
Opere audiovisive correlate
OriginariaLe mille e una notte

Le mille e una notte - Aladino e Sherazade (One Thousand and One Nights) è una miniserie televisiva del 2012 in due puntate, coprodotta da Italia e Germania e trasmessa su Rai 1, anche in alta definizione su Rai HD, il 26 e il 27 novembre 2012[1]. E' ispirata all'omonima raccolta di novelle e la trama combina elementi di numerose storie di questa.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Una dama entra nel palazzo di un signore sanguinario e, per impedirgli di ucciderla, lo convince ad ascoltare la storia dell'amore tra il calzolaio Aladino (Marco Bocci) e la principessa Shahrazād (Vanessa Hessler).

Una sera la principessa, figlia del Califfo di Baghdad (Rolf Kanies), esce di nascosto per andare a una festa in città, ma viene aggredita da alcuni uomini assoldati dalla sua matrigna Alissa per rapirla e ucciderla. Sherazade viene salvata da Aladino, che la libera dai suoi assalitori, e poi la accompagna nei luoghi più magici e affascinanti di Baghdad. I due giovani, perdutamente innamorati, si baciano senza sapere nulla l'uno dell'altra, ma, all'improvviso, la ragazza fugge via senza svelare ad Aladino la propria identità. Solo più tardi il calzolaio scoprirà che si tratta della principessa Sherazade, fuggita dal suo castello per esplorare la città.

Il Califfo, arrabbiato per la disobbedienza della figlia, le impone di trovare marito, ma la ragazza non intende lasciare gli sutdi e dedicarsi solo a fare la moglie, e vuole sposare qualcuno che le piaccia. Prendendo esempio dalla storia di Turandot, Sherazade inventa un indovinello molto difficile e solo colui che risponderà correttamente potrà prenderla in sposa. A riuscire nell'impresa è Aladino, che, ora che conosce l'identità della ragazza incontrata e sente di amarla, si presenta a palazzo fingendosi di essere un principe: risolve l'indovinello, ma la sua vera identità viene alla luce e Sherazade, sentendosi ingannata, lo caccia; amareggiato dal rifiuto, Aladino lascia Baghdad. Sherazade intanto sembra accettare la mano di un altro pretendente, il principe Jafar: quella sera però origlia una conversazione fra l'uomo Alissa, che si amano e tramano per uccidere il Califfo. La ragazza viene scoperta, ma, durante la fuga, cade in un dirupo, gli uomini di Jafar la danno per morta e decidono di dare la caccia ad Aladino.

Sherazade, però, è ancora viva e raggiunge un accampamento vicino a cercare aiuto, ignara che si tratti di un covo di predoni: sarà Jasmine (Raffaella Rea), una schiava che vive nella speranza di essere ricambiata da Omar (Jalil Lespert), lo spietato capo ladrone, a nasconderla. Il tentativo di fuga della ragazza viene sventato e Omar, convinto si tratti di una spia, vuole uccidere Shehrazade: Jasmine la spaccia per sorella propria e le salva la vita, anche se la principessa diventa una schiava costretta a fare lavori umili.

Intanto Aladino, ignaro dell'accaduto e ricercato per l'omicidio del Califfo, attira l'attenzione della maga Namuna (Paz Vega), che lo assume per catalogare i libri della biblioteca del suo palazzo. I tentativi di seduzione della donna non vanno a segno e Aladino viene rinchiuso insieme a un pappagallo parlante, che gli racconta di essere un Genio (Massimo Lopez), che aveva rifiutato dieci anni rima di dire a Namuna dove si trovava una lampada magica che realizza i desideri, e perciò la maga l'aveva tramutato in uccello. Con uno stratagemma il ragazzo riesce a trasformare la maga in un uccello e a scappare con il genio, tornato uomo: i due s'incamminano alla ricerca della lampada, Aladino riesce infine a trovarla, la usa saggiamente per portare l'acqua nel villaggio vicino, e finisce con l'accettare di diventare signore del villaggio.

Sherazade torna a Baghdad alla ricerca di Aladino per provare a riconquistarlo; in attesa del suo ritorno, rimane a casa dei genitori del ragazzo, diventando una calzolaia. Tempo dopo, si reca nel palazzo di un signore vicino a vendergli un paio di stivali e si ritrova davanti proprio il suo amato; la coppia, riunitasi, parte per Baghdad, dove però Jafar fa imprigionare Aladino e lo condanna all'impiccagione con l'accusa, falsa, di essere l'omicida del Califfo. Ma quando il giorno dopo Aladino viene fatto salire sul patibolo, Sherazade, da tutti ritenuta morta, si mostra alla folla e rivela chi erano i veri assassini di suo padre, cioè Jafar e Alissa; il popolo che assiste, grazie all'aiuto dei predoni di Omar, riesce a fermare le guardie di Jafar, che viene arrestato insieme ad Alissa.

Aladino e Sherazade finalmente coronano il loro sogno d'amore e si sposano. Namuna, però, si presenta al matrimonio e getta un incantesimo per dividere i due amanti: Aladino perde la memoria e viene trasportato in un luogo ignoto; nell'ipotesi che Sherazade lo trovi, lui non la riconoscerà e la ucciderà. La principessa scorre tre anni alla ricerca del suo sposo, riuscendo a trovarlo, ma lui non la riconosce, e la fanciulla prega di lasciarla viva se questa racconterà all'uomo una storia che gli piaccia. Finisce quindi la narrazione, che è durata diverse notti successive. L'uomo che sta ascoltando la storia, è in realtà Aladino: riconosce in quel momento che la narratrice è Sherazade e l'incantesimo cessa: marito e moglie quindi, riunitisi, danno alla luce un figlio e possono vivere per sempre felici e contenti.

Ascolti televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Titolo Prima TV Italia Telespettatori Share
1 Prima puntata 26 novembre 2012 5.769.000[2] 20.02%[2]
2 Seconda puntata 27 novembre 2012 6.111.000[3] 21,33%[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le mille e una notte su Rai 1: trama, foto e video, 26 novembre 2012. URL consultato il 29 novembre 2012.
  2. ^ a b Thomas Tonini, ASCOLTI TV DI LUNEDI 26 NOVEMBRE 2012: MILLE E UNA NOTTE (5,8 MLN – 20%) STACCA RIS ROMA (14.17%). FAZIO CON RENZI E BERSANI SFIORA IL 10%, in DavideMaggio.it, 27 novembre 2012. URL consultato il 29 novembre 2012.
  3. ^ a b Gianluca Camilleri, ASCOLTI TV DI MARTEDÌ 27 NOVEMBRE 2012: LE MILLE E UNA NOTTE CHIUDE IN CRESCENDO (6,1MLN – 21.4%). BALLARO’ (15.3%) BATTE A NATALE MI SPOSO (13.4%), in DavideMaggio.it, 28 novembre 2012. URL consultato il 29 novembre 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione