Musica maestro (film 1946)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Musica maestro
Musica maestro.png
Titolo originale
Titolo originaleMake Mine Music
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneUSA
Anno1946
Durata74 min
Rapporto1.37:1
Genereanimazione, musicale
RegiaJack Kinney, Clyde Geronimi, Hamilton Luske, Robert Cormack, Joshua Meador
SceneggiaturaHomer Brightman, Dick Huemer, Dick Kinney, John Walbridge, Tom Oreb, Dick Shaw, Eric Gurney, Sylvia Moberly-Holland, T. Hee, Erdman Penner, Dick Kelsey, James Bodrero, Roy Williams, Cap Palmer, Jesse Marsh, Erwin Graham
ProduttoreWalt Disney
Casa di produzioneWalt Disney Productions
Distribuzione (Italia)RKO Radio Pictures
Effetti specialiGeorge Rowley, Andy Engman, Jack Boyd, Brad Case, Don Patterson
MusicheEliot Daniel, Oliver Wallace, Charles Wolcott
ScenografiaKendall O'Connor, Charles Philippi, Hugh Hennesy, Don DaGradi, Al Zinnen, Lance Nolley, Ed Benedict, Charles Payzant, John Niendorff
AnimatoriLes Clark, Eric Larson, Ward Kimball, John Lounsbery, Milt Kahl, Ollie Johnston, John Sibley, Fred Moore, Hal King, Hugh Fraser, Judge Whitaker, Jack Campbell, Harvey Toombs, Cliff Nordberg, Tom Massey, Bill Justice, Phil Duncan, Al Bertino, Hal Ambro, John McManus, Ken O'Brien
SfondiClaude Coats, Ray Huffine, Art Riley, Al Dempster, Ralph Hulett, Thelma Witmer, Merle Cox, Jimi Trout
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani
Episodi
  • I Testoni e i Cuticagna
  • Palude Blu
  • Quando i gatti si riuniscono
  • Senza te
  • Casey at the Bat
  • Due silhouette
  • Pierino e il lupo
  • After You've Gone
  • Gianni Di Feltro e Alice Di Paglia
  • La balena che voleva cantare all'Opera

Musica maestro (Make Mine Music) è un film del 1946 diretto da Jack Kinney, Clyde Geronimi, Hamilton Luske, Robert Cormack e Joshua Meador. È un film d'animazione prodotto da Walt Disney e uscito negli USA il 20 aprile 1946, distribuito dalla RKO Radio Pictures. È l'ottavo Classico Disney.

Durante la seconda guerra mondiale, gran parte del personale di Walt Disney era arruolato nell'esercito, e quelli rimasti venivano chiamati dal governo degli Stati Uniti a fare film di formazione e di propaganda. Di conseguenza nello studio restarono incompiute numerose idee di storia. Al fine di mantenere la divisione lungometraggi in vita in questo momento difficile, lo studio produsse sei film collettivi tra cui questo, composto da vari segmenti indipendenti impostati sulla musica. Questo è il terzo film collettivo, dopo Saludos Amigos e I tre caballeros. Il film ricevette recensioni positive, ma il primo segmento, I Testoni e i Cuticagna, venne criticato per l'eccesso di violenza.

Il direttore musicale del film fu Al Sack.[1] Il film partecipò in concorso al Festival di Cannes 1946, vincendo il Grand Prix International du dessin animé.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

I Testoni e i Cuticagna[modifica | modifica wikitesto]

Questo segmento è caratterizzato dal gruppo vocale radiofonico King's Men (sostituiti nell'edizione italiana dal Quartetto Cetra) che canta la storia di una faida tra due clan di montagna, interrotta quando due giovani provenienti da ogni lato si innamorano; più tardi il loro matrimonio si incrina e gli sposi cominciano a litigare, quasi a perpetuare la rivalità delle famiglie.

Palude Blu[modifica | modifica wikitesto]

Questo segmento contiene l'animazione originariamente destinata a Fantasia usando la composizione musicale Clair de Lune di Claude Debussy. Tuttavia, quando Musica, maestro! uscì Clair de Lune fu sostituita dalla nuova canzone Palude Blu, eseguita dai Ken Darby Singers (sostituiti nell'edizione italiana da Alberto Rabagliati).

Quando i gatti si riuniscono[modifica | modifica wikitesto]

Questo fu uno dei due segmenti a cui contribuì Benny Goodman: un'inquadratura innovativa in cui la matita disegna le azioni mentre stanno accadendo, e in cui gli adolescenti degli anni '40 vengono trascinati dalla popular music.

Senza te[modifica | modifica wikitesto]

Questo segmento è una ballata sull'amore perduto, cantata da Andy Russell (sostituito nell'edizione italiana da Natalino Otto).

Casey at the Bat[modifica | modifica wikitesto]

Questo segmento è caratterizzato da Jerry Colonna che recita l'omonima poesia di Ernest Thayer sul giocatore di baseball arrogante la cui sfrontatezza ed esagerata fiducia nelle proprie capacità, diventano la sua rovina.

Due silhouette[modifica | modifica wikitesto]

Questo segmento vede due ballerini live-action, David Lichine e Tatiana Riabouchinska, che si muovono in silhouette con sfondi animati e personaggi. Dinah Shore cantò la canzone del titolo.

Pierino e il lupo[modifica | modifica wikitesto]

Questo segmento è una drammatizzazione animata della composizione musicale del 1936 di Sergei Prokofiev, narrata dall'attore Sterling Holloway (sostituito nell'edizione italiana da Stefano Sibaldi). Un ragazzo russo di nome Pierino parte nella foresta per cacciare il lupo con i suoi amici animali: l'uccellino Sasha, l'anatra Sonia e il gatto Ivan. Ogni personaggio è rappresentato da un accompagnamento musicale specifico: Pierino dagli archi, Sasha dal flauto, Sonia dall'oboe, Ivan dal clarinetto, il nonno dal fagotto, il lupo da tre corni e i cacciatori dai timpani.

After You've Gone[modifica | modifica wikitesto]

In questo segmento tornano Benny Goodman e la sua orchestra come quattro strumenti antropomorfizzati che sfilano attraverso un parco giochi musicale.

Gianni di Feltro e Alice di Paglia[modifica | modifica wikitesto]

Questo segmento racconta la romantica storia di due cappelli che si innamorano in una vetrina di un grande magazzino. Quando Alice viene venduta, Gianni fa di tutto per ritrovarla. Alla fine, per puro caso, si incontrano di nuovo e vivono felici e contenti insieme, fianco a fianco. Il segmento è cantato dalle Andrews Sisters (sostituite nell'edizione italiana dal Quartetto Cetra).

La balena che voleva cantare all'Opera[modifica | modifica wikitesto]

Il finale agrodolce su Gianni (Willy in originale), una balena con un incredibile talento musicale e il suo sogno di cantare all'Opera. In tutta la città gira la voce che ci sia una balena che canta l'opera, e scienziati e non scienziati si dividono sulla questione; la cosa viene apparentemente smentita poiché si presume che la balena abbia inghiottito un cantante d'opera, e quindi che i marinai in realtà sentano lui. Il miope impresario Tetti-Tatti ci crede e si propone di uccidere Gianni e salvare l'uomo, e i giornali annunciano che andrà a controllare. Il gabbiano amico di Gianni porta eccitato il giornale alla balena, e tutti i suoi amici credono che questa sia la sua grande occasione per esibirsi a teatro, così Gianni va incontro alla barca e canta per Tetti-Tatti: la balena infatti non ha inghiottito alcun uomo, è egli stesso a saper cantare. Dopo aver sentito cantare Gianni, Tetti-Tatti arriva a credere che la balena abbia inghiottito non uno, ma tre cantanti, e lo insegue con un arpione su una barca con tre uomini di equipaggio: questi, sentendo canatre Gianni, provano a fermare l'impresario, fino a legarlo e sedersi su di lui. Tuttavia, l'uomo riesce comunque a sparare l'arpione. Nelson Eddy narra ed effettua tutte le voci in questo segmento (nell'edizione italiana viene sostituito da Alberto Sordi e Saturno Meletti). Come Gianni la balena, Eddy cantò tutte e tre le voci maschili nella prima parte del Sestetto dall'opera Lucia di Lammermoor di Donizetti. Alla fine, Gianni viene arpionato e ucciso, ma il narratore spiega poi che la sua voce continuerà a cantare in cielo.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

Le date di uscita internazionali sono state:

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

La versione italiana del film presenta alcune modifiche sostanziali rispetto a quella originale:

  • la title-track "Make Mine Music" fu sostituita da una versione priva di testo;
  • il segmento Casey at the Bat fu completamente rimosso poiché nel 1950 il baseball era uno sport sconosciuto in Italia. L'unica edizione italiana in cui il segmento è presente (seppure in lingua originale) è quella in VHS;
  • nel segmento Quando i gatti si riuniscono fu aggiunta una spiegazione iniziale (sovrapposta alla musica) recitata da Stefano Sibaldi e fu rimossa la parte finale della canzone.

Il doppiaggio del film venne eseguito negli stabilimenti Fono Roma dalla C.D.C. e diretto da Mario Almirante su dialoghi di Alberto Liberati. La direzione musicale è a cura di Alberto Paoletti.

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu distribuito in VHS in Italia nel giugno 1983, in un'edizione integrale che presentava Casey at the Bat in lingua originale. La stessa edizione fu ristampata nell'aprile 1989. Un'edizione Laserdisc fu invece distribuita in Giappone il 21 ottobre 1985.

In America del Nord il film fu distribuito in VHS e DVD il 6 giugno 2000 nella collana Walt Disney Gold Classic Collection. Questa versione presenta una leggera censura nel segmento Quando i gatti si riuniscono, dove è stato rimosso il seno della ragazza che esce dalla doccia, ed è completamente priva del segmento I Testoni e i Cuticagna a causa degli scontri a fuoco che vi sono presenti (dai titoli di testa furono quindi rimossi i King's Men). Il DVD include come extra i corti L'isola del jazz, Fanfara e Sinfonia della fattoria.[3]

In Italia l'uscita in DVD fu annunciata inizialmente per novembre 2003, ma è avvenuta solo il 4 novembre 2015 per l'inclusione nella collana Disney: I Classici. Si tratta però di una versione import dal Regno Unito (già uscita nei Paesi nordici l'8 novembre 2006) completamente priva della lingua italiana. Il film è integrale, salvo per la censura sul seno già presente nel DVD nordamericano. Rispetto agli extra di quest'ultimo è incluso il corto L'ora della sinfonia al posto de L'isola del jazz.[4] Il 2 novembre 2016 la versione italiana del film è stata distribuita per la prima volta in DVD. Il film viene presentato in un'edizione rimasterizzata, ma nuovamente senza il segmento Casey at the Bat; il DVD include gli stessi corti extra dell'edizione nordamericana.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Al Sack and Disney, in St. Petersburg Times, Times Publishing Company, 19 maggio 1946, p. 38. URL consultato il 13 luglio 2012.
  2. ^ Festival de Cannes: Make Mine Music, in festival-cannes.com. URL consultato il 3 gennaio 2009.
  3. ^ (EN) Make Mine Music DVD Review, su dvdizzy.com. URL consultato il 5 aprile 2016.
  4. ^ Make Mine Music - Musica Maestro, su amazon.it. URL consultato il 6 novembre 2015.
  5. ^ Musica Maestro, su amazon.it. URL consultato il 2 novembre 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]