Stefano Sibaldi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stefano Sibaldi nel 1957

Stefano Sibaldi (Livorno, 11 giugno 1905Roma, 2 luglio 1996) è stato un attore e doppiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Esordì sulle scene nel 1928 con la compagnia diretta da Palmarini, per poi recitare come primattore con Sem Benelli (1930). Si avvicinò presto alla radio; fra le prime interpretazioni radiofoniche si ricordano Una parte difficile di Roma (1935), L'antenato di Veneziani (1935), il radiodramma Chi va là? di Galvano (1936) e La prima cornetta di Fornelli (1936), tutti per la regia di Alberto Casella, dal 1937 inizia la sua attività nel mondo del doppiaggio cinematografico.

Successivamente a teatro fece parte della Compagnia Falconi (1937), della Benassi-Morelli (1938) e della Besozzi-Ferrati (1939), tornando ai microfoni sporadicamente, nel Don Giovanni di Molière (1942, regia di Meloni).

Tra i migliori doppiatori del dopoguerra (prestò la voce, tra gli altri, a Frank Sinatra, Glenn Ford, Robert Cummings, Danny Kaye e Dan Dailey, poi tra gli anni 1960 e 1970 a Louis de Funès), dagli anni cinquanta si dedicò più intensamente alla radio.

Felice Romano, Nella Maria Bonora e Stefano Sibaldi negli studi radio EIAR per il "Don Giovanni" di Molière 1942

Ha interpretato anche molti film della Disney, come il topolino Timoteo in Dumbo, uno dei due narratori in I tre caballeros e in Musica maestro, il granduca Monocolao in Cenerentola (doppiaggio del 1950), Fratel Coniglietto in I racconti dello zio Tom (doppiaggio del 1950), lo Stregatto in Alice nel paese delle meraviglie, Capitan Uncino e la voce narrante in Le avventure di Peter Pan (doppiaggio del 1953), la voce narrante in Pierino e il lupo e Biagio in Lilli e il Vagabondo (doppiaggio del 1955, che ritroviamo nel DVD del 2006 e del 2012, nonostante il film sia stato ridoppiato nel 1997).

Tra le numerose trasmissioni di teatro radiofonico cui prese parte si ricordano La baracca dei saltimbanchi di Blok (1950, regia di Morandi), Una domanda di matrimonio di Čechov (1950, regia di Majano), Volpone di Ben Jonson (1951, regia di Masserano Taricco), La farsa di Calandrino di Boccaccio (1953, regia di Masserano Taricco), La signora Rosa di Lopez (1958, con Sarah Ferrati, regia di Benedetto), il radiodramma In panne di Dürrenmatt (1958, regia di Benedetto), la favola radiofonica La contadina furba di Lodovici (1958, regia di Meloni) e L'allegra centenaria di Brett (1959, regia di Raiteri).

Innumerevoli le sue partecipazioni a sceneggiati televisivi. Fra tutte emerge per qualità recitativa e delicatezza la parte dello squinternato Mr. Dick nella versione TV di David Copperfield, realizzata dalla RAI nel 1966 per la regia di Anton Giulio Majano. Memorabile rimane anche la partecipazione, nella parte del venditore di uccelli, all'episodio Non si uccidono i poveri diavoli, della serie Le inchieste del commissario Maigret. È stato anche il commissario Ferretti nella serie televisiva poliziesca Le avventure di Laura Storm.

Voce narrante della discussa pellicola Mondo cane di Jacopetti (1961), continuò successivamente a frequentare i microfoni della radio per varie trasmissioni, dal romanzo sceneggiato Il naso di un notaio di About (1966, regia di Benedetto) alla radiocommedia Il venditore di tappeti falsi di Mechler (1968, regia di Raiteri), ma si dedicò via via sempre più al doppiaggio e alla televisione fino agli inizi degli anni ottanta.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Film cinema[modifica | modifica wikitesto]

Film d'animazione[modifica | modifica wikitesto]

Prosa radiofonica[modifica | modifica wikitesto]

Varietà radiofonici RAI[modifica | modifica wikitesto]

Prosa televisiva[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN232861152 · SBN: IT\ICCU\UBOV\498792