Racconti incantati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Racconti incantati
Bedtime Stories.png
Una scena del film
Titolo originaleBedtime Stories
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2008
Durata99 min
Rapporto2.35 : 1
Generecommedia, fantastico
RegiaAdam Shankman
SceneggiaturaMatt Lopez, Tim Herlihy
ProduttoreAndrew Gunn, Adam Sandler, Jack Giarraputo
Distribuzione in italianoWalt Disney Pictures
FotografiaMichael Barrett
MontaggioTom Costain, Michael Tronick
MusicheRupert Gregson-Williams
ScenografiaLinda DeScenna
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Racconti incantati (Bedtime Stories) è un film del 2008 diretto da Adam Shankman con protagonista Adam Sandler.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La storia viene raccontata dal padre del protagonista, che inizia ricordando quando era il direttore di un piccolo albergo, che curava con molto amore e l'aiuto dei due figli, Skeeter e Wendy, a cui raccontava bellissime favole ogni sera. Tuttavia gli affari non andavano bene, e fu costretto a vendere l'albergo a Barry Nottingham. Questi gli promise che, se in futuro il figlio si fosse dimostrato abbastanza in gamba, avrebbe potuto persino dargli la direzione. A questo punto la storia si sposta nel presente, dove Skeeter Bronson è un tuttofare nell'albergo, maltrattato da tutti tranne dal suo amico Mickey, un cameriere. Un giorno sua sorella, Wendy, che non lo vede da quattro anni, lo invita alla festa di compleanno di sua figlia Bobby e approfitta della situazione per chiedergli di badare per una settimana sia a lei che al fratellino Patrick, aiutato anche dalla sua amica insegnante Jill. Wendy deve assentarsi per sistemare la nuova casa dove si trasferiranno perché lei ha perso il lavoro come preside, visto che la sua scuola deve essere demolita. Non sapendo come passare le serate con i ragazzi, Skeeter comincia a raccontare loro delle favole che inventa sul momento. Ben presto però si rende conto, quando cerca di ottenere una Ferrari, che, non solo le favole diventano realtà, ma anche le aggiunte improbabili dei suoi nipoti si avverano. Provando a migliorare la propria posizione nell'albergo tramite le favole, dà luogo ad una serie di racconti ambientati nei posti più disparati, dal Far West all'antica Roma; tuttavia l'ultimo racconto, quello che avrebbe dovuto consentirgli il posto di direttore, si conclude con il suo personaggio incenerito, perché Skeeter aveva detto ai nipoti che nella vita vera non esiste lieto fine. Skeeter, proprio cercando di evitare questa conclusione, rovinerà la festa di compleanno del suo capo, facendosi licenziare e sostituire alla direzione dal suo arrogante rivale Kendall, fidanzato con la figlia di Berry.

Skeeter si ritrova solo e disperato perché i suoi piani sono falliti e persino Jill, a cui aveva cominciato ad interessarsi, è arrabbiata con lui. Parlando con suo padre riesce però a ritrovare la fiducia in sé stesso e il giorno seguente il signor Berry, andato dal giudice per far approvare alcune migliorie al progetto, lo incontra in tribunale: il giudice è infatti un'ex compagna di liceo di Skeeter, una di quelle che all'epoca lo trattava male e che lui ha rincontrato alcuni giorni prima grazie alle originali idee sulla trama dei nipotini. Il giudice rifiuta di approvare le migliorie, ma concede lo spostamento dell'albergo nuovo dove il signor Berry originariamente lo voleva, cioè su una spiaggia. Le cose sembrano risolte, ma non si riesce a comunicare con Kendall, direttore dei lavori, intenzionato a demolire la scuola pochi minuti dopo. Skeeter e Jill si lanciano in una rocambolesca corsa contro il tempo a bordo di una moto rubata e giungono appena in tempo per impedire la distruzione della scuola.

Alla fine Skeeter e Jill, ormai sposati, dirigono un motel sulla riva del mare, mentre Kendall e la sua amante Aspen lavorano come camerieri. Mickey ha sposato la ricchissima figlia di Berry, Violet, mentre Wendy è ancora direttrice della scuola.

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

In Italia, nella settimana in cui è stato programmato al cinema, la pellicola ha guadagnato una cifra pari a 786.774 euro. Negli USA, nelle tre settimane di programmazione, ha guadagnato 110.101.975 dollari. In tutto il mondo ha totalizzato 212.874.442 di dollari.[senza fonte]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema