Un ciclone in casa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un ciclone in casa
Titolo originale Bringing Down the House
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 2003
Durata 105 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Adam Shankman
Sceneggiatura Jason Filardi
Fotografia Julio Macat
Montaggio Gerald B. Greenberg
Musiche Lalo Schifrin
Scenografia Linda DeScenna
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Un ciclone in casa è un film del 2003 diretto da Adam Shankman. Tra i principali interpreti figurano Steve Martin e Queen Latifah.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Peter Sanderson è un avvocato divorziato e con due figli, che cerca di rifarsi una vita; infatti conosce su una chat un'affascinante avvocatessa bionda, quella che all'apparenza può sembrare una donna interessante. Un giorno alla sua porta si presenta Charlene, una donna di colore da poco uscita di galera in cerca di un avvocato che possa dimostrare la sua innocenza. La vulcanica Charlene si stabilirà in casa di Peter portando lo scompiglio nella vita precisa dell'avvocato, cercando di riunirlo all'ex moglie Kate, e facendo perdutamente innamorare di sé l'amico di Peter, Howie. Tra esilaranti gag, Charlene riuscirà a dimostrare di essere stata vittima di un raggiro e a cambiare in meglio le vite delle persone attorno a sé.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato prodotto dalla Touchstone Pictures, in collaborazione della Hyde Park Films,[1] mentre la colonna sonora è stata eseguita dalla Hollywood Records.[2] Le scene sono state girate principalmente a Pittsburgh (stato del Pennsylvania), Los Angeles, Pasadena, Whittier e Santa Monica, tutti nello stato della California.[3] Il budget per il film ammonta a circa $ 33.000.000.[4]ù

Tagline[modifica | modifica wikitesto]

  • Everything he needed to know about life, she learned in prison.
  • Bring it. March 7.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola è stata distribuita in diversi paesi con titoli e date differenti:[5][6] Negli States il film è stato vietato ai minori di 13 anni.[7]

  • Stati Uniti USA 7 Marzo 2003 Bringing Down the House
  • Italia Italia 20 Giugno 2003 Un ciclone in casa
  • Germania Germania 17 Luglio 2003 Haus über Kopf - Betreten auf eigene Gefahr
  • Francia Francia 6 Agosto 2003 Bronx à Bel Air
  • Australia Australia 3 Aprile 2003 Bringing Down the House
  • Giappone Giappone 18 Ottobre 2003 女神が家にやってきた
  • Spagna Spagna 11 Luglio 2003 Se montó la gorda

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il film nel primo week-end di apertura negli USA guadagna $ 31.101.026, £ 1.133.139 nell'isola britannica e € 270.490 in Italia. In totale in patria guadagna $ 132.541.238, in Gran Bretagna £ 3.484.651 e € 1.704.769 in Italia; nel resto del mondo arriva a $ 31.955.288, per un totale di $ 164.729.679.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.imdb.com/title/tt0305669/companycredits?ref_=tt_dt_co#production
  2. ^ http://www.imdb.com/title/tt0305669/companycredits?ref_=tt_dt_co#other
  3. ^ http://www.imdb.com/title/tt0305669/locations?ref_=tt_dt_dt
  4. ^ http://www.imdb.com/title/tt0305669/business?ref_=tt_dt_bus
  5. ^ http://www.imdb.com/title/tt0305669/releaseinfo?ref_=tt_dt_dt#releases
  6. ^ http://www.imdb.com/title/tt0305669/releaseinfo?ref_=tt_dt_dt#akas
  7. ^ http://www.imdb.com/title/tt0305669/parentalguide?ref_=tt_stry_pg#certification
  8. ^ http://www.imdb.com/title/tt0305669/business?ref_=tt_dt_bus

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema