Alina Moradei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alina Moradei nel 1962

Alina Moradei (Chiavari, 8 marzo 1928Roma, 4 maggio 2016) è stata un'attrice e doppiatrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice attiva in teatro e alla Radio Rai, dall'inizio degli anni cinquanta si dedicò anche al doppiaggio. Era nota al grande pubblico per aver dato la voce ad Angela Lansbury nel telefilm La signora in giallo e in molti suoi lungometraggi, ed in seguito incontrata ai Telegatti del 1999[1]. Nella sua carriera di doppiatrice, grazie alla sua voce, che le permise nel 1998 il premio come "Miglior voce femminile - Sezione TV", doppiò tante altre attrici, tra cui: Katharine Hepburn, Olivia de Havilland, Joan Plowright, Maggie Smith, Cloris Leachman, Jean Stapleton. Terminò l'attività di doppiatrice nel 2012 e morì il 4 maggio 2016 all'età di 88 anni per una polmonite. Era vedova dell'attore Lucio Rama, con il quale lavorò sia nella prosa radiofonica che in teatro.

Prosa radiofonica RAI[modifica | modifica wikitesto]

Prosa televisiva RAI[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Film per il cinema[modifica | modifica wikitesto]

Serie televisive[modifica | modifica wikitesto]

Soap opera e telenovelas[modifica | modifica wikitesto]

Film TV e miniserie[modifica | modifica wikitesto]

Film d'animazione[modifica | modifica wikitesto]

Cartoni animati[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Filmato audio Angela Lansbury vince il Telegatto per “La signora in giallo”- canale 5 (1999), su YouTube, 25 aprile 2020. URL consultato il 30 novembre 2021.
  2. ^ A differenza della versione italiana, in cui è doppiata dalla storica voce della Moradei, nella versione originale del cartone, Jessica non è doppiata da Angela Lansbury (attrice che l’ha interpretata in tutte le apparizioni), ma da Alex Borstein, già doppiatrice di Lois
  3. ^ SPECIALE LEGGIO D'ORO 1995, su antoniogenna.net. URL consultato il 15 aprile 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]