Olympia Dukakis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Olympia Dukakis (in greco: Ολυμπία Δουκάκη; Lowell, 20 giugno 1931New York, 1º maggio 2021) è stata un'attrice, regista teatrale, direttrice artistica e accademica statunitense, vincitrice dell'Oscar alla miglior attrice non protagonista nel 1988 per il suo ruolo in Stregata dalla luna.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di origine greca, dopo il debutto nel 1962, la Dukakis si fa presto notare per la sua bravura e ottiene piccole parti in numerose serie TV e film di successo come Il giustiziere della notte (1974) con Charles Bronson. La popolarità però arriva solo nel 1981 quando ottiene un ruolo fisso nella famosa soap opera Aspettando il domani, nella parte della dottoressa Barbara Moreno.

La vera e propria consacrazione come attrice, nonché la fama a livello internazionale, arriva nel 1987, anno in cui viene scelta per interpretare la madre di Loretta Castorini (la popstar e premio Oscar per quel ruolo, Cher), nel cult movie Stregata dalla luna. Grazie alla sua interpretazione si aggiudica sia il premio Golden Globe che l'Oscar alla miglior attrice non protagonista nel 1988. L'anno seguente è nel cast del film Fiori d'acciaio (1989) di Herbert Ross.

La sua popolarità aumenta negli anni '90 grazie all'interpretazione della madre di Kirstie Alley nella trilogia di film comici Senti chi parla (1989), Senti chi parla 2 (1990) e Senti chi parla adesso! (1993), tutti con John Travolta.

Nel 1993 ottiene la seconda candidatura ai Golden Globe, stavolta senza vincerlo, per il ruolo di Dolly Sinatra nel film Sinatra (1992), film basato sulla vita di Frank Sinatra, interpretato da Philip Casnoff. Ha poi proseguito la carriera interpretando numerosi film per il cinema e molti ruoli in televisione, ottenendo per tre volte la candidatura agli Emmy Awards. Ha anche prestato la voce a Zelda, un personaggio della celebre serie I Simpson, nel 2002.

Nel 2013 riceve la stella sulla Hollywood Walk of Fame, grazie ai suoi contributi all'industria cinematografica.

Muore nel maggio 2021 all'età di 89 anni, dopo un periodo di malattia, nella sua casa a Manhattan, New York.[1][2][3]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Sposata con l'attore Louis Zorich, era madre di tre figli: Christina (1964), Peter (1968), Stefan (1971) e nonna di 4 nipoti.

Era cugina dell'ex politico Michael Dukakis e sorella dell'attore Apollo Dukakis.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Teatro (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ellis Island Medal of Honor - nastrino per uniforme ordinaria Ellis Island Medal of Honor

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Bruce Haring, Olympia Dukakis Dies: Oscar-Winning Actress For ‘Moonstruck’ Was 89, su Deadline, 1º maggio 2021.
  2. ^ (EN) Nardine Saad, Olympia Dukakis, theater veteran and Oscar-winning ‘Moonstruck’ actress, dies at 89, in Los Angeles Times, 1º maggio 2021. URL consultato il 1º maggio 2021.
  3. ^ (EN) Anita Gates, Olympia Dukakis, Oscar Winner for ‘Moonstruck,’ Dies at 89, in The New York Times, 1º maggio 2021. URL consultato il 1º maggio 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Oscar alla miglior attrice non protagonista Successore
Dianne Wiest
per Hannah e le sue sorelle
1988
per Stregata dalla luna
Geena Davis
per Turista per caso
Controllo di autoritàVIAF (EN117664307 · ISNI (EN0000 0001 1580 6267 · LCCN (ENno94034551 · GND (DE128749180 · BNF (FRcb14022845s (data) · BNE (ESXX1260371 (data) · NLA (EN36022075 · WorldCat Identities (ENlccn-no94034551