4 bassotti per 1 danese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Quattro bassotti per un danese)
4 bassotti per 1 danese
Titolo originale The Ugly Dachshund
Lingua originale Inglese
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1966
Durata 93 min
Rapporto 1,75:1
Genere commedia
Regia Norman Tokar
Soggetto G. B. Stern
Sceneggiatura Albert Aley
Produttore Walt Disney
Produttore esecutivo Winston Hibler
Fotografia Edward Colman
Montaggio Robert Stafford
Effetti speciali Eustace Lycett
Musiche
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

4 bassotti per 1 danese (The Ugly Dachshund) è un film del 1966 diretto da Norman Tokar e prodotto da Walt Disney.

La grafia del titolo italiano è cambiata nel corso degli anni: il film è stato distribuito in VHS col titolo 4 bassotti per un danese e in DVD col titolo Quattro bassotti per un danese.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Fran (Frances) e Mark Garrison sono una giovane coppia, felice e recentemente sposata, che possiede una bassotta, la pupilla di Fran. La cagnetta aspetta i cuccioli e quando i due la portano dal veterinario, il dottor Pruitt, per partorire, quest'ultimo mostra a Mark un cucciolo di danese la cui madre, non avendo abbastanza latte, ha messo da parte. Il veterinario propone quindi a Mark di prendere con sé il cucciolo almeno per il periodo dello svezzamento.

Nonostante le iniziali perplessità, Mark si fa intenerire dal cucciolone e decide di portarlo a casa. Fran entusiasta per l'arrivo a casa dei bassotti non lascia a Mark il tempo di spiegare e pensa che la sua bassotta abbia partorito un quarto cucciolo. Mark non osa svelare a Fran che in realtà il quarto cucciolo non è altro che un danese.

È l'inizio di una serie di divertenti disastri che vedono come protagonista Brutus (l'alano), il danese ormai cresciuto, che crede di essere un bassotto e come tale si comporta, seminando guai e allegria nella vita dei due coniugi. Ciononostante, Fran è spesso esasperata dall'irruenza del danese e più volte mette in discussione la permanenza di Brutus nella loro casa. Solo il salvataggio della sua piccola Cloe da parte di Brutus farà ricredere la donna.

Scheda[modifica | modifica wikitesto]

  • Direttore della fotografia: Edward Colman, A.S.C.
  • Colore della: Technicolor
  • Scenografie: Carroll Clark, Marvin Aubrey Davis
  • Montaggio: Robert Stafford, A.C.E.
  • Arredamento: Emile Kuri, Frank R. McKelvy
  • Effetti speciali: Eustace Lycett
  • Supervisore al suono: Robert O. Cook
  • Regia della 2' troupe: Arthur J. Vitarelli
  • Costumi: Chuck Keehne, Gertrude Casey
  • Trucco: Pat McNalley, La Rue Matherson
  • Montaggio delle musiche: Evelyn Kennedy
  • Assistente alla Regia: Tom Leetch
  • Cani ammaestrati da: William R. Koehler, Glenn Randall, Jr.
  • Musiche: George Bruns
  • Orchestrazione: Franklyn Marks
  • Co-produttore: Winston Hibler
  • Regia di: Norman Tokar
  • Doppiaggio eseguito negli Stabilimenta di Fono Roma
  • Con la partecipazione della C.D.C.
  • Westrex Recording

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema